Disidratazione

acqua frescaLa disidratazione, e l’importanza dell’acqua potabile, sono sempre stati argomenti di maggiore interesse nell’ambito della perfetta salute. Il consenso generale è che il requisito minimo di acqua per l’individuo medio è di 1,5 litri di acqua al giorno, al fine di mantenere il buon funzionamento del corpo.

Altri sostengono che si ottiene abbastanza acqua tramite la nostra dieta ricca di frutta e verdura cruda, e che integrarne l’assunzione è superfluo.

Il fatto è che il nostro corpo perde una notevole quantità di acqua ogni giorno attraverso la sudorazione, la respirazione, la digestione, andare di corpo e urinare. La ricerca indica che un corpo sano perde normalmente fino a 2,5 litri di acqua nelle circostanze di cui sopra, a temperatura media, durante le normali attività quotidiane. L’esercizio fisico innesca una perdita di fluidi ancora più considerevole .

Fino a poco tempo fa, abbiamo sottovalutato il pericolo anche di una lieve disidratazione. Quando ti renderai conto che tutte le funzioni corporee dipendono dall’acqua apprezzerai l’importanza di integrarne l’assunzione per garantire una efficace reidratazione per il corretto funzionamento del corpo e degli organi.

Se il tuo corpo non è sufficientemente idratato, le cellule attingeranno acqua dal flusso sanguigno e il cuore dovrà fare più fatica. Allo stesso tempo i reni non possono purificare il sangue in modo efficace. Quando questo accade, parte del lavoro dei reni deve essere svolto dal fegato e da altri organi con molto più stress. Inoltre, è possibile sviluppare una serie di disturbi minori come costipazione, secchezza, prurito cutaneo, acne, epistassi, infezioni delle vie urinarie, tosse, starnuti e mal di testa.

Studi sugli effetti della disidratazione, e la correlazione tra la disidratazione e la malattia, hanno portato a una scoperta interessante.

Il genere di farmaci più venduti dalle aziende farmaceutiche sono dei potenti antistaminici. La maggior parte dei farmaci antidolorifici contengono antistaminici.

L’istamina è un messaggero chimico vitale nel cervello. La maggior parte delle funzioni più importanti dell’istamina non è scritta nei libri di testo di medicina. Il suo compito è quello di gestire l’assunzione e la carenza di acqua nel corpo. L’istamina è meno attiva quando il corpo è completamente idratato, e diventa sempre più attiva man mano che il corpo diventa sempre più disidratato. In breve, l’istamina produce dolore quando una zona del corpo è carente di acqua! Quindi le persone non collegando alla disidratazione i diversi disturbi che accusano prendono farmaci antistaminici per farli cessare quando una buona idratazione risolverebbe il problema.

Va inoltre aggiunto che la disidratazione, pur non intenzionale, e di cui non si è consapevoli, produce stress, dolori cronici e molte malattie degenerative. La secchezza della bocca non è l’unico segno di disidratazione, ed aspettare di avere sete è sbagliato.

Questa scoperta ha spinto alcuni naturopati a sperimentare con successo cure con l’acqua sui loro pazienti.

Nel libro “Il Tuo Corpo Implora Acqua” si ribadisce l’importanza della costante reidratazione del corpo per curare e prevenire le malattie. Sono descritti casi di studio affascinanti dove l’autore ha curato con successo pazienti affetti da varie malattie con un regime di semplice acqua potabile.

Disidratazione, il killer silenzioso

Il corpo umano di solito non può sopravvivere oltre i 6 giorni senza acqua. Spesso si verificano entro 3 giorni sintomi di disidratazione come diarrea o vomito, quando il corpo non è adeguatamente idratato. La disidratazione è particolarmente mortale in climi caldi.

E ‘difficile credere che ai giorni nostri, ogni anno nei paesi in via di sviluppo la disidratazione è ancora responsabile della morte di milioni di persone. Come al solito le prime vittime sono le persone più vulnerabili, i bambini e anziani.

I primi sintomi della disidratazione includono un mal di testa simile a quello dei postumi di una sbornia, visione offuscata, pressione bassa, vertigini o svenimenti quando ci si alza in piedi. La disidratazione trascurata in genere provoca delirio, incoscienza e morte.

I sintomi di disidratazione diventano visibili subito già dopo che il 2% del volume di acqua normale del corpo è stato perso. I primi sintomi sono sete e disagio, con perdita di appetito e una pelle sempre più asciutta. Gli atleti possono subire un calo di prestazioni fino al 50%, sperimentare vampate di calore, minore resistenza, frequenza cardiaca elevata, temperatura corporea elevata e rapida comparsa di stanchezza.

I sintomi diventano sempre più gravi con una perdita maggiore di acqua. Il ritmo del cuore e della respirazione aumentano per compensare il diminuito volume del plasma e della pressione sanguigna, mentre la temperatura corporea può aumentare a causa della diminuita sudorazione. Una perdita idrica dal 5% al 6% provoca mal di testa o sonnolenza, stordimento e nausea. Con una perdita di liquidi di oltre il 10% si sperimentano spasmi muscolari, la pelle si raggrinza e si affloscia, la vista si offusca, la minzione è notevolmente ridotta e dolorosa, e inizia il delirio.

Perdite di fluidi del corpo superiore al 15% sono di solito fatali.

In genere non ho mai dato molta importanza al bere acqua e a volte per pigrizia non bevevo nemmeno quando avevo sete, rimandando a più tardi, e ho notato che a seguito di tale comportamento il corpo sempre meno manifestava gli stimoli della sete anche quando c’erano evidenti sintomi di disidratazione.

Molte persone, soprattutto anziane ma non solo, non hanno più lo stimolo della sete e non bevono acqua anche per giorni e arrivano al pronto soccorso con gravi sintomi di disidratazione. A loro di solito vengono fatte flebo di acqua fisiologica, spesso con l’aggiunta di elettroliti.

E’ molto importante anche non trattenersi dall’urinare quando ci sono gli stimoli, perché i liquidi ritornano indietro con conseguenti danni a lungo termine ai reni.

Con una dieta principalmente di frutta e verdura cruda e di succhi centrifugati rimanere disidratati è già più difficile, perché buona parte dell’acqua viene fornita da tale modo di alimentarsi, ma dato che di solito si urina più di frequente è necessario bere comunque anche dell’acqua, lontano dai pasti. Va bevuta lontano dai pasti, e non vi sarà difficile se consumate pochi farinacei, perché l’acqua diluisce i succhi gastrici necessari per una buona digestione. Gli orientali metaforicamente e a ragione dicono che l’acqua spegne il fuoco della digestione. D’estate quando fa caldo bere acqua in abbondanza può risparmiarci la comparsa di un indesiderato mal di testa o intontimento.

La lettura del libro “Il Tuo Corpo Implora Acqua” è stata per me davvero illuminate, è impressionante quanto è possibile sottovalutare l’importanza del bere acqua, forse per il fatto che è un elemento così comune. Ne consiglio quindi la lettura ad ognuno.

 

Un rivoluzionario metodo naturale per ristabilire la salute e prevenire la malattia
Macro Edizioni

Prezzo € 11,48
invece di € 13,50 (-15%)
Per saperne di più

Non hai i libri di Ehret? eccoli: opera omnia di Arnold Ehret

linea orizzontale grafica

Medicinenon.it e Arnoldehret.it sono due siti di Luciano Gianazza.

Medicinenon.it è da molti anni un punto di riferimento per chi vuole liberarsi della disinformazione e poi acquisire la corretta conoscenza.

ArnoldEhret.it è il sito ufficiale degli insegnamenti di Arnold Ehret, raccolti nei suoi libri, fra i quali Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco è un best seller internazionale. Arnold Ehret ha ritrovato il sentiero, di cui si era persa ogni traccia secoli fa, che porta all'alimentazione naturale dell'Uomo e alla salute perfetta in quanto ripristina la naturale capacità del corpo umano di disintossicarsi da tossine e veleni. In questo mondo avvelenato, il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco fornisce i fondamenti per un'alimentazione e stile di vita che sono essenziali per la buona riuscita dei vari protocolli di disintossicazione.

Tutti i libri originali di Arnold Ehret sono reperibili sul sito www.arnoldehret.it | Libri

Luciano Gianazza

Dopo aver sperimentato i benefici degli insegnamenti di Ehret, ho deciso tradurre e pubblicare il suo capolavoro "Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco" per renderne possibile la lettura e la pratica al pubblico italiano. Era il dicembre 2005 e due anni dopo, nel 2007, il libro è stato riveduto e corretto e pubblicato nello stato dell'arte dalla Juppiter Consulting Publishing Co®. Nel 2013 è stata pubblicata la seconda edizione ampliata nella collana Ehretismo®. Nel frattempo l'opera di Arnold Ehret è stata completata con la traduzione e la pubblicazione degli altri suoi 5 libri. Molte persone hanno confermato con i risultati ottenuti mettendo in pratica il “Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco” la validità degli insegnamenti di Ehret.