Arnold Ehret Italia

Questa è la sezione dove ci si presenta. Prima di farlo, leggi attentamente la guida che vedrai quando aprirai il primo argomento.

Moderatore: luciano

Regole del forum: 1. Prima di tutto, leggi il Regolamento. In questo modo saprai come ci si comporta in questo Forum, al fine di avere un'esperienza piacevole per tutti gli utenti.

2. INCLUDI il tuo nome o nome utente NEL TITOLO del tuo primo post in questa sezione.
Appena arrivi su questo sito, fai sapere qualcosa di te, perché ti sei iscritto, se hai letto e studiato i libri di Ehret e quali. Leggi altro sui libri qui.

Qui può postare ogni iscritto, solo post pertinenti alla propria presentazione, nelle altre sezioni occorre aver prima letto e soprattutto studiato il libro Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco.

RIPETO: Ricordati di mettere il tuo nome o nick nel titolo del tuo primo post di presentazione. Continuo a vedere "Ciao a tutti!" "Nuovo arrivato!" e nella ricerca diventa poi difficile trovare chi l'ha scritto. Esempi di corretta presentazione: "Ciao a tutti da Mario", "Nuova arrivata - Maria85".
Avatar utente
By sidelait
#9224
Ciao a tutti,
mi sono approcciato a questo forum da 2/3 settimane, dopo aver letto
un'articolo su disinformazione.it
L'argomento mi ha attirato fin da subito, anche perchè le realtà "alternative" a quelle ufficiali che i mezzi d'informazione ci spacciano tutti i giorni, mi hanno sempre non so come dire.... forse l'espressione giusta sarebbe "acceso un campanello d'allarme" dentro di me, facendo nascere di me interrogativi su cose che troppo spesso diamo talmente per scontate che poi alla fine risultano riservarci invece gross sorprese (positive o negative dipende dai casi).
La teoria rivoluzionaria di Ehret mi affascina e allo stesso tempo mi pone
grandi interrogativi, pur avendo letto quasi tutto il suo libro (mi mancano
le ultimissime pagine), non so se alla fine avrò la capacità e soprattutto la
forza di volontà per arrivare ad una dieta al 100% basata solo su frutta e
verdura (con tutta l'onesta possibile, la vedo dura), ma per me che vengo da un'alimentazione di base già priva di carne da oltre 10 anni, diciamo che questo potrebbe esser un buon step successivo di avanzamento verso
un'alimentazione più sana ed equilibrata possibile.
Tuttora sto in quella che definirei "una dieta di transizione alla dieta di transizione", con poco cibo quotidiano che nei suoi 3/4 si può riassumere in frutta o verdura, cioè gli alimenti della dieta senza muco. Il 25% rimanente comprende ancora alimenti off-limits come pasta/riso (un paio di volte la settimana), pizza (1 volta la settimana, ma continuo a domandarmi come potrò farne a meno :roll: ), olio di oliva per i condimenti (anche qui, stesso quesito della pizza) e qualche quadretto di cioccolato la sera. Ma pur essendo in questa transizione alla transizione, comincio a vedere i primi pur piccoli risultati... ho già eliminato in toto pane,uova, pesce, latticini (a parte la piccola quantità settimanale sulla pizza, ma lì come detto per ora non riesco proprio a farne a meno).
Per ora direi che può bastare... spero di avere la costanza di seguirvi.
Avatar utente
By luciano
#9228
Benvenuto sidelait! :D
Ti auguro di trovare le risposte ai tuoi interrogativi, fondamento primario per la pratica della dieta senza muco.

Le risposte si ottengono premettendo la possibilità che quanto Ehret dice sia giusto e iniziando a praticarla. Se facendola in modo standard, come dice Ehret, e osservando i risultati i dubbi evaporano, allora si è sulla strada giusta. Se si conservano dei dubbi è meglio non farla perché possono sopraggiungere solo delusioni.

Idem se ci si concedono delle licenze a lungo termine, mischiandola con altre pratiche, o mantenendo abitudini alimentari di cui non si riesce fare a meno.

La cosa buona di tutto questo è che molte persone hanno scoperto che le cose di cui non riuscivano a fare a meno in realtà poi hanno potuto farne a meno e a praticare la dieta senza muco con successo.

Buon percorso su questo cammino se deciderai di intraprenderlo! :D
Avatar utente
By Tyler
#9229
Ciao sidelait,
benvenuto sul forum.
La decisione dell'intraprendere la strada tracciata dal buon Ehret dipende secondo me dalla volontà che hai dalle conoscenze e soprattutto dalle motivazioni. Se ne avrai abbastanza di questi elementi sicuramente col tempo intraprenderai tale strada e ne uscirai sicuramente più che gratificato.
Altrimenti beh...peggio per te... :D Scherzo!!!
salutoni...

P.s. In genere imboccando la strada Ehret difficilmente, anzi moooolto difficilmente si ritorna indietro...
Avatar utente
By elena68
#9235
Tyler ha scritto:

P.s. In genere imboccando la strada Ehret difficilmente, anzi moooolto difficilmente si ritorna indietro...


Purtroppo non e' per tutti cosi'!
Io per quattro mesi sono riuscita a stare in transizione,ottenendo ottimi risultati,per quanto riguarda il mio problema di colite.
Ora,sara' un po' la stagione,il freddo,o non so che,io son tornata indietro,e ho ripreso a mangiare un po' di carne e anche del formaggio,e la pizza che tanto mi piace,mentre la pasta ed il riso,non riesco piu' a mangiarli,li sento proprio collosi..
Mi auguro sia solo un periodo passeggero,voglio dar ascolto al mio corpo...

Un saluto a tutti. :D
Avatar utente
By Tyler
#9236
Beh esistono sempre le eccezioni...
saluti...
Avatar utente
By luciano
#9238
elena68 ha scritto:voglio dar ascolto al mio corpo...


Questo è importante, però a volte è veramente difficile distinguere cosa chiede il proprio corpo da desideri che non sono allineati con la sua salute.

Per esempio chi sente un'irrefrenabile desiderio di dolci e lo soddisfa, non potrà che ottenere effetti negativi per la sua salute, ma potrebbe dire che non sta facendo altro che ascoltare quello che il suo corpo richiede.

Se si ha ascoltato la saggezza del corpo o invece una voglia qualsiasi lo si potra verificare dai risultati. :wink:

Comunque "una volta imboccato il cammino non si torna indietro" è relativamente vero. Come dice Fabio dipende molto dalla volontà, dalle motivazioni personali, dalla conoscenza acquisita.

Nessuno ha detto che è per tutti, come ho espresso in questo articolo:

http://www.arnoldehret.it/modules.php?n ... =0&thold=0
Avatar utente
By Tyler
#9240
Non avevo avuto modo di leggerlo ancora questo articolo (sono stato impegnatissimo col lavoro), lo avevo salvato sul desktop e l'ho appena letto.
Direi che è eccezionale ed è proprio la sintesi perfetta di ciò che è il mio Ehret pensiero difficile da far capire.
Lo stamperò rimpicciolito e lo porterò in tasca come un santino... :D da estrarre all'occorrenza.
Mancava proprio uno scritto così, penso che servirà a molti per schiarirsi ulteriormente le idee...
Grazie Luciano...
Salutoni...
#9269
"una volta imboccato il cammino non si torna indietro"

Il cammino è la presa di coscienza del proprio corpo, della mente e dello spirito.. è così totale, che effettivamente, non puoi più negare il tuo sapere.. puoi anche prendere altre strade, ma quella della verità non cambia, ormai lo sai e quindi è solo una questione di volontà o semplicemente amore per se stessi.. non è importante la velocità con la quale si procede.. non è importante se qualcuno prende deviazioni più o meno lunghe dal percorso, non è significativo, perché ti accorgi che la direzione, tuo malgrado ;) resta invariata, è come seguire il sole, non puoi ignorarlo è così evidente :)

un piccolo incoraggiamento ad elena68
#9270
mascalzong ha scritto: ormai lo sai e quindi è solo una questione di volontà o semplicemente amore per se stessi...

Quoto tutto ciò che hai scritto, ma in particolar modo quello che ho riportato perchè sono le parole che vado dicendo continuamente io...AMORE PER SE STESSI...
Grazie Gino...
Salutoni...
#9276
mascalzong ha scritto:"

Il cammino è la presa di coscienza del proprio corpo, della mente e dello spirito.. è così totale, che effettivamente, non puoi più negare il tuo sapere.. puoi anche prendere altre strade, ma quella della verità non cambia, ormai lo sai e quindi è solo una questione di volontà o semplicemente amore per se stessi.. non è importante la velocità con la quale si procede.. non è importante se qualcuno prende deviazioni più o meno lunghe dal percorso, non è significativo, perché ti accorgi che la direzione, tuo malgrado ;) resta invariata, è come seguire il sole, non puoi ignorarlo è così evidente :)

un piccolo incoraggiamento ad elena68


grazie per il tuo incoraggiamento Gino,hai scritto delle belle parole,e sono d'accordo con te.Ciao
Elena :)
AVOGADO TOSSICO?

Non penso che l'avocado sia tossico. Però bisogna […]

Non bisogna generalizzare. Io sono crudista, ma no[…]

Bhe estrarre un incisivo per creare spazio è propr[…]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret