Arnold Ehret Italia

Questo forum è per postare le tue storie dei successi personali conseguiti con la Dieta Senza Muco. Ogni mi9glioramento che tu possa avere per quanto piccolo sia, puoi inserirlo qui.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Curry
#9515
Salve a tutti
Questo è il mio primo post. Dovrei presentarmi nella apposita sezione, ma non ho tanto tempo. Perdonatemi, lo farò dopo.
Volevo solo condividere quello che considero un piccolo successo: 6 mesi senza farmaci.
Dico piccolo, perchè lo è per me, nel senso che io ho sempre preso davvero pochi farmaci. Mai avuto la bustina di antidolorifico in tasca, per intenderci. E avendo massimo due raffreddori (uso la terminologia classica, perdonatemi) ad inverno, poco anche tutto il resto.

Fondamentalmente, usavo due cose: pastiglie contro i bruciori di stomaco e antistaminici per il raffreddore da fieno.
I bruciori sono scomparsi da quasi un anno, ovvero da quando ho ben più che dimezzato l’uso di proteine animali.
Gli antistaminici li usavo in primavera. Da metà maggio, prima di avere il libro, ho smesso.
Le prove più difficili sono arrivate in questi mesi. Sono stata molto male due volte, e in entrambi i casi dopo un clistere piuttosto efficace. All’inizio pensavo fosse un caso, ma ora no. La sera clistere, e il giorno dopo mal di testa (io non ne soffro mai) fino ad avere febbre.
L’ultimo caso sabato. Ho cominciato a sentire una pressione sul cervello come non ricordo mi sia mai capitato, e dolori alla schiena, alle reni e alle giunture. Lo ammetto: sognavo un antidolorifico. Soprattutto quando lunedì mattina ho dovuto trascinarmi 3 ore al lavoro per una scadenza improrogabile.
Però ho resistito. Avrei voluto anche digiunare, ma qui sono stata meno brava. Di giorno non ho fatto nessuna fatica, ma la sera a cena fatico a non sedermi con marito e bimbi. E qui i cereali mi fregano ancora... La buona notizia è che quando ho voglia di qualcosa che mi soddisfi (una volta andavo dal prosciutto crudo ai biscotti) mi viene in mente la frutta.
Spero comunque che il non digiuno non abbia del tutto vanificato il tentativo di disintossicazione del mio corpo. E il non aver ceduto sui medicinali lo considero come un passo in avanti sulla strada giusta, che mi dia forza per evitare le frequenti cadute con le quali mi scontro.

Concludo ringraziando di poter scrivere qui, dove so che mi potete capire. Con parenti e amici dico poco che non uso medicinali: solitamente la prima reazione è “brava” se in quel momento sto bene, ma se è un momento in cui non sto tanto bene mi dicono “ ma dai, prendi almeno un’aspirina, male non fa”. Questa è convinzione di mia madre, che si trascina “un’influenza” da un mese e ha lo stomaco a pezzi per tutto quello che prende; io sono guarita in 3 giorni. Ma è inutile fare battaglie a vuoto, parliamo due lingue diverse. L’unica cosa che posso fare è dare l’esempio e vedere se qualcuno si incuriosisce.
Scusate la lunghezza
Ciao
Curry
Avatar utente
By arca
#9519
Curry è un piacere averti qui.
Il tuo percorso ti farà scoprire man mano ciò che il tuo corpo ha necessità e così potrai tarare meglio tutte le procedure senza avere contraccolpi più di tanto.
La cosa che sembra traspirare forte è la tua determinazione verso la salute.
Continua così. Brava.
Avatar utente
By aran
#9521
Che bella esperienza la tua, Curry. Ero un consumatore abituale di antidolorifici in quanto, ahime, prima di iniziare la dieta Ehret, avevo spesso dei mal di testa insopportabili e dolori vari. Ora, da tre mesi non uso più quelle porcherie perché non ce n'è stato bisogno e negli unici due episodi in cui ho avuto mal di testa sono riuscito a resistere alla grande. Mi sono fatto anche togliere una piccola carie senza usare anestetico! Più vado avanti e più sono consapevole che una alimentazione quanto più sana possibile abbatte tutti questi disturbi. Che follia prendere antidolorifici: basta davvero fare attenzione al cibo. Benvenuta!
Avatar utente
By alegaia
#9536
cara curry
sicuramente qui trovi persone che ti capiscono ECCOME! non solo che condividono con te questo cammino, che si sorreggono a vicenda, che si confidano, che virtualmente si danno la mano per andare tutti nella stessa direzione.Per me è il quarto mese senza AULIN :D che prendevo per il ciclo ed anch'io la considero una conquista perchè in tutta la mia vita non ho mai avuto un mese senza dolori mestruali forti.
I dolori sono notevolmente diminuiti e perciò niente veleno da ingurgitare, spero che continui così.
complimenti per tutto. ciao
Avatar utente
By Curry
#9540
Sui dolori mestruali devo dire che non ho mai avuto grandi disturbi. Insomma, anche qui gli antidolorifici non ricordo di averli presi se non un paio di volte.
Quello che era fastidioso era l'abbondanza e la lunghezza del ciclo. Ora dure massimo tre giorni e molto meno abbondante. Un cambiamento in meglio anche qui!
Ciao
By mascalzong
#9660
l'ho sperimentato sulla mia pelle, sono sedici mesi che non uso più antidolorifici.. e altre schifezze "propedeutiche" secondo i medici, necessarie a "prevenire" i periodi di crisi di cefalea a grappolo..
antibiotici, non ne uso già da più di 5 anni, ne ho perso memoria..
con questa dieta, iniziata con la transizione, il 7.7.2007, evitarli mi è divenuto scontato..;)
vedrai che non ci farai più caso.. ;) complimenti Curry per il tuo percorso di consapevolezza!
Avatar utente
By Tyler
#9667
Bravissima Curry,
complimenti soprattutto per la tua determinazione.
Se dopo i clisteri, con conseguente mal di testa ( che deriva dalle tossine che si mettono in circolo), avessi preso i farmaci non avresti concluso granchè, anzi avresti arrestato il processo di eliminazione con una ulteriore aggiunta di veleni.
Brava, il resto delle risposte arriveranno con l'esperienza e la conoscenza profonda di te stessa, del tuo corpo e del mondo che ti circonda.
Baciozzi...Fabio.
Avatar utente
By Curry
#9691
Grazie Tyler. In effetti quando stavo male pensavo proprio ai veleni nel corpo, cosa letta tante volte nel sito. I vostri post mi hanno aiutata a non desistere.

A questo punto, aggiungo una domanda sui farmaci.

Mi sono fatta l’idea che il corpo elimini prima i rifiuti di cibo, poi i farmaci. Ma non so perchè ho questa idea. Forse qualche post? Non credo.
Credo perchè nel libro Ehret dice che ha visto eliminare farmaci immagazzinati anche 40 anni prima. Mi ha dato l’impressione che fossero “in profondità” e quindi fossero eliminati più tardi. Forse da qui ho preso quest’idea.
Domanda: nella mia impressione c’è del vero o semplicemente il corpo elimina un po’ ciò che trova?

Un’altra cosa. Rispetto ai farmaci immagazzinati da 40 anni... ma come ha fatto Ehret a capire questa cosa? Dai sintomi che avevano i pazienti che gli hanno fatto capire fossero proprio quei farmaci?
Scusate, questo c’entra poco con la dieta, ma mi ha colpito proprio tanto.
Avatar utente
By arca
#9692
Domanda: nella mia impressione c’è del vero o semplicemente il corpo elimina un po’ ciò che trova?

Un’altra cosa. Rispetto ai farmaci immagazzinati da 40 anni... ma come ha fatto Ehret a capire questa cosa? Dai sintomi che avevano i pazienti che gli hanno fatto capire fossero proprio quei farmaci?


Semplice!
Per la prima domanda, devi immaginare le memorie come strati di parati l'un sull'altro, per cui il corpo si organizza a marcia indietro "come scollando" uno strato alla volta; questo porta a far affiorare anche i sintomi (comunque più o meno blandi) di vecchie patologie; questo è chiamato l'effetto ritraccia, in cui si possono accusare appunto piccoli, ma vecchi fastidi.

Per la seconda, la risposta è ancora più semplice: i farmaci tendono a sommergere la patologia, (non a curarla); per cui, visto il precedente effetto ritraccia, al momento di una espulsione di "diciamo farmaci vecchi" durante la quale si ripresentano sintomi di una patologia di 40 anni prima, momento in cui si associò il farmaco, vuol dire che è andato via lo strato di parato ... ed anche la colla. 8)
Avatar utente
By Curry
#9699
Quindi, Arca, io ho preso un po' di medicinali per la cosiddetta allerigia da fieno. Dovessi un giorno avere qualche crisi tipica di quel genere, potrei immaginare di stare eliminando quei farmaci?
Bene. Aspetto con ansia un po' di starnuti.

Grazie per la risposta!
Avatar utente
By arca
#9703
Guarda, potrebbe avvenire; ma la certezza l'avrai quando sentirai i sapori e gli odori e le sensazioni di quei medicinali, come se li stessi prendendo ORA.
Ricorda che gli effetti ritraccia, che io sappia e che ho potuto constatare, non sono mai della stessa intensità della malattia originaria, ma cose più o meno blande, raramente più o meno forte, e comunque mai come in origine.
Avatar utente
By corvino72
#15631
Curry ha scritto:Con parenti e amici dico poco che non uso medicinali: solitamente la prima reazione è “brava” se in quel momento sto bene, ma se è un momento in cui non sto tanto bene mi dicono “ ma dai, prendi almeno un’aspirina, male non fa”.


Questo è veramente un classico!!
Leggi qui:

http://www.arnoldehret.it/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=15620&highlight=#15620

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret