Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

By jb
#10268
Alexa! Tu proprio continui a travolgermi con il Tuo furioso entusiasmo:

.......e le melenzane vanno bene per il succo verde?


Dio mio!!! ma come hai mai fatto ad andare a parare diritto alle melenzane? Dico.......non sono nemmeno in stagione! Ti rispondo: non lo so perche' non le ho mai usate. Ma siccome sono certo che Tu le proverai - altrimenti non saresti Alexa - Ti chiedo sin d'ora di usarmi la cortesia di condividere con me le Tue impressiioni. Grazie.

Oggi il mio succo e' stato: radicchio trevigiano (non so perche' ma quell'amarognolo mi piace!)......


Ai perche' si interessano gli scienziati, noi Ehretisti ci interessiamo ai sapori. E ai colori. E alle supreme bellezze della Natura. E a vivere la Vita!

.....che scoperta mi hai fatto fare, mi si e' aperto un mondo nuovo di sapori e piacere che non conoscevo....


Stai percorrendo il sentiero che Ti porta indietro all'Eden dei nostri Progenitori. Il nostro Professore osservava che il nostro ritorno al Paradiso perduto era strettamente un processo fisiologico: Scienza e Religione farebbero scelta assai saggia a riflettere lungamente sulla Sua intuizione.

........cosa pensi di aglio, cipolla, zenzero e peperoncino piccante, sono adatti al succo verde? E aggiunti alla cena di verdure?


Certamente puoi usare tutte queste sostanze nella creazione del succo: specialmente se possiedi un talento creativo, Ti saranno di molto aiuto nell'ottenere quel misterioso equilibrio che ogni chef cerca nelle sue creazioni. E' bene che Tu non Ti faccia prendere la mano dall'aglio, tuttavia, perche' possiede una ben definita potenzialita' di fissare una dipendenza. Sarebbe piu' prudente che dell'aglio Tu usassi le lunghe e minute foglie verdi invece che il bulbo: sono meno aggressive...piu' delicate. Non conosco - o forse non ricordo - il loro nome Italiano.

Ad eccezione del peperoncino piccante, io me le sono lasciate tutte alle spalle, tuttavia, forse perche' incapace di gestire felicemente la loro asprezza. Con il peperoncino piccante c'e' poi il problema che Tu non sai con assoluta certezza quanto piccante sia quel particolare peperoncino che stai usando, in quanto c'e' differenza, anche considerevole, tra uno ed un altro: oggi, ad esempio, ne ho usato uno ed il succo e' venuto fuori perfettamente equilibrato. Mi e' piaciuto talmente il succo che, al posto del mono-pasto di mandarini che avevo programmato per cena, ho deciso di avere un secondo succo. E qui' la sorpresa: il peperoncino era almeno doppiamente pungente con il risultato che il succo e' risultato di natura belligerante. Ma l'ho goduto ugualmente e non mi sono pentito di avermi lasciato indietro i mandarini.

Mi son lasciato prendere la mano e mi sono forse troppo dilungato. Saro' piu' conciso la prossima volta.

Stammi bene!

jb Mirabile-caruso.

Vegetarianismo Foliare": il solo sentiero da Onnivorismo a Fruttarianismo Puro.
By susi
#10273
[Sto leggendo tutto con molto interesse (anch'io ho l'osteoporosi: solo nel 2007 ho rotto 3 volte le coste/costole).
Seguo la dieta di transizione credo da circa 2 anni (provengo da circa 10 anni di veganismo), ma anch'io purtroppo non riesco a togliere completamente i tre moschettieri.
Ci sono giorni che sono bravissima e mangio solo frutta a un pasto e verdura all'altro (ma non riesco a fare a meno del condimento - olio, sale e limone) e giorni (2/3 volte a settimana) che non riesco a resistere a pizza, pane, pasta. Ci sono poi alcuni periodi - queste festività per esempio - in cui ho mangiato anche legumi, cioccolata, birra e vino e ho fatto combinazioni alimentari improbabili con terribili problemi intestinali (il mio punto debole).
La colazione della mattina è difficile da evitare, ma solitamente resisto fino alle 10,30 e poi mangio della frutta.
Oggi è il secondo giorno (dopo le feste) che riesco a saltarla e resisto con molta fatica fino alle 15/15.30 (orario di rientro dal lavoro) per poi mangiare una grande insalata (condita) e un po' di semi o frutta secca. Poi resisto ancora fino alle 19/20 e mangio frutta.
Risultato: finalmente l'intestino è più libero e il pomeriggio non ho più bisogno di dormire e quindi posso dedicarmi al mio hobby preferito (la lettura). Però questa notte non riuscivo a prendere sonno: ho dormito 4 ore. Capita anche a voi?


Per JB Mirabile - caruso
Caro Jb ti leggo con molto interesse e piacere (scrivi benissimo)
Ho letto che sei siciliano: sei parente del nostro Fabio Caruso?

Ho messo in preventivo l'acquisto dell'estrattore di succhi, ma per evitare di comprare un ulteriore aggeggio inutile (ho già acquistato nell'ordine: macchina del pane (regalata) essiccatore (poco utilizzato) e germogliatore elettrico) vorrei saperne di più.
Ho letto che la preparazione del succo richiede del tempo perchè l'estrattore è difficile da pulire, che mi dici?
La mia giornata comincia alle sei di mattina, poi lavoro fino alle 15 circa per cui dovrei tornare a casa (portare giù il cane) e preparare il succo (se prima non muoio di fame:) credi che potrei riuscirci con i tempi tecnici? o dovrei - dati gli orari - mangiare frutta a pranzo e succo a cena?
Tu come ti organizzi?
Usi solo verdura e frutta BIO?
Quante ore dormi?
Mi puoi aiutare?
Grazie
Ciao
Susi
Avatar utente
By agape
#10282
Ciao jb,
io credevo che dalle tue parti ci fosse un clima artico! comunque da quello che dici si sta certamente meglio in italia. sarai felice di tornarci ogni tanto immagino.
grazie della considerazione che dedichi in particolare agli italiani!

dunque, in questi ultimi 4 giorni ero in ferie. ho mangiato tanta verdura cruda, un po' di verdura cotta e mi sono concessa, nei 4 giorni, 3 fette di polenta e un mestolo di risotto.
il riso lo evitavo appunto per la sua collosità. il miglio non mi dispiace e magari ogni tanto, nelle crisi, ricorrerò a quello.
spero di riprendere presto con i succhi; visto che si è parlato di filtrarli, immagino che quelli che ho fatto fino ad ora non fossero il massimo. provvederò anche a questo.

in questi giorni, parlando con alcune persone del mio problema con i dolci, mi è stato fatto notare che potrebbe dipendere da una carenza di proteine.
questa carenza io sapevo di averla perchè un paio di anni fa era risultata nel test chinesiologico, e quella volta mangiavo tanti carboidrati, legumi e cereali in genere, quindi non avrebbe dovuto esserci.
cosa ne pensi?

beh, secondo il detto di onelove (mi pare), spero di essere abbastanza saggia da imparare dai tuoi 13 anni di tentativi e poter beneficiare della tua ragionata alla scrivania, che non fa una piega!

non sapevo che le carote fossero amidacee...ebbene bisognerà diminuire pure quelle, le usavo molto perchè hanno molto succo.
mi pare di capire che quest'amido è un gran furbacchione che si nasconde davvero nei posti più impensati! un po' come lo zucchero...
la vedo dura, più che altro perchè mi fa davvero strano pensare di dover eliminare un ortaggio che si è sempre cosiderato così benefico come la carota. ma l'amido resta anche nel succo!?
posso cuocere, ovviamente, gli amidi germogliati tipo miglio o legumi vero? posso lasciarli in ammollo per un paio di giorni...

grazie dei suggerimenti
e dei chiarimenti sulla memoria genetica, sei riuscito a comunicarmi il tuo pensiero. non vedo una grinza, sono piuttoisto consapevole, per altre questioni, di quanto questa memoria sia reale e spesso dannosa.

ciao e a presto
Elena
Avatar utente
By alexa
#10283
jb ha scritto:Mi son lasciato prendere la mano e mi sono forse troppo dilungato. Saro' piu' conciso la prossima volta.


No, per favore, non essere conciso; tutte le cose che dici sono utili, per esempio ora sò che se qualche volta ho voglia di bere succo anche a cena non è male, posso farlo. Continua così per favore. :D

jb ha scritto:Ma siccome sono certo che Tu le proverai - altrimenti non saresti Alexa - Ti chiedo sin d'ora di usarmi la cortesia di condividere con me le Tue impressiioni. Grazie.

Oggi a pranzo succo di melanzana: avevo paura che fosse pessimo, amaro, invece a mia sorpresa l'ho trovato dolce e dissetante, quindi 1 a 0 per la melanzana! :D (Poi ovviamente sono seguiti i succhi di finocchio, sedano, cetriolo, ravanelli, radicchio.)

Continuo a leggerti Jb, e grazie! :D :D :D
Avatar utente
By mauropud
#10286
susi ha scritto:Ci sono giorni che sono bravissima e mangio solo frutta a un pasto e verdura all'altro (ma non riesco a fare a meno del condimento - olio, sale e limone) e giorni (2/3 volte a settimana) che non riesco a resistere a pizza, pane, pasta.
La colazione della mattina è difficile da evitare, ma solitamente resisto fino alle 10,30 e poi mangio della frutta.
Però questa notte non riuscivo a prendere sonno: ho dormito 4 ore. Capita anche a voi?

Susi, sembra da quello che dici che ti "privi" troppo dei vecchi sapori mucosi e non riesci a gustare la dieta di transizione, ricadendo pesantemente nelle vecchie abitudini spesso e volentieri. In questo caso per la mia esperienza nei passati 2 anni (solo passi avanti anche se lenti e direi nessun passo indietro finora), piu' che cercare di fare 1 pasto completamente senza muco oggi e 1 totalmente onnivoro domani e' meglio trovare una combinazione "con poco muco" che non ti faccia rimpiangere pizza ecc. Allora ben venga il condimento: incide in modo assolutamente marginale sulla dieta (0,x %?) ma ti permette di trarre piacere dalla nuova dieta, lo dice Ehret e ci sono in giro anche un paio di post di Arca in proposito. E secondo me non devi avere fretta neppure di aliminare la colazione se ancora fai fatica (io ad esempio ci ho messo un anno), l'importante e' che in questi "spuntini" ti rimpinzi di frutta o roba "senza muco" che in questa fase di pulizia potrebbe (come successo nel mio caso) portar via tanti residui anche se mangiata in eccesso.
Io sono convinto che il sistema non puo' funzionare se vogliamo "tutto e subito" e senza una gradualita' nei cambiamenti il corpo non riesce ad abituarsi al nuovo regime e le "voglie irresistibili" di questo e di quello sono un chiaro segno di insoddisfazione del corpo (o forse meglio della mente? :D)
By syncster
#10299
Ti sara' necessario un sacchetto-filtro che potrai facilmente confezionarTi da Te con un tessuto di cotone biologico.


Dove si puo prendere il tessuto di cotone biologico?
By jb
#10304
Salve Onelove,

[/quote]La mia domanda e': andando per ordine dovrei prima eliminare questi ortaggi - patate, carote, zucche - e in secondo momento dedicarmi al grasso ed al fuoco, o sbaglio?

Se Tu decidi di eliminare prima l'Amido - come io Ti suggerirei di fare - e se Tu decidi inoltre di eliminarlo "gradualmente" - come sarebbe mia scelta - allora le sostanze che io sceglierei di eliminare prima sarebbero quelle piu' dense di amido, vale a dire i prodotti fatti con farina, poi passerei al riso, poi ai legumi secchi, poi ai germogli di grano e di legumi, poi ai legumi freschi, poi alle patate ed in ultimo alle carote e alle zucche. Rimarrebbero cavolfiori e broccoli, ma questi due io Ti suggerirei di portarteli appresso in quanto Ti potrebbero servire durante la fase relativa all'eliminazione del Grasso ed anche dopo, quando sarai alle piglie con il Fuoco.

Una precisazione per le carote: la loro eliminazione di cui sopra si riferisce a carote cotte, ma questo vegetale dovrebbe essere portato avanti, qualora desiderato, nella forma cruda, particolarmente nella produzione del succo verde.

Quando l'Amido e' stato totalmente eliminato e Tu attraversi un periodo di alcuni mesi in cui non accusi alcun desiderio di ritorno ad esso, potrai con calma programmare la progressione della fase Grasso. Il mio consiglio e' che Tu divida la fase Grasso in due parti: 1. Grasso cotto e 2. Grasso crudo. Affronta prima il Grasso cotto: prima andrebbero i latticini - sempre usando la progressione dai piu' grassi ai meno grassi - poi andrebbe la carne rossa, poi la carne bianca, poi le uova ed in ultimo il pesce. A questo punto Ti concedi - come hai fatto prima con l'Amido - un periodo di osservazione di alcuni mesi onde stabilire che nessun residuo di queste sostanze sia rimasto nell'Organismo.

La seconda fase del Grasso riguarda l'eliminazione della varia frutta secca e semi oleosi che dovrebbero essere eliminati prima, per poi passare, e chiudere la fase, con avocado, olives e durians.

Una nota per frutta secca e semi oleosi: la maniera migliore di assumere queste sostanze e' quella suggerita dal Professore in quanto produce la migliore digestione, e cioe', mangiati assieme alla frutta essiccata, come datteri e fichi secchi. Da notare che la frutta essiccata - quando assunta in combinazione con la frutta secca o semi oleosi - NON deve essere lasciata in ammollo, perche' un alto livello di acqua risulterebbe deleterio alla buona digestione della frutta secca o semi. La frutta essiccata ( datteri e fichi secchi) dovrebbe essere lasciata in ammollo, invece, nel caso che la sua assunzione e' intesa senza l'aggiunta di frutta secca o semi oleosi.

Ancora una volta Ti concederai un periodo di osservazione di alcuni mesi per assicurarTi che nel flusso sanguigno non vengono rovesciati ulteriori residui delle sostanze appena finite di eliminare. A questo punto Ti troverai solo con il Fuoco il quale, in isolazione, ha perduto la grandissima parte del suo potere ammaliatore. Lo troverai utile, se necessario, nella preparazione di un pasto di verdure cotte per la cena o una cena di melenzane, cipolle, pomidoro, peperoni dolci e sedano. Ma a questo punto, Ti posso assicurare che
la battaglia e' vinta perche' il Fuoco non possiede piu' il potere che prima aveva in unione con l'Amido e col Grasso.

Va bene inteso che durante tutto questo percorso la seguente sruttura di base deve essere almeno parzialmente operativa:

- 1. Succo verde, come primo pasto del giorno, nella misura di 1.5 litro. Ovviamente Ti concederai un certo periodo di tempo per gradualmente arrivare alla quantita' di 1.5 litro.

-2 . Cena, quattro ore dopo la fine del succo, costituita da "una" delle seguenti quattro scelte: 1. monopasto di frutta fresca. 2. Insalata. 3. Pasto di verdure cotte. 4. Monopasto di frutta essiccata con o senza semi o frutta secca come spiegato di sopra.

-3. 18 ore di assunzione-zero (digiuno secco) tra la fine della cena e l'inizio del succo verde. Anche in questo caso queste 18 ore possono essere gradualmente raggiunte a seconda delle specifiche esigenze dell'individuo.

Affrontare il periodo di transizione con un piano ben definito come quello sopra delineato e' quasi garanzia di successo. Accelerare i tempi di transizione e' controproducente: all'Organismo deve essere lasciato ampio tempo di aggiustamento ad un riguadagnato modo operativo.

Spero che questo possa bastarTi, almeno per partire con idee chiare su cosa stai facerndo e dove stai andando.

In bocca al lupo. Ciao. Ti seguiro' nel Forum anche se non mi sara' possibile intervenire ad eccezione, spero, del fine settimana.

jb Mirabile-caruso.

"Vegetarianismo Foliare": il solo sentiero da Onnivorismo a Fruttarianismo Puro.
By jb
#10305
Ciao Agape,

ben tornata dalla Tua breve vacanza! Ho notato la Tua mancanza. Mi chiedi cosa io pensi......

Questa carenza di proteine io sapevo di averla perche' un paio di anni fa era risultata nel test chinesiologico, e quella volta mangiavo tanti carboidrati, legumi e cereali in genere, quindi non avrebbe dovuto esserci, cosa ne pensi?


....del risultato del test chinesiologico, ed, infatti, di tutti i testi in generale. I test non hanno l'indipendente facolta' di parlare, ma lo fanno attraverso l'interpretazione Umana, la quale, purtroppo, e' soggettiva e, per questa ragione, aperta all'errore.

Non sapevo che le carote fossero amidacee......ebbene bisognera' diminuire pure quelle, le usavo molto perche' hanno molto succo.


Non occorre che Tu elimini le carote a questo stadio delle cose. Per cortesia leggi quello che ho scritto a Onelove su questo specifico argomento. Sappi tuttavia - questo ho dimenticato di dirlo a Onelove - che se usi le carote per fare il succo, non usarle da sole come molti fanno, invogliati dalla loro dolcezza, ma accompagnale con altri vegetali come il sedano, il finocchio, l'asparago, la lattuga romana ed altri di Tua scelta, in modo che il suo massivo contenuto di zucchero venga tagliato e quindi non destabilizzi l'Organismo. Io, quando cominciai ad assumere succhi vegetali, spesi alcuni anni ad estrarre succhi di carote, fino a quando un bel giorno notai che il succo proveniente dalle foglie - ed anche dagli steli - era decisamente "piu' pulito" di quello delle carote e cosi' mi lasciai alle spalle le carote. Incidentalmente, mi lasciai pure alle spalle $ 2,000. USA di macchina estrattrice, questa macchina non essendo sufficientemente idonea alla gestione delle foglie a causa della sua alta velocita' rotativa.

Posso cuocere, ovviamente, gli amidi germogliati tipo miglio e legumi vero?


Certo che puoi. Dai uno sguardo al piano progressore che ho elaborato per Onelove: trovarai li' quando e' preferibile procedere alla eliminazione dei germogli. Incidentalmente, ho il sospetto che molte persone non digeriscano bene - o affatto - i germogli crudi, quindi sarebbe opportuno di cuocerli finche' si decide di usarli. Il miglio e' il meno muco-formante di tutto i cereali.

Stammi bene. Ritornero' al lavoro il prossimo Lunedi e quindi non avro' piu' tempo per intorloquire con Te e con gli altri Membri di questo Forum. Ma trovero' qualche ora al fine settimana per fare un capolino. Ciao!

jb Mirabile-caruso.

"Vegetarianismo Foliare": il solo sentiero da Onnivorismo a Fruttarianismo Puro.
By susi
#10309
Ciao JB,
rispondi anche a me?

ho scritto un post precedentemente.

Inoltre vorrei approfittare della tua pazienza prima che riprendi a lavorare per chiederti anche:

1) il tuo lavoro ti permette la pausa e il tempo necessari alla preparazione del succo?
2) quanta verdura occorre mediamente per fare un litro e mezzo di succo e cosa ne fai degli scarti?
3) cosa pensi dell'introduzione delle alghe (ricche di minerali)nell'alimentazione di chi come me è affetto da osteoporosi piuttosto grave?
4) cosa pensi del clistere, ne fai ancora uso?
5) :D ma durante cene o feste non ti capita mai di sgarrare (p.e. una pizza o una birra)?

Grazie, grazie, grazie e aspetto il tuo commento anche per l'e-mail precedente.

Susi
By susi
#10319
mauropud ha scritto:
susi ha scritto:Ci sono giorni che sono bravissima e mangio solo frutta a un pasto e verdura all'altro (ma non riesco a fare a meno del condimento - olio, sale e limone) e giorni (2/3 volte a settimana) che non riesco a resistere a pizza, pane, pasta.
La colazione della mattina è difficile da evitare, ma solitamente resisto fino alle 10,30 e poi mangio della frutta.
Però questa notte non riuscivo a prendere sonno: ho dormito 4 ore. Capita anche a voi?

Susi, sembra da quello che dici che ti "privi" troppo dei vecchi sapori mucosi e non riesci a gustare la dieta di transizione, ricadendo pesantemente nelle vecchie abitudini spesso e volentieri. In questo caso per la mia esperienza nei passati 2 anni (solo passi avanti anche se lenti e direi nessun passo indietro finora), piu' che cercare di fare 1 pasto completamente senza muco oggi e 1 totalmente onnivoro domani e' meglio trovare una combinazione "con poco muco" che non ti faccia rimpiangere pizza ecc. Allora ben venga il condimento: incide in modo assolutamente marginale sulla dieta (0,x %?) ma ti permette di trarre piacere dalla nuova dieta, lo dice Ehret e ci sono in giro anche un paio di post di Arca in proposito. E secondo me non devi avere fretta neppure di aliminare la colazione se ancora fai fatica (io ad esempio ci ho messo un anno), l'importante e' che in questi "spuntini" ti rimpinzi di frutta o roba "senza muco" che in questa fase di pulizia potrebbe (come successo nel mio caso) portar via tanti residui anche se mangiata in eccesso.
Io sono convinto che il sistema non puo' funzionare se vogliamo "tutto e subito" e senza una gradualita' nei cambiamenti il corpo non riesce ad abituarsi al nuovo regime e le "voglie irresistibili" di questo e di quello sono un chiaro segno di insoddisfazione del corpo (o forse meglio della mente? :D)


Ciao Mauro e grazie per la risposta,
purtroppo non credo che riuscirò mai a non rimpiangere la pizza o la birra anche se il più delle volte quando le mangio poi mi disgustano, ma è come tutti sappiamo è un fatto mentale difficile da sconfiggere. Dovremmo, come dice Jb, licenziare la mente, ma io ho paura che poi mi faccia una vertenza :lol:
Hai ragione per la gradualità, ma come ho gia detto la maggior parte dei cibi li ho eliminati per sempre da circa 10 anni (carne, pesce, uova, formaggi, miele) e siccome l'ho fatto per un fatto etico non ho mai avuto e mai avrò ripensamenti, restano solo pochi cibi che da due anni non riesco a mollare definitivamente.
Purtroppo però per quanto riguarda questo sistema di guarigione le dipendenze da sconfiggere sono appunto i tre moschettieri e questa è una cosa molto molto difficile.
Ho scoperto sulla mia pelle che è proprio una dipendenza e, come un alcolista, se un giorno ci ricaschi potenzialmente riprendi a mangiare come prima.
Devo inoltre confessare che non riesco a "gustare" i cibi con poco o senza muco come mi pare capiti a te e infatti ogni tanto (p.e. la domenica) con una scusa o l'altra mi capita di mangiare un piatto di spaghetti e così poi ricomincio a soffrire per le crisi di astinenza.
Ma so che devo insistere xchè questa dieta mi fa stare bene proprio a livello mentale oltre che fisico, devo solo sconfiggere la parte "masochista " di me. Dopo due anni però sono solo un po' demoralizzata.
Abbracci
Susi
By jb
#10347
Eccomi a Te Susi,

Anch'io ho l'osteoporosi: solo nel 2007 ho rotto tre volte le costole.


Questa e' una situazione molto grave, Susi! Tre fratture nell'arco di un solo anno?!!! E' bene che corriamo ai ripari, e siamo estremamente seri con la nostra determinazione. Mi inchino rispettoso alle Tue nobili motivazioni etiche che Ti hanno spinta ad abbracciare il Veganismo, ma mi rattristo profondamente nell'osservare come un nobile sentimento sia oggi - 10 anni dopo - ad albergare in una casa pressocche' in rovina.

La mia giornata comincia alle sei di mattina, poi lavoro fino alle 15 circa, per cui dovrei tornare a casa, portare giu' il cane e preparare il succo (se prima non muoio di fame): credi che potrei riuscirci con i tempi tecnici? O dovrei - dati gli orari - mangiare frutta a pranzo e succo a cena?


No, Susi: la strada da Te indicata non ci porta lontano, certamente non ci porta alla nostra destinazione. Ho riflettuto a lungo sulla struttura della Tua giornata, e la migliore soluzione e' la seguente:

- Ore 15:00: Ritorno a casa dal lavoro. Ti prendi cura del cane. Ti rilasci un po' con una lettura preferita. Ti prepari la cena programmata.

- Ore 19:00: Cena: Una delle quattro scelte: 1. Monopasto di frutta fresca. 2. Grande insalata condita. 3. Pasto di vegetali cotti conditi. 4. Monopasto di frutta essiccata con frutta secca.

- Ore 19:30: Preparazione del succo verde: Ti occorrerano 3 ore per produrre 1.5 litro di succo e lasciare la cucina in ordine. Il succo lo metterai in un contenitore di vetro opaco con chiusura ermetica, e lo conserverai nel frigorifero fino alle 6 del mattino quando lo trasferirai in un termos dal contenitore interno di vetro. E vai al lavoro.

- Ore 10:30: Cominci a consumare il succo verde: piccoli sorsi
trattenuti lungamente in bocca per piena insalivazione. Escogiterai il sistema migliore acche' il succo - dal termos alla bocca - non venga esposto all'aria e alla luce piu' del minimo strettamente necessario. Completerai l'assunzione del succo alle ore 15:00.

Nota importante: ho indicato l'inizio dell'assunzione del succo per le 10:30 perche' questo e' l'orario che Tu hai indicato essere quello oltre il quale hai difficolta' ad andare. E' necessario intendersi bene, tuttavia, che - nel corso dei prossimi mesi - uno sforzo deve essere da Te fatto nel tentativo di progressivamente postergare l'ora d'inizio della'assunsione del succo, fino ad arrivare all'ora ideale delle 13:30. Al qual punto avremo:

- 13:30: Inizio assunzione succo, che terminera' alle ore 15:00. Da osservare che - fino a quando l'assunsione del succo comincera' prima delle 13:30, noi dovremmo approfittare di questo piu' lungo tratto di tempo per assumere una piu' alta quantita' di succo. Cosi' facendo, mentre perdiamo nel settore lunghezza-digiuno, guadagniamo nel settore quantita'-succo, di cui hai un gran bisogno.

Usi solo verdura e frutta BIO?


Si, e a carissimo prezzo, perche' in Vancouver siamo importazione-dipendenti. In estate, da meta' Luglio a meta' Ottobre, abbiamo la produzione locale, ma il prezzo rimane sempre alto perche' i nostri contadini, in solo tre mesi, debbono pure guadagnarsi la vita.

Quante ore dormi?


Poche, forse cinque o sei. Anche meno, quando rimango a letto senza infatti dormire.

Il Tuo lavoro Ti permette la pausa e il tempo necessari alla preparazione del succo?


Il mio lavoro e' stato modellato - al costo di considerevoli svantaggi - acche' l'intera mattinata fosse a mia completa disposizione: normalmente succo tra le 09:00 e 10:30 e pasto solido tra le 14:00 e le 14:30. Ovviamente vi sono anche eccezioni.

Quanta verdura occorre mediamente per fare un litro e mezzo di succo e cosa ne fai degli scarti?


Circa 2 kili. Gli scarti, non avendo purtroppo un giardino, vanno a finire nell'immondizzaio.

Cosa pensi dell'introduzione delle alghe (ricche di minerali) nell'alimentazione di chi come me e' affetta da osteoporosi piuttosto grave?


Penso che NON dovrebbero essere assunte: l'Organismo attinge alimentazione da un "armonico insieme" costituito da moltissimi elementi, alcuni dei quali probabilmente ancora non identificati. L'assunzione di una sostanza contenente una elevatissima quantita di un determinato elemento forza l'Organismo ad intervenire allo scopo di bilanciare quell'elemento con un adeguato apporto degli altri elementi facenti parte l'"armonico insieme". L'assunzione di qualsiasi elemento e' governato dall'elemento "minimo", vale a dire, l'elemento calcio - per fare un esempio - sara' assorbito dall'Organismo tanto quanto e' disponibile l'elemento zinco. Questo esauritosi tutti gli altri elementi diventano inutili e, con grande dispendio energetico, eliminati.

Un'ottima idea per l'utilizzo delle alghe sarebbe quella di darle come alimentazione agli alberi e alle piante dei nostri giardini. Voglio dire, dei giardini di quei pochi fortunati tra di noi che ne hanno uno.

Ho letto che sei siciliano: sei parente del nostro Fabio Caruso?


Non che io sappia. Chissa' poi se facendo una ricerca non venisse fuori una parentela dimenticata! Essere Siciliani equivale, comunque, ad essere parenti.

Ho letto che la preparazione del succo richiede del tempo perche' l'estrattore e' difficile da pulire, che mi dici?


Ti dico che occorrono 3 ore dall'inizio alla fine: un considerevole investimento di tempo, oltre che di denaro per i vegetali biologici. Se aggiungi a queste 3 ore tutto l'altro tempo che devi spendere per andare in giro per assicurarTi tutti i vegetali necessari, Ti ritrovi con il solo tempo di andare a dormire. E' un impegno che porti avanti perche'........ in definitiva........non puoi tornare indietro: quando i nostri occhi si aprono, e' un attimo troppo tardi per non aver visto quello che hanno visto.

Cosa pensi del clistere, ne fai ancora uso?


Penso che i clisteri siano necessari, specialmente all'inizio quando il colon contiene un paio di chili di massa putrefatta di cui - guarda caso! - i nostri chirurghi non si sono mai accorti. Che distratti questi nostri chirurghi!!! Penso, tuttavia, che il clistere debba essere contenuto entro limiti strettamente necessari in quanto intervento artificioso ed invasivo. L'ultimo clistere che ho ricevuto - anzi, si tratto' di un lavaggio colonico a livello professionale - fu circa 5 anni fa quando incappai in un incidente con un generoso mono-pasto di fichidindia: un'esperienza molto interessante!

[/quote]Ma durante cene o feste non ti caspita mai di sgarrare(p.e. una pizza o una birra).

Non mi occorre semplicemente perche' accetto solo inviti a salotti. Declino quelli a camere da pranzo e camere da letto.

Mangiare una grande insalata (condita) e un po di semi o frutta secca.

Frutta secca e semi non vanno mai accoppiate alle insalate. Vanno invece accoppiate alla frutta essiccata che, nel Tuo caso specifico, sarebbe preferibile fosse costituita da fichi.

Abbiamo fatto tardi con questa lunga chiacchierata. Ti auguro un buon lavoro e ricordaTi che a ricostruire queste Tue ossa porosi il Tuo Organismo avra' bisogno di una massa di succo verde e di molti anni di lavoro. Ciao!

jb Mirabile-caruso.

"Vegetarianismo Puro": il solo sentiero da Onnivorismo a Fruttarianismo Puro.
Avatar utente
By agape
#10348
Ciao jb, mi dispiace che torni al lavoro!
allora, ho letto naturalmente quello che hai scritto a Onelove e anche a Susi e ne trarrò, come tutti credo, grandi benefici .
dunque: al bando i test!
ieri sera ho mangiato miglio e verdure cotte.
secondo te la strategia migliore è di inserire il miglio come pasto fisso alcuni giorni alla settimana e gradualmente diminuirne l'uso oppure semplicemente usarlo come sostituto all'occorrenza se mi viene voglia di pasta o altri cereali?
in questi giorni mangio poco crudo; con la scusa che non va bene unito al cotto ho preferito mantenere quest'ultimo, forse perchè sono piuttosto affamata e mi sembra di saziarmi di più...ed è più saporito, pur non usando sale.
in realtà i pasti sono comuqnue un po' complessi credo, perchè ci sono tante verdure di tipo diverso, cotte in modo diverso, una a vapore, l'altra in padella, o la zuppa, ecc.
di frutta ne sto mangiando poca e rischio di far marcire le mele.
ahimè c'è stato il compleanno della mia sorellina e ne abbiamo usate per la torta, così ho mangiato pure quella.

ho trovato interessanti le indicazioni per la frutta secca: io mi facevo il muesli autoprodotto con semi oleosi e frutta secca; mi piaceva di tagliarci mezza banana a fettine e questo so che non va, infatti l'ultimo prodotto è completamente secco (ho aggiunto il miglio soffiato). però il muesli ha bisogno del latte e io uso quello di mandorla. immagino che questo non vada, nel senso che di base è acqua (con qualche mandorla tritata dentro). però una volta ho scoperto che è molto buono nella banana frullata, che fa tipo yogurt...devo bandire il muesli classico nella tazza da mangiarsi col cucchiaio, sul divano, davanti alla tv, con il gatto che ronfeggia sulle gambe? una volta ogni tanto ci può stare? insomma sono ancora alle prese con l'amido, no?

per quanto riguarda i succhi, devo dire che si è toccato un tasto fondamentale che è quello del costo. non mi è consentito in questi tempi di adeguarmi ad una tale spesa; tra l'altro dopo un anno di procrastinazione ho dovuto alla fine iniziare una tormentosa routine dentistica con il dispendio che puoi immaginare.
facciamo succo un giorno si e uno no? oppure, posso sostituirlo con succhi di frutta, anche se ricordo che hai detto che non vanno bene in fase di transizione. magari alla sera...e faccio il pasto solido a pranzo. anche se non credo cambi molto a livello di spesa.
meno male che qui in italia è aumentato il costo di pane e pasta! a mangiare solo frutta e verdura però non è che si risparmi molto!

per i germogli, so che molti hanno difficoltà a digerire quelli di legumi. io non ho mai notato particolari disturbi ma è anche vero che prediligo quelli di girasole e se posso faccio quelli.

allora intanto mi studio bene il tuo piano per Onelove e cercherò di metterlo in pratica con rigore; la gola di dolci resta ma stà rientrando un po' nei limiti accettabili; devo riperdere i 5 kg guadagnati che ormai si sono stabilizzati e che non mi fanno stare molto bene; anche se resto un chiodo, così dicono, sento che non sono 5 kg di salute.

a proposito, tu il succo lo predi al mattino se non ho leto male. quindi, in teoria è una cosa che possiamo fare tutti, quella di mettere i pasti in qualsiasi momento della giornata rispettando le 18 ore a zero. oppure ci si arriva col tempo?

ti auguro un buon fine settimana e un buon ritorno al lavoro.
grazie e a presto
Elena
By syncster
#10363
Ti occorrerano 3 ore per produrre 1.5 litro di succo e lasciare la cucina in ordine


cosi tanto ci si mette a preparare il succo?

io ho un ora e mezza di pausa per il pranzo :cry:
preparando le verdure pulite la sera prima e lasciando la cucina da pulire al ritorno a casa la sera ce la farò in 1 ora e mezza a farlo e a consumarlo?
  • 1
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 11

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret