Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Ferendil
#11394
Carissimi Amici,

Apro questo post per aiutare un pò tutti noi a chiarirci sulla transizione.
Dopo aver approfondito sul forum, mi sono accorta di aver fatto molta confusione sul concetto di dieta di transizione e sui ritmi di adeguamento dell'alimentazione alla visione Ehretista.

Prima di tutto ringrazio Arca per le sue spiegazioni in proposito.
Ovviamente avevo identificato il menù di transizione proposto da Ehret nella sua clinica con la dieta di transizione.
Mi ero buttata nella totale eliminazione di tutti i cibi che non fossero frutta e verdura. Dopo due mesi, come da copione, sono incorsa in delle crisi di astinenza spaventose.

Ora stò ricominciando un pò , mettendo la consapevolezza nelle scelte e attenzione alle piccole risposte.

Vorrei invitarvi a raccontare i tempi e i modi con cui avete sviluppato la transizione..es. in che ordine avete eliminato i cibi e in che tempi; se c'è stata programmazione (es ogni tre mesi eliminerò...)oppure avete solamente ascoltato il corpo...

Vi dico la mia situazione.

sveglia con acqua calda e limone.

Pranzo frutta o verdure e PANE DI SEGALE (prontamente reintrodotto)
merenda centrifugato di verdure o frutta
Cena Verdure stufate , verdure crude, frutta .Ho reinserito delle minestre di cereali e verdure.

La carne e il pesce li ho eliminati per motivi etici e non mi sento proprio di integrarli
La sostituzione è talvolta con una cotoletta di migilio o farro BIO.

GRAZIE
Un abbraccio

FERENDIL :D
Avatar utente
By arca
#11402
Ferendil,
non hai idea della felicità che mi dai scrivendo ciò che hai scritto.
Per completare l'opera, verifica pure se qualche formaggio leggero (tipo quello a fiocchi) o della ricotta, può darti ulteriori miglioramenti, sempre senza mischiarli ai carboidrati.
Adesso certamente sapremo dei tuoi successi.
Ti abbraccio :D
Avatar utente
By mauropud
#11403
Mio percorso personale:
ho eliminato per primo il cosiddetto "junk", cioe' bibite (gassate e non), fast food, cioccolati, merendine ecc. Se considero l'eliminazione delle bevande gassate allora la mia transizione va cnsiderata iniziata venti e piu' anni orsono. :-)
Quindi ho eliminato quello che era piu' facile da eliminare e piu' pericoloso da mantenere, cioe' la carne.
Sono andato avanti senza nessuna programmazione e ho quindi diminuito e poi eliminato appena ho sentito di farlo latticini, uova e formaggi. Questo percorso e' durato circa un anno, e nel frattempo ho tagliato allo stesso tempo gli amidi. Ora, dopo 2 anni circa, sono ad un punto in cui gli amidi sono una eccezione nella mia dieta, anche se ho ancora il problema di riuscire ad eliminare certi alcolici, specie vino ancora presente 3-4 volte a settimana.
Ora con l'estate l'idea e' di mangiare molto piu' crudo e fresco rispetto al cotto.
Avatar utente
By arca
#11412
Che gioia. :D
Continuano le testimonianze che mi piacciono :D .
Bravi, ragazzi, siate di esempio ad altri continuando con questo livello di comprensione. :D
Avatar utente
By cus75
#11417
penso che questa cosa di accelerare troppo la transizione sia un errore molto comune e anche comprensibile

pure io ho cominciato forte, e praticamente dopo un 2-3 settimane ero gia quasi a sola frutta e verdura. Poi la perdita troppo veloce di peso mi ha fatto reinserire giornalmente cereali e affini. Ora mi sono un po' fermato anche se probabilmente sono ancora sottopeso (186cm x 63kg circa).

non avevo mai avuto cali di energia da settembre (quando ho cominciato) a poche settimane fa, anzi, avevo piu energia del solito. Comunque ho riscontrato anche io il calo della pressione e una sensazioni di fastidiosa "leggerezza" alla testa. Negli ultimi tempi la sensazione si è accentuata, con un leggerissimo mal di testa alle tempie, per capirci quello che dicono che ti viene quando non hai digerito (almeno qui dicono cosi :) ) Inoltre mi sento un po' piu debole rispetto a prima, sopratutto la muscolatura mi sembra stia un pochino in sofferenza.

Da segnalare anche una aumentata voglia di cose dolci da circa un paio di mesi, prima non ne avevo per niente

niente di altamente debilitante, però pure io mi stavo chiedendo se non fosse il caso di reintrodurre alcuni cibi per rallentare la transizione, tipo legumi o latticini, o anche carne di qualche tipo.

secondo la vostra esperienza, con quale provereste prima? Pensavo per prima cosa, come ha detto arca, ai fiocchi di latte e simili, visto che sembra una delle cose meno nocive, o ai legumi. E inoltre, andrebbero mangiate un po' tutti i giorni per vedere gli effetti, o va bene anche 2-3 volte la settimana?

grazie! :D
Avatar utente
By Ferendil
#11419
:D grazie !!!! Sono felice di questa condivisione!!
Possiamo esserci veramente d'aiuto.
E' bello prenderci per mano e comprendere che siamo insieme sul terreno della sperimentazione.
Ferendil,
non hai idea della felicità che mi dai scrivendo ciò che hai scritto.
Per completare l'opera, verifica pure se qualche formaggio leggero (tipo quello a fiocchi) o della ricotta, può darti ulteriori miglioramenti, sempre senza mischiarli ai carboidrati.

Grazie Arca, lo proverò sicuramente , anche perchè confesso che la ricotta è l'unico cibo "proteico" che rimpiango ...e quindi ne ho ancora bisogno.

però pure io mi stavo chiedendo se non fosse il caso di reintrodurre alcuni cibi per rallentare la transizione, tipo legumi o latticini, o anche carne di qualche tipo.

secondo la vostra esperienza, con quale provereste prima? Pensavo per prima cosa, come ha detto arca, ai fiocchi di latte e simili, visto che sembra una delle cose meno nocive, o ai legumi. E inoltre, andrebbero mangiate un po' tutti i giorni per vedere gli effetti, o va bene anche 2-3 volte la settimana?


Ciao cus75
secondo la mia esperienza , scegli quello che rimpiangi di più. Io ,ad esempio, ho avuto delle crisi di astinenza da farinacei spaventose ....avevo un desiderio spasmidico di pane pizza pasta ...leggendo gli articoli di Luciano e i post dei Arca, ho capito di essere andata troppo "sparata" e che il mio fisico URLAVA "VOGLIO IL PANE !!!" allora ho reiserito il pane di segale e le minestre d'orzo e farro che adoro!!
Per la frequenza non saprei , ma ad istinto credo sia più giusto POCO tutti igiorni.
Ad esempio : un giorno mangio due fettine di pane, il seguente una minestra con cereali, ilterzo delle patate al forno..e così via .
Siamo tutti differenti , il nostro vissuto lo è.

Onelove ha saggiamente reinserito la carne e le uova in base alle sue sensazioni .A me non è mai mancata in quattro mesi !!!

Raccontiamoci le esperienze , io vi prometto di tenervi aggiornati sui miei esperimenti.
Ragazzi , io VOGLIO scrollarmi il "condizionamento" del cibo.
Ci vorrà un anno..due...tre..tutta la vita , ma ce la faccio!!!
La vita è troppo bella per dormire!!
Grazie al Prof.EHRET.
Un abbraccio
FERENDIL
Avatar utente
By arca
#11421
scegli quello che rimpiangi di più.

Sono assolutamente d'accordo con te.
Avatar utente
By parider
#11422
Io dopo che ho conociuto Ehret (settembre-ottobre 2007) ho eliminato velocemente i cibi di origine animale, anche se comuque erano mesi che mi interessavo di alimentazione e ne avevo già via via diminuito il consumo e comunque ad esempio per i latticini prima consumavo solo latte e yougurt (i formaggi mi hanno sempre disgustato) che però d'estate consumavo molto poco (perchè in tale periodo non facevo colazione neanche da onnivoro in quanto mi alzo tardi).
La carne l'ho tolta praticamente in tronco perchè proprio non sarei più riuscito a mangiarla (stavo male solo all'idea).
Il pesce l'ho consumato sporadicamente fino a inizio gennaio, ora è un pò che non lo mangio e non ne sento la necessità.
Il latte l'ho tolto subito e iniziando a sostituirlo con una colazione di frutta mi sono sentito meglio, per poi passare a bere solo succo di frutta al mattino e a volte neanche.

Passando agli alimenti vegetali ho diminuito via via il consumo di pasta ma ancora la mangio ogni tanto (quella integrale che mi piace pure di più di quella bianca).
Anche i legumi li mangio ancora ogni tanto.
Ho consumato talvolta pane di segale anche se non molto, visto anche il fatto che di pane ne ho sempre mangiato pochissimo in vita mia.
Per gli amidi ho puntato più sulle patate che mi piacciono parecchio e credo siano importanti per non continuare a perdere peso rapidamente, perlomeno per chi era già magro da onnivoro come me.
Avatar utente
By cus75
#11423
ah, mi ero scordato di inserire la mia dieta quotidiana (più o meno)

colazione
niente, oppure un bicchiere di kefir sul tardi. Prima mi facevo delle spremute ma ultimamente non ne ho piu sentito la necessità. raramente ho fame prima delle 11/12

pranzo
uno o due frutti, poi dopo 20-30 minuti un'insalata mista di verdure di stagione, abbondante. uno o due tipi di verdure cotte
aggiungo quasi sempre un paio di fette di pane, o patate o cereali cotti (adoro la quinoa)

pomeriggio
orzo con a volte del latte di riso o raramente un po' di frutta secca (nocciole dal mio albero :))

sera
come a pranzo, spesso ho piu fame e piu voglia :)

in genere questo è il mio menù giornaliero. a volte mi faccio cavolfiore o cavolo cotto col pomodoro, o crema di cipolle o zucca, "lasagne" di sedanorapa e cose simili. raramente solo frutta (prima lo facevo piu spesso).

Una o due volte la settimana faccio qualche sgarretto perchè sono a cena fuori, tipo un dolce, o del pane in piu, o una pizza, cercando sempre di evitare combinazioni nocive, mescolare troppo e mangiare troppo :D

grazie delle risposte!
Avatar utente
By Curry
#11442
Annch’io in questi giorni stavo pensando proprio ad un post di questo genere: scambiarsi la propria esperienza.
Allora provo anch’io a raccontare questo anno e mezzo di trasformazione alimentare. Scusate se sono un po' lunga, ma il viaggio è stato - ed è ancora - lungo.

Settembre 2006: scopro il mondo vegetariano, vegano e crudista. Comincio a capire che si può – e come fare a – mangiare senza proteine animali. Non elimino nulla, ma riduco drasticamente carne, pesce e uova. Riduco i fuori pasto e i dolci, che già mangiavo poco, ma mi rendo conto che quel “poco” è tale solo rispetto alla media, in assoluto è molto.

Febbraio 2007: Carne e pesce non ci sono più nel mio frigo, anche se li consumo saltuariamente, magari se sono invitata a cena da qualcuno che non sa della mia trasformazione. L’insalata è sempre più presente nei miei pasti, e senza aggiunta di formaggio. Comincio a ridurre i cereali. Cerco di eliminare del tutto i fuori pasto, dovuti ad attacchi “di fame” nervosa.

Giugno 2007: finalmente compro il libro di Ehret. La stagione calda aiuta a mangiare crudo, soprattutto frutta. Faccio anche un digiuno. Dall’altra parte, la stagione calda vuol dire vacanze, e quindi spesso torno a pranzi onnivori in compagnia.

Settmbre 2007: con l’arrivo del freddo aumento la verdura cotta, ma riesco a diminuire il resto. Consumo ancora cereali, ma meno spesso e in porzioni piccole. Ho eliminato latte e burro, ma restano i formaggi, soprattutto utilizzati per cucinare.

Gennaio 2008: faccio un passo avanti e introduco più frutta. Per 4 o 5 pasti a settimana mangio solo frutta, di 1 o al massimo 2 tipi. A cena verdure cotte, quasi sempre accompagnate da verdure crude. I cereali e i formaggi ci sono ancora due o tre volte a settimana.
La colazione non la faccio, ma non l’ho mai apprezzata in vita mia. Tre o quattro volte a settimana durante la mattinata bevo the o caffè d’orzo.

In generale, sui 14 pasti settimanali metà sono di frutta o verdura cruda, metà no. Poi ci sono settimane che vanno alla grande, altre in cui gli sgarri hanno il sopravvento...
Tutto quanto elencato, infatti, si scontra con le cene fuori, gli attacchi di fame nervosa dopo cena, le tentazioni al bar o al ristorante... Vinco la maggior parte delle volte, questo sì, ma perdo ancora spesso.
Però non mi lamento: per me la trasformazione che ho fatto è incredibile. Se un paio di anni fa mi avessero detto che avrei rinunciato ai salumi avrei riso. Ora non mi viene neanche in mente che esistano.
Ora aspetto l’estate per aumentare la frutta (ne sento il bisogno) e trovare le condizioni per un digiuno
Ciao a tutti
Curry
Avatar utente
By Curry
#11443
Volevo aggiungere una nota sul peso. A settembre 2006 pesavo 71 chili per 1,62 di altezza. Una follia per me che, mai stata magrissima, mi sono sempre aggirata sui 57 chili, massimo sono arrivata a 62.
Il fatto è che due gravidanze in tre anni mi hanno lasciato addosso 10 chili, che non riuscivo ad eliminare. Diete e palestre sono state inutili. Cambiando alimentazione sono scesa in 6 mesi a 66 chili, poi per giugno a 59. Oggi peso 54 chili. Il calo mi sembra stato giustamente lento, considerando che i primi chili li ho persi in fretta, anche perchè erano soprattutto ritenzione idrica.
Avatar utente
By raffa
#11661
Ferendil, una domanda...dovresti quindi arrivare ad un livello in cui non hai piu spontaneamente voglia di un cibo, senza nessuno sforzo?
Avatar utente
By arca
#11667
Ferendil, una domanda...dovresti quindi arrivare ad un livello in cui non hai piu spontaneamente voglia di un cibo, senza nessuno sforzo?

Sì.

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Libri di Arnold Ehret