Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By syncster
#12270
quando è meglio cominciare il compost? in autunno per averlo pronto cosi per la primavera? perche ho letto che per l'orto non deve essere maturo..

e i rifiuti organici che faccio adesso posso gia accumularli? per introdurli cosi nel compost in autunno
Avatar utente
By mesenger
#12272
ciao Syncster , nel libro non ho letto niente di specifico al riguardo , ma credo che tu possa iniziare subito , se es. vuoi iniziare con le patate puoi iniziare a concimare il terreno con il letame di vacca ,che e' in vendita , e nel frattempo cominciare il compost .Il posto migliore per sistemarlo e' in penombra in un punto riparato dal vento per evitare che si secchi in quanto per la decomposizione e' necessario avere abbastanza calore , ma non deve essere troppo ombroso .Il terreno deve essere scavato ad una profondita' di circa 10 cm , come base , spessa circa 10 cm e' adatto un materiale asciutto e assorbente ,es erba secca rametti sottili pacciame o paglia .Il suolo non va mai ricoperto con lamine di plastica o alluminio ne' impermeabilizzato in altro modo : cio' provocherebbe solo putrefazione e farebbe ristagnare l' umidita' impedendo ai lombrichi la strada verso il letamaio .
La costruzione delle casse di legno e la preparazione del letamaio dovrebbero avvenire con la luna calante , mentre la compressione del materiale -se necessaria-con la luna crescente ,meglio se alcuni giorni prima del plenilunio .Si devono accatastare a strati uno sugli altri il materiale organico e gli scarti , senza schiacciarli ; sono adatte per il compost tutte quelle sostanze putrefattive provenienti dagli scarti delle piante , purche' non contengano niente di tossico .I rami andrebbero tritati in precedenza , mentre parti malate della pianta ed erbacce nelle radici non vanno inserite , i rifiuti della cucina non sono adatti , tranne credo le parti di scarto crude dei vegetali .
Per sostenere la putrefazione si puo' unire del compost semi maturo o della terra da giardino ai vari strati .Aggiungete i materiali ingombranti uno alla volta e calpestateli piu' volte con la luna crescente .L'erba non andrebbe mai aggiunta troppo alta perche' puo' marcire , il materiale secco puo' essere inumidito un po' prima si essere aggiunto al resto , una semplice regola : il secco sopra l'umido il grosso sopra il sottile .
Dopo circa sei mesi sara' necessario portare sotto la parte superiore del mucchio di letame e viceversa , mescolare tutto ,affinche' la terra matura venga alla luce ,oppure se in giardino avete spazio ne costruite un altro e lasciate l'altro ancora per un anno , finche' tutto sara' diventato terra .
Spero di non essere stata troppo prolissa , ti saluto
Avatar utente
By Narayani
#12285
Ciao,
di solito invece di fare il compost in un punto particolare, metto l'umido direttamente vicino ma non troppo all'albero, sopra la terra non sotto. Così marcisce e si decompone e poi con l'acqua piovana filtra sottoterra.
In fondo è ciò che normalmente in natura succede quando nessuno raccoglie i frutti dall'albero....

Faccio così perché più pratico per me...
invece di fare umido->compost->piante
faccio direttamente umido->piante

Poi prova e vedi cosa preferisci :D
Avatar utente
By Libero
#33364
Io ad aprile avvio un frutteto, un orto e una serra a Cerano D'Intelvi. 600metri di altitudine.

Uso la tecnica della Permacultura gia sperimentata in un contesto urbano (amsterdam).
Avatar utente
By ikxikx
#33372
Ciao Bellico!

Complimenti e buon lavoro allora!

Sapresti spiegarmi la differenza tra orto sinergico e tecnica della Permacultura?

Vorrei indirizzarmi allo studio per un futuro orto e/o frutteto....

Stefano

Corrette conclusioni. :D Coerentemente a ciò ch[…]

OK,e del 37 che e la ultima lastrina che ho carica[…]

Panoramica bocca devastata

Ciao a tutti, mi chiamo Besa, ho 43 anni ed abito […]

Ciao a tutti, sono Besa

Un caro saluto a tutti! Dopo aver letto buona part[…]

Libri di Arnold Ehret