Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By raffa
#11573
purtroppo siamo fatti di anima mente e corpo ma io ritengo che quasi sempre sia la prima ad averla vinta.
sono in transizione da 6 mesi oramai, mangio normalmente abbondanti quantitià di fichi secchi e datteri, verdure a foglia verde, zucchine e melanzane con olio e alghe.

ho notato (ma sicuramente non saro la sola) che il mio umore influenza notevolissimamente il mio modo di alimentarmi...purtroppo la correlazione contraria (alimentazione che influenza umore) è molto inferiore.

insomma, è un periodo nero per me questo, per vari motivi, principalamente ho perso moltta fiducia in me e nelle mie capacità ho perso spontaneità e capacità di ridere, ho perso voglia di uscire. sono inchiodata su di me stessa e a volte mi pare che il cibo sia il mio unico piacere!!!

per questo, non avendo altri "vizi" tutte le mie aspirazioni si ripercuotono sul mangiare.oggi a pranzo per disperazione ( è proprio il caso di usare questo termine :lol: )ho mangiato ,dopo molto tempo, quantità industriale di pane e tarallini principalmente carbodrati di farina bianca...li ho esclusi per molto tempo, oggi la voglia (che partiva dalla testa, non dalla pancia !) è esplosa

ora paradossalamente credo di stare meglio..meglio che se avessi mangiato una insalata, nonostante abbia il senso di colpa e ora mi stia immaginando la malefica colla sulle pareti del mio intestino

ritenete che in questo periodo dovrei essere piu indulgente con me stessa, oppure è proprio questo il momento di impegnarsi per vincere?(dietisticamente parlando)
so che principalmente ovrei lavorare sulla mia psiche e sulle mie insoddisfazioni, ma non è facile...sembre che l 'esterno non voglia darmi nessuna gratificazione in questo momento
scusate lo sfogo un po' triste, ogni consiglio è bene accetto...
vi abbraccio
Avatar utente
By arca
#11574
ora paradossalmente credo di stare meglio..meglio che se avessi mangiato una insalata, nonostante abbia il senso di colpa e ora mi stia immaginando la malefica colla sulle pareti del mio intestino


Questa cosa non va bene. E' sinonimo che è stata sbagliata la transizione.
Rileggi il libro.
Avatar utente
By raffa
#11579
troppo drastica, ne? :oops:

già me lo hai detto una volta....sei un saggio tu...
Avatar utente
By Ferendil
#11582
purtroppo siamo fatti di anima mente e corpo ma io ritengo che quasi sempre sia la prima ad averla vinta


Cara Raffa ,
Sento molto affetto nei tuoi confronti, questa frase mi fà da specchio per il mio passato (molto vicino).

La chiave del tuo malessere è in questa frase.

Finchè percepirai lotta tra "parti " diverse del tuo "essere " , le tue energie saranno impiegate in tale lotta.

ti racconto come mi stò lasciando alle spalle tutto ciò:con la morbidezza.

Tutto con morbidezza: parlo al mio corpo con dolcezza , lo ascolto (infatti ho rallentato la transizione...guarda il mio post).
E accetto quello che viene.

Anche la Dieta di Ehret è un esercizio di consapevolezza e meditazione , e come sai non la si può imporre ... accade .

Se desideri qualche piccolo aiuto su meditazione e corpo scrivimi pure .

Ti sono vicina con affetto
FERENDIL
Avatar utente
By raffa
#11583
Ferendil ,sono parole delicatissime che mi hanno aiutato molto. A livello teorico le condivido appieno -anche se a volte me ne dimentico- a livello pratico,faccio fatica.

come si fa ad ascoltarsi?
come si puo'continuare ad ascoltearsi, con il rumore che c è intorno?
mi aiuti?

...a volte sembra piu' facile diventare direttamente neri senza passare per i vari toni di grigio
Avatar utente
By Ferendil
#11586
come si fa ad ascoltarsi?
come si puo'continuare ad ascoltearsi, con il rumore che c è intorno?
mi aiuti?

...a volte sembra piu' facile diventare direttamente neri senza passare per i vari toni di grigio


Cara Raffa,
non importa quanto il cliclone stia impazzando ...c' è sempre il centro , dove tutto è calmo .
Bisogna solo RICORDARSELO !

Per quanto riguarda l'aspetto della dieta ti dico quello che ho scoperto dalla mia esperienza .Noi attribuiamo un significato psicologico o peggio sentimentale a tanti segnali di puro disagio fisico ...proprio perchè NON ascoltiamo il corpo e NON accettiamo il suo dialogo così com'è.

Allora un mal di testa diventa cattivo umore , una pancia gonfia ..oggi sono triste ...un mal di stomaco ...oggi sono proprio giù.

non stiamo ascoltando ... conclusione : invece di accettare un segno così com'è e allora dire "ok sei stanco povero stomaco mio, ti ho capito , ora ti dò sollievo" la reazione è .."oddio stò male ..povera me quanto soffro ...oddio non ce la faccio " e mangiamo....

Non ascoltiamo , giudichiamo e facciamo tutto il contrario di ciò che il nostro corpo ci chiede.
Io stò provando a non giudicare ciò che mi succede e ad accettare i segnali così come sono.
Ho la pancia gonfia ? faccio un clistere , prendo una camomilla o semplicemente ..faccio una carezza alla mia pancia.

Altra cosa importante.
Sei in una stanza buia buia buia , sei sola e spaventata.
Ad un certo punto scopri una flebile, sottile lucina ...ma proprio piccola piccola ... è nulla rispetto a tutto quel buio !!
Ma tu ,su cosa scegli di focalizzare tutta la tua energia ? Sul sentirti sola al buio ? o scegli di guardare quella piccola piccola lucina?

Guarda ciò che hai fatto per te stessa , non ciò che devi ancora fare .

Io mi dico" brava Ferendil !! hai abbandonato la carne , il pesce, i latticini , il latte , le uova , la pizza , la pasta...BRAVA!!" e non guardo più " oddio , ancora non mi riesco a staccare dalle patate e dal pane...quando ci riuscirò?"

Piccoli grandi cambiamenti di visuale !!

Namastè Raffa
FERENDIL
Avatar utente
By raffa
#11587
si ho capito cosa intendi...grazie della tua esperienza
ti sento serena e positiva, hai trovato la strada...avanti cosi!!!

e grazie..
Avatar utente
By arca
#11589
ferendil ha scritto:ti racconto come mi sto lasciando alle spalle tutto ciò:con la morbidezza.

Brava ferendil.
Avatar utente
By Ferendil
#11597
:D Grazie ARCA.

Grazie al Prof. EHRET e a tutti voi , stò cominciando a sentire cosa significa occuparmi della mia persona .

Questo mi da una sottile ,profonda gioia.

Mi permetto di consigliarvi un libro meraviglioso di OSHO sul corpo.
" L'arte dell'equilibrio. Ricordare a se stessi il linguaggio dimenticato per parlare alla mente e al corpo".

un abbraccio

FERENDIL
Avatar utente
By Tyler
#11674
Ho appena letto tutto il post e le parole di Ferendil mi hanno davvero tanto toccato ed emoziato. Sei stata di grandissimo aiuto anche per me.
Spero che in tanti leggano questo post e ne traggano beneficio.
Brava Ferendil e grazie mille... :D
Baciuzzi...
Avatar utente
By Ferendil
#11679
Ho appena letto tutto il post e le parole di Ferendil mi hanno davvero tanto toccato ed emoziato. Sei stata di grandissimo aiuto anche per me.
Spero che in tanti leggano questo post e ne traggano beneficio.
Brava Ferendil e grazie mille...
Baciuzzi...



Grazie e te Tyler e a tutti gli amici del forum.
Ho letto per mesi i vostri post,e continuo e trovarne di nuovi ed interessanti.
Insieme possiamo sentire che la cura è già semplicemente quì, per noi è realtà.
un abbraccio

FERENDIL
Avatar utente
By luciano
#11680
Sono tutte fasi che attraversiamo nel corso della nostra vita.
Il cibo è assuefacente, come una droga. Non ce ne accorgiamo perchè mangiamo ogni giorno. Non voglio generalizzare, posso solo parlare della mia esperienza.

Non ho mai accettato il modo in cui mi sono trovato a vivere, specialmente in passato, una vita condizionata da stili di vita imposti dalla società e dall'ambiente, fondata sulla mancanza della conoscenza della realtà

A questa è seguita poi la consapevolezza dell'esistenza della Realtà, accompagnata dalla mia incapacità di raggiungerla.

Questa condizione mi faceva vivere nella continua insoddisfazione e mangiare in modo smodato diminuiva la mia sensibilità, essendo il corpo impegnato a digerire, i sensi meno attivi a percepire e la mente temporaneamente placata.

La mia incapacità di provare gioie spirituali veniva sostituita dal piacere del cibo, dal soddisfare in continuazione il gusto, al di là delle effettive necessità del nutrimento.

In seguito ho iniziato a gustare briciole di quella Realtà che ogni essere continuamente cerca di riconquistare e l'ossessione del cibo e di altri vizi è gradualmente diminuita, con ripetute ricadute.

E' un processo continuo, aiutato dal cercare di fare sempre più le cose che sono allineate ai propri desideri, come fare un lavoro che piace, frequentare persone che hanno gli stessi interessi, lavorare per il proprio miglioramento spirituale, acquisire informazioni che liberano dal condizionamento mentale e sociale.

Quando si migliora la propria dieta e il corpo inizia a disintossicarsi, i sensi si affinano, la mente si libera dalla minore o maggiore ottusità, e la Realtà diventa più evidente, ma fino a quando non si attinge da essa si diventa affamati di conoscenza e io la soddisfacevo mangiando, ecc.

Soddisfacendo l'appetito di conoscenza sempre più, il desiderio di soddisfare il gusto con cibi che ottundono la mente è diminuito.

Tutto avviene in modo graduale, ripulire il corpo senza sostituire i piaceri fisici con altrettanti spirituali ed emozioni positive fa ricadere nell'ossessione per il cibo e altri.

Questo è stato, ed è, seppure in minor misura oggi, la causa delle mie ricadute: la mancata soddisfazione di piaceri spirituali.

In maggior o minor misura, tutti gli esseri che sono ossessionati da qualcosa sono insoddisfatti spiritualmente, che ne siano consapevoli o meno, e a volte chi ne è consapevole lo è di più. Questo almeno è quello che ho sperimentato su di me.

Ma l'averlo compreso mi ha aiutato e mi aiuta a ottenere sempre più vantaggi dalla dieta senza muco.

Rileggi questo articolo:
http://www.arnoldehret.it/modules.php?n ... =0&thold=0
Avatar utente
By raffa
#11683
luciano hai espresso un concetto che mi ha aiutato tantissimo. ti ringrazio
Avatar utente
By Tyler
#11694
Semplicemente perfetto Luciano,
il tuo pensiero esprime esattamente ciò che provo io e che io stesso ho passato. Concordo pienamente...soprattutto tengo a sottolineare il fatto che il cibo è assuefacente proprio come una droga.
Grazie...
By Cosmonauta
#11705
Ciao Luciano :D ,
le tue parole mi hanno fatto venire in mente una frase che ho letto tanto tempo fa, non mi ricordo di chi è comunque la frase è questa: " Una è la luce ma tante sono le lampade". Più o meno era così.
Quando riesci ad intravedere, anche solo ad intravedere, la luce un'abatjour non ti basta più...Quello che volevo dire è che, per quanto mi riguarda, hai colto nel segno.
Saluti Cosmici! :o

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret