Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By arca
#1191
L’aglio (Allium Sativum), della famiglia delle Liliacee, ha un valore antibiotico e antiparassitario: si dice che 1 mg di aglio equivalga a 20 unità di penicillina.

L'aglio contiene allile (essenza solforata volatile), zolfo, iodio, silice, che ne fanno un antisettico naturale, in particolare per i polmoni. L'associazione naturale di queste sostanze serve a proteggere l'organismo contro le malattie, le disfunzioni ghiandolari e molti altri disturbi.
È sempre attuale per le sue benefiche qualità, tanto che anche la moderna farmacologia ufficiale ne prepara dei medicamenti magari profumati ma molto costosi.

L'aglio si è rivelato un ottimo rimedio in presenza di disturbi digestivi e flatulenza, per ipertensione, anoressia e bruciori di stomaco, per le malattie infettive dello stomaco o dell'intestino. È un disinfettante delle vie digerenti, ipoglicemizzante (abbassa la glicemia nel sangue e quindi combatte il diabete), contro l’arteriosclerosi, per regolarizzare l'attività cardiaca, per contrastare tachicardia, palpitazioni, aritmie, cefalee, vertigini, acufeni, nervosismo da pressione alta. Aumenta la resistenza alle infezioni, diminuisce l’ipertensione arteriosa, i disturbi circolatori in generale, attenua le coliti, la tosse, le affezioni respiratorie.

La sua ben nota capacità di abbassare la pressione sanguigna, ha fatto realizzare risultati stupefacenti anche nella lotta contro l'arteriosclerosi dovuta all'invecchiamento ed ha dato buoni risultati ed è efficace disintossicante anche nei casi di saturnismo (intossicazione cronica da piombo).

Naturalmente è più efficace l’aglio fresco.

Per eliminarne gli effetti collaterali indesiderati, fiato maleodorante, basta masticare qualche foglia di prezzemolo o di salvia o bere un cucchiaino di argilla sciolto in ½ bicchiere d'acqua.


Più di uno spicchio di aglio crudo al giorno può causare irritazioni alle pareti intestinali e mangiare troppo aglio crudo per lunghi periodi di tempo può danneggiare le cellule ematiche e provocare anemia. Provocando un abbassamento della pressione è controindicato agli ipotesi.

Saluti.

Arca :oops:
By Goffredo
#1249
Sei stato molto preciso e dettagliato. Grazie.
Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret