Arnold Ehret Italia

Il digiuno è un argomento interessante e importante e uno strumento che va al di là di quanto attualmente si conosce a riguardo e merita un suo spazio dedicato

Moderatore: luciano

Avatar utente
By agape
#14460
ciao Jennifer, sono molto contenta di poterti parlare di persona!
mi collego al tuo post per avere un po' di buoni consigli sul digiuno che sto facendo. sono al terzo giorno di limonata e per fortuna con domani sono in ferie! visto che avrò 2 settimane di riposo totale, potrei andare avanti per un po'; l'anno scorso sono rientrata al lavoro al 9° giorno e non è stato molto semplice; questa volta posso prendermela comoda, ma non ho neppure intenzione di passare le ferie così, visto che 2 settimane posso prenderele una volta ogni 10 anni.
pensavo di fare 3-4 giorni a acqua e limone e proseguire a succo di mela (fatto in casa, ne ho a quintalate). poi riprendere a frutta come si è detto. arance non ne ho e non combino di farlele mandare da Salvatore, ma se devo essere sincera non ho molta voglia di arance in questo momento.
va bene limonata e succo di mela?
ho dei dubbi sul succo di mela perchè forse gli zuccheri non vanno bene.
(ed escludo il succo d'uva perchè l'anno scorso ho proseguito con quello e adesso non posso neanche sentirlo nominare che mi viene la nausea!)
poi dipenderà tutto da quanto dimangrisco perchè se calo troppo mi fermo, poi divento solo scheletro...
mandi e grasie
Elena
Avatar utente
By Sabina23
#59980
Priscilla ha scritto:Riguardo all'interruzione dei digiuni, bisogna ricordare con chiarezza ciò che scrive Ehret!
Lui dice che il miglior modo per interrompere un digiuno è la frutta, specialmente fichi e uva (nella stagione giusta, ovviamente), ma va bene qualsiasi tipo di frutta. Questo però NON va applicato a chi ha un'alimentazione onnivora ed ha un corpo altamente intossicato, perché la frutta dopo un digiuno funziona molto bene come pulitore interno, ma chi ha TROPPE scorie rischia di espellere troppo e non riuscire a gestire le scorie in circolo: rischia anche di morire....
Quindi in questi casi va bene la verdura.
Questo dice Ehret.
Inoltre, circa le quantità, Ehret non pone limiti.
Lui dice "a volontà", l'importante è che il cibo assunto dopo un digiuno serva per andare in bagno, ovvero se ne deve mangiare tanto quanto basta per ottenere i movimenti peristaltici.

Ehret non finisce mai di sottolineare che il cibo dopo il digiuno non deve essere considerato un nutrimento, ma un pulitore dell'organismo.

Buon digiuno!!!

Esatto Priscilla, quindi un corpo non abbondantemente invaso dai muchi, può tranquillamente riprendere a mangiare abituando il proprio corpo con la frutta, meglio se spremuta, come le arance, oppure come il succo di mela o di uva, e aiutarsi nella peristalsi di rilascio con un clistere.
Nella mia esperienza, primo digiuno 10 giorni, secondo esperienza, digiuno 5 giorni, ho bevuto per un giorno e mezzo spremuta di arancia, ma senza usare clisteri, e poi ho immesso verdure. Adesso, che sto applicando il regime di transizione da sei mesi, dopo questo digiuno che voglio fare durare fino a quando il mio corpo me lo chiederà ( 5 o 10 giorni non importa, oggi mi trovo al secondo giorno di master cleanse ) voglio riprendere con spremuta il primo giorno, clistere acqua e limone, e mangiare per 10 giorni successivi mele e pere.
Spero di farcela, e soprattutto ascolterò il mio corpo per farmi dire da lui se questa direzione che sto prendendo è la migliore, anche se, adesso, SENTO che è corretto.
Un caro saluto a tutti i digiunatori con senso. PS: i miei digiuni sono stati fatti nel giro di cinque mesi.
Ciao a tutti da Valerio

Ciao a tutti, sono Valerio e ho 35 anni. Soffro da[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret