Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By luciano
#12946
Il nuovo spot firmato Ogilvy&Mather per il lancio di Frùttolo Frullix, il frullato che fa impazzire il palato sarà on air dal 4 maggio su tutte le reti RAI e Publitalia e al cinema.

Sotto la direzione creativa di Roberto Greco e la regia di Pablo Scaldaferro, Frùttolo lancia sul mercato un’assoluta novità: Frullix, il primo frullato fresco metà frutta e metà latte dalla consistenza densa e vellutata, in una pratica bottiglietta richiudibile da consumare anche fuori casa.

Dall’idea creativa di Paola Napolitani, Senior copywriter, e Bruno Banone, Senior art director, è nato un film dinamico e divertente con un jingle contagioso, che ben comunica l’innovazione del prodotto. Frùttolo Frullix è così speciale che quando i bambini lo bevono la gioia esplode. In un parco cittadino, un gruppo di bambini beve Frullix e si mette immediatamente a cantare e ballare improvvisando un fantastico musical all’aperto.

La pianificazione media è curata da Vizeum.

:evil:
Avatar utente
By aran
#12950
Poveracci i bambini e peggio ancora i genitori che, non sapendo quanto facciano male tutte quelle schifezze, pur di accontentare i loro pargoli abilmente corrotti dalla pubblicità, comprano loro ogni sorta di immondizia. Si vedono certe scene al supermercato (del muco), roba da rimanere senza parole, tra ovetti, merendine e quantaltro. Mah... speriamo che la consapevolezza di una dieta sana e naturale si diffonda sempre più. La vedo dura, comunque. :?
Avatar utente
By betula
#12953
Io un mese fa sono rimasta senza parole (ed è difficile a credersi) nel vedere una bella famigliola con bimba di 5/6 anni al seguito acquistare 10 confezioni di yogurt cremoso da mischiare con gli smarties (ho rimosso il nome dell'orrore) dicendo sereni e tranquilli "A colazione mangia solo quello!"
Giuro, avrei preso a calci negli stinchi quei due irresponsabili.

Intanto i genitori dovrebbero assolutamente evitare di portare i figli a fare spesa nei supermercati: tentati come sono da mille colori e diecimila proposte, i bambini per forza vogliono poi prendere qualche porcata.
Ottimo sarebbe portarli a fare spesa nei mercati rionali.
Avatar utente
By luisa
#12959
A quei genitori. d'autorità, toglierei la patria potestà senza tante altre discussioni!
E pensare che ho dei parenti che si reputano intelligenti ed informati mentre io mi danno perchè i miei consigli rimangono inascoltati!
Non c'è nulla da fare, le brutture delle varie industrie dolciarie continuono ad ingrassarsi...cavolo!
Ciao

Scusate, ma non vi pare di esagerare! Noi come siamo cresciuti? probabilmente i nostri genitori hanno commesso gli stessi errori, non conoscendo Ehret, comunque i figli hanno più bisogno di amore che di cibo, togliere la patria potestà per questo....rimaniamo nel concreto.
Nel nostro piccolo diamo l'esempio e divulghiamo ciò che conosciamo, non giudichiamo.
Avatar utente
By parider
#12960
Effettivamente credo che anche molti che ora sono Ehretisti prima si facevano la loro bella colazione con latte e biscotti o con yougurt, primo fra tutti io :lol:.
Chi dice di togliere la patria potestà forse è nato da genitori crudisti e da piccolo mangiava solo frutta e verdura???
Se è così beato lui :)
Avatar utente
By betula
#12961
Forse i toni sono leggermente alti, ma la posta in gioco è altissima.
Siamo cresciuti con le stesse cose dei nostri piccoli, e io personalmente ne sto pagando le conseguenze. Se questo mi ha insegnato qualcosa, quel qualcosa è proprio di evitare alle future generazioni gli stessi problemi che mi sto portando appresso da trent'anni.
Non c'è bisogno di conoscere Ehret per capire certi meccanismi, Ehret può solo aiutare ma credetemi basta leggere qualche innocuo libro per capire in che schifo di mondo alimentare viviamo.
Io mi arrabbio perchè 40 anni fa i nostri genitori non avevano a disposizione le informazioni che abbiamo adesso: basta farsi un giro su Internet e ci si rende conto in pochi minuti di quanto i cibi industriali e conservati possano essere dannosi, quindi non giustifico i genitori che inventando ogni sorta di sciocca scusa consentano ai propri figli di consumare ripetutamente cibo spazzatura.
Ho fatto, per studio, una ricerca sugli additivi: sono uscite fuori cose turche, senza andare nemmeno troppo a fondo nelle ricerche.
L'80% dei coloranti è o a base azotata/azoica (potente agente di liberazione delle istamine, quindi fortissimo allergene) o è derivata dal petrolio. Alcune molecole di alcuni coloranti sono accusate di essere mutagene. Altri coloranti in combinazione sono accusati di provocare disturbi dell'attenzione nei bambini.
Su quest'ultimo punto, ricordo che questa sindrome viene curata con un farmaco, il Ritalin... come dire, aggiungere guai su guai quando il problema si potrebbe decisamente attenuare semplicemente smettendo di intossicare i bambini con le zozzerie. Mi sembra che anche Ehret si soffermi nelle ultime pagine sugli effetti dell'alimentazione nei bambini.

E non sto a parlare di conservanti, edulcoranti o altro.

Capisci perchè è grave vedere ancora genitori che riempiono i carrelli di bombe chimiche? HAnno tutte le informazioni a disposizione ma non le vogliono vedere. Secondo il mio parere questo è un atteggiamento irresponsabile.
Avatar utente
By parider
#12962
Questo accade perchè fin dalla nascita uno cresce in un certo ambiente dove il cibo è quello presente in buste ed è pieno di conservanti e additivi chimici.
A quel punto per lui quello è il cibo di un essere umano perchè gli è stato fornito fin dalla culla e se va nei bar o nei supermercati è MOLTO più facile trovare veleni piuttosto che frutta e verdura.

In tal modo la maggior parte delle persone è solo un prodotto dell' ambiente in cui vive, e questo ritengo sia un dato OGGETTIVO inoppugnabile.
Gli piace la pizza solo perchè fin da piccolo gliela hanno data da mangiare, gli piaciono la pasta e il pane solo perchè in Italia ci si rimpinza di queste cose.

Nello stesso modo è cristiano e crede in dio solo perchè fin da piccolo gli hanno detto che esiste una strana entità suprema che ci condurrà al regno dei cieli.
E ci crede anche se non ha mai visto/sperimentato nulla in prima persona per credere nell' esistenza di un essere supremo, così come non ha sperimentato guarigioni con le medicine ed il cibo industriale che ingerisce di continuo.

Ritengo PERSONALMENTE che con molti non si possa fare granchè perchè continueranno a vivere in matrix, per loro il mondo vero e giusto è quello perchè glielo dicono le autorità che il formaggio e lo zucchero fanno bene
Avatar utente
By luisa
#12963
Guarda Betula che esiste la LIBERTA'| io ero già vegana prima di conoscere Ehret e la mia alimentazione era già basata su una percentuale piuttosto alta di frutta e verdura, così ho fatto con i miei figli, ma quando sono stati adolescenti (ora sono adulti) hanno fatto liberamente le loro scelte, magari condizionate dagli amici e dalla pubblicità, ma soprattutto dal gusto e dalla giovinezza che ti fa vivere alla giornata. Così siamo stati anche noi l'adolescenza è anche questo percorsi di vita trasgressivi in un senso o nell'altro, sarebbe ben noioso il mondo se utti fossimo uguali e le esperienze di ogni tipo devono essere personali al giusto ci si deve arrivare da soli, i genitori indicano la strada, ma il mondo è vasto con l'intelligenza, esplorando qui e là arriveranno, forse se lo vorranno.
By SofiaLoren
#12964
Si Luisa è proprio vero,spesso i bambini sovrappeso sono cresciuti da nonne oppure trascurati e lasciati troppo davanti alla tv.Quando andavo a scuola per le vacanze e anche dopo ho badato parecchi bambini e mi ricordo questa bimba molto in sovrappeso di 4 anni che veniva lasciata spesso a zie,nonne e baby sitter.Sua madre era separata ,lavorava sempre la sera ma durante il giorno non stava molto con lei perchè aveva sempre uomini diversi e altri impegni.Questa situazione mi faceva stare molto male,la bambina mangiava porcherie di continuo penso per compensare la mancanza d'affetto e se gliele negavi diventava cattiva.La pediatra l'aveva messa a dieta e diventavo matta per non farle mangiare schifezze poi scoprivo che sua mamma per non farla strillare le dava di tutto..che rabbia!Questo è un caso estremo ma quanti genitori vedo nel bar dove lavoro che per non far strillare i figli gli comprano porcherie oppure genitori che vengono nel bar col bambino per l'ora di merenda e gli comprano la cioccolata,le caramelle gommose,l'ovino...Scusate se mi sono dilungata ma mi stupisce questo:non è detto che tutti conoscano la dieta senza muco e che tutti abbiano voglia di farla ok ma non siamo in un paese povero dove ho visto di persona genitori dare la cioccolata e le pastine a colazione ai figli perchè non sanno che fa male,per loro è benessere,nessuno glielo insegna,anzi...noi lo sappiamo che i prodotti industriali sono delle schifezze e lo sapevamo anche prima di iniziare questa dieta giusto?Tutti ci ripetono"sei quello che mangi"Io se non avessi mai conosciuto la dieta senza muco non avrei mai portato mio figlio a far merenda al bar!Questo non capisco,cioè capisco che siamo imbambolati dalla tv peggio dei bambini se crediamo ancora che nella brioches avete capito quale ci sia il latte e il calcio..a parte che il latte fa male,il calcio l'avranno dato allo scatolone quando l'han caricato sul camion!
Buon 1 maggio! :wink:
Avatar utente
By betula
#12965
Luisa, concordo con te sulla seconda parte ma non sulla prima frase.
La libertà sussiste quando una persona assume consapevolezza di sè e del mondo che la circonda. Un bambino di pochi mesi non ha questa libertà, tantomeno uno di tre quattro anni.
E poi quoto SofiaLoren:
non è detto che tutti conoscano la dieta senza muco e che tutti abbiano voglia di farla ok ma non siamo in un paese povero dove ho visto di persona genitori dare la cioccolata e le pastine a colazione ai figli perchè non sanno che fa male,per loro è benessere,nessuno glielo insegna,anzi...noi lo sappiamo che i prodotti industriali sono delle schifezze e lo sapevamo anche prima di iniziare questa dieta giusto?Tutti ci ripetono"sei quello che mangi"Io se non avessi mai conosciuto la dieta senza muco non avrei mai portato mio figlio a far merenda al bar!Questo non capisco,cioè capisco che siamo imbambolati dalla tv peggio dei bambini se crediamo ancora che nella brioches avete capito quale ci sia il latte e il calcio..a parte che il latte fa male,il calcio l'avranno dato allo scatolone quando l'han caricato sul camion!

Ecco, finchè si ha la responsabilità della vita di un altro essere bisogna far di tutto per garantirgli la miglior vita possibile. Che non è detto sia data da un'alimentazione priva di muco, vegan o carnivora, o da tutti gli agi e le comodità della vita moderna. La parola chiave è responsabilità, a mio avviso.
Te lo dico perchè dal basso della mia ignoranza (non ho figli), ho visto fin troppi bambini soffrire e star male per gli errori dei genitori. E queste cose le dico da molto prima che iniziassi ad aprire il libro di Ehret, è solo una questione di etica e di responsabilità.
Avatar utente
By luciano
#12968
Le persone in questa società sono continuamente condizionate dalla disinformazione che viene propinata sotto forma di cultura e costume, e fa parte della natura umana credere a quello che viene detto dalle autorità, iniziato dalle prime autorità, i genitori, perchè fidarsi e fare quello che viene da essi proposto significa sopravvivere.

Il bambino sa che succhiare il latte della mamma e stare con i genitori è una necessità per sopravvivere e quindi si forma una certezza che non viene mai messa in discussione dal nostro giudizio perchè fin dai primi giorni di vita si è rivelata corretta. Quindi ogni cosa viene accettata indiscriminatamente, anche quando pregiudica la propria salute, perchè non la si analizza, in quanto considerata certezza.

Crescendo si accettano tutte le altre idee preconcette fornite dalle autorità come certezze e quindi ci si trova a mangiare le cose più assurde, a prendere farmaci ecc.

Arrabbiarsi o indignarsi è inutile, oltre a rendere acido il proprio corpo non produce nessun cambiamento positivo negli altri, soprattutto se si parla a loro in termini accusatori.

L'unica soluzione è cercare di portarli con pazienza alla comprensione mostrando la falsità delle credenze che girano nella società e poi fornire le informazioni corrette.

Non si può mettere acqua pulita in un bicchiere pieno di acqua sporca, prima bisogna svuotarlo.

Poi ci sono persone che nonostante tutti gli sforzi continueranno a vivere di false credenze, ma è sempre una loro scelta in base al loro livello di consapevolezza, Ehret o non Ehret.

Può essere utile leggere questo articolo:

http://www.medicinenon.it/modules.php?name=Propaganda_1
By Cosmonauta
#12970
Premetto che non ho figli, però l'argomento mi ha portato a fare una piccola riflessione.
Mi sembra che l'intera società sia stata come infantilizzata , i messaggi che arrivano dai media impregnano profondamente le menti e sono messaggi che invitano ad una vita leggera, divertente, senza grosse responsabilità.
Le persone sono spinte continuamente a non prendersi alcuna responsabilità, vedi gli esempi di chi ci governa, e tutto è come un gigantesco luccicante centro commerciale dove puoi trovare tutto ciò che ti serve senza problemi.
La vita che facciamo trova senso nell'immediata soddisfazione ed è sempre domenica, ci si trova comunque nel paese dei balocchi dove ci si consola.
Senza troppo generalizzare, una società composta da adulti bambini che si occupa di bambini non può che farlo male, non può che soddisfarli con le merendine perchè è lo stesso modo in cui hanno imparato a soddisfarsi gli adulti e questo è il messaggio.
Non ci pensare, se hai problemi ti aiutiamo a risolverli e di diamo un modo semplice per aiutarti a prendere ancora " la merendina".
Fortunatamente poi c'è sempre qualcuno che trova l'uscita da questo rutilante e planetario centro commerciale... :D
Avatar utente
By luciano
#12972
E chi non ha mai letto Siddharta?! :D

Siddharta è determinato e sa distinguere il suo fine (stare con Kamala e amarla) dai mezzi (lavorare presso il mercante), si è impossessato del discernimento. Le sue capacità emergono, lui è il saggio rispetto a coloro che definisce gli uomini-bambini, tutti presi dalle loro faccende contingenti, dalle loro preoccupazioni, spesso agitati per sciocchezze. Siddharta, al contrario, è sempre calmo, sereno, è aperto agli uomini ma, nello stesso tempo, distaccato, uno spettatore, la vita vera gli scorre accanto senza toccarlo ed egli in realtà non ama nessuna creatura umana.

Nel finale troviamo un Siddharta invecchiato che trae alcune conclusioni sulla sua ricerca: si sente più vicino agli uomini-bambini che un tempo disprezzava e intravede una forma di saggezza.
“Non era nient’altro che una disposizione dell’anima, una capacità, un’arte segreta di pensare in qualunque istante, nel bel mezzo della vita, il pensiero dell’unità, sentire l’unità e per così dire respirarla”.
La meta è la docilità agli eventi e al divenire, anche a quello doloroso.
Siddharta sente, come un tempo, di non poter abbracciare nessuna dottrina, nessun maestro, la saggezza non è fatta di parole e non si può comunicare, la si vive.

Immagine
Siddharta

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Perchè no? Il Menu del giorno

Rilancio questo topic un po' vecchiotto. Oggi a p[…]

Libri di Arnold Ehret