Arnold Ehret Italia

La pulizia dell'intestino è uno dei punti cardine per raggiungere la salute perfetta. Quindi chi ritiene di conoscere una pratica valida a questo scopo può presentarla qui. Resta inteso che quanto non menzionato da Ehret nei suoi libri non va considerato come parte della dieta senza muco e l'amministratore e i moderatori non sono responsabili per la riuscita o meno dell'intento delle pratiche qui proposte.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Atavicus
#14122
Ho piacere di condividere con voi questo "evento" che spero faccia fare un salto di qualità alla mia transizione...
Avevo in passato fatto 4 idrocolon ma, specialmente gli ultimi, li avevo trovati molto invasivi. Alla fine ero molto stanco, proprio spossato. Questo mi aveva fatto pensare che l'idrocolon avesse operato sul mio corpo una pulizia troppo rapida, che il mio corpo non era pronto a tollerare. Mi aveva fatto pensare che si era messo in moto il meccanismo descritto da Ehret (quando l'intestino è pulito, comincia la disintossicazione dei tessuti) ma in maniera troppo secca. La crisi di disintossicazione è stata ed è ancora per me molto difficile.
L'altra sera, ho avuto la piena sensazione di avere l'intestino gravemente intasato. Pancia gonfia e notevole meteorismo!
Ho comprato un enteroclisma. L'ho attaccato ad un metro di altezza con un litro e mezzo di acqua tiepida ed un limone spremuto. Mi sono messo su un fianco ed ho aperto la cannula. Ho sentito qualche gorgoglio e poi il liquido che entrava dolcemente. Quando sentivo contrazione, diminuivo il fluire del liquido per permettere alla valvola del colon di aprirsi delicatamente senza costringermi ad evacuare. Così è successo per tre volte. Ho aperto tre valvole... questo vuol dire che l'acqua è arrivata dove? al discendente?
Dopo solo 5 minuti ho avuto la sensazione che il liquido fosse finito, ho chiuso la cannula e verificato che effettivamente era così. Mi sono massaggiato la pancia per mezzo minuto, ma forse troppo intensamente... e così ho dovuto poi evacuare. L'evacuazione è stata davvero abbondante, liquida e solida, ed in più "fasi" corrispondenti, credo, alle 3 aree che ho aperto durante il clistere. Il materiale fuoriuscito è del tutto simile a quello cho ho visto nella macchina dell'idrocolon. Una pulizia notevole ed inaspettata.
Il tutto è avvenuto in maniera molto dolce e serena. Non ho avuto mai sensazioni spiacevoli. Ora penso di fare come ho letto in un link trovato sul forum: farne altri 5 a giorni alterni.
Consigli e commenti sono ultra ben accetti!
Grazie a tutti.
Avatar utente
By Atavicus
#14227
Devo dire che il mio primo clistere avuto due effetti:
-diminuire l'impatto dei guai da disintossicazione "collaterali": è andato via il mal di testa, il grande senso di stanchezza;
-aumentare l'impatto di quello che è per me il guaio da disintossicazione "principale": la dermatite.
Non so se ripeterò a breve l'esperienza: l'impatto di pulizia intestinale è stato notevole e visibile ma se tale pulizia facilita l'espulsione tramite la pelle di tossine annidate altrove, non lo posso sostenere! Preferisco andare più lentamente.
Avatar utente
By luciano
#14233
Atavicus ha scritto:Ho aperto tre valvole... questo vuol dire che l'acqua è arrivata dove? al discendente?

Nel colon esiste solo una valvola, all'inizio, la valvola ileocecale che separa l'intestino tenue da quello crasso (colon) ed è a senso unico impedendo che quanto è già passato nel colon ritorni nel tenue.

Dove hai avuto l'impressione che si fossero aperte tre valvole, semplicemente l'acqua si è fatta strada in ammassi di materiale fecale, in quei punti alquanto "ingorgati", oppure fra pareti momentaneamente appiccicate fra loro. :wink:

E possibilissimo che l'acqua sia arrivata al cieco specialmente dopo aver fatto diversi clisteri o sedute di idrocolon.
Avatar utente
By Atavicus
#14279
Il medico che mi ha fatto l'idrocolon (che è pesona abbastanza illuminata) mi ha fatto vedere in un disegno il colon mostrandomi alcune valvole (non so se è la parola giusta) che ne distinguono le parti.
Mi ha detto che a differenza della valvola tra tenue e crasso queste possono essere percorse a ritroso. Tali valvole provocano il movimento peristaltico.
L'impressione che ho avuto sia durante l'idrocolon che l'enteroclisma è che fossero proprio "valvoline" di qualche tipo, anche perchè la loro apertura risultava abbastanza dolce e periodica, come se ce ne fosse una ogni tot.
Durante l'idrocolon il medico sulla base delle volte che la macchina percepiva più tensione (ed io acqua accumularsi) mi diceva che stavamo per aprire una nuova valvola e mi diceva quindi: vede siamo ora in questa sezione, e mi mostrava quale sul disegno davanti.
Su wikipedia c'è questo elenco di "sfinteri funzionali", anche se mi sfugge il sugnificato di "funzionale".

sfintere ileociecale o del Varolio, sfintere vero. Posto tra tenue e cieco. Completano la struttura delle pieghe trasversali della mucosa ciecale dette valvole del Bauhin.
sfintere del Busi, sfintere funzionale tra cieco e colon ascendente.
sfintere di Hirsch, sfintere fnzionale nel primo tratto del colon ascendente.
sfintere del Cannon, funzionale. Nella metà destra del colon trasverso.
sfintere del Payr, funzionale. Alla flessura sinistra del colon.
sfintere del Balli, funzionale. All'inizio del sigma.
sfintere di Moutier-Rossi, a metà sigma. Funzionale.
sfintere del Moutier, all'inizio del retto. Funzionale.
valvole di Houston, tre pieghe trasversali permanenti nella porzione inferiore del retto.
sfintere anale interno, sfintere vero. Costantemente attivo per evitare la perdita di muco o gas in condizioni di riposo.
sfintere anale esterno, sfintere vero. Dotato di attività contrattile volontaria ma fasica.
Avatar utente
By luciano
#14283
Ah, ho capito, quindi c'è una valvola ileocecale vera e poi ogni scienziato ha voluto metterci il suo nome a qualche parte del colon, un po' come la scalata dell'Everest! :D

Ma ci serve sapere se si è aperto lo sfintere del Busi piuttosto che quello del Balli?
Avatar utente
By Atavicus
#14285
luciano ha scritto:Ah, ho capito, quindi c'è una valvola ileocecale vera e poi ogni scienziato ha voluto metterci il suo nome a qualche parte del colon, un po' come la scalata dell'Everest! :D

Ma ci serve sapere se si è aperto lo sfintere del Busi piuttosto che quello del Balli?

:)
I nomi no, però se quando faccio un clistere so quanto salgo, questo mi interessa!
By Cosmonauta
#14293
luciano ha scritto:Ma ci serve sapere se si è aperto lo sfintere del Busi piuttosto che quello del Balli?


8O

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

Scusate ma mi sto rotolando dal ridere...
Avatar utente
By luciano
#14301
Cosmonauta ha scritto:
luciano ha scritto:Ma ci serve sapere se si è aperto lo sfintere del Busi piuttosto che quello del Balli?


8O

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

Scusate ma mi sto rotolando dal ridere...
Ogni tanto bisogna anche ridere! Non ho scelto i nomi a caso, sapevo che qualche veneto avrebbe letto il post! :lol:
Avatar utente
By mesenger
#14306
:? :? :? :?
traducete per favore pure a noi terrons ?
Avatar utente
By luciano
#14309
In alcuni dialetti del nord, l'ano si dice anche "buso", da qui l'associazione mentale delle parole che ha risvegliato animi goliardici e da personaggi da "Amici miei". 8)
Avatar utente
By betula
#14331
luciano ha scritto:
Cosmonauta ha scritto:
luciano ha scritto:Ma ci serve sapere se si è aperto lo sfintere del Busi piuttosto che quello del Balli?


8O

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

Scusate ma mi sto rotolando dal ridere...
Ogni tanto bisogna anche ridere! Non ho scelto i nomi a caso, sapevo che qualche veneto avrebbe letto il post! :lol:


A me è venuto in mente Aldo Busi, e quello di sfinteri se ne intende....
Scusate l'ot non proprio signorile :lol:

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret