Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By luciano
#16466
sibillina ha scritto:allora potrei mantenere il vino nei week end e una fetta di torta fatta in casa? e una pizza senza mozzarella?


Perché no?

Se togli schifezze ecc. hai già migliorato la tua dieta.

Il vino non so quanto ne bevi, se ti fai un fiasco da due litri al giorno diminuisci. :P
Avatar utente
By sibillina
#16467
si, io mangiavo tanto cioccolato (qua in Svizzera è ovunque, difficile scantonarlo...) ma adesso NON MI VA PIU'. Incredibile!!

Vino: lo bevevo tutte le sere, 2 o 3 bicchieri. da gennaio solo il fine settimana qualche bicchiere ma mai piu' a stomaco vuoto, solo con le tartine di pane di segale e mousse di verdure...

ah si e poi ho tolto definitivamente gli "snaps" :lol:
questa è la cosa decisamente piu' importante!
By xavier
#16468
Beh, io personalmente ho tolto pesce, carne e uova subito. Ma proprio xché mi sentivo sempre aciditá nello stomaco dopo un pó che li mangiavo...come se non li digerissi bene. Quindi li ho tolti di botto. E non mi mancano. I latticino dopo vario tempo e anche la pasta e il riso. Ora mangio frutta e verdura, ma con patate qualche giorno a settimana.
Ovvio, non mi sento proprio di passare a frutta e basta. Ma come mangio ora mi va bene e mi piace. I dolci son anni che non li tocco e tanto meno mc donald's e robe simili, come il fritto o piatti elaborati...quindi su questo aspetto mi sento avvantagiato. Alchool ho smesso a maggio, ma x problemi al fegato. Ora sto diminuendo le sigarette....massimo 8/9 al giorno...che son tante cmq, ma rispetto alle 20 di prima, mi sembra un bel passo in avanti, no? Devo dire che spesso mi sento stanco e + debole, ma sicuramente é x la disintossicazione, infatti anche x questo ho aggiunto le patate, x rallentare..
Ora credo che se dovessi rimangiare pasta, carne, uova, starei malissimo!
Ciao :D :D :(
Avatar utente
By LAj
#16475
arca ha scritto:Credo tu ti stia confondendo: le otto settimane hanno il compito di fare da scopa intestinale

questo è scritto dell'insalata, non dell'intero menù della durata di 8 settimane
VANNO FATTE COME PRIMO PASSO
in seguito hai scritto che è ciò che ritieni soprattutto per via della tua esperienza personale
Dopodichè si ritorna ad essere onnivori come prima, ma solo un po' meno ed evitando le associazioni scorrette.
questo nel libro è espresso con riferimento al giorno(i) di digiuno che dimostrano quanto un corpo possa essere costipato
Credo che un'occhiata al libro sia corretto prima di fare passi errati. :wink:


non risulta anche, che il menù di transizione possa essere utilizzato, qualora, procedendo per gradi, anche grazie alle ricette che il libro offre, il corpo ci segnala chiaramente che è pronto per il grande passo, per usare sola frutta, e ci è indicato solo come farlo?
Anche perché alla settima ed ottava settimana già si è praticamente su quel regime.
E ci è d'aiuto, perché ci dice che in realtà la transizione è completata, anche se vi è ancora bisogno di un po' di pane tostato o una patata?

Certo, inserirlo nella prima lezione DIETA DI TRANSIZIONE, è fuorviante ma era forse certo che nessun onnivoro si sarebbe mai sognato di fare in 8 settimane questo tipo di passaggio da un regime alimentare ad un altro.
Ed ad ogni modo non ha risparmiato nella lezione successiva raccomandazioni per una transazione graduale.

Anzi, già cominciando dall'eliminazione della colazione che in molti casi era/è considerato il pasto fondamentale, ti fa vedere che puoi facilmente( ma questa parola è preferibile non usarla ) essere in transizione. Se a questo sommiamo tutte le altre "regole"-suggerimenti, anche trovandoci ancora dinanzi a numerose possibilità, abbiamo da attraversare un campo piuttosto che una foresta vergine.

Questa è una riflessione che deriva dall'aver anche letto che nessuna drastica variazione deve essere apportata. Però vedo che le otto settimane sono effettivamente vissute con preoccupazione. In particolare mi pare strano che dopo tutto il percorso ci si chieda: "ed ora dove vado?"
Avatar utente
By luciano
#16479
Concordo con quanto scrivi.

Il problema è individuale, dipende da come un individuo pensa riguardo alla salute e quanto pensa che una cosa sia pericolosa o meno.

La credenza incide molto nel rendere pericoloso per qualcuno ciò che per un altro è irrilevante, quindi i risultati sono diversi nella stessa situazione per le due persone.

Personalmente fin da bambino non ho mai avuto paura dei germi ecc. e ridevo quando vedevo le mamme preoccupate che portavano il loro bambino subito alla fontana dopo che aveva appoggiato una mano per terra nel prato del parco, o cose del genere.

Però in questa società le autorità gridano tutto il giorno di stare attenti a questo e quello, attento alla Sars, all'epidemia dei polli, d'inverno all'influenza, soprattutto bambini e vecchi, d'estate al caldo, soprattutto bambini e vecchi, attenti all'anoressia, all'obesità, ecc.

E' normale quindi che si debba procedere non con cautela ma con la velocità necessaria per fissare e confermare, soprattutto a se stessi che si sta andando bene. :D
Avatar utente
By vasco64
#16484
Sono contento che i miei dubbi abbiano portato a così tanti chiarimenti.
Ora ho le idee più chiare, in effetti non avevo considerato che Ehret aveva più volte fatto marcia indietro per via dei suoi lunghi viaggi e dei ritorni a casa all'alimentazione onnivora!!
Finite le 8 settimane nelle quali sono riuscito a seguire abbastanza fedelmente le indicazioni del libro proverò a reintrodurre gradualmente gli alimenti innaturali cercando di limitare al massimo le quantità e evitando gli abbinamenti errati. Pensavo di introdurre un solo alimento sbagliato per pasto, tipo grano saraceno o farro a pranzo , pesce, carne bianca o formaggi a cena. L'unica cosa che ancora non so è come capire quando è il momento di togliere definitivamente i vari alimenti. Immagino che il mio corpo me lo farà capire o non digerendoli bene o andando in diarrea o semplicemente non avendo desiderio di mangiarli.
Mi fate sapere come è stato per voi che avete già superato questo periodo?
Cosa mi dite dell'utilità delle alghe di Klamath e il Kefir? Io le sto consumendo regolarmente con fiducia perchè ho letto gli articoli sul forum ma non posso valutare il loro reale beneficio.
Avatar utente
By arca
#16492
Per chiarire alcune parti che riguardano il Testo in relazione a ciò che ho affermato:
LAj ha scritto:
arca ha scritto:Credo tu ti stia confondendo: le otto settimane hanno il compito di fare da scopa intestinale
questo è scritto dell'insalata, non dell'intero menù della durata di 8 settimane


A pagina 94 (vecchia edizione) è scritto:
Lo scopo di questo menu è di fornire la "scopa" per la pulizia meccanica del tratto digestivo utilizzando quantità di verdure non amidacee, crude ecc ecc

Quindi quel menù fa da scopa intestinale per mezzo di... e non ho detto che è "la scopa intestinale" che intendi tu quando poi Ehret dice (stessa pagina) ... questa che può essere chiamata "insalata mista standard" di Ehret è la scopa intestinale di cui parlo così frequentemente....
Ristabilire la salute dell'intestino è il primo passo verso la Salute Perfetta.
Non capisco la necessità non solo di non appoggiarmi, ma di correggermi su questa cosa al pari fosse una cosa errata.


LAj ha scritto:
arca ha scritto:VANNO FATTE COME PRIMO PASSO

in seguito hai scritto che è ciò che ritieni soprattutto per via della tua esperienza personale
arca ha scritto:Dopodichè si ritorna ad essere onnivori come prima, ma solo un po' meno ed evitando le associazioni scorrette.

questo nel libro è espresso con riferimento al al giorno(i) di digiuno che dimostrano quanto un corpo possa essere costipato


Che questo nel libro sia espresso in relazione al digiuno, va bene, ma perché "opporsi" (fare una citazione in merito) a quello che ho detto io? Una dieta di transizione, dice Ehret significa:
Ehret ha scritto:cambiamento lento da alimenti che promuovono stati di malattia verso alimenti che promuovono la salute.

Quindi quando ho scritto che è stata la mia esperienza personale, non ho detto che mi sono inventato qualcosa, bensì che IO ho applicato alla lettera quello che dice Ehret quando afferma "LENTO".

Non vedo, di nuovo, la necessità non solo di non appoggiarmi, ma di correggermi.


LAj ha scritto:
arca ha scritto:Credo che un'occhiata al libro sia corretto prima di fare passi errati. :wink:


Questo citare questa mia frase è un tentativo di fare sarcasmo? Scusami, ma non riesco a vederla diversamente. Spiegami.

LAj ha scritto:non risulta anche, che il menù di transizione possa essere utilizzato, qualora, procedendo per gradi, anche grazie alle ricette che il libro offre, il corpo ci segnala chiaramente che è pronto per il grande passo, per usare sola frutta, e ci è indicato solo come farlo?
Anche perché alla settima ed ottava settimana già si è praticamente su quel regime.
E ci è d'aiuto, perché ci dice che in realtà la transizione è completata, anche se vi è ancora bisogno di un po' di pane tostato o una patata?

Su questa ipotesi, io fondamentalmente non sono d'accordo non per la sua impossibilità, bensì per la sua improbabilità. Anche se incoraggiante ed entusiasmante, il grande passo come tu dici di passare a frutta e verdura già dalla fine del menu di transizione delle otto settimane viola il concetto di "lento" affermato da Ehret e degli effetti dannosi di anni alimentazione errata che abbiamo utilizzato. Se poi si ritiene senza ombra di dubbio che "lento" possa essere riferito a 6/8 settimane, allora tutto cambia.
Un intestino infiammato può impiegarci anni per sfiammarsi e quindi per digerire correttamente gli zuccheri della frutta i quali, in presenza di infiammazione intestinale, sono come benzina sul fuoco.

Questo libro, più volte consigliato, ci fornisce il corretto panorama della situazione di guarigione dell'intestino:
Immagine

INTESTINO LIBERO

E' chiaro che un essere spiritualmente molto evoluto può elegantemente ridurre a poco il concetto del "molto tempo" avendo una grossa padronanza della sua mente, ma il fatto che non tutti hanno queste abilità effettive significa che si deve usare un approccio con scala gradiente.
Un caro saluto.
Avatar utente
By LAj
#16493
arca ha scritto:Per chiarire alcune parti che riguardano il Testo in relazione a ciò che ho affermato:
LAj ha scritto:
arca ha scritto:Credo tu ti stia confondendo: le otto settimane hanno il compito di fare da scopa intestinale
questo è scritto dell'insalata, non dell'intero menù della durata di 8 settimane


A pagina 94 (vecchia edizione) è scritto:
Lo scopo di questo menu è di fornire la "scopa" per la pulizia meccanica del tratto digestivo utilizzando quantità di verdure non amidacee, crude ecc ecc

Quindi quel menù fa da scopa intestinale per mezzo di... e non ho detto che è "la scopa intestinale" che intendi tu quando poi Ehret dice (stessa pagina) ... questa che può essere chiamata "insalata mista standard" di Ehret è la scopa intestinale di cui parlo così frequentemente....
sono andato subito a cercare la pagina corrispondente nella versione che ho acquistato: pag 99.
Ovviamente fa riferimento, in entranbe le citazioni al menù del pranzo delle "PRIME DUE SETTIMANE", menù o insalata che poi ricorrerà anche nelle altre 2 settimane


LAj ha scritto:
arca ha scritto:Credo che un'occhiata al libro sia corretto prima di fare passi errati. :wink:


Questo citare questa mia frase è un tentativo di fare sarcasmo? Scusami, ma non riesco a vederla diversamente. Spiegami.
ho sempre fatto riferimento al libro per le mie osservazioni.

LAj ha scritto:non risulta anche, che il menù di transizione possa essere utilizzato, qualora, procedendo per gradi, anche grazie alle ricette che il libro offre, il corpo ci segnala chiaramente che è pronto per il grande passo, per usare sola frutta, e ci è indicato solo come farlo?
Anche perché alla settima ed ottava settimana già si è praticamente su quel regime.
E ci è d'aiuto, perché ci dice che in realtà la transizione è completata, anche se vi è ancora bisogno di un po' di pane tostato o una patata?

Su questa ipotesi, io fondamentalmente non sono d'accordo non per la sua impossibilità, bensì per la sua improbabilità. Anche se incoraggiante ed entusiasmante, il grande passo come tu dici di passare a frutta e verdura già dalla fine del menu di transizione delle otto settimane viola il concetto di "lento" affermato da Ehret e degli effetti dannosi di anni alimentazione errata che abbiamo utilizzato. Se poi si ritiene senza ombra di dubbio che "lento" possa essere riferito a 6/8 settimane, allora tutto cambia.
non voglio assolutamente scontrarmi con la tua opinione ma io non ho ridotto tutto ad 8 settimane ; anche se sarà un'ottimistica visione sono incoraggiato dal pensare che Ehret, appresa la semplicità della Natura, ci avrà lasciato un semplice viatico :)

Immagine

INTESTINO LIBERO
mi incuriosisci, può darsi che lo compro( a saperlo lo facevo arrivare insieme al germogliatore ),
spero che non usi lo stesso linguaggio di Ehret.
Un caro saluto.

Ricambio con affetto.
Avatar utente
By luciano
#16495
Bene ragazzi, ora dopo le varie precisazioni, facciamo la dieta, magari anche facendo qualche errore, la pratica e l'osservazione dei risultati daranno nel tempo ad ognuno le corrette risposte. :D
Avatar utente
By arca
#16499
LAj ha scritto:Ovviamente fa riferimento, in entrambe le citazioni al menù del pranzo delle "PRIME DUE SETTIMANE", menù o insalata che poi ricorrerà anche nelle altre 2 settimane


Ovviamente cosa?
Ne parla anche nel menu delle terze due settimane a cena ed ancora nelle ultime due delle otto settimane in cui parla ormai gergalmente di INSALATA.

Non sono interessato ad andare oltre.
Avatar utente
By mesenger
#16503
No Laj , non usa lo stesso linguaggio di Ehret , neanche lo cita nel suo libro , il suo e' un metodo per liberare l'intestino dalle incrostazioni attraverso l' uso di un apparecchio che lui chiama " colema " , un incrocio tra un clistere e un idrocolon , che permette una pulizia profonda e in posizione comoda dell' intestino .
Per approfondimenti c'e' un post apposito nel forum " pulizia dell'intestino " , dove ci sono esperienze in merito .
saluti
Maria
Avatar utente
By LAj
#16515
Oh,
si Maria,
ho letto del colema qui sul forum,
ma ho capito che nel mio bagno non ci entra per via delle dimensioni ...cmq è un oggetto del desiderio :D

Ne parla anche nel menu delle terze due settimane a cena ed ancora nelle ultime due delle otto settimane in cui parla ormai gergalmente di INSALATA.
l'ho detto anch'io che poi si riferisce di nuovo più velocemente a questo menù.
Questo volevo dire: quando parla di scopa parla dell'insalata, non di tutto ciò che è nei Menù di transizione.
Nelle ultime 2 settimane non è la stessa cosa, perché prima mette la frutta, e per completare, se insufficiente, include una verdura di insalta da preferire ad una verdura cotta.

Per completare le mie considerazioni a riguardo, non ho detto sopra che, indica anche come abbandonare una porzione di latticini, lì dove oramai la frutta sarà in grado di soddisfare completamente le esigenze del corpo tra cui quelle della corporatura ossea.
A conferma di ciò un'altra citazione( che andrò a cercarmi ) al calcio fa riferimento all'esigenza di non trascurarlo come elemento da assimiliare, eccezione al fatto che generalmente non è importante il valore nutrizionale degli alimenti( COSA CHE ANCORA MI DEVO METTERE/TOGLIERE DALLA TESTA per poter liberamente capire come invece i cibi agiscono nel processo di guarigione ).
Avatar utente
By luciano
#16523
LAj ha scritto:A conferma di ciò un'altra citazione( che andrò a cercarmi ) al calcio fa riferimento all'esigenza di non trascurarlo come elemento da assimiliare, eccezione al fatto che generalmente non è importante il valore nutrizionale degli alimenti( COSA CHE ANCORA MI DEVO METTERE/TOGLIERE DALLA TESTA per poter liberamente capire come invece i cibi agiscono nel processo di guarigione ).

Per comprendere come agiscono i cibi nel processo di guarigione, devi studiarti bene le parti che spiegano che un corpo perfettamente pulito funziona pure perfettamente.

Quando parte dei suoi sistemi si ostruiscono con il muco e tossine, il corpo non funziona più bene, va bene in maniera inversamente proporzionale alla quantità di ostruzioni.

Come una macchina con gli iniettori sporchi per esempio, o una macchina con gli iniettori sporchi e la testata incrostata e così via aumentando gli intasamenti fino al blocco del motore.

Queste ostruzioni causano i malfunzionamenti che si manifestano come sintomi e la scienza ufficiale dice che c'è una malattia.

La frutta ha una azione pulente e rimuove muco ed ostruzioni e il corpo riprende a funzionare, i sintomi scompaiono e la scienza ufficiale dice che purtroppo non c'è più una malattia.

In teoria, a questo stadio in cui siamo come esseri umani quello che dico ora è inapplicabile, un corpo perfettamente pulito può vivere di sola frutta e addirittura ancora non è stato provato quanto tempo l'uomo possa vivere senza cibo.

Se, (parlando sempre di un corpo privo di ostruzioni, aggiungendo mente perfettamente pulita e spirito di cuore puro), i polmoni sono la pompa, l'aria dovrebbe essere sufficiente per far funzionare un corpo. Rimarcando, in teoria. :wink:
Avatar utente
By tonio
#41378
A quanto pare no , proprio ieri , c'e' stato Jerry84 che e' cappottato , pensate che per voi sara' diverso ?


Mesenger cosa intendi dire con ciò che hai scritto? Ho provato a contattare Jerry84 in quanto ho visto che vive nella mia stessa città Torino. Gli ho scritto una mail ma mi tornano indietro sia dal suo contatto mail che dal contatto msn.
Ho provato a rispondere ad un suo post ma dubito che sia ancora iscritto al forum. Avete sue notizie?
Grazie
Avatar utente
By luciano
#41380
L'ultimo suo post risale al 26 Luglio 2008.

Pensava di passare a frutta e verdura in breve tempo, come altri che poi si ritrovano scontenti a causa di una malcompresa eccessiva disintossicazione e poi abbandonano, come Ehret stesso dice.

Comunque ci sono altri utenti di Torino, prova a cercare "Torino" nella ricerca del forum, non devono per forza abitare nell'appartamento a fianco. :D
Ciao a tutti da Valerio

Ciao Valerio, benvenuto. :D Il primo passo è ac[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret