Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

By shoni
#16605
Bentornati! Attendevo con ansia la riapertura del forum perchè proprio in questi ultimi 20 giorni mi è tornato un dolore acuto alla schiena che ormai da molti mesi avevo dimenticato.
Premetto che da molti anni ogni tanto questo problema salta fuori e accade sempre quando faccio qualche sforzo per sollevare o spostare grossi pesi.
L'ortopedico che qualche hanno fa avevo interpellato mi aveva diagnosticato un pò di scoliosi e una leggera deviazione della colonna vertebrale nella sezione finale ( dicendomi ridendo che mi mancava solo la coda) e aveva addebitato questi dolori anche a cattive posture ( ovvie per chi passa molte ore seduto ad una scrivania).
Di solito qualche iniezione risolveva la situazione in 2 o 3 giorni.
Anche questa volta ho dovuto arrendermi a queste cure perchè le "stilettate" che mi arrivano mi tolgono letteralmente il fiato e mi lasciano piegata in due.
Ma non è successo nulla.Le iniezioni mi lasciano qualche ora di quiete e poi i dolori ritornano a ogni minimo movimento, alzarmi, sedermi, fare le scale mi è praticamente impossibile.
Ho cercato sul libro qualche indicazione ma mi sembra che non ci sia nulla di specifico per questi casi.
Qualquno di voi ha qualche consiglio per me?
SHONI
Avatar utente
By drummer
#16613
Benvenuta
il tuo problema è dovuto all' acutizzarsi degli squilibri posturali. Questi squilibri portano spesso ad una infiammazione localizzata degli apparati muscolo scheletrici che si sono cronicamente irrigiditi in posizioni scorrette. La mia esperienza in tale campo è diretta poichè quando avevo 32(!) anni già soffrivo di forti dolori al basso ventre per una evidente cifosi lombare nonchè una altrettanto evidente cifosi del tratto superiore (tipica posizione ingobbita) . Oggi ho 47 anni, ho raddrizzato completamente la postura e non ho più NESSUN TIPO DI DOLORE . La dieta è fondamentale per raggiungere la forma ed evitare un inutile aggravio di peso sull' apparato muscolo scheletrico. Inoltre le infiammazioni si manifestano in forma dolorosa anche per l' accumulo localizzato dei prodotti di rifiuto derivanti da ciò che ingeriamo come presunto "cibo corretto" o dieta mediterranea che dir si voglia. Un altro fattore importante è una moderata attività fisica che permetta il mantenimento dell' elasticità del corpo.
Io ci sono riuscito, con qualche sacrificio, ma ti assicuro che il "prezzo" da pagare in confronto alla sensazione di sentirsi come un "leone" dieviene risibile.

Saluti
Angelo
Avatar utente
By glc69
#16646
Ciao Shoni,
ti trasmetto la mia esperienza in tema di mal di schiena: anch'io soffro di dolori all'area lombo sacrale e due anni fa ho subito, due volte a distanza di circa tre mesi, un colpo della strega fulminante che mi ha lasciato dieci giorni bloccato. Rifiutando già allora le cure allopatiche sono intervenuto con iniezioni di prodotti omeopatici ma oggi, se avessi di nuovo un attacco così forte, non farei neanche quelle.
Ovviamente è necessario prevenire per cui ho preso una panca ad inversione, una di quelle che ti permettono di stare alcuni minuti a testa in giù per allungare la colonna vertebrale a carico naturale, e per un certo periodo l'ho usata con costanza. Gli esiti sono stati positivi.
Da quando ho iniziato la transizione, cinque mesi fa, ho un "doloretto" costante, sempre nella stessa area, identico a quelli che all'epoca erano stati premonitori dei colpi della strega, però finora non "esplodono".
Li interpreto come sintomi di lenta e costante disintossicazione, come se la schiena fosse, insieme alla testa, il mio punto nevralgico, quello cioè dove "scarico". In cinque mesi ho avuto circa un mese di pausa proprio dopo aver avuto una forte crisi intestinale di disintossicazione che ho descritto nel mio diario. Adesso mi muovo con cautela, anche perchè è un dolore leggero e sopportabile, cerco di non fare sforzi e di continuare serenamente la transizione.
Per quel che mi riguarda credo che le cause del punto debole possano essere accumuli di acido urico (da alimentazione "cannibale") e le miccie d'innesco delle infiammazioni possano essere state di natura posturale ed anche emotiva (nel senso che una certa paura o angoscia possano aver indotto il mio corpo a bloccarsi, ad impormi cioè l'immobilità). Queste ultime sono ovviamente solo supposizioni dettate dall'esperienza vissuta.
Un saluto
Gianluca

p.s.: fin quando mi è stato possibile, negli anni passati, facevo ogni venerdi sera un massaggio completo; anche quello è un toccasana per limitare il sommarsi delle contratture muscolari.
Avatar utente
By drummer
#16651
Caro Gianluca
il tuo consiglio a Shoni è prezioso. Condivido infatti con Te l' uso della panca ad inversione. La utilizzo ormai da oltre 3 anni quasi tutti i giorni associata ad una serie di esercizi ginnici sia di rinforzo di tutti i muscoli interesanti la colonna vertebrale (addominali, pettorali, dorsali) che di stretching in particolare di Pilates . Posso assicurare che l' uso continuativo ed intelligente della Panca ha effetti rilevantissimi sul riequilibrio della corretta postura con la scomparsa TOTALE di tutte le manifestazioni dolorose .
Va però detto che l' uso di questo strumento deve essere fatto inizialmente con moltissima cautela e le varie "stazioni" di inclinazione debbono essere raggiunte in maniera molto graduale per permettere all' organismo di abituarsi progressivamente al "transito inverso" dei liquidi linfatici . La prima sensazione (apparentemente fastidiosa) che si prova quando ci si capovolge è quella di una certa "pesantezza" alla testa, tuttavia, una volta fattaci l' abitudine, la sensazione scompare quasi del tutto e si prova una intensa sensazione di rilassamento generale.
Se qualcuno ne avesse bisogno, sono pronto a dare indicazioni in tal senso.

Cordialità
Angelo
Avatar utente
By glc69
#16655
Ciao Drummer, Angelo
pur non sapendo del rischio di uso eccessivo ho da sempre mantenuto un atteggiamento prudente anche se, devo dire, che le pratiche d'inversione mi sono da sempre familiari sia per le varie attività sportive agonistiche che ho fatto in passato sia per le pratiche yoga che le prevedono e che ho praticato nell'ultimo anno.
Personalmente ne ho limitato l'uso a massimo 10 minuti per seduta e quasi mai per giorni consecutivi; nelle fasi più acute l'ho usata a giorni alterni, adesso una volta ogni 7-15 giorni oppure quando la schiena me lo richiede. Gli effetti sul riassetto posturale sono quasi immediati anche su chi, come me, non è comunque molto costante.
In effetti oltre all'alimentazione l'aspetto fisico è fondamentale, come del resto ben precisato e descritto da Ehret nel libro allorchè fornisce anche le metodiche e gli esercizi appropriati.

Grazie per la tua disponibilità a dare informazioni.
Un saluto
Gianluca

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret