Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

By xavier
#17223
Volevo dire una cosa...io sono in transizione da aprile circa, quindi un 6 mesi...purtroppo non ho sempre avuto la possibilità di aquistare frutta e verdura biologiche. Nonostante ciò, ho notato comunque miglioramenti a livello mentale e fisico. Ho energie, infatti a volte inizio a camminare veloce senza accorgermene, e potrei camminare veloce per ore...il primo anno universitario è andato benissimo, e sono sempre sorridente efelice. Ovvio, certe volte mi sento un pò più debole, ma ora sempre meno rispetto al primo periodo..
Quindi magari la frutta non biologica non sempre è porcheria...sicuramente se avessi mangiato tutto bio a quest'ora starei ancora meglio, ma comunque i risultati li ho notati anche senza alimenti bio. Ora però è un periodo che mangio mele, fichi e melanzane del nonno, quindi super naturalissimi!!!! La uva la compro dal fruttivendolo e non penso proprio sia bio, ma comunque noto che mi da energia ed è pure buona!!! Per non parlare della pelle morbida e pulita che mi è venuta..possibile quindi che frutta e verdura non bio abbiano anche loro dato risultati???
Salutoni a tutti, Xavier :D :D
Avatar utente
By starmax
#17244
ciao a tutti anchi sono in transizione da circa 5/6 mesi e sinceramente non compro sempre fruta e verdura bio .Credo Che comunque anche se non lo facessi mai sarebbe il minore dei mali.....visto anche il costo certe volte mi sembra veramente esagerato.
Avatar utente
By celestia
#17245
Ciao Starmax
Hai perfettamente ragione, anch'io ho notato che non ci sono grandi differenze, però se posso aggiungere un consiglio: cerca di comprare
prodotti italiani, i limoni sardi sono un pò più aspri ma più buoni, tutte
le volte che è possibile cerco prodotti italiani, oltre ai costi sono più
freschi, e non è una differenza da poco.
Celestia
By Loris1264
#17262
Anch'io spesso non compro prodotti Bio per vari motivi tra cui il vil denaro (essendo divorziato non mi resta granchè al momento anche se so che arriveranno tempi migliori).
Ho iniziato la mia dieta ufficialmente dal 15 Luglio anche se a pranzo mangio frutta da almeno un anno. Mi sono pesato ieri e dagli 88kg (sono 1,83mt) sono arrivato ora a 77kg. Credo di dover rallentare un pò nonostante non abbia particolari problemi se non l'iniziare ad essere magro (ho perso 2/3 taglie)-

E su questo chiedo a voi consiglio : secondo voi qual'è il miglior modo di rallentare? Premesso che carne e pesce non fanno più parte del mio vocabolario, tornare a mangiare un pò di pasta integrale? Patate? Ora inserisco a volte del pane di segale e cereali e del formaggio tipo yocca o philadelfia.. Una o due pizze al mese (vegetariana...!)
Io mi sento bene, sento un cambiamento anche a livello umorale (sono più riflessivo diciamo) ma credo che sia i kg persi ed il contrasto con la mia compagna che non accetta questa mia scelta "estrema" (dice lei) mi costringano rallentare un pò--

Grazie a tutti
Loris
Avatar utente
By mauropud
#17279
Loris1264 ha scritto:E su questo chiedo a voi consiglio : secondo voi qual'è il miglior modo di rallentare?

Ehret indica le patate al forno come il meno peggio tra i farinacei, che secondo me sono quelli piu' efficaci nel rallentare la perdita di peso. Io uso anche il pane secco di segale che in teoria, essendo secco e privo di mollica dovrebbe essere meno colloso. Inoltre, una o due pizze al mese non sono probabilmente cosi' dannose: finirai per rifiutarle tu spontaneamente quando arriverai ad un livello di "pulizia" piu' profondo! :)
By Loris1264
#17280
Grazie Mauro, in effetti pensavo anch'io che, andando avanti, il mio corpo iniziera' a "dirmi" le cose che non desiderera' piu'.
Buon week end!

Loris
Avatar utente
By romax
#17283
mauropud ha scritto:Io uso anche il pane secco di segale che in teoria, essendo secco e privo di mollica dovrebbe essere meno colloso.


Avete mai provato a mettere a mollo il pane duro? La quantità di amido che rilascia è sempre la stessa! Quando viene tostato evapora solo dell'acqua... secondo me il pane di segala è "autorizzato" solo in quanto altamente integrale..

Che ne pensate?
Avatar utente
By celestia
#17285
Il pane di segale è un pane integrale, come tutti i prodotti integrali è una
benefica "scopa" per l'intestino, quindi spazza via i residui, ecco perchè
"incolla" poco o niente, visto che non si tova più il pane nero autentico si
surroga meglio che si può.



"Se dovessi convincermi di qualcosa ne resterei prigioniero. Grazie, preferisco il dubbio".
Avatar utente
By mauropud
#17286
romax ha scritto:Avete mai provato a mettere a mollo il pane duro? La quantità di amido che rilascia è sempre la stessa! Quando viene tostato evapora solo dell'acqua... secondo me il pane di segala è "autorizzato" solo in quanto altamente integrale..
Che ne pensate?


Per quello che ho potuto sperimentare direttamente, credo che Ehret abbia ragione nel dire che la tostatura diminuisce l'effetto colla del pane. Ovviamente tostando pane bianco i risultati non sono granche', ma io normalmente uso pane secco di segale integrale o piu' raramente pane di grano integrale, che contengono un po' delle fibre originali.
In ogni caso il pane e i farinacei in genere sono estremamente collosi (e su questo non ho dubbi avendolo constatato direttamente!) ed e' meglio limitarli il piu' possibile quando non si e' ancora in condizione di eliminarli.
Avatar utente
By glc69
#17295
Ciao a tutti.
la mia esperienza in merito mi dice che il pane bianco, così come la farina, sono colla allo stato puro e che non c'è paragone tra il consumarlo così com'è (cioè gomma, come siamo soliti dire con mia moglie) oppure migliorato con l'effetto benefico della tostatatura.

Personalmente ho optato per il pane di segale tostato da subito, cioè dall'inizio della transizione eliminando dalla sera alla mattina, tra le altre cose, il pane bianco e la farina.

Allo stato attuale ne consumo ancora in eccesso (parliamo sempre di 3-4 fette, non certo di mezzo chilo e comunque solo a cena); quando mangio le insalatone mi piace molto accompagnarle con le "bruschette" di pane di segale con abbondante aglio (senza il benchè minimo senso di colpa nei confronti di chi mi circonda....:D !).

E' ovviamente un'esigenza dettata dal buon senso avendo ridotto moltissimo la pasta, le patate ed il pane ed essendo adesso impegnato nell'eliminazione di altri prodotti.

A questo aggiungo che non mangio più la pizza (mi è capitato due volte in sei mesi).

Tostate! tostate! tostate!
Ciao
Gianluca
Avatar utente
By betula
#17307
Stavo pensando: ma io che macino in casa la farina e mi faccio il pane veramente integrale, mi salvo un pochino? :lol:
Avatar utente
By mauropud
#17310
betula ha scritto:Stavo pensando: ma io che macino in casa la farina e mi faccio il pane veramente integrale, mi salvo un pochino? :lol:


Be', per lo meno usi colla artigianale invece che industriale! :D
Il tuo sara' sicuramente meglio di qualsiasi pane comprato in giro, un po' come la differenza tra verdure del tuo orto e verdure comprate in giro.
Avatar utente
By Felix
#17631
ma perchè il pane di segale e le patate rallentano il dimagrimento?
Avatar utente
By celestia
#17646
Il pane di segale e le patate contengono più zuccheri, carboidrati, e quindi hanno più calorie, sono più nutrienti della frutta e della verdura che tendono a depurare, e a liberare l'intestino, quindi è normale che rallentino il dimagrimento.
Celestia



"Se dovessi convincermi di qualcosa ne resterei prigioniero. Grazie, preferisco il dubbio."

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret