Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Priscilla
#1598
Vorrei raccontare le mie vicissitudini coi clisteri da bambina. Ho avuto un'infanzia molto difficile, a causa di grossi problemi di salute, perchè i miei genitori mi davano una "sana" alimentazione prevalentemente carnea. Ho sofferto di acetone per tutta l'infanzia, solo io so cosa ho passato. Da tanto che vomitavo, il mio cuore è stato lì lì per cedere ed ho dovuto fare anche punture cardiotoniche.
Beh, a parte questa tragedia, una cosa positiva c'è stata: i clisteri.
La vecchia pediatra, tra le tante boiate che diceva, invece aveva consigliato a mia madre di farmi un clistere tutti i giorni, perchè questo mi avrebbe aiutato molto. E così sono cresciuta tra carne, acetone e clisteri.
Forse, se non fosse stato per i clisteri, non sarei sopravvissuta veramente.
Non ho mai avuto assuefazione ai clisteri, che raccomando a chiunque.
Un bel due litri d'acqua tiepida (o camomilla tiepida) preceduta da un goccio di olio di oliva: almeno finché non ci si è purificati ben bene.
Avatar utente
By luciano
#1620
Ciao Mauro! :D
E una questione individuale, io con la tua formula. o molto simile. ingrasso!
Ognuno è diverso è ha una storia alimentare diversa, se poi aggiungiamo farmaci e sostanze chimiche assorbite, si aumenta la differenza.
Comunque la transizione consiste nel ridurre i cibi che creano muco, poi si riduce anche la quantità, e infine si arriva alla dieta senza muco. :D
Nel frattempo chi ne ha bisogno usi i clistere! Ai miei figli ho evitato un sacco di visite dal piediatra, perchè quando li si "doveva" portare per una visita erano già guariti! :D
Avatar utente
By mauropud
#1649
luciano ha scritto:Ciao Mauro! :D
E una questione individuale, io con la tua formula. o molto simile. ingrasso!
Ognuno è diverso è ha una storia alimentare diversa, se poi aggiungiamo farmaci e sostanze chimiche assorbite, si aumenta la differenza.
Comunque la transizione consiste nel ridurre i cibi che creano muco, poi si riduce anche la quantità, e infine si arriva alla dieta senza muco. :D
Nel frattempo chi ne ha bisogno usi i clistere! Ai miei figli ho evitato un sacco di visite dal piediatra, perchè quando li si "doveva" portare per una visita erano già guariti! :D

Ciao Luciano,
sicuramente e' vero che e' una cosa soggettiva: la mia compagna non perde peso come me nonostante mangiamo praticamente le stesse cose.
Per quanto riguarda i farmaci non ne ho presi quasi mai da adulto e li ho sempre evitati come la peste perche' so che roba sono. Da quando mi sono trasferito qui in 4 anni non sono mai andato da un "dottore" se escludiamo un dentista che mi ha impiantato un'amalgama al mercurio :twisted: grrr ma non sapevo ancora di cosa si trattava.
Comunque io credo che devo cominciare a diminuire la quantita' di cibo del pasto serale visto che da un mesetto sono stabile come peso anche se sento che c'e' ancora parecchio da eliminare!
Avatar utente
By Priscilla
#1656
Ho letto la distinzione tra vari tipi di lassativi che è stata fatta. Bene. Poiché anche Ehret consiglia, all'inizio, qualche lassativo naturale, vorrei sapere se quelli costituiti solo da erbe pressate (nome farmaceutico "10 erbe" ed un altro "Sollievo") sono accettabili. In quale delle categorie di lassativi appartengono? Io, oltre ai clisteri, dovrò utilizzare anche qualche lassativo, perché purtroppo ho qualche problema con le evacuazioni.... ahimé... Sarà colpa degli anni di alimentazione massimamente amidacea.
Avatar utente
By arca
#1673
Ciao Priscilla
Il rimedio da te suggerito "Sollievo" è a base di Aloe Vera e ricade sia nella classificazione "b" che in quella "c" del mio precedente post e che cito qui:
a) composti che incrementano la motilità dell'intestino (la peristalsi);
b) che aumentano la quantità di acqua nell'intestino;
c) che agiscono lubrificando l'intestino

Ora spiego il perché:

motivo "b"
questo prodotto fa scaricare acqua dalle cellule dei tessuti intestinali (si dice che interviene su un sistema di regolazione chiamato "canale del cloro").

motivo "c"
il succo di aloe è un lubrificante e quindi "aiuta" certamente l'evacuazione.

il composto è a base di Aloe Vera e due sostanze in esso contenute sono Aloina e l'Aloe Emodina - che sono anche responsabili del sapore amaro della pianta. Sono leggermente tossici, ma la loro concentrazione è sufficientemente bassa nelle foglie da rendere queste ultime tranquillamente commestibili. Comunque sul lungo periodo possono verificarsi dei fenomeni di tossicità cronica, con nausea, crampi addominali, diarree ecc.
In genere, se si assume Aloe (non in forma lassativa) regolarmente per lunghi periodi, è bene fare almeno un mese di sospensione ogni tanto, per dare all'organismo la possibilità di eliminare dette sostanze accumulatesi. Ma è da sottolineare il fatto che l'Aloe Vera che si vende è già privata di questi prodotti (ne contiene chiaramente solo tracce) che sono invece presenti quando è sotto forma di lassativo poichè questa è la loro funzione.
Quindi è meglio prendere tale prodotto (l'Aloe Vera per uso lassativo) per brevi periodi poiché può provocare intossicazione molto più elevata e più in fretta dell'Aloe Vera preparata per altri usi.

Dell'altro prodotto (Le 10 erbe), non è possibile reperire su internet informazioni sufficienti per identificarne la categoria, come da te richiesto. Dovresti contattare l'azienda produttrice, la ESI di Savona: esi@esitalia.com


Personalmente io sarei dell'avviso di evitare i lassativi della categoria b), poiché questi aumentano la quantità d'acqua nell'intestino a seguito di cessione dell'acqua da parte dei tessuti intestinali: questa tecnica, per quanto naturali siano i rimedi, può provocare lesioni nel tratto gastro-intestinale. In ospedale si notano intestini rovinati da anni di uso di sostanze naturali di tipo "b".
Questi rimedi vanno usati solo PER BREVI PERIODI ed in caso di pericolose costipazioni.

Ricorda sempre che il fatto che una cosa sia naturale non ci autorizza l'abuso o l'uso prolungato; Paracelso (il famoso medico ed alchimista del '500 già citato) diceva che tra cura e danno è solo una questione di dose (fermo restante la giusta qualità del rimedio).

Volevo suggerirti due rimedi già citati: i due cucchiai di crusca al giorni e/o il gel che si forma con i semi di lino. Il primo aumenta la peristalsi (a patto che si beva un po' durante il pasto), il secondo lubrifica. Li hai provati?
In più, sappiamo che una dieta equilibrata con abbondanti frutta, verdura, ortaggi, insieme all'assunzione regolare di alimenti ricchi di probiotici (kefir con fermenti lattici vivi, miso, ecc.) sicuramente può dare una mano ad un intestino "assuefatto".

Un caro saluto a te.

Arca
Avatar utente
By Priscilla
#1688
Grazie Arca, la tua risposta è davvero esauriente e molto utile. La terrò in massima considerazione.
Avatar utente
By Priscilla
#1689
Comunque ti metto i componenti de "Le 10 erbe", che ho trovato:

Descrizione: Integratore alimentare a base di erbe polverizzate, regolarizza la funzione intestinale, favorisce la digestione.

Componenti Attivi:
Miscela di erbe polverizzate (Cascara, Aloe, Finocchio, Liquirizia, Senna, Tarassaco, Genziana, Frangula, Rabarbaro, Marrubio).

Modalità D'Uso:
1 o più Tavolette prima di coricarsi con del liquido.

Campo D'Impiego:
:: Regolarizza la funzione intestinale.
:: Esplica un'azione coleretica, digestiva, carminativa.
:: Favorisce la digestione.

Effetti dei Componenti:

Genziana
Tonica, Stomachica Digestivo
Liquirizia
Spasmolitica, Emolliente Lassativo
Finocchio
Spasmolitica Anti-flatulenza
Cascara - Aloe - Cassia - Rabarbaro - Frangula
Stimolazione motilita' colon Lassativo
Tarassaco - Marrubio
Coleretica Lassativo - Anti-flatulenza

Contenuto Confezione:
100 tavolette in flacone
Avatar utente
By arca
#1694
Carissima,
per ciò che mi dici il prodotto "Le 10 erbe" dovrebbe essere Ok, poichè esplica le seguenti funzioni:

COLERETICA che favorisce secrezione di bile

CARMINATIVA che favorisce l'eliminazione dall'intestino di gas sviluppatisi in modo eccessivo

STOMACHICA che promuove la secrezione gastrica e il buon funzionamento dello stomaco

SPASMOLITICO che calma e sopprime gli spasmi

ed inoltre stimola la motilità (caso a) aumento di motilità). L'unica cosa che non si capisce è la descrizione generica LASSATIVO che non spiega con quale sistema espleta tale compito o se si riferisce al solo aumento di motilità.

Comunque poichè NON sono un medico e questo forum NON da consigli medici, la cosa migliore è di assicurarsi al negozio.

ALOE
Ne approfitto per precisare una cosa, anche se già dovrebbe essere chiaro: i prodotti a base di Aloe sono ottimi prodotti ed anche disintossicanti (anche se vi sono vari attacchi in cui si etichetta l'aloe come "quasi inutile" da parte della medicina ufficiale), per cui non vi è alcuna problematica se ci si rifornisce da buoni produttori e seguendo le indicazioni d'uso.
Diversamente può risultare ricca di Aloina e di Emodina una preparazione fatta in casa, visto che già tante volte ho sentito di ricette casalinghe per la preparazione di Aloe.
Le due sostanze - Aloina ed Emodina - sono lassative, battericide ed anti-infiammatorie, per cui si ricade sempre nel solito concetto tra dose curativa ed abuso.

Ciao Priscilla, spero di esserti stato utile.

Arca
Avatar utente
By Priscilla
#1695
Grazie! utilissimo!
Avatar utente
By Bruschino
#1938
pispola ha scritto:Da qualche giorno ho un problema: faccio due soli pasti al giorno, pranzo e cena, evitando di mangiare in modo esagerato, perché questo sarebbe controproducente. Forse per questo motivo, la quantità di cibo che ingerisco non è sufficiente a farmi andare di corpo naturalmente, per cui devo aiutarmi con il clistere. L'impressione è quella di avere tanta roba da eliminare e nel contempo non riuscire a buttarla fuori.
Ora, io il clistere lo uso volentieri, però non vorrei cominciare a farne un uso indiscriminato e rischiare di diseducare il mio corpo alla defecazione spontanea. Per cui mi chiedevo se qualcuno utilizza dei metodi (alimentazione, tisane, ecc.) per facilitare l'evacuazione. Io ne ho letti alcuni e li elenco; qualcuno di voi li ha provati?
1) bere un bicchiere di acqua al mattino e alla sera prima di coricarsi. A seconda delle teorie, c'è chi dice di berla fresca, chi calda, chi con un cucchiaino di miele, chi con un limone spremuto. Cosa devo fare???
2) le classiche prugne secche: non è che abbiano funzionato molto. Dicono che bisognerebbe metterle a bagno la sera prima perché abbiano più effetto. C'è altra frutta/verdura con potere lassante/astringente? Per esempio, mi sembra che i cachi siano astringenti, i fichi secchi lassativi. Qui sarebbe una bella cosa avere una lista.
3) 2 cucchiai di semi di lino messi a bagno in mezzo bicchiere d'acqua la sera prima. Questo ha funzionato, solo che buttar giù tutti quei semi di lino non è facile, non credo che riuscirei a farlo tutti i giorni. Poi non ho capito bene e bisogna masticarli o mandarli giù interi.
4) centrifugare 2 patate crude con la buccia, unire il succo di 1/2 limone e un cucchiaio d'olio, farsi coraggio e mandare giù. Questo è veramente disgustoso, e non mi sembra che abbia dato grandi risultati, per cui non mi sentirei di consigliarlo.


Se mi è concesso, purtroppo intervengo con molto ritardo, visto che l'ultimo post di questa discussione risale a novembre.
Mi sembra di capire che la questione del fatto di non andare bene di corpo, che riguardava Priscilla, sia stata imputata a svariati motivi, forse tralasciando secondo me quello più importante e forse unico responsabile: Priscilla affermava di mangiare solo due volte al dì.. potrebbe allora esser la scarsa quantità di cibo la cusa?
Aldilà di tutti i rimedi per indurre l'evacuazione, vorrei capire se le fibre contenute in frutta e verdura siano già sufficienti e più utili della crusca, clisteri o altro.

A tal proposito, un rimedio molto utile per aiutare l'espulsione delle feci presumibilmente "bloccate" nell'intestino, credo sia quello di svolgere anche regolare attività fisica. Eseguire soprattutto esercizi per gli addominali oltre che per tutto il corpo, inducendo un sufficiente grado di affaticamento; credo stimoli bene l'evaquazione. Non so, questo è solo un mio parere

Tuttavia il mio problema attuale è infatti l'esatto opposto: evaquo troppe voltè al dì perchè suppongo, contrariamente a Priscilla, mangio troppe fibre (frutta e verdura).
Avatar utente
By arca
#1984
Aldilà di tutti i rimedi per indurre l'evacuazione, vorrei capire se le fibre contenute in frutta e verdura siano già sufficienti e più utili della crusca, clisteri o altro.



Sì, la sola frutta, per i nutrienti che contiene, sarebbe più che sufficiente e più utile, così come anche la verdura.
Ma la motilità dell'intestino non è funzione solo di ciò che si mette dentro (fibre), ma anche dal suo stato di salute.

Ciò significa che un organismo in non buone condizioni non potrà nutrirsi di sola frutta poiché questa sarà causa di infiammazioni intestinali che avranno, a loro volta, un riflesso sulla motilità e quindi sull'intossicazione del sangue. Ed inoltre potrebbe anche aver bisogno di clisteri.

La sola frutta sarebbe più che sufficiente a svolgere tutte le funzioni organiche, solo che per ognuno è necessario stabilire quando è il momento di applicare il relativo metodo. E' per questo motivo che il sistema Ehret non è personalizzabile e quindi non potrà mai essere un manuale tascabile.

C'è un tempo per ogni cosa e la crusca, per alcuni o per molti, può essere, per alcuni, un ottimo strumento di partenza: non dimentichiamo che, per quanto utile, si tratta comunque di un prodotto di lavorazione dei cereali e che, a dosi di oltre due cucchiai al giorno, può causare problemi al calcio delle ossa.
Quindi speriamo di passare tutti al più presto alla sola frutta. :D

Ciao.
Arca
Avatar utente
By Bruschino
#1986
Arca, non è passato molto tempo che ora il problema sembra che si stia presentando anche me. Attualmente sto liberandomi solo al mattino e tuttavia credo che ho bisogno di incrementare le dosi del cibo perchè mi è stato spiegato, e tu me ne darai conferma, così come nel libro, che non bisogna eccedere troppo nelle fasi di transizione eliminando troppo repentinamente i cibi. Oggi ho digiunato fino alle 13,40 (notte compresa) ed ho avuto la glicemia alta e durante tutto il giorno ho mangiato poco. Ecco così spuntare lo specchio magico: due belle occhiaie, pallore in viso, debolezza e mancanza di vitalità, soprattutto stasera mentre mi esercitavo nel canto lirico.
Non voglio perdere vitalità perchè sto studiando il canto con molta serietà e spesa economica, fra l'altro a giugno affronterò un difficile esame al conservatorio.

Cosa mi dici a tal proposito, stitichezza compresa?
Avatar utente
By arca
#1995
Eccoci qua, caro Bruschino.

mi è stato spiegato, e tu me ne darai conferma, così come nel libro, che non bisogna eccedere troppo nelle fasi di transizione eliminando troppo repentinamente i cibi.


Puoi spiegarti meglio per piacere, non capisco cosa e da chi ti è stato spiegato e circa quale riferimento del libro.

Ecco così spuntare lo specchio magico: due belle occhiaie, pallore in viso, debolezza e mancanza di vitalità, soprattutto stasera mentre mi esercitavo nel canto lirico.

Non è esatto: lo specchio magico di Ehret è la lingua; questi sono indicatori spesso contestuali.

Non voglio perdere vitalità perchè sto studiando il canto con molta serietà e spesa economica, fra l'altro a giugno affronterò un difficile esame al conservatorio.

Una disintossicazione e quindi un'affluenza nel sangue di tossine, provoca una perdita di vitalità. Puoi ridurre questo disagio per mezzo di una più tranquilla disintossicazione (frutta e verdura cotte ad esempio).
E' importante anche per tenere sotto controllo il diabete poiché una veloce disintossicazione può portare a scaricare nel sangue accumuli tessutali di insulina che, sommata a quella delle dosi giornaliere, può dar luogo a coma diabetico per ipoglicemia. Quindi attento, specie per la notte.
Arca
Avatar utente
By Bruschino
#2001
Volevo riferirmi con ".. mi è stato spiegato" a qualcuno che lo ha scritto qua nel forum se non ricordo male.... Ehret sconsiglia comunque di passare immediatamente ad una dieta di solo frutta e verdura (forse come ho fatto io) e di effettuare la transizione lentamente.

In effetti lo specchio magico è la lingua, mi scuso per essermi espresso male.

Per quanto riguarda quanto dici sull'insulina, mi riferisco al riversamento nel sangue di accumuli tessutali di insulina a causa di un repentina disintossicazione, questo non l'ho sperimentato, anzi, devo dire che se non sto attento, e consumo ad esempio fichi secchi o frutta disidratata in eccesso o troppa frutta, la mia glicemia si alza facilmente ora più che in passato. Figurati se mangio del pane o della pizza come un tempo!

Arca, potresti spiegarmi come è possibile che dell'insulina si accumuli nei tessuti?
Avatar utente
By arca
#2004
Arca, potresti spiegarmi come è possibile che dell'insulina si accumuli nei tessuti?

Ciao Bruschino, non è che c'è molto da spiegare: il corpo cerca di "togliersi dai piedi" depositando nei circuiti grassi (lipidici) le sostanze estranee. L'insulina assunta è una sostanza estranea al corpo stesso poiché non prodotto direttamente da esso e comunque si tratta di un prodotto sintetico.

Ti sei mai chiesto perché i tossicodipendenti dopo tre e sei mesi vanno nuovamente in crisi e devono passare nuove crisi di astinenza? Poiché le sostanze di cui hanno abusato, vengono rilasciate nel sangue e danno luogo a delle sensazioni proprio come se in quel momento avessero fatto uso di sostanze; questo, tecnicamente, è definito TRIP, viaggio.

In fase di disintossicazione è normale che i circuiti grassi cedano e riversano nel sangue le sostanze che imprigionavano per proteggere il corpo da esse.

E' normale che sia così. Una persona che sta seguendo il sistema sta avendo questo tipo di reazione e si trova ad avere bruschi cali di glicemia con rischio di coma. Gli ho più volte consigliato di ridurre il carico di crudo a favore di cibi cotti e quindi non potentemente detergenti quanto il crudo, quindi di seguire una dieta di transizine "più di transizione".
Però la medicina non si è ancora riuscita a spiegare perche vi sono queste crisi ipoglicemiche a diabeti che fanno uso di insulina. Bah!!!!!!
Arca

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Libri di Arnold Ehret