Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Felix
#17655
Nelle tabelle di berg si indica il The come un mucolitico potente...

ormai non mi stupisco piu di nulla visto che il limone ho sempre pensato che "stringesse" ma anche fluidificante...

cosi come il the è astringente... ma ha l'effetto tipo il limone?

come lo preparate voi? e quando lo bevete?

avrebbe senso alla mattina invece di farsi il solito bicchiere d'acqua tiepida con limone... farsi direttamente un the al limone molto piu piacevole?
Avatar utente
By luciano
#17663
Il the è più che altro uno stimolante.

Ehret non consiglia né the né caffè, se non per permettere alla persona assuefatta a una particolare bevanda di liberarsene gradualmente, ma non per farne uso continuo.

Le tabelle di Berg sono lì solo per dire che anche altri erano arrivati più o meno alle sue conclusioni.

Ma non significa che appoggi Berg e le sue tabelle.

Il fatto che alcuni alimenti o bevande siano mucolitiche non significa che vanno necessariamente bene per la dieta.
Avatar utente
By Felix
#17668
hum... e quindi con che criterio posso sapere se un alimento va bene oppure no se quelle tabelle non sono da prendere alla lettera?
Avatar utente
By luciano
#17670
Semplice.

Frutta e verdura a foglia verde non creano muco.
Verdura cotta un pochino, quelle amidacee soprattutto (zucca, patate, ecc.)
per le bevande l'acqua non crea muco.
Poi ci possono essere bevande tipo limonata che aiutano a sciogliere.

Anche il vino scioglie il muco, ma non lo consiglio come mezzo per farlo. :lol:

Il punto è che più semplice e naturale si mantiene la dieta meglio è.
Questo non significa che si debba rinunciare a un caffè o a un the, ma non farne diventare un metodo per sciogliere il muco, perchè il rimedio sarebbe peggio del male.

Ma leggendo i vari post e poi sperimentando tu stesso, a un certo punto saprai intuitivamente cosa fare in ogni specifica situazione.

Intanto prova, e sbaglia pure, l'importante e imparare da eventuali sbagli.

E ti assicuro che se sbagli, e ti trovi li a digerire come un serpente che ha ingoiato un cinghiale, impari. :D
Avatar utente
By parider
#17671
Tieni conto che i cibi amidacei e quelli grassi creano muco perchè non sono cibi "puliti", a differenza appunto di frutta e verdura a foglia verde.
Poi naturalmente il buon senso può indicarti cosa è "meno peggio" mangiare.
Credo ad esempio che intuitivamente capisci che mangiare un avocado (cibo grasso) nell'insalata è molto meglio che mangirarsi della mortadella.
Oppure che mangiare delle patate (amidi) è meglio del pane bianco.
O ancora che l'olio d'oliva è meglio del burro, e così via.

Il buon senso e la naturalità sono i mezzi che ci possono guidare.
La comprensione di cosa è migliore o peggiore per noi diventa qualcosa di "spontaneo".

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret