Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By mariella
#18224
Ciao a tutti!
Ed eccomi qui dopo un pò di tempo...Ma non mi sono mai allontanata!

Anche questa volta ho bisogno di aiuto: io e mia figlia abbiamo scoperto di aver i..pidocchi in testa!

Stiamo usando i soliti trattamenti chimici da farmacia, più l'uso del pettine a denti fini con il tentativo di togliere uova (lendini) e animaletti.
Ma sembra ci sia un pò di resistenza..
Oltre ad usare acqua ed aceto per staccare più facilemente le lendini, cosa mi suggerite?
Sono un pò depressa...e..in preda al panico a trovarmi sgraditi ospiti in testa, che non se ne vogliono andare..

Grazie!
Mariella
Avatar utente
By mariella
#18428
Non c'è nessuno che mi da' qualche suggerimento?
Avatar utente
By luciano
#18436
Ciao Mariella, non saprei cosa indicarti, anni fa la mia bambina è tornata da scuola con i pidocchi ma non mi ricordo come ha rimediato la mia ex-moglie.
By cieliazzurri
#18440
mariella ha scritto:Non c'è nessuno che mi da' qualche suggerimento?



Tempo fa ho sentito l'erborista vicino a casa che diceva ad una cliente di fare un impacco con dell'olio essenziale di TeTree. Non mi ricordo però come come va usato per questa situazione.
Forse basta diluirlo in un poco di olio neutro.
5, 7 goccie in due cucchiai di olio (oliva, mandorle, quello che hai) dovrebbero bastare. Lo lasci in posa un'oretta e poi lavi per bene i capelli. :wink:

O metti qualche goccia in testa qualche giorno e vedi cosa succede. Attenta agli occhi, da fastidio.

Ciao :P
Avatar utente
By mariella
#18457
Vi ringrazio, proverò!
By susi
#18460
mariella ha scritto:Vi ringrazio, proverò!


Guarda qui:
http://www.lerboristeria.com/index.php? ... sonale.php

ho trovato l'olio di Pid che sembra possa essere efficace contro i pidocchi.
Ciao
Susi

P.S. E leggiti anche questo documento che tratta anche il problema delle resistenze
www.ilpidocchio.it/pdf/linee_guida01.pdf
By benito121
#18706
Metodo naturale che funziona

I pidocchi e le loro uova sono vivi perciò reagiscono , noi dobbiamo sfruttare proprio questo ed eco come si fa :

Si compra in farmacia un pettine di metallo inox ( marca , Lendix) con denti lungi circa 4cm molto stretti.

Poi si tuffa nella vasca pieno di acqua circa 30 min lasciando fuori solo il naso per respirare si esce fuori e si pettina i capelli bagnati con questo pettine vedrai che a ogni passaggio bisogna pulire il pettine con un foglio di carta e poi con acqua.

Ripeti la stesa cosa tante volte al giorno se non voi entrare nella vasca basta immettere la testa in acqua per 30 min.
Perché funziona ?
Perche i parazitti in mancanza di aria ed in abbondanza di acqua si gonfiano come dei palloni e diventano tropo lenti e facilmente rimossi con il pettine per carenze di forza. La stessa cosa vale anche per le uova.
In un paio di giorni non avrai piu nulla e non sarai intossicata dal gel tossico.

Questo e la mia esperienza con le mie bimbe due anni fa.


Fai attenzione ai telefoni pubblici e i pullman
Avatar utente
By mariella
#18720
Non so proprio come ringraziarvi tutti.

E' proprio vero: sto debellando i maledetti ospiti proprio grazie a questi pettini in acciaio inox, a denti strettissimi.
Quando avevo i figli piccoli avevo preventivato di poter incorrere in questo rischio, ma mai più avrei pensato che con una figlia di 16 anni poteva succedere!
Cerco sempre di non usare prodotti chimici, anche per non creare assuefazione.

Grazie ancora a tutti, anche questa battaglia deve essere vinta!
(già devo combattere con emorroidi, colite, depressione per problemi lavorativi e...golosità che mi fa "debordare" dai propositi!....).

Un grazie ancora a Luciano, che è un punto fermo per serietà e rigore.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret