Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Felix
#18225
Non sono riuscito a capire una cosa... il mais crea muco? Crea colla?

Teoricamente non essendoci glutine il mais dovrebbe essere abbastanza innocuo no?
Avatar utente
By Felix
#18245
Ma diciamo che ne ho sempre fatto a meno :D e stavo leggendo che è un buon regolatore intestinale... ed essendo ancora intasato il pensiero di integrarlo nei pasti non mi dispiaceva...

ma mi sono convinto a fare un'idrocolon sennò qui ci metto una vita a tirare via 30 anni di alimentazione sbagliata tramite l'alimentazione
Avatar utente
By luciano
#18271
Felix ha scritto:... stavo leggendo che è un buon regolatore intestinale...
A che pagina del libro lo hai letto?

Scherzavo.

Intendo dire che dopo aver letto il libro dovresti sapere che crea muco. Cereale = Muco. Punto.

Molti "alimenti" vengono chiamati "regolatori intestinali" quando in realtà il corpo cerca di liberarsi al più presto di tali "regolatori", dando la parvenza che sia un regolatore.

Non so se sono riuscito a farmi capire nonostante il gioco di parole.
Secondo tale concetto di "regolatore intestinale", il guttalax è un ottimo regolatore intestinale.

Inoltre il mais, quello lessato delle lattine, fermenta con quasi tutto il resto che si ingerisce.
By syncster
#18278
e pensare che mi paiceva un sacco quello della bonduelle :lol:
Avatar utente
By luciano
#18282
syncster ha scritto:e pensare che mi piaceva un sacco quello della bonduelle :lol:
Niente è proibito, solo si deve sapere cosa fa qualcosa quando lo si ingerisce. :wink:
Avatar utente
By Felix
#18283
"Non so se sono riuscito a farmi capire nonostante il gioco di parole. "

si.. ho capito.. in pratica regola l'intestino.. non perchè aiuta l'intestino stesso... ma perchè in realtà l'organismo cerca di sbarazzarsene

Però mi fai capire solo una cosa?

Allora.. quinoa, miglio, grano saraceno... non sono cereali.. questi vanno bene? o cmq sono i "meno peggio" nel senso che creano muco ma sono ancora tollerabili?
Avatar utente
By Felix
#18285
"A che pagina del libro lo hai letto? "

Il libro è molto convincente.. ma a tante domande (che magari mi faccio solo io per carità) non v'è risposta... nel senso che per chi deve affrontare la transizione capire bene quali sono gli alimenti che creano meno danni... tra la miriade di alimenti che ci possono essere sulla tavola... è molto importante

Io mi basavo sulle tabelle di berg... ma poi viene detto che sono solo indicative e che non sono da prendere alla lettera...

alchè capisci che uno si sente un po "perso"

Tipo.. esempio stupido.. Se voglio mangiare della frutta secca.. le tabelle di berg mi dicono che le noci fanno piu muco delle nocciole... alchè uno dice "prendo le nocciole".. poi però nel libro quando si introduce qualche frutta secca si parla di noci..

ci sono delle cose che disorientano un po a dire il vero...
Avatar utente
By luciano
#18296
Felix ha scritto:.. Se voglio mangiare della frutta secca.. le tabelle di berg mi dicono che le noci fanno piu muco delle nocciole... alchè uno dice "prendo le nocciole".. poi però nel libro quando si introduce qualche frutta secca si parla di noci..
Noci e nocciole più o meno siamo lì.
Il punto è che non si deve essere fiscali, uno sta lì a guardare noci o nocciole poi ti mangi un piatto di pasta e poco cambia se hai mangiato noci e nocciole.

Il problema di più o meno muco e irrilevante se comunque non si mangia come si mangiava prima, di tutto, schifezze comprese.

In transizione si mangiano comunque cibi che creano muco, l'importante è diminuire gradualmente. Molto gradualmente.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret