Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By soultrap
#19197
ciao a tutti, era la prima cosa in cui credevo, era la prima cosa a cui tenevo veramente, ma come tutte le cose belle a cui uno tiene sono costretto a rinunciare, colpa della cattiva informazione medica ti sempre, colpa della televisione e di tutte le riviste alimentari che dispensano cure e principi di corretta alimentazione

non riesco più a sopportare mia madre, i miei genitori sono diventati insopportabili, perciò da oggi credo proprio che non riuscirò ad adottare più la dieta

non vedo l'ora di vivere da solo così solo potrò fare ciò che voglio.

sono tristissimo, ma non sò che fare credetemi e figuratevi che non ho accennato alla dieta altrimenti mi ricoveravano come pazzo, sono fissati che bisogna mangiare un pò di tutto

ma che ci posso fare, non vorrei arrendermi...aiuatemi vi prego

un grazie a tutti ed in particolare a luciano che ha creato il forum

grazie per aver ascoltato il mio sfogo

un saluto a tutti
By Cosmonauta
#19198
Ehi soultrap ascolta,

fermati un attimo e prenditi una pausa, non è questione di vita o di morte solo che devi essere sereno per fare la transizione sennò ti fai del male e basta.

Magari lascia andare e non pensare al muco, ti rilassi un po' e dopo consideri la cosa.
Puoi sempre riprendere con calma. :wink:
Con i famigliari o ci si arma di pazienza infinita o come dici tu si va altrove.
A volte è più dura spiegare perchè si fa questo alle persone vicine che rinunciare a una tentazione... :roll:

Sono sicuro che andrà tutto bene.
Facci sapere.

Un Ciao Cosmico! :D :D :D
Avatar utente
By soultrap
#19200
ti ringrazio molto, ma vedi io voglio continuare e non ho proprio la necessità di assumere nuovamente quei cibi che avevo eliminato e non voglio farlo

purtroppo mi vedrò costretto però, perchè non riesco a contrastare i miei genitori, infatti mi stanno dando più problemi loro che la transizione, per me orami il cibo che mangiavo prima non ha più senso ne sento il desiderio di assumerlo

ecco cosa mi fa arrabbiare maggiormente, dover mangiare ciò che adesso non mi piace più.....
By Cosmonauta
#19202
Ma mica dicevo di rimangiare tutto in blocco, non so dì a tua madre che a una cosa ne preferisci un'altra, fa in modo di avvicinarti di più alla transizione.

Sai la mamma com'è cominci ventilargli che una cosa non ti piace e anche se non sembra ti ascolta e cerca di accontertarti, di solito almeno.

Una cosa oggi, una cosa domani... :wink:

Per dirti, una volta a mia madre ho fatto tutto un discorsone sul muco e lei dopo avermi ascoltato ha preso una coca dal frigo per offrirmela, ma era seria non stava scherzando e nell'altra mano mi stava porgendo un kinder pinguì. :roll:

Allora gli ho detto che alcune cose non mi piacevano più e la volta dopo ho trovato un pranzo gìà più accettabile.
Senza farla impazzire, così in maniera tranquilla, però la carne io la lascio nel piatto, eh si!
Patti chiari. :D
Avatar utente
By luciano
#19205
Ci sono solo due cose che si possono fare, se non si riesce a convivere con i famigliari "a causa" della dieta senza muco.

Recedere, e ritornare alla vita di prima continuando a mangiare come prima, perchè i famigliari difficilmente accetteranno compromessi se non accettano le scelte del congiunto che credono impazzito.

L'altra è di andarsene, senza rimpianti. Questo però se si è consapevoli delle proprie scelte e delle proprie certezze e se si è disposti ad affrontare le responsabilità e i rischi che tale scelta comporta. Questo significa spesso rimanere soli, perchè i parenti sono arrabbiati per non aver accettato i loro saggi consigli e potrebbero anche richiedere il ricovero forzoso in una clinica per malati mentali, perchè curino il loro figlio/parente uscito di senno. E l'appoggio da parte delle istituzioni lo otterrebbero facilmente, perchè non aspettano altro per riempire la gente di psicofarmaci.

Questo lo si potrebbe risolvere ritornando alla dieta onnivora per un bel po' di tempo e non parlare nemmeno per sbaglio della dieta senza muco, poi diventare autosufficienti e decidere di andare a vivere per proprio conto, magari con una compagna, perchè si ha deciso di fare una propria vita sostenuta con le proprie forze, possibilmente trovando un lavoro lontano almeno 300 km.

Magari ti comprano pure l'appartamento.

Soluzioni traumatiche e compromessi non hanno mai funzionato, non solo per la dieta senza muco, ma per qualsiasi cosa perchè non lo permetteranno per "il tuo bene".

Purtroppo la maggior parte delle persone non sa cosa significa amare, crede che sia imporre le proprie credenze sugli altri, incluso i propri figli, credendo che significhi amare.

Sempre "per il tuo bene".
By Cosmonauta
#19209
Beh, quello che dice Luciano è l'ideale, se però intanto stai lì prova così.

Ah, io vivo solo naturalmente, ma non accetterei mai di mangiare certe cose, mai, quando vivevo con i miei ero quello "fissato" per interderci, posso accettare una pasta, un dolce, ma altre cose, no.
Vedi la pasta al forno con le sottilette! :?
Se ci tieni veramente almeno un po' devi importi.
Questo è ovvio.

Mia madre è avvisata e non solo lei.
Comunque se non altro ha smesso di offrirmi coca cola e merendine varie. :P

Saluti Cosmici! :D :D :D
Avatar utente
By Ramita
#19220
concordo con comso in pieno...
soultrap...non intrappolarti da solo e non devi rinunciare per forza per fare contenti i tuoi... o per ritrovare la pace in famiglia.
la vita ed il qui ed ora...il domani puó anche svanire in un istante, se la dieta senza muco é per te un principio sul quale basare il tuo stile di vita non devi rinunciarci. solo...cerca di "inzuccherare" la pillola con i tuoi. non essere drastico con loro. fai capire fino a che punto dei disposto a fare un compromesso e non oltre. sono certa che a casa tua circoleranno frutta e verdura, se vedi la non collaborazione fatti i tuoi piatti, mangia quello che vuoi senza star a discutere con loro.
...l'indipendenza non é mai una cosa che viene cosí di botto...la si raggiunge gradualmente e non é mai una cosa esterna...
sai...la psicologia mi viene familiare avendo una mamma psicoterapeuta (mezza ehretista e transizionista dopo averla contagiata dall'oregon!)
ti voglio dire di cuore: forse una parte di te sta lottando per l'indipendenza che senti di non aver raggiunto totalmente vivendo ancora in familgia.
però: questa famosa indipendenza non viene dal fatto di vivere soli, ce ne sono a mille e a mille che vivono sciolti per il mondo e che ancora si sentono dipendenti dalla loro famiglia. é una questione interiore.
non mollare tutto...non é mai o bianco o nero...
scusa se te lo chiedo...perché c'é un dettaglio pratico: lavori? studi? se hai un introito tuo la cosa non sussiste, certo se sei economicamente dipendente é piú dura lo so benissimo.
peró datti del tempo, non essere cosí spietato con te stesso e nemmeno con loro.
altra cosa...forse in questo tuo mollare ci sono delle resistenze a fare il salto finale e cambiare totalmente. la paura che i tuoi cari non ti accettino piú...ma tutto cambia e si trasfrorma. so che ci sono persone che sono statiche e quando vedono un loro caro cambiare sono terrorizzati, e allora bisogna rassicurarli un pó. non lasciarti prendere da un panico che non ti appartiene. guardati bene e chiarisciti su quale vuoi che sia il "TUO film" e guardati il film degli altri....non siamo invischiati totalmente con gli altri...la tua vita ed il tuo essere si incontrano solo con quelli della tua famiglia, ma non siete una cosa unica...tu sei un essere a se stante. ricordati di questo e con questo puoi comprendere di piú le insicurezze dell'altro ed aiutarli, rassicurarli.
le frustrazioni ci devono spingere a far meglio...non arrenderti. troverai un tuo equilibrio ne sono certa!
elisa ramita
Avatar utente
By soultrap
#19224
grazie di cuore a tutti, anche a te luciano.

lavorara lavoro con mio padre però, ho 22 anni, già da prima comunque avevo abbandonato un'alimentazione più ricca per passare ad una meno pesante, tuttavia adesso non riescono a capirmi

come ripeto però non provo più voglia per quei cibi lavorati e della società odierna, ma amo e ripeto amo gustare la frutta e la verdura, più la frutta però

e devo dire che mi sento benissimo da quando ho adottato questa alimentazione, il mio corpo non ha più un cattivo odore, le gengive non mi sanguinano più, non ho più forfora ne capelli grassi

non mi sento proprio di ritornare ad avere tutti questi problemi, perciò vedrò adesso cosa fare, comunque già mi preparavo i miei piatti da solo e che purtroppo mia madre non riesce a capire che ciò che faccio serve a guarire e non ad ammalarmi

un caro saluto a tutti
alessi domenico
Avatar utente
By krishnacry
#19265
già altre volte si è parlato dell'indipendenza dai famigliari per poter vivere come si vuole la propria vita, il sistema di Ehret funziona perchè la verità che insegna è l'esatto contrario delle "certezze"che la società ci propina,così funziona perchè aiuta a liberarci anche dalle prigionie mentali in cui siamo nati,una volta capito che la libertà è la cosa più importante,non se ne puo più fare a meno.forse è arrivato anche il tuo momento!!!
bisogna però ricordarsi che anche i nostri genitori sono dei prigionieri,e quando uno è rimasto tanto in prigione poi ha paura a uscirne.
tu hai avuto la fortuna di trovare una delle chiavi che aprono la cella,devi solo avere il coraggio di usarla
un abbraccio da una "quasi"ex prigioniera!!! (ci sono tanti tipi di prigione!!!)
cry
Avatar utente
By erre
#19268
salve
sono d'accordo su tutto.

Mi permetto di esprimere un mio pensiero.

Quello che ho potuto constatare tra le persone vicine con le quali mi incontro giornalmente (vedi figli e moglie a gli altri sia al lavoro che in altri contesti) e' che si limitano a contrastartmi in quello che facio senza conoscerne minimamente il principio e le motivazioni che questi scaturisce nel proprio sentire.

Scartano a priori l' ipotesi che la dieta senza muco (senza voler sapere niente di essa) sia valida.

Sono convinto che se leggessero il libro e tutti gli articoli scritti da Luciano nei due siti, molti di loro cambierebbero opinione o comunque non si opporrebbero come fanno oggi. Anzi , è sicuro che molti di più la praticherebbero.

Non solo è una questione del proprio sentire, ma soprattutto di informazione personale.
Roberto
Avatar utente
By Felix
#19270
se ti può consolare... siamo tutti sulla stessa barca ;)
Avatar utente
By Angela
#19332
ciao, ti parlo da tua coetanea,
ti capisco perfettamente quando dici che la tua famiglia ti sta rendendo il tutto impossibile ma credo anche che, come dice Ramita il problema principale sia il fatto che ti identifichi eccesivamente con loro , quasi fosse una forma di tradimento lo sviluppare una personalità e un pensiero propri.

Fidati che allontanarsi "fisicamente" da casa se prima non ci si è costruiti un identità propria non serve a molto.
Per quanto riguarda la dieta, devi per un attimo metterti nei loro panni: "sanno" (perchè bombardati di notizie in tal senso) che è indispensabile mangiare determinate cose per essere sani, non ammalarsi ecc....
ora tu non vorresti assicurarti che i tuoi figli stiano bene e in salute?
E' giusto e più che normale che si preoccupino per te e perfino che tentino di ostacolarti, sono convinti di quello che fanno e non puoi fargliene una colpa.

invece di metterli immediatamente davanti alla tua teoria, tenta di "conquistarteli" piano piano, cerca di instillare in loro il dubbio poco per volta.....e fidati che proprio dai loro esperti di nutrizione arrivano le contraddizioni più grandi!

Esempio banalissimo: mia madre terrorizzata all'idea di poter soffrire di osteoporosi su consiglio del medico non si è mai fatta mancare negli ultimi anni una bella tazzona di latte ad inizio giornata, risultato? Immediata impennata dei valori del colesterolo alla quale il medico ha prontamente risposto: "elimini tutto il latte e i latticini", strano eh?!

...poi giusto la settimana scorsa (quando si dice il caso!) leggendo un giornale incappa in un articolo dal titolo "osteoporosi occhio alle proteine" nel quale si afferma che una dieta ricca di proteine (latte e carne in testa) non fa altro che indebolire la struttura ossea invece che rinforzarla,
e cito testualmente :"le proteine animali durante la digestione producono scorie acide altamente tossiche. Per eliminarle l'organismo deve tamponare l'acidità utilizzando un minerale altamente alcalinizzante: il calcio".

...e se lo dice anche il giornale!!

Comunque, se ne sei realmente convinto e se stai effettivamente meglio, credo che già solo il vederti convincerà pian piano anche gli altri.

un caro saluto
Angela
By smilla
#19336
Angela ha scritto:...e se lo dice anche il giornale!!


fidati, non c'è da fidarsi! battute a parte, non è la prima volta che lo sento dire (la storia del calcio)
Avatar utente
By Felix
#19337
"le proteine animali durante la digestione producono scorie acide altamente tossiche. Per eliminarle l'organismo deve tamponare l'acidità utilizzando un minerale altamente alcalinizzante: il calcio".

"fidati, non c'è da fidarsi! battute a parte, non è la prima volta che lo sento dire (la storia del calcio)"

Il problema è che è vero. Il processo di demineralizzazione viene spiegato bene nel libro di jentchura

la dieta senza muco non mette in discussione il fatto che l'osteoporosi sia dovuta a demineralizzazione per neutralizzare gli acidi... piuttosto propone una soluzione dietetica a lungo termine per evitare che ciò accada eliminando quasi del tutto le sostanze che generano acidi e "bombardando" il corpo di minerali
Avatar utente
By Foca
#19338
Carissimo Soultrap.... pensa a me... mi trovo nella situazione opposta.... "devo cucinare SALSICCE di maiale" ai miei figli 8O 8O

Ti sono molto vicina, e ti invito a NON arrenderti, cercando di non scontrarti con i tuoi familiari.
Del resto anche io quando avevo i bimbi piccoli andavo dietro ai consigli della "massa" e cercavo di non far mancare una buona fettina di carne ai marmocchi.

E .... se penso a quanto ho sofferto quando mio figlio maggiore NON mangiava, quanti sensi di colpa mi facevo.
Con la bimba è andata meglio, adesso quando non mangia sono molto contenta.

Perchè non provi a far leggere ai tuoi questi commenti?
Chissà..... :wink:

Ciao Soultrap :lol:
Ciao a tutti da Valerio

Ciao Valerio, benvenuto. :D Il primo passo è ac[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret