Arnold Ehret Italia

Il digiuno è un argomento interessante e importante e uno strumento che va al di là di quanto attualmente si conosce a riguardo e merita un suo spazio dedicato

Moderatore: luciano

Avatar utente
By maxi
#19930
Ciao a tutti,
ho una curiosità da chiedervi. da qualche mese ho iniziato la dieta di transizione, anche se, per motivi di lavoro purtroppo faccio parecchi sgarri. Ad ogni modo, qualche giorno fa ho fatto il primo digiuno di 36 ore. tutto ok, un po' di mal di testa, parecchi sogni strani, poi un forte dolore alla cavigla che persiste da qualche giorno. E' possibile, secondo la vostra esperienza, che si tratti dei dolori descritti da Ehret che indicherebbero dei punti deboli?

grazie a tutti

Maxi
By Cosmonauta
#19932
Ciao maxi,

ho poca esperienza in digiuni ma secondo me è proprio così.

Quando ho provato un digiuno ho avuto dolori forti allo stomaco, che è un mio punto debole e se vado a frutta e verdura per qualche giorno si riacutizzano altri acciacchi.
Ho visto che permettendo alla disintossicazione di continuare, il dolore poi scompare, quando non ce la faccio interrompo e mangio cereali.
O qualcosa che stoppa la furia dello scioglimento.
Insomma mi dò un'inamidata, così non faccio una grinza... :lol:
Il dolore scompare ma so che ritornerà con il consumo di frutta e verdura o con un digiuno.

Questo è quanto posso dirti per ora.

Un Saluto Cosmico! :D :D :D
Avatar utente
By maxi
#19934
ciao Cosmonauta,

grazie per condividere la tua esperienza. Il mio dolere alla caviglia si ta dimostrando veramente strano; sembra quasi si muova all'inizio era nella caviglia poi e sceso nel tallone e ora sendo delle fitte sul lato esterno del piede. Oggi, come dici tu, mi sono dato un inamidata, vediamo cosa succede. Certo che è veramente fantastico poter ascoltare il proprio corpo in questo modo.

saluti

Maxi
Avatar utente
By Onda
#19952
Ciao Maxi,
Curiosamente io ho avuto una esperienza analoga al mio primo digiuno, anch'io di 36 ore...
Il mio doloretto però si era localizzato al ginocchio sinistro che mi doleva molto al solo piegarlo. (Mai avuto problemi col ginocchio sinistro, si può dire che fosse l'unica giuntura che non mi abbia dato noie :) )
Dopo due o tre giorni, ora non ricordo meglio, è passato completamente.
Era già da tre mesi che non mangiavo più nè carne, nè proteine animali di nessun tipo. Saranno stati gli accumuli di acido urico in smaltimento?
Ale
Avatar utente
By mauropud
#19960
Onda ha scritto:Era già da tre mesi che non mangiavo più nè carne, nè proteine animali di nessun tipo. Saranno stati gli accumuli di acido urico in smaltimento?

A naso io opterei per il si'! :D
Soprattutto se il dolore si muove mi sembra piu' probabile che si tratti di tossine in movimento...
Avatar utente
By luciano
#19976
Una volta mi sono crepato un ginocchio cadendo sul pavimento mentre correvo con mio figlio in braccio, un bambino mi ha fatto lo sgambetto, senza accorgersene, e così ho dato una bella botta al ginocchio..."crack!".

Quel ginocchio era diventato un barometro di precisione, annunciava con fitte che mi facevano zoppicare tutti i cambiamenti del tempo.

Durante un digiuno, si è gonfiato da fare impressione, poi si è sgonfiato, poi sentivo il dolore che "girava", a destra, sotto, sopra a sinistra, poi è scomparso e non è più tornato. Adesso per sapere che tempo fa devo guardare le previsioni del tempo in TV, e non sono così precisi come lo era il mio ginocchio... ma sono contento lo stesso.

Credo che oltre alle tossine il digiuno rimuova anche vecchi traumi e ho notato che prima che questo avvenga i dolori "girano", aumentano, diminuiscono e scompaiono.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret