Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Calogero
#21174
Ho iniziato la dieta di transizione da un mese.
Alcuni giorni fa mi sono svegliato di mattina presto con un dolore forte alla sinistra della mandibola; dopo un po' mi è passato, ma quando ho cominciato a mangiare, a pranzo, mi scricchiolava rumorosamente e dolorosamente la giunzione tra la mandibola e il cranio, e quindi sono stato costretto, per alcuni pasti, a masticare solo dalla parte destra; pian piano il dolore mi è passato e mi è rimasto, per ora, un leggero scricchiolio, ma non sempre.
Ieri mattina, a lavorare, a metà mattinata ho cominciato a sentire un dolore al dorso della mano destra; mi sono levato il guanto (sono un operaio metalmeccanico) e ho visto un leggero gonfiore sul dorso della mano, vicino al polso; ieri sera il gonfiore si era un po' esteso e sentivo abbastanza dolore a muovere le dita. Oggi ho lavorato, ma il gonfiore è aumentato sia come estensione che come altezza; ora arriva alle prime nocche delle dita ed è rosaceo; anche il dolore è aumentato.
Ieri sera ho provato a fare un bagno basico alla mano, ma dopo meno di 20 minuti mi si è gelata la mano e non ho visto alcun miglioramento.
Stasera ho applicato un cataplasma di argilla per un'ora, e non è cambiato assolutamente niente.
Mi sembrano strani come sintomi da disintossicazione. Sto usando l'argento ionico da quasi 2 mesi (un cucchiaino al giorno), ma mi sembra strano che possa provocare questi effetti.
Aspetterò fino a domenica e se non passa o non diminuisce, lunedì andrò a farmi vedere dal mio medico di fiducia, che probabilmente mi avrà dimenticato.
Mi starò deformando o trasformando? 8O
Vi sono mai successe cose del genere durante la dieta di transizione?
Avatar utente
By luciano
#21176
Sono sintomi di disintossicazione, mi paiono eccessivi.

Prova a sospendere l'argento.

Di solito quando si fanno più cose insieme (terapie, sistemi, programmi, ecc.) il risultato può essere non soddisfacente o addirittura disastroso.
Avatar utente
By Calogero
#21178
Pensi che siano tossine che il corpo non riesce ad espellere e che deposita nelle articolazioni? E così si è formato un edema per diluire le tossine?
Fin quando ero a casa in ferie riuscivo a bere abbastanza, malgrado di sete neanche l'ombra, ma ora che ho ripreso a lavorare, col freddo che c'è in officina, è già grassa se riesco a bere un sorso ogni tanto; a casa, di sera, cerco di bere tutte le volte che me lo ricordo.
Intanto sospenderò l'argento, che non ho preso a scopo disintossicante, ma più che altro per superare l'inverno senza malanni.
Forse ho tolto troppi alimenti malefici all'improvviso e ora il mio corpo si vuole vendicare, perché lo sto privando di quei cibi a cui si era abituato, ma sinceramente non ho voglia di rimangiare certi "cibi".
Se la sospensione dell'argento non basterà, magari diminuirò la frutta e la verdura, che sto mangiando in megaporzioni, soprattutto la verdura cruda.
Avatar utente
By sandrod
#21181
per rallentare la disintossicazione, diminuisci la frutta e aumenta la verdura cruda o cotta. (E' scritto anche nel libro :wink: )

ciao
Sandro
Avatar utente
By LAj
#21182
se può confortare,
dopo un anno di uso limitatissimo di farinacei, quando ho tolto le fonti proteiche e iniziato il programma della non colazione
la mia mano destra è diventata completamente nera, visibilmente più scura rispetto all'altra.
Ora che i colori si sono riallineati :) e ho accelerato la transizione( bravo sandrod, mi hai tolto le parole di bocca ;) )
ho un bobbone sul mignolo della mano destra, di un rosso vivo che a momenti brucia e sebra un vulcano che vuol eruttare.
Potrebbe anche essere dovuto alla terapia chelante che sto seguendo
...se riesco posto una foto
Avatar utente
By drummer
#21186
Hai provato a fare dei clisteri o, meglio ancora, qualche seduta di idrocolonterapia? Come è ben descritto da Ehret nel suo libro, le tossine si propagano principalmente tramite l'intestino ed il colon. Dato che sei in transizione da poco, se non hai mai praticato una pulizia intestinale, è possibile che tali organi siano ancora troppo "infestati" da sostanze solide malandate che andrebbero espulse per poi consentire al corpo di eliminare meglio i rifiuti di ciò che era già stato "sparso" precedentemente.

Ciao
Avatar utente
By Antishred
#21192
Calogero ha scritto:Forse ho tolto troppi alimenti malefici all'improvviso e ora il mio corpo si vuole vendicare, perché lo sto privando di quei cibi a cui si era abituato, ma sinceramente non ho voglia di rimangiare certi "cibi".


Ciao Calogero, se conosci il problema allora perchè non agisci di conseguenza?

Saluti

Carlo
Avatar utente
By Calogero
#21194
sandrod ha scritto:per rallentare la disintossicazione, diminuisci la frutta e aumenta la verdura cruda o cotta. (E' scritto anche nel libro :wink: )

Questo lo ricordo bene anch'io, infatti non sto mangiando tanta frutta; la mangio solo la sera, essiccata insieme a semi oleosi (ma mai quantità esagerate), o fresca, tipo 2 mele o 2 pere o 2-3 arance (a seconda della grandezza), e dopo una mezzoretta passo ad abbondante verdura, cotta o cruda. A pranzo mangio una porzione moderata di cereali integrali in chicchi con una manciatina di legumi e poi sempre abbondante verdura.
Quando mi va, mangio un frutto a merenda (ma uno di numero).

Laj, io faccio il programma della "non colazione" da almeno un decennio.
Però anche tu non scherzi quanto a sintomi strani :lol:

drummer ha scritto:Hai provato a fare dei clisteri o, meglio ancora, qualche seduta di idrocolonterapia? Come è ben descritto da Ehret nel suo libro, le tossine si propagano principalmente tramite l'intestino ed il colon. Dato che sei in transizione da poco, se non hai mai praticato una pulizia intestinale, è possibile che tali organi siano ancora troppo "infestati" da sostanze solide malandate che andrebbero espulse per poi consentire al corpo di eliminare meglio i rifiuti di ciò che era già stato "sparso" precedentemente.

Ciao

Oggi, mentre lavoravo, stavo pensando esattamente questo che tu hai scritto. Se ricordo bene, Ehret dice che prima di una qualunque dieta disintossicante bisognerebbe fare dei clisteri, ed in effetti io non ne ho ancora fatti; sarà bene che inizi subito, anche se mi ricordano i tempi della mia stitichezza da bambino, quando me li faceva mia mamma.
Il problema della stitichezza lo risolsi all'età di 24 anni, cominciando a mangiare abbondante verdura, e contemporaneamente migliorai anche con le emorroidi, che smisero completamente di infiammarsi quando cominciai a prendere un'integrazione quotidiana di vitamina C (che prendo tuttora).
A proposito di emorroidi, mi si sono un po' infiammate alcuni giorni fa, malgrado la vit. C, dopo 18 anni di silenzio; evidentemente col ritorno in circolo di tossine, il mio corpo ha cercato di riutilizzare il "vecchio metodo" che conosceva bene; ho aumentato l'integrazione di minerali per neutralizzare meglio le tossine e ho bevuto più abbondantemente per facilitare l'eliminazione e in pochissimi giorni è passato tutto.

Comunque, stamattina il gonfiore sulla mano si era ridotto parecchio, ma il dolore no; il gonfiore di stasera è uguale a stamattina, ma il dolore è un po' diminuito; forse ha fatto effetto il cataplasma con l'argilla, che stasera rifarò. Sono già contento, visto che un miglioramento c'è stato.
Ora darò il via ai clisteri con la pera ed il prossimo fine settimana voglio purgarmi con un po' di prugne secche.
Avatar utente
By braveheart
#21196
Calogero ha scritto:Ora darò il via ai clisteri con la pera...


Con la pera non è il massimo, meglio l'enteroclisma ( o clistere che dir si voglia..)
Immagine
Avatar utente
By Calogero
#21202
Antishred ha scritto:
Calogero ha scritto:Forse ho tolto troppi alimenti malefici all'improvviso e ora il mio corpo si vuole vendicare, perché lo sto privando di quei cibi a cui si era abituato, ma sinceramente non ho voglia di rimangiare certi "cibi".


Ciao Calogero, se conosci il problema allora perchè non agisci di conseguenza?

Saluti

Carlo

Carlo, la risposta è nella mia frase che hai riportato. Certi cibi (se così vogliamo chiamarli) non li mangiavo abitualmente, perché sapevo benissimo che non sono l'ideale per il nostro organismo, però una cosa oggi, un'altra cosa domani, è logico che l'organismo si arrende alla nostra ostinazione e in qualche modo si abitua. Ma ora che Ehret mi ha convinto a rinunciare definitivamente a tanti cibi sbagliati, li evito volentieri e senza sforzo, quindi voglio imparare a regolarmi solo con cibi senza e con poco muco.

braveheart ha scritto:Con la pera non è il massimo, meglio l'enteroclisma ( o clistere che dir si voglia..)

Ti ringrazio, infatti ora provvedo ad acquistare il kit necessario.
Intanto stamani, dopo la defecazione, ho usato la pera; ho fatto 2 "iniezioni", visto che è di soli 375 ml, e l'ho ripetuto una seconda volta; non immaginavo che restasse tutta quella "roba" dentro; e chissà quanta ce ne sarà ancora appiccicata alle pareti del colon.
Sento già una piacevole sensazione di pulito.

Stamani il gonfiore alla mano era completamente sparito; mi è rimasto un po' di dolore, muovendo le dita. Magari rifarò ancora uno o due cataplasmi d'argilla.
Sto cercando di bere più che posso (anche se non è molto) per facilitare l'eliminazione delle scorie.
Avatar utente
By Antishred
#21205
Calogero ha scritto:
Antishred ha scritto:
Calogero ha scritto:Forse ho tolto troppi alimenti malefici all'improvviso e ora il mio corpo si vuole vendicare, perché lo sto privando di quei cibi a cui si era abituato, ma sinceramente non ho voglia di rimangiare certi "cibi".


Ciao Calogero, se conosci il problema allora perchè non agisci di conseguenza?

Saluti

Carlo

Carlo, la risposta è nella mia frase che hai riportato. Certi cibi (se così vogliamo chiamarli) non li mangiavo abitualmente, perché sapevo benissimo che non sono l'ideale per il nostro organismo, però una cosa oggi, un'altra cosa domani, è logico che l'organismo si arrende alla nostra ostinazione e in qualche modo si abitua. Ma ora che Ehret mi ha convinto a rinunciare definitivamente a tanti cibi sbagliati, li evito volentieri e senza sforzo, quindi voglio imparare a regolarmi solo con cibi senza e con poco muco.


Sì in effetti hai ragione. E' che, ti dico, a volte accelero troppo l'eliminazione e mi faccio mille domande del tipo: sto accelerando troppo oppure è proprio la mancanza di quell'alimento che mi fa stare "male"?
Perchè se parliamo di voglie o cosa, molti alimenti non mi fanno più nè caldo nè freddo, ma alla fine l'abitudine non è solo mentale, come stiamo imparando.
Secondo me se uno sente ancora una voglia matta per quel determinato cibo, non dovrebbe eliminarlo di botto, sennò si finisce per sclerare. Cibo o "Cibo" che sia.
Avatar utente
By LAj
#21526
Calogero ha scritto:
Laj, io faccio il programma della "non colazione" da almeno un decennio.
Però anche tu non scherzi quanto a sintomi strani :lol:



Queste sono di 5gg fa.
Ora dovrei rifarle, anche perché mi sono accorto della differenza di profilo con l'altra mano ...ed altre cose strane :lol:
Immagine

Immagine

Immagine

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret