Arnold Ehret Italia

Questo è lo spazio dedicato agli sportivi che praticano la dieta di Ehret, ma anche a chi vuole segnalare le sue osservazioni durante una camminata o sciando, ecc.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By glc69
#22994
Ebbene sì!
L'avevo deciso e l'ho fatto; ieri ho partecipato ad un'altra 10 Km per testare, dopo la mezza maratona, una distanza più breve ma con un'andatura molto più sostenuta.

Ve la racconto subito, ma prima della gara vi descrivo la "preparazione".
Avevo infatti deciso di preparare questa gara con un'alimentazione esclusivamente fruttariana (o quasi) e quindi ho ridotto gradatamente gli alimenti poveri di muco arrivando nell'ultima settimana a mangiare prevalentemente frutta (le ultime cene, un paio di volte a pranzo e gli spuntini) e verdura a foglie verde , (praticamente sempre; in particolare insalate) nonchè frutta secca.

Ero motivato a partire forte e cercare di tenere un ritmo di 5'15" - 5'30" al Km per aumentare eventualmente alla fine invece, già alla partenza, sono andato forte facendo il primo km in 4'45" ed il secondo addirittura in 4'15".
L'aria era gelata e la sensazione di leggerezza che mi ha accompagnato per tutta la durata della gara si è trasformata, nei primi km, in fastidio allo stomaco perchè sentivo come se l'aria gelida arrivasse fin lì.

Il percorso questa volta era molto tecnico (pieno di salite e discese) quindi era fondamentale saper dosare le energie, ed infatti già alla prima salita (dopo il 1° km) ho cominciato immediatamente ad accusare "fatica" alle cosce, a conferma della mia limitata capacità di resistenza anaerobica.
La fatica mi ha indotto a portare molta attenzione al rapporto tra respirazione e sforzo concentrandomi in particolare (come comunque faccio sempre quando corro) tra il ritmo del passo, cioè tra l'andatura, e quello della respirazione. Con mio stupore ho verificato come, nelle discese, riuscivo invece ad essere sciolto e rilassato più del solito e riuscivo, cosa difficile per me, a "correre bene tecnicamente". In quei frangenti ho avvertito la mia capacità di recupero che sembrava eccellente tanto da consentirmi andature molto sostenute con sforzo limitatissimo. Ovviamente mi si potrà obiettare: bella forza in discesa! E' vero! Ma "sciogliere" in pochi metri l'acido lattico accumulato in una salita ripida di quasi un Km non è cosa, per me, usuale.
Ad ogni km verificavo che i passaggi erano più veloci di quanto mi ero prefissato e che la capacità di recupero dopo le salite rimaneva abbastanza buona. Il penultimo Km, pure in salita, è stato molto pesante ed è entrato in gioco il fattore psicologico, mentre l'ultimo, con l'avvicinamento e poi l'entrata nello stadio, è stato esaltante.
All'arrivo la prestazione è risultata, per me, eccellente! Ho fermato il cronometro a 43'27" con una media di 4'40" al Km.
La distanza era in realtà un po' inferiore; se fossero stati 10 km effettivi avrei percorso l'intera distanza in 47", quindi ben sette minuti in meno della mia precedente gara su questa distanza e addirittura 11 minuti in meno rispetto alla prima gara di fine estate ( vedi questo mio post ).

Che dite? Pensate possa essere una coincidenza? Io credo proprio di no!
E' vero che ci sono tanti fattori che possono influire ma un progresso così eclatante non può che nascere da un corpo più "leggero" ed energico. E poi la sensazione che ho sentito e sento tuttora e l'ottimo recupero (assenza di dolori muscolari ed articolari) m'inducono a credere che l'esito di questa sperimentazione sia incontrovertibile.
Del resto, al di là di libere interpretazioni o opinioni, il cronometro sancisce empiricamente l'esito stesso della prova: è un notaio molto preciso!

Per la cronaca poco dopo l'arrivo ho mangiato due mele, mezza banana ed una arancia (mentre il ristoro dell'organizzazione offriva, tra l'altro, pizza :?: , ciambelle fritte :?: :?: , dolcetti mignon :?: :?: :?: ); a casa, dopo circa due ore, il mio peso era 60 Kg quindi in linea con quello attuale e mia moglie notava un "bel viso rilassato" e addirittura cosce di aumentato volume.

Mi sono un po' dilungato ma ne valeva veramente la pena; mi auguro di trasmettere a voi tutti l'entusiasmo di questa giornata.
Grazie per l'attenzione
Un saluto.
Gianluca

p.s.: Mi scuso per aver creato un nuovo post invece di continuare l'analogo da me iniziato a settembre scorso ma spero proprio che questo mio successo possa testimoniare come l'auto-sperimentazione sia fondamentale per conoscersi e soprattutto come l'uso del "carburante" adeguato non possa che darci immediatamente riscontro della sua efficacia e della capacità progettuale della Natura.

p.s. nr. 2: cercherò di non inondare il forum ad ogni gara che faccio ma...a breve iniziano le gare su pista e spero qualche altra volta mi dovrete sopportare :)
Avatar utente
By soultrap
#22995
ciao, bella gara veramente.
mi togli una curiosità, ma quanto sei alto?
vorrei saperlo perchè correndo in questo modo e mangiando quasi solo frutta e verdura come fai a pesare 60 kg

grazie
Avatar utente
By kebaff
#22996
bravissimo, complimenti...
Trovo conferma in quello che dici, poichè anch'io sto sperimentando molto con l'arrampicata sportiva, che è il mio termometro in questo periodo; in particolare sto notando che stando sulla dieta senza muco o cmq mangiando poco, la F aumenta esponenzialmente, ma soprattutto la resistenza e la capacità di recupero (lo smaltimento dell'acido lattico si velocizza..), nonchè l'entusiasmo e la voglia di fare in generale...
Un'attività fisica regolare oltre che gratificare, permette di avere dei feedback chiari (in positivo e negativo :wink: ) e di sperimentare la validità del sistema.. W Erhet
Avatar utente
By soultrap
#23001
ciao kebaff , bellissimo adoro l'arrampicata peccato che nella mia zona non ci siano palestre attrezzate.
mi fa piacere sentire queste conferme.
devo anche io ascoltare di più il mio corpo e mangiare meno, la mia paura è di dimagrire troppo ed impensierire i miei genitori che sono ancora fissati con tutti i cibi moderni
Avatar utente
By erre
#23006
glc69
nel mio piccolo posso confermare le stesse sensazioni tue. Un pò di fatica in salita e scioltezza in discesa con immediato ricupero delle forze.
Ho poi notato che nessuna escrezione dai polmoni fuoriesce, nessun catarro. Questo è prova di pulizia del muco degli organi di respirazione, mentre dal naso fuoriesce muco.
L' affanno dopo la corsa è minimo.
Spero continui con i tuoi esperimenti.
Avatar utente
By glc69
#23009
Ciao soultrap, sono 1,73.
Volevo però chiarirti che sono in transizione da quasi un anno su una dieta povera di muco, quindi ancora mangio pasta integrale, qualche volta pizza, ancora cereali... però ho voluto sperimentare in vista di questa gara un'alimentazione (quasi) completamente senza muco (in effetti qualche bruschetta con l'insalata l'ho mangiata ed altro ancora).
All'inizio della mia transizione sono calato velocemente fino ad arrivare a 57 Kg. (partivo da 68-70), oscillando comunque attorno ai 58. Dopo alcuni allenamenti ho verificato un calo anche fino a 54 ma è un calo che si recupera in giornata.
Da un paio di mesi ho reintegrato un po' con alimenti e mi sono concesso diversi sgarri di troppo. Sono ritornato a 60 kg e mi sono stabilizzato lì, così molti amici hanno limitato il loro bisogno di "salvarmi".
Ma da questa esperienza traggo ulteriore conferma della bontà dell'alimentazione descritta nel SDGDDSM così come la conferma che probabilmente molti di noi sono pronti per la dieta senza muco ma è preferibile procedere con cautela.

Ciao erre, puoi contarci che continuo gli esperimenti...
Per il discorso del catarro è circa un mese e più che lo sento in sospensione senza grosse espulsioni, ma del resto a me non sfoga molto in questa forma.

Ciao e grazie anche a te kebaff.
Mi fa piacere essere in buona compagnia con queste esperienze.
Dove fai arrampicata? a me piace molto, ho avuto qualche "primitiva" esperienza di free climbing con mio fratello tantissimi anni fa ma non l'ho mai sperimentato. Mi piacerebbe molto e credo che l'allenamento necessario possa essere molto utile per una muscolatura secondo Natura e per un contatto diretto con essa.

Un salutone a tutti
Gianluca
By Cosmonauta
#23012
Ciao Gianluca, entusiasmante!

E chi ti ferma più? :D

Confermo anch'io, anche se sono più un camminatore che un corridore, quando sto lontano dalla pasta e affini la resistenza aumenta e anche la velocità, specie insalita.

Stracomplimenti! :P :D
Avatar utente
By glc69
#23044
Grazie Fabietto, ma stai super esagerando.
Voliamo basso. Credimi è meglio.
E' importante x noi condividere le nostre esperienze ed il mio entusiasmo, che spero contaggioso, nasce principalmente dal trasmettere la propria esperienza diretta della bontà delle nostre scelte alimentari.
Non dimenticare, l'ho accennato in altri post e ne scriverò quanto prima nel mio diario, che arrivo qui ora dopo due-tre mesi di scarso entusiasmo (per dirla con un eufemismo).
Comunque grazie mille.

Grazie anche a te Mauro; se sei anche un camminatore montano (trekker) abbiamo finalmente trovato la "scusa" per incontrarci e condividere questa passione insieme.

Un caro saluto a tutti.
Gianluca
Avatar utente
By kebaff
#23045
Anch'io leggo sempre con piacere esperienze sportivo-ehretiste...
avrei voluto farci la mia tesi di laurea.. ti dico solo che a settembre dopo 10 giorni di digiuno, tornato a casa ho fatto una 15ina di trazioni alla sbarra con una velocità e facilità impressionanti, tanto per dirne una "verificabile e riproducibile" :wink: .. e allora cos'è la F ???
Arrampico sempre a digiuno, e se durante la giornata mangio qualcosa (che siano pure i fichi secchi con le mandorle, rigorosamente salentini:) il "rendimento" cala.. fisiologicamente; trovo invece utili delle bevande/tisane al posto dell'acqua, in particolare utilizzo il "Mu" giapponese che trovo al negozio di macrobiotica..
Le falesie che frequento sono quelle laziali, nei dintorni di Roma prevalentemente, dove vivo.. è uno sport che può essere molto naturale ed ognuno può trovare la sua dimensione e motivazione... magari un giorno ci incontreremo in parete!
Personalmente sono un ricercatore dell'armonia (=energia senza sforzo).
Un abbraccio a tutti e buone esplorazioni
Avatar utente
By paolo80
#27966
La tua esperienza è importante, mi piacerebbe però leggere di qualcuno che abbia visto miglioramenti sulla propria prestazione aerobica quando già cavalcava discreti livelli.
Io per esempio i 10km li corro in 3.30 di media circa ed ho quasi paura di perdere tutto il mio allenamento se provassi una dieta a base di frutta.
Attualmente seguo, più o meno, una dieta macrobiotica (UPM di Mario Pianesi), dove integro carne o pesce solo una volta a settimana.
Chiaramente mangio molta verdura e frutta, ma non mi faccio mancare cereali e legumi. Attualmente sto benone e la mia forma fisica sembra migliorata da quando ho diminuito le proteine di origine animale.

Spero di poter leggere qualcosa di pratica atletica ad un livello discreto.
Ciao a tutti e grazie per lo spazio.
Avatar utente
By luciano
#27984
Benvenuto Paolo! :D

paolo80 ha scritto:Attualmente seguo, più o meno, una dieta macrobiotica (UPM di Mario Pianesi)


Questo è il forum del sistema di guarigione della dieta senza muco.

Hai studiato il libro?

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret