Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By winblus
#2092
IL LIMONE

Immagine


Secondo la mitologia greca la dote di Giunone, andata sposa a Giove, consisteva in alcuni alberelli i cui frutti erano dei meravigliosi globi d’oro (pomi d’oro – limoni e arance) simbolo della fecondità e dell’amore.
Giove preoccupato che dei ladri potessero sottrargli quel dono prezioso, li custodì con uno straordinario giardino sorvegliato dalle ninfe Esperidi, mitiche fanciulle dal canto dolcissimo.
Di qui il nome greco di esperidi dato a tutti i frutti degli agrumi e tra cui, portare questi globi d’oro agli uomini fu una delle fatiche che Ercole dovette compiere.
Le prime chiare descrizioni dell'impiego del limone a scopo terapeutico risalgono alle opere di Teofrasto, l'allievo di Aristotele, che viene considerato il fondatore della fitoterapia. Anche Plinio parlò del limone nei suoi trattati e lo prescrisse, tra l'altro, come antidoto verso diversi veleni.
Nel XV secolo si scoprì casualmente che il succo di limone curava e preveniva lo scorbuto, malattia diffusa tra i naviganti che si cibavano per lunghi periodi solamente con farine e alimenti conservati. Si iniziò così ad utilizzare i limoni in grande quantità a bordo delle navi; e tramite i viaggi per mare il frutto fu introdotto nei paesi del Nord Europa. Le navi che arrivavano nel Mediterraneo si rifornivano dei limoni pagandoli con merci pregiate o addirittura in oro; i frutti acquistati venivano rivenduti a prezzi altissimi nei paesi del Nord dove il limone era considerato un prodotto di gran lusso.
Solamente in epoca recente (XVIII secolo) il limone comincia ad essere usato in cucina per aromatizzare alcuni cibi.

Per le innumerevoli proprietà che possiede il limone, per molto tempo è stato considerato più un farmaco che un alimento. Infatti veniva utilizzato per alcune sue proprietà : antiscorbutiche, vitaminiche, dissetanti, rinfrescanti, toniche, aromatizzanti, digestive, antiacide (infatti, anche se non sembra, ha effetto alcalinizzante), antiuricemiche, astringenti, ipotensive, ecc..
Sono tante le straordinarie proprietà medicamentose del limone, alcune delle quali erano conosciute fin dai tempi più antichi: proprietà che sono state riscoperte alla luce delle moderne vedute scientifiche. Il componente più noto di questo frutto è sicuramente la vitamina C di cui sono universalmente note le straordinarie proprietà; inoltre di vitamine come le B1, B2, B3, C, PP, che hanno un ruolo importante nella nutrizione e nello sviluppo del nostro organismo, nel suo equilibrio nervoso e ormonale, nella protezione dei vasi della circolazione sanguigna e linfatica; insomma, nel mantenimento della integrità e della giovinezza energetica dei tessuti.
Per molto tempo si è detto che il succo di limone era acidificante, invece questo succo è alcalinizzante ed antiacido gastrico ed ha notevoli proprietà come già spiegato precedentemente.
E' bene sempre ricordarsi che il modo migliore per godere dei benefici effetti e delle molte virtù medicinali del succo di limone e degli altri agrumi in generale, consiste esclusivamente nel consumarli freschi e appena spremuti.

Alcuni usi con il succo di limone:

Uso interno: influenze, malattie infettive, anemia, demineralizzazioni, nervosismo, nausea, malaria, prevenzione epidemie, emorragie, diarrea, parassiti intestinali, reumatismo, inappetenza, bronchiti, asma, arteriosclerosi, digestioni difficili, scorbuto, ipotensione, insufficienza del fegato, cefalea, emicrania, diabete, gotta, ipertiroidismo, calcoli renali, ecc..

Uso esterno: raffreddori di testa, sinusiti, otiti, emorragie nasali, congiuntiviti, dermatosi, foruncoli, fragilità capillare, ferite da cicatrizzare, verruche, herpes, geloni, punture di insetti, rughe, tigna e scabbia.

Le foglie (decotti) sono calmanti e antispasmodiche e sono quindi consigliate a chi soffre di nervosismo, di insonnia, di palpitazioni, di mal di testa o d'asma. Sono inoltre sudorifere, indicate perciò in caso di febbre, e vermifughe (espellono i vermi parassiti dell'intestino).
La corteccia del frutto contiene circa lo 0,5 % di olio essenziale, il cui componente principale è il d-limonene, oltre a cumarine e flavonoidi. Esercita un'azione tonificante sull'apparato digerente e si raccomanda a chi soffre di inappetenza e di difficoltà digestive.

Come le foglie, la corteccia è sudorifera e vermifuga e si impiega con buoni risultati per abbassare la febbre. (anche il clistere è ottimo ma non sempre si ha la possibilità di farlo, specie se si è fuori sede )
Il succo di limone contiene vitamine B1, B2 e C (50 mg ogni100 g), sali minerali (specialmente di potassio), oligoelementi, zuccheri, mucillagini, acidi organici (citrico, malico, acetico e formico) e flavonoidi (esperedina). Le proprietà che gli si attribuiscono sono molte, ma è meglio basarsi su quelle che sono state dimostrate.

Antiscorbutica: è la proprietà più importante del limone ed è dovuta alla vitamina C, anche se esistono piante che presentano concentrazioni addirittura maggiori di tale vitamina, come la rosa canina (500-800 mg per 100g) e il ribes rosso (fino a 400 mg); l'effetto antiscorbutico del limone è molto marcato, grazie all'equilibrata composizione di sali minerali e di acidi organici.
Lo scorbuto è la malattia causata dalla carenza di vitamina C (acido ascorbico), che si trova unicamente negli alimenti vegetali freschi: oggi è difficile trovare casi di grave deficienza di vitamina C, ma non è raro riscontrarne forme lievi tra persone che seguono una dieta alimentare non equilibrata e povere di verdure e frutta fresca. (gli ehretisti non hanno questo problema)

Tonificante: per il suo contenuto di vitamine, sali minerali e acidi, il limone stimola l'attività degli organi digerenti e rivitalizza tutto l'organismo; si raccomanda perciò a chi soffre di dispepsia (digestione difficile) e, per quanto possa sembrare paradossale, a chi soffre di acidità di stomaco. Nonostante il sapore acido, il limone si comporta chimicamente come un anfotero, capace cioè di neutralizzare sia l'eccesso di alcali, sia l'eccesso di acidi.

Alcalinizzante e depurativa:il limone ha un effetto alcalinizzante su tutto l'organismo e fa bene soprattutto a chi segue (ha seguito) una dieta ricca di carne e di proteine che produce residui acidi in eccesso, come l'acido urico. Quando il pH (grado di acidità o di alcalinità) tende verso l'alcalinità nel sangue e nell'urina, i sedimenti urici dei reni e delle articolazioni vengono sciolti e eliminati con facilità: per questo il succo di limone è particolarmente raccomandato a chi soffre di calcoli renali, di gotta o di artrite e a chi desidera depurare il sangue e migliorare la propria salute.

Solvente dei calcoli renali: i citrati ( sali di acido citrico) contenuti nel succo di limone, e specialmente il citrato di potassio, impediscono la formazione dei calcoli renali e ne facilitano lo scioglimento; quest'azione sui calcoli di urato (sale dell'acido urico) e su quelli di ossalato (sale dell'acido ossalico), che sono i più frequenti, è stata confermata da ripetuti esperimenti scientifici. Questa proprietà dei citrati, unita all'azione alcalinizzante appena descritta, fa del succo di limone una vera e propria medicina per gli ammalati di reni.

Capillaroprotettrice e venotica:il limone, grazie al suo alto contenuto di glucosidi come l'esperidina e la diosmina e di flavonoidi, la cui azione risulta essere simile a quella della vitamina P, rafforza i vasi capillari e migliora la circolazione venosa; apporta inoltre notevole giovamento se utilizzato in caso di gonfiore alle gambe, di edemi, di varici, di emorroidi, di trombosi e di embolia ed è infine particolarmente consigliato agli ipertesi.

Antisettica: tamponando narici e tonsille con un batuffolo di cotone imbevuto di succo di limone aumentano le difese contro i bacilli della difterite nei portatori di questa malattia. La proprietà battericida del limone è stata dimostrata in numerosi casi, talvolta eclatanti, come ad esempio quello dell'epidemia di colera che colpì il Venezuela nel 1855 e che venne poi domata proprio grazie ad un massiccio consumo di limoni da parte della popolazione.
In applicazioni locali il succo di limone è molto efficace contro le tonsilliti (angine tonsillari) e le faringiti; è anche un potente antisettico per ogni tipo di ferite e di ulcere cutanee. (però brucia un pochino)

Per la serie anche l’occhio vuole la sua parte:

“Cosmetica casalinga”
Il succo schiarisce le efelidi e macchie, sbianca la pelle delle mani scurita da terra o fumo, può essere usato contro gli eritemi solari, come astringente, come detergente e purificante della pelle impura.

Il succo di limone filtrato può essere aggiunto all'acqua di risciacquo dei capelli per renderli lucidi, modera la caduta della forfora e per ottenere anche dei riflessi molto naturali, lasciare il succo di limone per alcune ore (minimo due) , asciugare ulteriormente con il phon per cinque minuti e risciacquare.

Un cucchiaio di succo di limone misto ad un cucchiaino di olio d'oliva serve a lenire e a rendere lisce le mani rese ruvide dai detersivi e dal lavoro. (è ottima come crema per tutto il corpo)

Utilizzare ogni tanto il succo puro al posto del dentifricio serve a sbiancare i denti.

E’ ottimo come coadiuvante cosmetico in caso di cellulite e per stimolare l’epidermide, massaggiandosi il succo sulle parti localizzate, sciacquare la mattina facendolo agire per tutta la notte.

L’olio di limone è proposto per trattare la pelle del contorno-occhi che ha delle caratteristiche estremamente diverse da quella del resto del volto che è molto più sottile, più delicata, lascia trasparire i segni del tempo, e della stanchezza. Il contorno degli occhi è una zona fortemente vascolarizzata e dunque ogni disordine, sanguigno o linfatico, influisce inevitabilmente sull’aspetto della sua epidermide che può presentare piccole rughe, le cosiddette “zampe di gallina”, occhiaie o addirittura “borse”, utilizzandolo con costanza per almeno 20 giorni consecutivi, per tre o quattro volte l’anno. Va applicato ad occhi chiusi, perfettamente struccati, alla sera , con un leggero massaggio circolare. Dopo 20 minuti togliere l’eccesso.

VISO

Per prevenire e tonificare la pelle del viso, spalmarsi sull’epidermide pulita alla sera, prima di coricarsi, del succo di limone filtrato. Iniziare con piccole parti per volta, in quanto tende a bruciare avendo l’effetto di curare e riparare le microfratture del volto. Per lo stesso motivo usarlo quando si hanno subito dei danni da troppo vento o da troppo freddo. Contrariamente a quanto si pensa, lavora ottimamente sia con la pelle secca che quella grassa, avendo la bellissima proprietà di regolare ed ammorbidire qualunque tipo di epidermide. Al mattino lavare con acqua tiepida. Unica "controindicazione" tende a schiarire la pelle, quindi non usatelo se avete da poco guadagnato una bella abbronzatura: per lo stesso motivo, potete applicarlo per togliere inestetiche macchie cutanee. (se le macchie sono dovute a problemi di fegato, quelle macchie le toglie solo la dieta di Ehret)

MANI SCREPOLATE
Ottimo per mani screpolate, rovinate, riarse e/o macchiate. Spalmarne poche gocce prima di uscire di casa o prima di coricarsi per ritrovarsi con mani morbide e profumate di agrumi.

ACNE GIOVANILE o VOLGARE
Trattare localmente, spalmare succo di limone, mattina e sera, su comedoni papule, pustole, noduli, cisti. (bruciachia un pò e fa arrossire le zone interessate sarebbe meglio farlo solo la sera prima di andare a dormire ma è un mio suggerimento personale)

EMICRANIA
Per calmare le pulsazioni dolorose sulle tempie, si applicano sulla parte dolente delle compresse di cotone imbevute di succo di limone; oppure delle sottili fette di limone. L'applicazione ha una funzione calmante collegata ai principi attivi antidolorifici e decongestionanti delle vitamine B1, B2 e B3, principi assorbiti per via percutanea. La vitamina B o riboflavina, in particolare agisce nell'emicrania e nei disturbi visivi, che precedono o accompagnano le crisi di emicrania.

Il succo di limone è un antisettico e battericida naturale tra i più potenti; giova nelle otiti e nel raffreddore (basta metterne qualche goccia nelle orecchie e nel naso, alcune volte al giorno) ed ha una certa efficacia nella cura delle infiammazioni della gola, delle afte della bocca, delle gengiviti e delle infiammazioni della lingua.

Contrariamente alla maggior parte dei frutti, che a causa della ricchezza in glucidi sono vietati ai diabetici, il limone ha invece proprietà favorevoli nel trattamento del diabete (Parturier).

Curiosità
Questo frutto è anche un buon tarmicida naturale: basta appendere negli armadi qualche sacchetto di tela contenente scorze secche di limone per tenere lontani questi insetti.

Sono sicura di aver tralasciato molto sull’argomento e di aver dimenticato molti aspetti positivi del limone e appena ne avrò qualcuno nuovo lo aggiungerò, ma ciò nonostante spero che ciò che ho scritto, possa servire almeno a sapere che patrimonio abbiamo a portata di mano. :wink:

Un abbraccio, win
Avatar utente
By arca
#2116
Bene Win, un articolo molto esauriente.
Arca :P
Avatar utente
By winblus
#2132
8) grazie arca!

un abbraccio, win
Avatar utente
By pispola
#2226
Ciao Winblus, complimenti per l'indagine sul limone, è veramente utile e sarebbe bello avere una collezione di schede di questo genere su ogni alimento particolarmente importante. Bisogna solo farsi venire la voglia...
Volevo chiederti se hai qualche notizia riguardo al cedro. Io l'ho scoperto qualche giorno fa e dal momento che si mangia con buccia e tutto, mi sono ricordato quando Ehret dice che un rimedio molto potente per sciogliere il muco è quello di spremere 4 limoni e grattugiare la buccia di mezzo; tu sai se il cedro abbia virtù depurative simili a quelle del limone?
Come è meglio consumarlo? A me l'hanno consigliato in insalata, ma non so se sia un alimento problematico come associazioni alimentari.
Grazie e ciao!
Avatar utente
By winblus
#2237
Ciao pispola, grazie per i complimenti.
In effetti ne sto preparando altre di schede come questa su altri alimenti, solo che la mia enciclopedia naturale, al momento si è trasferita per alcuni giorni in visita dai figli. :wink:

Quello che so in merito al cedro è che è un parente stretto del limone con una grossa diferenza, il cedro per chi ha grossi problemi di carenza di ferro è l'ideale oltre ad essere un antiossidante, rigenerante cellulare e diuretico.
Se sia un alimento problematico al momento non te lo saprei dire ma di mio potrei dirti di no, visto che è un parente stretto del limone ma in merito a questo mi riserbo di darti una risposta appena potrò contattare la mia enciclopedia vivente. :wink:

un abbraccio, win
Avatar utente
By luciano
#2248
winblus ha scritto:...In effetti ne sto preparando altre di schede come questa su altri alimenti


Grazie Win per la tua disponibilità, ma non postare quelle schede nel forum. (E questo vale per chiunque.)
La ragione di questo è che post molto lunghi, che in realtà sono articoli appesantiscono parecchio il forum rendendo sempre più lenta la sua apertura.

Quindi appena ne hai di pronti me li passi e li mettiamo nei contenuti del sito con il relativo link nella colonna a sinistra, così possono essere a disposizione di chiunque con un click dall'homepage.

Quando si finisce di leggere o scrivere i post, ricordatevi di fare una scappata in home, magari c'è qualcosa di nuovo. :D
Luciano.
Avatar utente
By luciano
#2277
Immagine
Werner Meidinger
Salute Bellezza Igiene con la Cura del Limone
Le migliori ricette per la cosmesi naturale, la casa e la cucina


Il limone cura in modo dolce e naturale disturbi fisici (malattie da raffreddamento, infiammazioni, emicrania...) e stati depressivi. In casa e in cucina è un detersivo ecologico e un salutare ingrediente per cibi e succhi. Come cosmetico è un efficace rigenerante.
Avatar utente
By winblus
#2353
Grazie Win per la tua disponibilità, ma non postare quelle schede nel forum. (E questo vale per chiunque.)
La ragione di questo è che post molto lunghi, che in realtà sono articoli appesantiscono parecchio il forum rendendo sempre più lenta la sua apertura.


oookkkk!! :P
Avatar utente
By davide32
#85311
Salve,
Volevo chiedere un consiglio riguardo la pelle secca del viso...ogni volta che faccio la doccia o mi lavo il viso mi ritrovo con la pelle che tira..chiedo se conoscete rimedi o consigli..
Avatar utente
By mauropud
#85316
davide32 ha scritto:Salve,
Volevo chiedere un consiglio riguardo la pelle secca del viso...ogni volta che faccio la doccia o mi lavo il viso mi ritrovo con la pelle che tira..chiedo se conoscete rimedi o consigli..


Potrebbe essere il sapone che usi o l'acqua troppo calcarea?
Avatar utente
By davide32
#85317
Potrebbe ma non ne ho la certezza..ho il depuratore con sale..verifico.
La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Libri di Arnold Ehret