Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By betazero50
#24412
Ciao, premetto che sono una novellina, solo un paio di settimane di dieta quasi senza muco (circa 90% di frutta cruda, un po' di verdura cruda e pane di segale tostato), senza alcun disturbo, salvo un calo notevole di peso.
Ieri ed oggi, con l'abbassamento della temperatura e la pioggia, mi sono presa un'infreddatura. Non è raffreddore con muco (di quello sarei stata contenta: "Un po' di muco anche per me. Hurrà!" . mi sento più parte della comunità Ehretista ;-) No, è solo naso che cola acqua pura, sternuti, senso di leggero freddo, testa un po' pesante, voglia di caldo e riposo.
Come se le mie difese fossero basse, se fossi delicata e cagionevole.
Ora la mia domanda è questa: considerato che non sono freddolosa, ma anzi sono piuttosto temprata dai miei soggiorni in alta montagna, che saranno vent'anni che non prendo un raffreddore né nient'altro (ho sofferto di rinite allergica (graminacee ed acari) ma è praticamente guarita dopo tanti anni di vaccini), non è che la dieta così restrittiva rende più esposti al freddo ed indebolisce?
Mi spiacerebbe molto perché ci credo, ma non so come altro spiegare questo fenomeno, che non mi pare di disintossicazione, ma proprio legato allo sbalzo di temperatura e ad una mia sensibilità eccessiva ed anomala.
Qualcuno ha avuto esperienze simili o mi sa dare qualche lume?
Grazie
Avatar utente
By erre
#24421
ciao betazero50

provo a risponderti dicendo che se hai contratto il raffreddore, dopo la scelta di seguire la dieta senza muco, è dovuta al fatto che hai velocizzato troppo l' eclusione dei cibi che generalmente assumevi. La reazione corporea ha richiamato una disintossicazione più violenta, causata dall' esposizione al freddo. In genere dopo un certo tempo di dieta di transizione si è resistenti al freddo e al caldo.
Un suggerimento: rallenta con cibi ancora della veccha dieta. :wink:
By Loris1264
#24431
Eh sì Beta,
innanzi tutto ciao :wink:

credo che la dieta sia stata presa da parte tua in modo molto incisivo. Ehret stesso indica un approccio molto cauto proprio per non provocare effetti collaterali troppo energici ma soprattutto per non provocare eventuali dubbi o rinunce (e tu qualche dubbio già ce l'hai) -
All'inizio del mio contatto con Ehret, preso dall'entusiasmo, feci proprio come te: un pò l'estate un pò il mio modo di essere mi fecero vivere per due mesi praticamente solo di frutta. Persi 15 chili. Ora ho imparato ad ascoltare ciò che il mio corpo tenta di comunicare, ho rallentato l'apporto di sola frutta mangiando anche verdura, un pò di pasta, patate, banane, vino, birra, ma riesco a combattere le patologie del tipo bronchiti, placche in gola, influenza etc senza nemmeno l'ombra di una goccia di tachipirina o antibiotici. Le mie armi sono il digiuno, i panni umidi in caso di febbre, l'argento colloidale, i clisteri. E funziona!
E ti dirò di più: ho smesso di fumare da 9 mesi senza nessuna fatica, anzi!, ad un certo punto mi faceva proprio schifo e più mi disintossicavo più avevo repulsione del fumo-.
Ho eliminato completamente carne e pesce e mangio poco poco formaggio.
Ho ancora la pancetta (mannagg alla pasta!) ed anche se sono 80kg per 1,83cm credo che dovrò "sistemarmi" attorno ai 75/77 ma non ho fretta; l'importante è stare bene, dentro e fuori.
Ognuno di noi è fatto a modo suo e risponde in modo diverso agli stimoli esterni (ecco perché Ehret non ha mai voluto dare indicazioni del tipo ricette o metodi pianificati di diete, anzi li rifiutava).

In bocca al lupo e un abbraccio
Loris
:wink:
Avatar utente
By betazero50
#24443
Grazie ad entrambi.
Probabilmente hai ragione, Erre, io ero da sempre piuttosto resistente al freddo e al caldo (avevo letto in vari vostri post che le persone si sorprendevano di esserlo diventate in transizione, e non mi sognavo di tornare invece indietro :o ).
Riintrodurrò qualche verdura cotta e cereale (il resto non lo mangiavo nemmeno prima, essendo vegana da tanti anni, a parte i legumi a cui il test dice che sono intollerante). Sai, Loris, in realtà io non ricordo proprio quando ho preso la tachipirina l'ultima volta, ma credo me l'abbia data mia mamma da bimba. La mia salute è ottima da sempre, l'ultima influenza dev'essere stata 20 anni fa.
E il punto è un po' questo, che mi fa sentire in una posizione diversa da molte persone che intraprendono lo stile Ehretiano. Io porcherie alimentari, caffè, té, latticini, grassi, alimenti animali, zucchero, sale, sigarette, alcol, farmaci, veleni & Co. non li prendevo. E disturbi/malattie non ne avevo. Sono arrivata a questa alimentazione giudata dal mio istinto per risolvere l'unico fastidio: la pancia gonfia. Ho eliminato, in verità, molto poco (legumi ed alcuni cereali), non mi sembra una cosa drastica/forzata.
E lo sto ascoltando il mio corpo: se mangio anche solo un po' di mandorle o pinoli reagisce con un lieve senso di nausea, come a dire "perché mi dai queste cose di cui non sento bisogno?" Lo stesso dicasi per le verdure cotte.
Posso mangiare al massimo verdure crude e pane di segale tostato senza avere questa sensazione, ma, anche solo con questi alimenti extra, non provo più esattamente quel senso di magnifico benessere che mi dà la sola frutta.
A istinto mi sembrerebbe che quello che mi fa sentire così bene sia giusto per me e non vorrei "annacquarlo". Ma questa infreddatura (non mi sembra un raffreddore virale) mi confonde... :?
By Loris1264
#24446
Betazero50
in uno degli ultimi articoli di Luciano si approfondisce il fatto che la frutta al giorno d'oggi, anche la più "biologica", non contiene più gli alimenti essenziali alla vita umana, arrecando così alcuni danni che non sono dovuti all'errata alimentazione ma allo scarso apporto di sostanze nutrienti per l'impoverimento della stessa. Forse questa potrebbe essere una delle risposte che cerchi.
Con l'arrivo del caldo ho l'intenzione di dare un colpo drastico alla mia alimentazione, inserendo la percentuale più alta possibile di frutta; e so, che poi non riuscirò più a tornare indietro, come sta succedendo da 9 mesi a questa parte ogni volta che "tolgo" qualcosa perché non ne sento più il bisogno. Per i motivi sopra citati però integrerò la frutta con l'alga Klamath che mi sono già procurato e che inizierò a prendere.
In questo momento sono a casa perché leggermente febbricitante e con tosse molto profonda; mi sto curando come scritto sopra.
Ed ho fatto il motto: "più espello e più divento bello" :wink: :D
Avatar utente
By betazero50
#24519
Grazie Loris, per la dritta. Non si può dire che l'alga Klamath sia economica, purtroppo... Magari inizio con spirulina e fieno greco, come mi ha consigliato Fabietto, e poi mi regolo. Un multivitamina/minerale lo prendo già, come pure la vitamina C, che dovrebbero servire ad integrare un po' di principi nutritivi persi per strada in questo "povero" mondo.
Tanti auguri per la tua (spero accelerata) espulsione!
Ciao a tutti da Valerio

Ciao Valerio, benvenuto. :D Il primo passo è ac[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret