Arnold Ehret Italia

Vuoi iniziare un diario dove raccogliere i tuoi successi, gli ostacoli incontrati durante il tuo percorso? Questa sezione è quella giusta!

Moderatore: luciano

Avatar utente
By EnricoPro
#43836
Ciao braveheart non compro al solito posto semplicemente giro le bancarelle ed l'offerta che mi sembra più conveniente e ragionevole acquisto. Però posso dirti che in linea di massina si risparmia alle bancarelle all'esterno all'inizio dei padiglioni ma mi è capitato anche di trovare bella roba all'interno. Ogni sabato è diverso da un'altro perchè non mi sembra che ci siano gli stessi venditori credo che girono a ruota per dare la possibilità ad altri commercianti di lavorare e vendere il loro prodotto però non ho la certezza è poco tempo che frequento L'Ortomercato per riuscire capire bene e visualizzare i commercianti. Sai per adesso l'obiettivo principale è risparmiare ed avere nello stesso tempo un buon prodotto. Poi successivamente diventare un cliente affezzionato con cui mi troverò bene e magari mettermi d'accordo nel farmi dei prezzi di favore mettendomi perché no la frutta e/o la verdura in buono stato da parte cosicche che io vado pago e me ne vado via subito senza perdere tempo a girare per vedere qual'è la migliore offerta visto che una volta presa la mia decisione con cui fare dei buoni acquisti sarà quel commerciante la proposta migliore per me.
Avatar utente
By EnricoPro
#43837
Ciao braveheart non compro al solito posto semplicemente giro le bancarelle ed l'offerta che mi sembra più conveniente e ragionevole acquisto. Però posso dirti che in linea di massina si risparmia alle bancarelle all'esterno all'inizio dei padiglioni ma mi è capitato anche di trovare bella roba all'interno. Ogni sabato è diverso da un'altro perchè non mi sembra che ci siano gli stessi venditori credo che girono a ruota per dare la possibilità ad altri commercianti di lavorare e vendere il loro prodotto però non ho la certezza è poco tempo che frequento L'Ortomercato per riuscire capire bene e visualizzare i commercianti. Sai per adesso l'obiettivo principale è risparmiare ed avere nello stesso tempo un buon prodotto. Poi successivamente diventare un cliente affezzionato con cui mi troverò bene e magari mettermi d'accordo nel farmi dei prezzi di favore mettendomi perché no la frutta e/o la verdura in buono stato da parte cosicche che io vado pago e me ne vado via subito senza perdere tempo a girare per vedere qual'è la migliore offerta visto che una volta presa la mia decisione con cui fare dei buoni acquisti sarà quel commerciante la proposta migliore per me.
By ikxikx
#43859
diventare un cliente affezzionato con cui mi troverò bene e magari mettermi d'accordo nel farmi dei prezzi di favore mettendomi perché no la frutta e/o la verdura in buono stato da parte
************************************************************
buona idea!!
Avatar utente
By flib
#48325
Anno nuovo, vita nuova :)

nel mese di dicembre mi sono lasciato un po' andare a causa dei frequenti pranzi sociali al ristorante:
2 cene + 1 pranzo aziendale, 2 cene con amici e il pranzo di natale.

Ovviamente sempre senza carne e pesce, ma farinacei e latticini non li ho evitati.

Posso segnalare un ristorante di Milano dove nel menù si trovano parecchi cibi vegetariani e vegan. Un Ehretista in transizione si sente sicuramente a suo agio e non è costretto a mangiare la solita insalata mista.
Ho mangiato della zucca al forno, dei topinambur saltati, una pasta con verdure, ma c'erano altre cose buone.

Il ristorante si chiama Be Bop ed è in Via Col di Lana 2.

Sto per arrivare al secondo anno ehretista. In questo ultimo periodo sto sperimentando due cose:
1) maggior forza di volontà nel seguire gli insegnamenti di Ehret.
2) crudismo

1) Mi trovo sempre meno a disagio nel seguire la mia strada, in alcune occasioni recenti ho smesso di "uniformarmi al gruppo" per le occasioni sociali.
Per il pranzo di Natale al ristorante ho chiesto gentilmente se potevano apportare delle variazioni al menù in modo da renderlo "vegetariano" ed hanno accolto la mia richiesta con molta cortesia. Tra l'altro il tortino di verdure che mi hanno preparato al posto dell'arrosto di vitello era buonissimo e... senza muco! L'involucro del tortino era fatto di melanzane e non di pasta sfoglia come pensavo. :)

In due recenti cene in casa con amici, mi sono fatto un antipasto di clementine mentre gli altri si mangiavano le oro "prelibatezze", poi ho mangiato anche cibo mucoso (riso e pasta con verdure, un dito di vino, il dolce).
Non avevo mai avuto il coraggio di iniziare un pranzo con la frutta in compagnia di altre persone.

Proprio oggi pomeriggio ho rifiutato un te' con annessa torta "industriale" che di solito mangiavo per evitare di fare il "diverso".
Ho detto semplicemente che non l'avrei mangiata ed ho ripiegato su una manciata di clementine prelevate dalla borsa che volutamente avevo portato in omaggio ai parenti che stavamo visitando. :wink:
Hanno detto che le clementine era meglio se le mangiavo dopo la torta 8O 8O
Mi hanno versato anche dello spumante, che ho lasciato nel bicchiere senza che nessuno se ne accorgesse :D :D

Insomma, una serie di cose positive!

2) dal 1 gennaio al 5 gennaio ho mangiato solo crudo, solo frutta e insalate senza condimenti (senza olio, sale, pepe, gomasio, etc).
Ieri sera ho interrotto con una insalata condita (olio+pepe+gomasio) e un pochino di patate lessate condite (olio, salsa di soia).

Una cosa che ho notato durante i 5 giorni crudisti è una aumentata mobilità dell'intestino che guarda caso si è arrestata con le patate di ieri sera. Finalmente ho avuto modo di verificare su me stesso la differenza tra alimentazione solo cruda e quella mista. Non mi sento pronto per un passaggio al crudismo perchè le verdure cotte mi piacciono ancora tanto, ma cercherò di aumentare il numero di giornate "solo crudo". Il tutto sarà più facile con l'arrivo della primavera/estate.


Termino questo aggiornamento dicendo che comunque, appena possibile, prenderò un appuntamento per un idrocolon per ripulirmi dei residui natalizi :D

Buon 2011 a tutti :D :D
Avatar utente
By flib
#48968
Sto sperimentando la Caisse Formula. 3 capsule ogni mattina.
L'ho acquistata qui
Ho preferito la versione in capsule perchè più pratica. :wink:
Ho iniziato giovedì scorso, quindi con oggi sono all'ottavo giorno.
Ho notato dopo i primi giorni un ridotto appetito.
Ieri un leggerissimo mal di testa mi ha accompagnato durante la giornata ed ho preso al balzo la scusa per digiunare.

In pratica sto digiunando da 38 ore circa... :)

bevo tanta acqua ed ho preso ieri mattina, ieri sera ed anche questa mattina una tisana alcalinizzante l'alca tè con un cucchiaino di miele :)

Sto attendendo il ritorno dell'appetito... dietro di me ci sono kiwi, mele ed abbondanza di frutta secca, ma per ora non ho voglia di mangiare.
A pranzo, per stare in compagnia con i colleghi, credo che prenderò un centrifugato di frutta. Per stasera vedremo... magari un insalatina per aiutare "meccanicamente" :wink:
Avatar utente
By flib
#49030
Ho completato il tezo giorno di digiuno e sto benissimo.
In questi due anni non ho mai avuto il coraggio di andare oltre il giorno e mezzo. Questa volta invece è scattato qualcosa :)

Da parecchio tempo mi sembrava che il mio organismo mi dicesse di fare una "pausa", ma mancava il coraggio, non il coraggio di digiunare, ma quello di dire "non mangio" a chi mi sta intorno.

ultima cena con insalatona, broccoletti e peperonata.

Colazione: digiuno+ 3 capsule di Caissè
Pranzo: complice l'assenza dei colleghi... l'ho saltato (anche se nelle ultime settimane il mio pranzo è stato spesso un centrifugato di frutta).
Nel pomeriggio mi sembrava di aver voglia di qualcosa (ho la cesta della futta alle mie spalle ed un cassetto stracolmo di fichi secchi, datteri, mandorle etc. in ufficio :wink: ) ma poi ripensandoci bene non avevo fame; inoltre avevo un leggerissimo mal di testa che mi teneva compagnia dal mattino.

La mia preoccupazione era dire a mia moglie che non mangiavo a cena, ma poi mi sono detto "chi può impedirmelo?" Al massimo mi ripeterà la solita solfa tipo: dove vuoi arrivare, cosa devi dimostrare, sei sempre a pensare alle malattie, ed altre stupidate del genere che dice quasi sempre :D :D

Così prima di arrivare a casa le ho detto che avevo un po' di mal di testa e non avevo fame, di non preparare la cena (insalatona e verdure) per me.
Dato che mi ha aspettato per mangiare mi sono fatto una tisana Alca Tè per tenerle compagnnia. Essendo un alcalinizzante ho pensato potesse anche giovare al digiuno.

Secondo giorno:
Appena alzato: Caissè
Colazione: Alca Tè con un cucchiaino di miele.
Pranzo: Ho "dovuto" andare a pranzo ed ho preso un centrifugato di ananas e mela.
Tardo pomeriggio anche una spremuta di arancia. Ho pensato che un po' di succhi scioglimuco potevano servire.
Cena: Alca Tè con cucchiaino di miele.

Terzo giorno, oggi,
Colazione: tisana con cucchiaino
Pranzo: niente (i colleghi andavano in pizzeria e quindi ho trovato una scusa per non andare)
Tardo pomeriggio: una spremuta di pompelmo.
Cena: tisana con cucchiaino di miele.

Oggi in effetti prima di cena mi sembrava di avere fame ed avevo pensato ad una insalata condita con avocado. Avevo anche un po' l'acquolina in bocca, ma dopo una mezzora è passato tutto.

Così mi sono detto: "Ecco! adesso ho capito bene la falsa fame" :)
Mi era già capitato di sperimentarla, ma dopo 3 giorni a digiuno pensavo fosse fame vera... quante cose abbiamo ancora da scoprire del ns. organismo :wink:

In questi giorni ho bevuto tanta acqua, oltre due litri al giorno, per favorire il transito renale.

Non ho avuto disturbi, un fatto strano è che oggi, dopo oltre 60 ore dall'ultimo pasto solido, ho avuto una evacuazione consistente e duretta 8O 8O

La lingua ha la famosa patina bianca di cui parla Ehret, ma non è poi molto spessa, pensavo peggio.

Adesso mi nascono i dubbi: continuare il digiuno? interromperlo? Boh, vedremo :D

Al prossimo aggiornamento :wink:
Avatar utente
By flib
#49046
Quarto giorno:

Colazione verso le 8.30: innerclean :lol: avevo in mente di interrompere oggi per non esagerare dato che è il mio primo digiuno "lungo", non avendo apparecchio per il clistere ho pensato ad una "ripulita" con innerclean.

10.00: Tisana Alca Tè
13.00: spremuta di arancia
14.00: effetto innerclean :D ma quanta roba c'era dentro ancora 8O
16.00: spremuta di arancia
Cena alle 18:30 (totale 93 ore di digiuno) :D con una arancia e dopo circa 20 minuti una scodella di germogli (cavolo rosso 50gr. e broccoli 50gr. ) conditi con un avocado (ho pensato potesse agevolare il transito) e un filo di olio EVO.
L'avocado l'ho schiacciato con la forchetta e stemperato in un po' di acqua per amalgamare meglio con i germogli che altrimenti hanno una consistenza troppo secca. A seguire un carciofo cucinato nella pentola a pressione e poi saltato in padella senza condimenti.

Adesso misurerò il tempo di transito :wink: 8O

Preciso che non avevo fame, ma ho volutamente programmato l'interruzione del digiuno per non "esagerare".
Nessun sintomo strano, la prossima volta cercherò di organizzarmi con un idrocolon al terzo giorno in modo da poter fare magari qualche giorno in più nella sicurezza di un colon "pulito".
Avatar utente
By flib
#50379
Eccomi qui, pronto per iniziare il TERZO ANNO EHRETISTA.
Sembra ieri, ma sono passati già due anni. Sono contento di aver scritto questo diario perchè solo rileggendolo mi rendo conto dei cambiamenti avvenuti nella mia dieta, ma anche negli altri campi.

Uno stile di vita nuovo, in maggiore sintonia con quanto mi circonda. Merito di di Ehret, ma anche di altri come Vadim Zeland, Valdo Vaccaro, e... ME STESSO!

Si, non dobbiamo dimenticarci che quello che facciamo è prima di tutto merito nostro. Quello che leggiamo, sentiamo, vediamo può fornirci degli spunti, ma il resto lo dobbiamo fare noi.

Non è un vanto, vuole solo essere un ulteriore spunto di riflessione sulle ns. potenzialità. Possiamo cambiare i ns. gusti, le ns. abitudini, solo dse lo vogliamo noi.

In questi giorni ripenso spesso ai fatti che piano piano mi hanno portato verso Ehret, nel senso che hanno spianato la strada facendo in modo di credere a quanto Ehret ha scritto nei suoi libri.
Mi sono venute in mente alcune cose che voglio scrivere per non dimenticare.

Un giorno ero a pranzo con i colleghi ed uno di essi, mentre mangiava una pizza al prosciutto (ed io una con lo speck 8O ), ha parlato di suo fratello vegano; diceva che suo fratello considerava il nutrirsi di carne come il nutrirsi di cadaveri.
Al momento la cosa mi è subito sembrata logica, ma non sono rimasto abbastanza scosso da smettere di mangiare la mia pizza con sopra il "cadavere affumicato". Un piccolo tarlo però si insediò nel mio cervello.

Altre cose le scriverò nel prossimo aggiornamento


3/3/11 ho modificato un paragrafo perchè non mi ero espresso correttamente :wink:
Ultima modifica di flib il 3 marzo 2011, 13:16, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By luciano
#50401
Grazie per il tuo apporto. :D

E' vero, sta prima a noi stessi.

La conoscenza è davanti a noi da millenni, solo che prima che la si colga si deve formare in noi il desiderio e la necessità di avvalersene.

Non un desiderio capriccioso, ma un forte desiderio da diventare l'unico. Poi gli altri desideri vengono appagati o abbandonati di conseguenza. :D
Avatar utente
By NewBoy2
#52399
Ciao Flib come stai?
come procede il viaggio :D

io sono tornato da qualche giorno a milano!

ora tutto bene! ho acquisito tranquillita' e chiarezza nel percorso che sto affrontando lentamente e serenamente (oggi 8° giorno, ma come bene sai sono vegetariano da + di un anno) :)!

a presto! fammi sapere
By rita
#52455
Ti ringrazio Flib per tutte le informazioni dettagliate che tieni nel tuo diario del forum.

la conosco bene anch io la falsa fame! e ho capito che se "non gli do' retta" dopo pochi attimi smette
mi accade generalmente la mattina perchè seguo il digiuno quotidiano e verso le 11 sento il mio corpo inviarmi dei segnali, tipo vuoto allo stomaco , a volte mi prende persino la testa...
oggi sappiamo che sono le tossine in circolo!

perdonami pero' se non sono d accordo con te su un punto:
non mi fido dei ristoranti vegetariani
non mi fido di nessun ristorante
se voglio seguire la linea ehretista la seguo sena cercare questo genere di ristoranti
se voglio andare a pranzo assieme alla mia famiglia, al limite cerco di limitare i danni non mangiado carne ma...
cosa credi che ci mettano dentro ??
sicuramente per rendere piu' gustosi i piatti cuceranno i primi anzchè con l'acqua, con il brodo e nel brodo sicuramente se il ristorante non è vegetariano ci sarà l'osso .... e se è vegetariano il dado e anche se è vegetale io preferisco starci alla larga.
tutte le pietanze sicuramente sono state cucinate con il dado.
un conto è mangiare i piatti elaborati ma cucinati da te o da amici e parenti. un altro è andare al ristorante.
a me piace da morire la pizza e non ho ancora rinunciato ma sono sicurissima che non è solo acqua,sale,farina, pomodoro. certo che no....
Avatar utente
By luciano
#52474
rita ha scritto: .... e se è vegetariano il dado e anche se è vegetale io preferisco starci alla larga.
E' verissimo quello che dici! :D

Anni fa, prima di conoscere Ehret, mi sono fermato a mangiare in un ristorante vegetariano, con tanto di insegna ben in vista.

Abbiamo preso il risotto ai carciofi, per poi scoprire che aveva usato il brodo fatto con dado vegetale, il burro e il formaggio grana. Però era in buona fede, il ristoratore aveva questa definizione di vegetariano: ovo-latteo-vegetariano.

E molti ristoratori sono tuttora di questa idea, non sono vegani e tanto meno ehretisti, se non sono ehretisti in primo luogo.
By rita
#52495
infatti...
purtroppo è cos'...

per me è un piacere sedermi a tavola con amici. ma se andiamo al vegetariano per me è peggio che andare in pizzeria!

mi rendo proprio conto che al vegetariano i cibi sono troppo gustosi per non essere trattati. e poi sono troppo elaborati.

purtroppo qui a genova non esistono ristoranti vegani o ancor meglio ehretisti
anche se la gente ci tiene a mangiare sano è ancora lontana la mentalità di uscire a cena e mangiare crudo.

allora io preferisco una pizza ogni tanto con i miei amici anche se so che neanche quella va bene...
:oops:
domenica sono andata a pranzo da mia suocera e il mio fidanzato si era raccomandato di non prepararmi pietanze elaborate o a base di carne
così mi aveva anticipato che mi avrebbe preparato il risotto con gli asparagi . io non volevo fare la rompiscatole e non ho detto nulla circa il risotto pensando che per una volta dopo due anni che non mi avrebbe fatto malissimo.
una volta a casa loro, gianluca mi dice tutto tranquillo e sorridente<tranquilla,mia mamma stava per metterci il dado di canre e invece io le ho fatto mettere quello vegetale>
8O 8O 8O 8O
ma io non volevo nemmeno quello vegetale !!!!!!!
e la cosa ancor peggiore è stato sapere che ci aveva messo un dado intero!!
ma non ho detto nulla. non voglio fare la rompiscatole a casa di mia suocera
pensare che mi avevano comperato anche il pane integrale , ma io integrale o no non ne mangio piu'

pensavo comunque che se usano dadi le casalinghe, figuriamoci cosa usano nei ristoranti per insaporire le pietanze!!!??
Avatar utente
By flib
#52499
Ciao Rita,

concordo con quanto scrivi sui ristoranti. Però sono dell'idea che ogni tanto si può trasgredire e mangiare qualcosa di vegetariano anche se mucoso o con additivi (sperando che siano vegetali anch'essi).

Per 41 ho mangiato carne, soprattutto insaccati, e non sono morto. Penso che non morirò per un dado vegetale :wink:

A casa mangio solo frutta, insalate e verdure cotte. Ogni tanto le patate. Condimenti ne uso sempre meno perchè mi piacciono sempre di più i sapori naturali.
Come consiglia Ehret, per insaporire alcune volte uso verdure in conserva (melanzane, peperoni, carciofi, pomodori secchi).

Quando devo uscire con gli amici preferisco i ristoranti/pizzeria e mi concedo una pizza con le verdure, senza mozzarella. So che nell'impasto potrebbero aver messo additivi, magari anche derivati animali, ma preferisco immaginare che sia solo farina, acqua e lievito. Se devo trasgredire preferisco non farmi del male "psicologico" rimuginando sulla composizione di quello che sto mangiando.

Anche io ho provato alcuni ristoranti vegetariani, oltre a trovare piatti troppo elaborati o trovato anche prezzi esagerati. Alla fine preferisco la pizzeria o un ristorante tradizionale dove mangio una pasta con qualche verdura (o pomodoro, sperando che non abbiano usato derivati animali per la salsa) un insalata ed un piatto di verdure.

Sono in transizione e oltre alla transizione culinaria sento che devo fare anche la transizione sociale :wink:
So che le persone a me più vicine si stanno preoccupando molto per la mia dieta ehretista, andare al ristorante, anche proponendolo io stesso, vedo che li fa stare tranquilli perchè dicono: "si, va beh, mangia tanta frutta e verdura, ma ogni tanto anche pasta, riso, pizza"

Sabato scorso ad esempio ho proposto una uscita al ristorante messicano. Nel menù avevo visto segnate vari piatti vegetariani, che però avevano qyuasi tutti il formaggio dentro.
Ho preso un antipasto vegetariano misto di cui metà l'ho passato alla consorte perchè aveva il formaggio. Poi tra i piatti vegetariani c'era uno che m'ispirava: verdure miste saltate con accompagnamento di salse varie. Era per due persone, inutile dire che l'ho mangiato da solo :D
Avatar utente
By flib
#52500
NewBoy2 ha scritto:Ciao Flib come stai?
come procede il viaggio :D

io sono tornato da qualche giorno a milano!

ora tutto bene! ho acquisito tranquillita' e chiarezza nel percorso che sto affrontando lentamente e serenamente (oggi 8° giorno, ma come bene sai sono vegetariano da + di un anno) :)!

a presto! fammi sapere


Ciao NewBoy2 :)
Il viaggio procede bene. Come ti avevo suggerito, bisogna andare con calma in modo che il corpo e la mente possano viaggiare insieme.
In caso contrario, se corpo e mente prendono due strade diverse ci si spezza in due :D :D
  • 1
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 14

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret