Arnold Ehret Italia

Il digiuno è un argomento interessante e importante e uno strumento che va al di là di quanto attualmente si conosce a riguardo e merita un suo spazio dedicato

Moderatore: luciano

By smilla
#25208
Ciao a tutti,
ho un intoppo che proprio non riesco a risolvere. Ho pensato molto se ritornarne a parlarne, visto che ci sono altri post sull'argomento, e alla fine ho deciso che forse altre testimonianze più simili al mio caso personale mi possono aiutare.

Dunque, dopo mesi di transizione, che - partendo da un'alimentazione diciamo "sana", ma non dal punto di vista mucoso (da tempo niente latticini, fritti, mai e poi mai fast food ecc., solo qualche dolce ogni tanto) - è consistita più che altro nell'abbandono della carne e quasi totalmente del pesce e nell'introduzione di più legumi e cereali integrali (che in linea di massima non mi sono mai piaciuti, questi ultimi nemmeno "bianchi"), mi sono decisa per l'ennesima volta a voler tentare il digiuno della "non colazione". Con esiti pessimi. Ci provo da settimane, se non mesi (a tratti abbandono...): ogni volta che a colazione non mangio (ma anche se mangio solo frutta è lo stesso), intorno alle 14, quando rientro a casa per mangiare, mi abbuffo! Sì, sono abbuffate magari di legumi o altra frutta, ma quantità indicibili e così per tutto il giorno. Come dicevo succede anche se mangio solo frutta, anche non so, 4 banane!! Poi sto malissimo, ma quella sensazione di dover saltare sui cibi (da quel che ho capito su amidi e carboidrati) mi rimane comunque! Quando abbandono è perchè capisco che qualcosa non va e ritengo più deleterio tenere un comportamento del genere che non mangiarmi qualche cracker integrale con un po' di frutta secca... Insomma, non capisco se è solo uan questione mentale, di dipendenza da colazioni straricche "imparate" in un passato sportivo, oppure proprio fisica... qualcuno può aiutarmi?

Scusate il post un po' lungo...

Smilla
By ikxikx
#25210
Ciao Smilla,

magari è OT ma per me con la dieta di Ehret bisogna imparare
ad essere frugali con le quantità di cibo...
By sibilla
#25229
Ciao Smilla,

capisco come ti devi sentire, ma secondo me quando l'ostacolo è grosso vuol dire che i tempi non sono maturi. Non so, forse c'è un qualche tipo particolare di alimento, una speciale combinazione, una pratica che possa risolver equesto tuo intoppo, ma personalmente la cosa che mi viene da dirti è: perchè insistere?

Ognuno ha i suoi modi e tempi, e l'accanirsi non fa che ingigantire il problema. In fondo, anche se è vero che in quello che facciamo è richiesta un po' di autodisciplina, comunque lo facciamo per piacere, perchè ci va, ci fa stare meglio... perchè ce la sentiamo di farlo. Ma non è detto che una cosa che abbiamo deciso di testa di fare il corpo ci permetta di farla. Se non ce lo permette vuol dire che per il momento non è cosa, sarà alla prossima occasione.

Per più di un anno, dopo aver letto ehret, sono stata d'accordo con l'eliminare i cereali, ma per il mio corpo era semplicemente infattibile. Ne ho preso atto e poi, quando si è creata l'occasione, ho detto: proviamo. Come coi bambini: proviamo per un po', poi semmai si torna indietro. E quel po' è stato sufficiente a farmi fare quel 'clic' in grado di rendere il passaggio permanente (oddio, sgarri ne faccio eh! ma quel che conta è la visione d'insieme!)

Ma per 'preparare il campo' al cambiamento, meglio stare tranquilli e in pace, senza sensi di colpa tipo 'non sono abbastanza forte per'. Chissenefrega. In fondo mica pasteggi a foies gras. E allora mangiati questi crekers e frutta e pace! quando sarà il momento passerai ad altro.

blessedBe
Ciao a tutti da Valerio

Ciao Valerio, benvenuto. :D Il primo passo è ac[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret