Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

#25767
Si formano nelle cripte tonsillari, negli ultimi giorni ho scoperto che ci sono molte informazioni su internet al riguardo, soprattutto per il fatto che generano alitosi.

Io ho sempre sofferto di problemi alle tonsille fino ad una decina di anni fa ed avrei dovuto rimuoverle, ma non ho mai voluto.
Mi è anche capitato in passato di trovarmi in bocca, a seguito di starnuto o colpo di tosse, uno di questi "cosi".

Su wikipedia c'è una voce in italiano, ma quella in inglese è molto più esaustiva.

Probabilmente molti di quelli che pensano di avere la tonsillite con le placchette bianche sulle tonsille soffrono di questi calcoli tonsillari. E così anche molti che hanno il problema dell'alito cattivo soffrono di questo disturbo.

Veniamo al dunque: come potrebbe essere spiegata questa patologia alla luce di Ehret?

Potrebbe essere muco che usa la strada delle tonsille per essere espulso. Data la difficoltà nell'espulsione ed il conseguente ristagno del muco nelle tasche tonsillari, questo assume una certa consistenza solida. L'odore al limite della sopportabilità potrebbe essere causato anche dalla notevole presenza di batteri nel cavo orale.

Sto seguendo la dieta povera di muco da tre mesi e mi sono comparsi un paio di riginfiamenti biancastri sulle tonsille. Credo proprio siano dei tonsilloliti, ma sono all'interno. Per ora nessun problema di alito :).
Qualcuno conosce rimedi naturali per far uscire questo muco dalle tonsille in breve tempo senza le spiacevoli conseguenze citate?[/url]
Avatar utente
By Giacomo97x
#25771
Ciao, potresti provare con un digiuno di qualche giorno, dovrebbe smuoversi qualcosa. Altri rimedi in particolare per il tuo problema non non conosco, se non la strada che hai intrapreso della dieta povera di muco.

Giacomo :wink:
Avatar utente
By danielsaam
#25782
Già ... penso anch'io che il digiuno sia la miglior strada per rimuovere questo "probabile muco" che ti esce dalle tonsille. :wink:
Avatar utente
By flib
#25790
Da molti anni non avevo più questo problema; ora dopo 3 mesi di transizione/dieta povera di muco, mi ritrovo con queste macchie biancastre.
Credo che un digiuno peggiorerebbe la situazione in quanto molto altro muco cercherebbe la via di uscita e potrebbe scegliere ancora la strada delle tonsille :wink:

C'è qualcun'altro che ha ancora le tonsille in bocca con problemi analoghi? Può anche essere che non si renda conto di averli dato che i calcoli tonsillari "Tonsil Stones" sono completamente asintomatici.
Si scoprono solo guardando attentamente le proprie tonsille.
Avatar utente
By Foca
#25802
Ciao Flib

anche io ho conosciuto questi "cosi". Prima di operarmi, all'età di 37 anni e togliermi le tonsille.
Questo avveniva circa 12 anni fa. Anche io mi ritrovavo ogni tanto qualche piccolo "granellino" di questa roba puzzolente, in bocca.
Allora non sapevo come spiegarla, oggi le mie tonsille non ci sono più e quindi ......
Avatar utente
By tistructor
#25835
Io ne soffro da parecchi anni (pezettini di muco quasi solido bianco o biancastro puzzolete). Pensavo poichè non mi sono informato che erano residui di cibo che rimanevano in gola e lì venivano cosi trattati. Questo pensiero era per giustificare il fatto che dopo aver mangiato soprattutto nocciole dove qualche pezzettino rimaneva sempre tenacemente in gola. Lo stesso giorno o giorni successivi questi calcoli me li ritrovavo in bocca. Da un annetto ho smesso di mangiare nocciole e queste si sono ridotte di molto ma non sparite del tutto.
Durante la dieta di transizione che ho appena intrapreso da 4 giorni se ne è presentata una.
L'alito non sembra influenzato da queste cose poichè altrimenti un mio amico me l'avrebbe fatto notare subito. Nella ditta dove lavoro ha identificato tutti quelli con alito cattivo e nella sua lista non ci sono.
Ciao
Avatar utente
By betula
#25869
E pensare che da piccola ne soffrivo ma non sapevo assolutamente di cosa si trattasse... Adesso a 40 anni devo capire che quel mistero di cui nessuno sapeva nulla (mia madre mi prendeva per matta, ma quando tossivo quella roba poi la buttavo via subito perchè era maleodorante e avevo paura!) :lol:
Credo che ne avessi tanti da bambina perchè consumavo almeno mezzo litro di latte al giorno (all'epoca mi piaceva tanto) e due yogurt, poi per fortuna, poco più grande, non ho potuto più consumare latte che mi faceva venire vomito e cagotto e, guarda caso, il problema è sparito.

Dalla voce su wiki in italiano dicono che per risolvere il problema dell'alitosi l'unica alternativa è asportare le tonsille.... resto senza parole!
Avatar utente
By flib
#26412
Dopo giorni di accanite ricerche ho scopertoquesto sito dove si elogiano le qualità dell GSP Grapefruit Seed Extract, in italiano ESP Estratto di Semi di Pompelmo.

Sembra che abbia proprietà al limite del miracoloso, trattandosi praticamente di un antibiotico naturale. Tra le qualità dovrebbe esserci anche quella di "sciogliere" i tonsilloliti...

L'ho trovato in erboristeria in pastiglie ed ho cominciato a prenderlo da 4 giorni, lo prenderò per almeno 15 giorni per vedere se sortisce qualche effetto.
Avatar utente
By LAj
#26425
scusa flib,
ma cosa t'aspetti?
Essendo questi semi come degli anti-biotici, ti aspetti forse che il sintomo venga soppresso?

prima hai detto che un digiuno sortirebbe l'effetto di secretare ulteriore muco attraverso le tonsille. Beh, io non le ho più perché a 6 anni me le hanno rimosse ma ora scopro che è una ghiandola linfatica che ha proprio questo compito.
Il digiuno sa come farla lavorare, ovviamente se ti si infiamma al punto che non riesci a respirare, o altri problemi, puoi interrompere il digiuno con una bella insalatona, ma la via è questa.

Secondo me
Avatar utente
By flib
#26445
Ho due grossi tonsilloliti, uno in ogni tonsilla. Sono prigionieri e non si muovono :D
Nel sito che ho linkato si dice proprio che l'effetto dell'ESP dovrebbe essere quello di sciogliere queste formazioni che Ehret classificherebbe sicuramente come "grumi di muco".
Dopo aver spulciato internet in lungo e in largo ho pensato che potevo provare questa strada.
L'altro metodo che mi è stato suggerito qui è il digiuno, ma continuo a pensare che il digiuno possa farmi produrre ancora più muco creando altri tonsilloliti che non vengono espulsi all'esterno perchè troppo grossi...
Fossero state cisti avrei potuto usare l'argilla, ma gli impacchi d'argilla sulle tonsille non saprei proprio come farli... se avete suggerimenti sono ben accetti
By rita
#26446
per flib
ci sei arrivato! perchè non ci provi?
con l'argilla , intendo. male non fa.
l'argilla puo' essere utilizzata in tutto il corpo meno che sul capo.
è un potentissimo antimicrobico. e se la usi associata allo zenzero è ancor piu' efficace!
se ti puo' interessare trovi un mio messaggio di risposta a foca su:
off topic - il dolore liberato - pag. 3
ciao, rita
Avatar utente
By flib
#26447
Ma come faccio a mettere l'argilla sulle tonsille :?:
By rita
#26448
scusami!!
avrei dovuto spiegare meglio.
basta che l'appichi sotto le orecchie , nella gola. l'argilla è talmente potente arriverà sicuramente lì.
Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

Molto bella la tua esperienza grazie!

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret