Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

By xavier
#28123
Noto che mangiando semplice, come dice Ehret, é molto meglio...x esempio a pranzo 1 o massimo 2 tipi di frutta...mentre la cena la faccio sempre con verdure. Riguardo alle vedure, Ehret da qualche ricetta x insalate con vari ingredienti...io noto che sto meglio se x esempio mangio anche solo pomodori e carote, o lattuga con avocado, o un tipo solo di verdura cotta x cena con qualche noce...insomma, non + di 2 o massimo 3 ingredienti!
Certi qui invece si fanno le insalatone con tante cose...ora vorrei sapere se mettere solo 2 ingredienti sia poco, riguardo le varie proprietá nutritive x il corpo...cioé, se x esempio a pranzo mangio fichi e a cena carote con lattuga e noci, o solo zucca e noci, o pomodori e avocado, é troppo poco o é meglio aggiungere altri ingredienti?
Io comunque anche non utilizzando + verdure in un solo pasto, cerco sempre di variare ogni giorno, mangiando fino a sazietá...

Ciao e grazie x chi mi risponderá!!
:D :D
Avatar utente
By luciano
#28132
L'importante è variare. se mangi melone e anguria, il giorno dopo mangia mele e pere, ecc. idem per le verdure, cosi variando ti prendi tutti gli elementi di cui il corpo a bisogno, qualità permettendo.

Oggi la frutta e la verdura sono impoverite, quindi è necessario integrare.
By xavier
#28161
Eh si, infatti faccio cosí....ogni giorno cmbio, ultimamente x pranzo mangio spesso fichi, xché ce li regalano, allora aprofitto! Ma in genere cambio sempre...poi integro con spirulina o alga Klamath!

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret