Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By jimbajet
#29088
Mio Marito è contrario!Non stiamo facendo altro che litigare perchè lui, essendo cuoco di professione, dice che io mi sono impazzita tutta insieme e che è pura follia quello che spiega il maestro Ehret, in quanto noi esseri umani essendo onnivori dobbiamo alimentarci con tutto. Altrimenti poi vengono carenze di proteine, di carboidrati, di zuccheri. Io ho cercato di spiegargli in tutti i modi la mia posizione ed il fatto che ci terrei tantissimo a cominciare la guarigione del mio corpo ma lui niente da fare...si ostina a dirmi che sono pazza insieme a tutti gli iscritti di questo forum e che se non mi passa questa follia mi porta a forza dallo psicologo perchè pensa che io voglia solo dimagrire e basta perchè sono troppo fissata con l'aspetto fisico.
Vi prego se c'è qualcuno tra di voi che ha passato la mia stessa esperienza, mi può dare qualche consiglio su cosa fare? Io vorrei continuare ma litigare tutti i santi giorni non mi fà stare serena e mi rende molto nervosa. NOn sò proprio come comportarmi :( !!!Vi prego aiutatemi!!
Avatar utente
By bichette
#29097
Non posso consigliarti sulla base dell'esperienza perchè ho una famiglia e un fidanzato molto aperti.
Tuttavia penso che la transizione la debba passare anche tuo marito, nel senso che appunto dovresti abituarlo piano piano a vederti mangiare diversamente e sentirti parlare di alimentazione diversa...
Siccome non tutti partono dallo stesso livello di consapevolezza, o meglio non sono tutti pronti per certe rivelazioni... ti consiglio di andarci poco a poco col tuo corpo cosicchè tuo marito si abitui piano piano...
In ogni caso la salute è solo tua e lui dovrebbe rispettare la tua scelta, su questo non si può discutere! certo sei capitata con un cuoco e non è facile, però penso che il concetto di libertà ci debba essere in una coppia...altrimenti parti via per un po' se la cosa ti stressa molto... non c'è niente di male, ci vuole tempo per abituare la gente ai cambiamenti...
Avatar utente
By zucchina
#29109
Anch'io ti raccomando la gradualità nell'esporre questo tuo progetto di salute-vita a tuo marito.
Per prima cosa cerca di diventare solo vegetariana (no carne, no pesce) per bel po' di tempo parlandogliene un po' per volta quasi tutti i giorni come fanno nelle pubblicità fino a fargli il lavaggio del cervello ricordardogli sempre della libertà dell'individuo e del rispetto delle idee fra due coniugi. :wink:
Gli esporrai i benefici che ne avra' la salute di chi si accosta a questa scelta; comprerai dei libri che leggerai e che stimolerai a leggere anche lui su questo argomento e magari libri di cucina vegerariana per provare delle nuove ricette senza carne nè pesce. :wink:

In seguito, questo lo saprai solo tu quando potrà essere il momento, diventerai vegana (niente latticini, nè uova nè derivati di animali) e così avrai già fatto un bel passo verso la transizione ehretista. :lol:

A dimendicavo, i digiuni e la pulizia intestinale. :twisted:
Sono cose talmente personali: l'igiene intestinale potrebbe non saperlo mai e tu la potresti eseguire in momenti in cui lui non c'è (vedi all'alba) oppure la notte quando tutto tace. :lol:

Per quanto riguarda il digiuno devi solamente vedere se approfittarne quando sei per qualche giornata intera fuori dalla sua portata, per esempio quando sei al lavoro ed al ritorno dici che hai già mangiato e sei piena; così ti puoi fare circa 36 ore di digiuno in santa pace. :lol:

Certo, dovrai avere la forza di preparare per gli altri, pazienza, noi donne ehretiste dobbiamo essere forti.....ma anche gli uomini che preparano da mangiare lo dovranno essere.
:wink:
Io ho usato questo metodo (il metodo zucchinesco) con mio marito e dopo un'anno di transizione con sgarri naturalmente mi sono ritrovata a parlarne con lui molto serenamente ed a rivedere anche la sua dieta di onnivaro per giunta risultata intollerante a mille alimenti perchè adesso ha scoperto di esserlo ed è a dieta quasi ehretista anche lui. :lol: :D :lol: :D :lol:
Chi disprezza compra. :!:
Non la chiamerà mai dieta ehretista (non avrà mai il coraggio di ammetterlo) ma dieta contro le intolleranze alimentari ma io e lui sappiamo benissimo che è quella.
Poi per quanto riguarda l'igiene intestinale ne abbiamo sempre parlato con molta ilarità divertendoci ( soprattutto lui) a prendermi in giro bellamente (non ve lo posso dire quanto) ma tutto giò è accettabile e divertente anche per me sopratutto quando ci va di mezzo il povero ehret che spero lo perdonerà dall'al di là ma dietro tutto questo vedo che inizia a perdere la sua convinzione estrema che il "sistema di ehret" fosse sbagliato.
Per quanto riguarda i miei digiuni un giorno alla settimana sono fuori per quasi tutta la giornata ed al rientro a casa dico tranquillamente che è stato il mio giorno di digiuno e riprenderò a mangiare l'indomani; comunque questo avviene solo dopo 1 anno di lavaggi del cervello.

Che fatica, eh? Ma ci sono quasi riuscita a starmene un po' tranquilla almeno durante la transizione. :wink:

Ciao e buona fortuna!
Avatar utente
By erre
#29112
un po' tutti noi abbiamo incontrato difficolta' e pregiudizi per aver attuato il sistema della dieta senza muco anche se il/la consorte fa tutt'altro che il cuoco.

Ma pensandoci bene per riuscire non bisogna convincere gli altri che ci stanno attorno ed avere il loro consenso, ma occorre cambiare noi stessi.
By kaekko
#29119
Il primo passo che ti consiglierei di fare è acquistare il libro "Combinare i cibi" di Herbert M. Shelton (lo trovi in questa pagina nella colonna di destra, subito sotto i tre libri di Ehret).
In questo libro ti insegnano a come combinare i cibi per evitare che fermentino/vadano in putrefazione nello stomaco e nell'intestino. Seguire queste indicazioni da sole migliorerebbe notevolmente il tuo stato di salute.
Questo libro è stato pensato soprattutto per persone che come te non possono rinunciare alla carne.

Contemporaneamente ti consiglierei di aumentare le quantità di frutta e verdura e di diminuire la quantità di carne e farinacei. Ogni tanto al posto di farti un piatto di pasta e/o carne potresti farti una bella insalata. Man mano che passeranno i mesi dovresti iniziare ad aumentare progressivamente i piatti di verdura a discapito di quelli di origine animale e/o farinacei.

La pasta di grano duro e il pane li potresti sostituire con patate o altri cereali meno mucosi e diminuirne progressivamente le quantità (aumentando così la verdura).

Ovviamente dovresti sostituire le schifezze chimiche (merendine, fast-food, ecc) con frutta.

Come ultima cosa, approfitta dei pasti che puoi fare da sola per mangiare frutta e verdura.

Se farai tutto con calma, prima ancora che tuo marito se ne renda conto sarai diventata un'ehretista doc.
Avatar utente
By Giacomo97x
#29120
Prova a chiedergli semplicemente se ha una vaga idea di come sorgono le malattie e quali potrebbero essere secondo lui le cause.

Io ho mio padre che mi ha buttato via il libro quando l'ha visto prendendomi a parolacce, cosa dovrei dire?
Non me la sono presa e non ho cercato di spiegargli i contenuti del libro, se non in minima parte. Gli ho chiesto se per dire certe cose avesse letto il libro, cosa che non ha fatto, e finita lì. Non ho insistito per nulla.
Ognuno ha le proprie convinzioni.
Farò una transizione più lunga e con più sgarri mangiando spesso ciò che cucinano i miei, ma in ogni modo ciò che importa è che ora so qual è la strada giusta.
Salto la colazione e cerco di evitare la carne la sera che qui a casa mia è quasi d'obbligo, mangio un sacco di frutta e verdura, pochissimo pane, niente caffè e pochissimi dolci e un pò di integratori.
Quando mi chiedono qualcosa gli dico le mie idee su cibi mucosi o sui farmaci, non ascolto nemmeno ciò che controbattono, perchè non ha nessuna importanza e la cosa finisce lì.

Vedo il mondo come una casa immensa con tantissime stanze inesplorate, tocca a noi e alla nostra curiosità voler aprire certe porte e tenerne chiuse altre.
Avatar utente
By luciano
#29121
zucchina ha scritto:...fino a fargli il lavaggio del cervello ...

....l'igiene intestinale potrebbe non saperlo mai e tu la potresti eseguire in momenti in cui lui non c'è (vedi all'alba) oppure la notte quando tutto tace. :lol:

....devi solamente vedere se approfittarne quando sei per qualche giornata intera fuori dalla sua portata, per esempio quando sei al lavoro ed al ritorno dici che hai già mangiato e sei piena...


Per quanto possa essere una soluzione non so quanto sia giusto nei confronti del proprio compagno di vita agire di nascosto.

zucchina ha scritto:Io ho usato questo metodo (il metodo zucchinesco) con mio marito e dopo un'anno di transizione con sgarri naturalmente mi sono ritrovata a parlarne con lui molto serenamente ed a rivedere anche la sua dieta di onnivaro per giunta risultata intollerante a mille alimenti perchè adesso ha scoperto di esserlo ed è a dieta quasi ehretista anche lui. :lol: :D :lol: :D :lol:
Bene che alla fine ce l'avete fatta, però agendo come sopra potrebbe anche andare storto.
Avatar utente
By luciano
#29122
jimbajet ha scritto:...si ostina a dirmi che sono pazza insieme a tutti gli iscritti di questo forum e che se non mi passa questa follia mi porta a forza dallo psicologo
Se c'è una situazione come questa non esiste un rapporto di parità basato sul rispetto, ma sulla prevaricazione, allora il problema non riguarda il fare o meno il percorso di Ehret, ma il rapporto coniugale stesso e dovrebbero essere risolti i problemi relazionali e dei ruoli di marito e moglie, dopo di che il resto si aggiusta.
Ciao a tutti da Valerio

Ciao Valerio, benvenuto. :D Il primo passo è ac[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret