Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

By xavier
#31098
Ho trovato in un negozio gestito da indiani una confezione di tamarindo naturale da 500gr, un frutto che si trova dalle parti della Thailandia...
É un frutto che assomiglia alla garruba, forma di legume lungo, con i bacelli....
Non l'ho ancora provato ma deve essere dolce....mi chiedevo se fosse un frutto leguminoso :D :D ....
Qualcuno l'ha provato? Secondo me é adatto alla dieta senza muco, se non fa parte delle leguminose...
Avatar utente
By armonia
#31099
Il tamarindo (Tamarindus indica) e' una pianta arborea sempreverde piuttosto longeva appartenente alla famiglia delle Leguminose, originaria dell'Africa orientale (Madagascar) e poi diffusasi anche in aree tropicali dell'Asia (India, Thailandia e Indonesia). Puo' raggiungere i 30 metri di altezza e piu' di 7 metri di circonferenza; le foglie sono pennato-composte, lunghe fino a 15 cm. e costituite appunto da numerose foglioline verde chiaro; come avviene per molte specie di leguminose, si richiudono durante la notte; i fiori sono riuniti a grappolo e di colore giallo con striature rosse o arancioni. I frutti sono baccelli penduli dalla forma leggermente incurvata; sono lunghi dai 10 ai 15 cm. ed hanno una colorazione marrone; i semi, da 4 a 12 per ogni baccello, sono inseriti in una polpa giallastra o bruna dal sapore leggermente aspro ma gradevole.

E' presente sul mercato tutto l'anno. In cucina, la polpa del tamarindo viene usata come spezia (e' un importante ingrediente della salsa "Worcestershire"); in India, quella dei frutti piu' acerbi, essendo piu' aspra, viene utilizzata come ingrediente acidificante per preparare il "Sambhar" (una zuppa di lenticchie speziata con molte verdure) ed il riso "Pulihora"; quella dei frutti piu' maturi (che invece e' piu' dolce) viene usata per preparare dessert (seccata e candita) e bevande (in Italia e' famoso lo sciroppo di Tamarindo).

Per quanto riguarda le virtu' nutrizionali, il tamarindo e' ricco di zuccheri, vitamine, minerali (in particolare ferro, potassio e calcio), pectine ed acidi organici (citrico, tartarico e malico); e' un vero toccasana per chi ha problemi gastrici o digestivi ed e' un ottimo regolatore intestinale (le proprieta' lassative vengono attribuite proprio alla gran quantita' di acidi organici presenti nella sua polpa; in commercio si trova la marmellata di tamarindo, un ottimo lassativo indicato soprattutto per i bambini e che non provoca coliche dolorose). Ha anche proprieta' antibatteriche ed antinfettive (nelle Filippine e' stato tradizionalmente usato in tisane utili a contrastare le febbri reumatiche, la malaria e la dissenteria). L'apporto calorico del tamarindo e' di 48 kcalorie per 100 g. di prodotto.

Ho riportato ciò che ho trovato in internet, ma penso che viste le sue proprietà e, se non se ne fa un largo uso, con buon senso direi che puoi usarlo.
Ciao
Avatar utente
By braveheart
#31127
xavier ha scritto:Ho trovato in un negozio gestito da indiani una confezione di tamarindo naturale da 500gr, un frutto che si trova dalle parti della Thailandia...

Xavier..predatore di frutti :D :D
By xavier
#31128
Ahaha! Beh, sono un buon cacciatore... :D
Anche se non é frutta del luogo, almeno una volta nella mia vita vorrei provare tutti i tipi di frutta che esistono al mondo...almeno la maggioranza!
Avatar utente
By braveheart
#31130
xavier ha scritto:Anche se non é frutta del luogo, almeno una volta nella mia vita vorrei provare tutti i tipi di frutta che esistono al mondo...almeno la maggioranza!

Allora siamo sulla stessa linea d'onda :D
Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret