Arnold Ehret Italia

Questo forum è per postare le tue storie dei successi personali conseguiti con la Dieta Senza Muco. Ogni mi9glioramento che tu possa avere per quanto piccolo sia, puoi inserirlo qui.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By kino
#31304
Ciao a tutti,
non sono sicuro sia il posto giusto per postare questa storia dato che non è un successo dovuto alla dieta di transizione. Chiedo quindi scusa in anticipo.

Qualche giorno fa ho ordinato alcuni libri riguardanti sia il sistema Ehret (Così parla lo stomaco), che sistemi di eliminazione delle scorie.
Arrivato il pacco in ufficio i miei colleghi incuriositi mi chiedono quali libri avessi comprato. Mostro loro i libri e spiego brevemente di cosa trattino e subito vengo additato, tra le risate, come fanatico pieno di complessi. I miei colleghi credono abbia una fobia per il cibo e una fissazione per le diete in generale( il fatto che abbia fatto recentemente 5 giorni di digiuno li ha convinti di questo...).
Provo a controbattere in ogni modo, dicendo alla fine che uno può credere o no al metodo, sebbene supportato dai fatti, ma che comunque la lettura di questi libri se non altro arricchirà la mia conoscenza del funzionamento del corpo umano. Al che uno dei miei collegi risponde: "Ah si? E a cosa serve questa conoscenza? Io so che devo mangiare 3 volte al giorno e andare in bagno ogni tanto (ha usato espressioni più colorite). Non mi serve a niente sapere cosa succede nella digestione".
A questo punto ho lasciato perdere, è inutile insistere con chi fa questo tipo di ragionamento. Sarebbe come dire: Io so che devo nascere, crescere e morire, tutto il resto è inutile...Bene, allora lascio che la gente viva nell'ignoranza e nella convinzione di agire nel giusto.
Ecco, il mio successo sta proprio in questo: evitare di discutere con chi fa dell'ignoranza la propria bandiera e limitarmi a dare dimostrazione dei fatti. Anche allora però, credo, troveranno difficile avvalorare le tesi Ehretiane...

Marco
Avatar utente
By Tenzin
#31309
Ciao Kino.
Fai quello che ti senti di fare e fregatene di ciò che dicono. Ho sempre pensato che questa è una strada che non tutti sono in grado di percorrere, per tanti motivi tra cui l'ignoranza. Molte persone preferiscono vivere consapevolmente nell'ignoranza anche se si tratta della propria saluta o di quella dei propri cari. Non vogliono e non hanno la mentalità giusta per mettersi in gioco. :roll: Al lavoro quando mi domandano dico tranquillamente quello che faccio e dei commenti negativi, caso mai ci fossero, me ne frego. Parlo non per tentare di convincere qualcuno, caso mai invito ad andare sul sito, prendersi il libro e a far ragionare la mente. Quando capitano situazione come le tue abbanono la discussione e non mi curo dei pensieri che possono creare su di me, neanche me la prendo. Non offrendo così terreno alla negatività! :twisted:
Ciao e forza! :wink:
Avatar utente
By erre
#31317
:D
mi sono stancato di voler dimostrare agli altri sia parenti che amici la validita' del metodo. I cambiamenti in me, che sono riscontrabili, ho visto che nessuno se ne accorge. Vedono solo la magrezza anche se il corpo e' modellato bene senza muscoli gonfi, ma definiti. Tutto merito dell' attivita' fisica.

Penso sia per il fatto che tali miglioramenti non sono repentini e chi ti sta' intorno non lo percepisce.

Ci vorrebbe qualcosa di sensazionale per esempio una netta ricrescita dei capelli. Io che li ho perduti da giovane potrei essere un vero testimone. Chissa' se un giorno potra' avvenire.
Avatar utente
By kino
#31330
Pensa che io invece sono anche piuttosto muscoloso...persino + di tanti amici che frequentano le palestre e che pensano in questo modo: 'io mangio quello che voglio, tanto domani vado in palestra e smaltisco tutto'. La cosa bella è che hanno tutti la pancia hahaha. Nemmeno l'evidenza li convince, poi quando capita di andare in spiaggia si vergognano hahaha
By neo84
#31413
Ciao,
concordo con il non dare ascolto a chi non è capace di ragionare con la propria testa e si limita a dimostrare la sua ottusità, ma il problema sorge con le persone che ti sono più vicine... talvolta è davvero difficile non porsi di fronte a loro, prenderle per le spalle e iniziare a scuoterle gridandogli SVEGLIA!!! nelle orecchie....
By costina
#31432
dura prova, e conoscenza di sé.

chi non vuol sentire non sente, chi non vuol capire non capisce, chi non vuol ascoltare non ascolta.

però spesso uno dei due - contendenti - si incazza.

Vorreste condividere con tutto il mondo la gioia che avete scoperto? non ci riuscirete, il bene non si può imporre - è l'unica cosa che lo differenzia dal male.
Avatar utente
By erre
#31435
costina ha scritto:Vorreste condividere con tutto il mondo la gioia che avete scoperto? non ci riuscirete, il bene non si può imporre - è l'unica cosa che lo differenzia dal male.


Bella questa tua citazione.
Avatar utente
By erre
#31436
Un' amico della stesa mia eta' che non vedevo e parlavo da anni, ha subito notato che il mio corpo e' esile e mentre scendevo dalla bicicleta mi ha detto: <<a che serve se non ne hai bisogno, anzi dovresti fare il contrario, mangia di piu'.>>

Lui, con una bella pancetta racconta soddisfatto di se stesso, che a tavola a volte le figlie gli dicono che fa' schiffo quando mangia un piattone la pastasciutta accompaganto con un pane intero. Al che' lui risponde <<cosa mi vuoi vedere malato?>>

A questo non sono riuscito a formulare nessuna parola. Cosa avrei potuto dire a queste persone che hanno queste convinzioni. Occorrebbe cominciare da zero per affrontare certi argomenti.
Avatar utente
By arko
#31448
Tutti noi che seguiamo scelte di alimentazione semplici e naturali, tutti i giorni rischiamo di scontrarci con gli altri che sono poi la stragrande maggioranza!
In realtà dovremmo imparare ed usare positività e forza creativa non tanto per convincere gli altri, compito arduo e dispendioso di buon umore ed energia, quanto per preservare il ns. equilibrio e la ns energia e questo sarebbe già un piccolo grande successo.
Mi hanno inviato un link qualche giorno fà che vorrei condividere con voi
è una storia che poco centra con Ehret, ma è una storia di successo in relazione a quanto dibattuto quì.
Il protagonista di questa storia vera, è un "professore" vegan che usa forse inconsapevolmente, positività e forza creativa.
http://www.promiseland.it/view.php?id=3276
Avatar utente
By Tenzin
#31454
Ciao arko e tutti gli altri.
Credo che la tolleranza sia alla base di tutto e di conseguenza, quando sei tollerante (ma non perchè "lo dobbiamo essere") la positività spunta fuori, anzi la tolleranza è già espressione di positività. Sono stato per molti anni vegetariano e frequentavo i vegetariani, il luogo comune era che i vegetariani erano migliori dei carnivori, erano più buoni (non è assolutamente vero), non uccidevono gli animali, non di qui e non di là. (se guardiamo la filosofia Buddhista noi umani uccidiamo miliardi di esseri senzienti, solo a respirare! Anch'io a volte dico per battuta che non mangio cadaveri, ma nei piatti accanto al mio ci sono pietanze di carne, e siccome questa è una scelta di coscienza individuale, non mi scandalizzo (li ho mangiati anch'io in passato) e non possiamo criticare chi non la pensa come noi in qualunque senso. Conosco molte persone carnivore brave, buone che si fanno in quattro ad aiutare umani ed animali, ma che ancora non si sono posti il problema. Ho conosciuto vegetariani e vegani che hanno commesso azioni deplorevoli....E' una questione di evoluzione, non di cosa mangiamo, chi ci arriva prima e chi dopo è solo questione di tempo e di "risveglio" dell'anima. Il fatto che mi possono criticare non mi sfiora, sono i fatti che contano, sto bene fisicamente e spiritualmente e questo chi ti è accanto lo percepisce. Non sento l'esigenza di convincere qualcuno a fare come me, a chi interessa li dò il sito e dico di ordinare il libro, a chi ci fà la risata rido anch'io.
Questo è un mio personale parere.
Grazie a tutti e
buona vita. :lol:
Avatar utente
By erre
#31457
arko ha scritto:Mi hanno inviato un link qualche giorno fà che vorrei condividere con voi
è una storia che poco centra con Ehret, ma è una storia di successo in relazione a quanto dibattuto quì.
Il protagonista di questa storia vera, è un "professore" vegan che usa forse inconsapevolmente, positività e forza creativa.
http://www.promiseland.it/view.php?id=3276


Si, e' vero che questa storia interessante dimostra che prendendo per il verso giusto il discorso si possono ottenere dei buoni risultati. In questo caso il prof vegan il suo compito, seppur arduo di spiegare la dieta vegana, e' riuscito perche' la preocupazione dei genitori che i figli non mangino abbastanza cibi proteici innaturali e' fugata dalla sostituzione di questi con altri cibi per noi mucosi.

Tutt' altra cosa e' asserire che i cibi naturali per l' uomo sono la frutta e le verdure a foglie verdi. In tal caso lo avrebbero silurato da tutte le scuole.

:o

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Libri di Arnold Ehret