Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Hazel
#32005
Vorrei ringraziarti.
Semplicemente.
Questo articolo per sincronicità è capitato proprio quando ne avevo bisogno.
Ho letto con molto interesse e ovviamente ho stampato per segnare alcuni passaggi.
Proprio in questi giorni riflettevo su quanti aspetti della vita è implicato il fegato.
Quanto un suo sovraccarico sia collegato all'affaticamento cognitivo, fisico, emotivo, e come riesca a bloccare ogni attività.
Credo che crei una forma "pesantezza esistenziale" insostenibile.
(per usare un eufemismo)
I sintomi correlati chiaramente si sprecano.
Ultimamente notavo che ogni volta che introduco nella mia alimentazione qualcosa che è passato per una fabbrica mi sento affaticata.
Chi mi circonda, come nella miglior tradizione del "Mito della caverna di Platone" obietta: "Ma alla fine queste sono solo prugne secche! Che potranno mai farti?"
Risposta: "La lattina in cui sono contenute, evidentemente rilascia molte più sostanze tossiche di quel che si crede!"
Anche il latte di riso che tutti giurano e spergiurano sia leggero, salutare e una valida alternativa al latte, mi manda completamente fuori fase.
Non solo me, anche mia madre ha la stesse reazioni, e quando le capita mi guarda con un faccia disgustata... manco avesse trangugiato un dinosauro. :-)
Bene, me ne torno alle miracolose pere che tanto mi rendono serena in questo periodo e saluti a tutto il resto, soprattutto al negazionismo elevato a sistema, del tipo, "tu sei fissata e questo non è possibile." :@
Una solfa che sento da una vita...
Avatar utente
By Foca
#32008
Mi hai anticipato Hazel :wink:
anche io volevo aprire un nuovo topic su questo interessantissimo nuovo articolo di Luciano.

Me lo stamperò e terrò sul comodino e lo rileggerò infinite volte.

Anche io non mi spiego come dopo un anno e mezzo di transizione, più o meno corretta, io non abbia ancora perso la "pancetta".

La primavera scorsa ho tolto un pochini di calcoli dal mio fegato (con il metodo della Dottoressa Clark) ma evidentemente dovrà ancora essere depurato.

Ho appena acquistato la RADICE di BARDANA in erboristeria ed ho intenzione di fare un periodo (1 o 2 mesi) di depurazione del fegato con il DECOTTO di questa radice, che dicono essere ottima.

Vedremo. Vi farò sapere se la mia pancetta sparirà o meno. :roll:
Avatar utente
By Hazel
#32009
Cara Foca,
il metodo della dottoressa Clark mi ha sempre incuriosito.
E' difficile mettere insieme l'apparecchio di cui parla nel suo libro?
Ultima modifica di Hazel il 3 dicembre 2009, 2:43, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By luciano
#32012
Hazel ha scritto:Cara Foca,
il metodo della dottoressa Clark mi ha sempre incuriosito.
E' difficile mettere insieme l'apparecchio di cui parla nel suo libro?
Non serve l'apparecchio per fare la pulizia del fegato.

Riguardo allo zapping, così si chiama l'aggeggio, devo aver buttato via lo schema elettrico tempo fa ripulendo i miei cassetti sempre pieni di carte.

Da buon elettronico devo esprimere i miei dubbi, dovuto al fatto che le emissioni sono deboli. Se fossero forti tanto da far fuori i vermi, creerebbero danni anche alle cellule. Le frequenze poi sono opinabili.

Questo è il mio parere, posso comunque sbagliarmi.

Sul procedimento della Clark avevo messo questo articolo anni fa, traducendolo dalla prima edizione in inglese del suo libro.

http://www.medicinenon.it/modules.php?n ... age&pid=20
Avatar utente
By Hazel
#32016
Ti ringrazio per la segnalazione. :)
Ho dovuto fare un copia e incolla perché non riuscivo a sostenere la vista della vescica biliare piena di calcoli.
:cry: :cry: :oops:
Sull'apparecchio, in modo alquanto confuso e oscuro pensavo qualcosa di simile al tuo parere.
Concordo.
Non ho insistito nel costruirlo perché non avrei avuto il coraggio di utilizzarlo.
Avatar utente
By Foca
#32039
Ciao Hazel :D

In effetti ho usato il metodo che segnala Luciano

http://www.medicinenon.it/modules.php?n ... age&pid=20
Avatar utente
By betula
#32060
Dopo aver letto il tuo articolo e scoperto che miracolosamente racchiudeva tutte le mie convinzioni e anche altre nuove, non vedo l'ora di leggere il seguito!
Avatar utente
By LAj
#32114
Foca ha scritto:Mi hai anticipato Hazel :wink:
anche io volevo aprire un nuovo topic su questo interessantissimo nuovo articolo di Luciano.

Me lo stamperò e terrò sul comodino e lo rileggerò infinite volte.

Anche io non mi spiego come dopo un anno e mezzo di transizione, più o meno corretta, io non abbia ancora perso la "pancetta".

La primavera scorsa ho tolto un pochini di calcoli dal mio fegato (con il metodo della Dottoressa Clark) ma evidentemente dovrà ancora essere depurato.



Care Hazel e Foca,
per i problemi descritti in un altro thread di questa sezione, il fegato è sempre stato un chiodo fisso. Non che mi si sia mai presentata una strada che garantisse il suo mantenimento ottimale con una vita "regolare" ma peggio, è solo stato il riferimento delle più probabili e disastrose sventure che potessero colpirmi.

In realtà, dopo un anno e mezzo di transizione posso serenamente affermare che mi sono sgravato di un senso di pesantezza che mi rovinava delle giornate, se non dei lunghi periodi che ricordo carichi di monotonia e tensione.
Forse in ciò sarà complice anche il bel tempo che si sta protraendo fino al mese di dicembre :), ad ogni modo, procedendo con fiducia secondo le migliori intenzioni che possono maturare dall'aver abbracciato la filosofia ehretista, proprio in questi giorni osservavo che, oserei dire, sono scomparsi i miei "fianchetti", quel rotolo che in gioventù si guarda con un senso di sfida e verso cui si è sempre pronti ad iniziare una battaglia per disintegrarlo, e che poi ad una certa età viene romanticamente rinominato "maniglie dell'amore"( forse perché con quanto è difficile eliminarlo ci si può aggrappare saldamente in una relazione affettiva ).

Devo precisare che non mi sembra di aver subito variazioni di peso particolari in questo periodo. Piuttosto ho provato a cambiare un po' di cose ma questo solo di recente e forse è presto per raccoglierne i frutti. Vero è che è capitato di vedermi allo specchio allorquando ero chiamato( per fortuna ) ad uno sforzo straordinario per liberarmi degli eccessi del giorno prima. Per questo motivo ne parlo solo qui a titolo consultivo ed aspetto di essere sicuro di un risultato definitivo prima di riportare nella sezione successi.

In particolare non ho mai praticato il metodo della pulizia del fegato con i sali inglesi, sebbene tempo fa avevo considerato l'estate come il periodo più adatto a questo scopo( solo per procedere con ordine).

Quanto al sentire fisico, so per certo che quella parte del mio corpo si esprime molto più del lato opposto, il sinistro. Questo mi impedisce di astrarmi totalmente da esso ed ogni tanto devo ricordarmene, perché so che prima di tutto lo fa per richiamare la mia attenzione. Sicuramente le indicazioni che ho trovato in quest'articolo di Luciano mi aiuteranno ad intenderlo un po' di più e spero che un giorno possa smettere di interferire con il mio processo di guarigione, lì dove, ad esempio fino ad oggi ho evitato i succhi di agrumi( in realtà non tanto desiderati ) per non disturbare il suo lavoro.
By cavalletta
#32180
Non sapevo che i succhi di agrumi rallentassero il lavoro del fegato.

Complimenti a Luciano per il bellissimo articolo.

Non scrivo da una vita, avrei talmente tante cose da raccontarvi che non saprei da dove cominciare e sicuramente dimenticherei qualcosa. Avrei dovuto scrivere regolarmente, ma per mia scelta ho voluto distaccarmi dal forum per focalizzare meglio su quello che era il libro, non me ne vogliate ma molti commenti che trovo qui mi hanno spesso "inquinato" il cervello.

Presto comincerò ad abbozzare un bel topic con tutto ciò che mi è capitato ed ho scoperto in quest'ultimo anno.

Saluti a tutti.
Avatar utente
By naples31
#32186
Salve a tutti,

per me l'argomento del fegato ,mi tocca in primo

piano visto che mi porto un epatite dietro da quand ero piccolo.

A tal riguardo volevo sapere se gli agrumi (limoni,arance...), di cui ne

faccio un buon consumo in succhi in questo periodo solo di mattina,possano aiutare il lavoro di disintossicazione che lo stesso organo svolge...

Cosa ne pensate a riguardo??..

Salutoni .. a tutti

WWWWWWWWWWWWWWWWW Ehret!!..
Avatar utente
By lalita
#34077
Come faccio a capire di quale articolo state parlando? Scusatemi magari ce l'ho sotto gli occhi .... ma potreste aiutarmi?
Ho provato a cercare "la rigenerazione del fegato" ma non ho trovato nulla se non la pagina con i vostri post che elogiavano l'articolo di Luciano.
Vi ringrazio fin d'ora.
Avatar utente
By Foca
#34079
Ciao Lalita :D
devi cliccare su questo link http://www.medicinenon.it/modules.php?n ... age&pid=20 Buona lettura Patrizia
Avatar utente
By lalita
#34085
Grazie Patrizia, ho letto l'articolo e caso strano sto proprio leggendo in questi giorni un libro di Andreas Moritz "Guarire il fegato con il lavaggio epatico" .... sembrano coincidenze ma chissà....
Qualcuno di voi ha provato questo metodo della pulizia epatica?
Io vorrei farla, mi farebbe piacere ascoltare qualche testimonianza in merito. Ho sempre il pensiero che facendo questo tipo di "interventi" mi potrebbe accadere di avere delle reazioni troppo forti e, anche se di natura non sono paurosa, sono rimasta scioccata dopo una sincope avuta due anni fa e mi è rimasto il brutto ricordo di quello che ho provato prima di perdere i sensi. Forse esagero, ma ci sono situazioni in cui il corpo è troppo stressato, stanco, colmo di immondizia e penso che fare un procedimento come quello descritto nell'articolo di Luciano sicuramente potrebbe togliermi un peso e fare pulizia ma d'altro canto anche provocarmi degli scobbussolamenti fisici..... Voi cosa ne dite?
Come sempre ringrazio per le vostre gentili risposte.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret