Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

By costina
#33331
volrvo solo descrivere un punto di vista, una sensazione, una emozione, un concetto positivo da associare quando si voglia liberarsi da una dipendenza.
Infatti, parlo di piacere, quindi si parla della cognizione del piacere, del valore del piacere, della scelta consapevole del piacere.
E' una osservazione utile, perché psicologicamente, di solito, liberarsi da una dipendenza è difficile in quanto si pensa al piacere cui si rinuncia e non a quello che si guadagna.
Perché sfugge, spesso, che c'è un piacere che si guadagna in cambio di quello che si perde.
Quindi non si parlava di rinuncia a mangiare-vivere-divertirsi come valore assoluto, per il gusto di farsi del male; ché anzi di non farsi male si tratta.

Questo, se uno vuole liberarsi da una cosa che ritiene una dipendenza, che siano i dolci, la dieta fruttariana, le cicche, il gioco di azzardo, il salutismo o qualsiasi altra cosa che il soggetto considera dipendenza.

E' un consiglio, una osservazione, che a qulcuno può tornare utile, per qualcuno essere illuminante, e per un altro del tutto inutile.

Quanto alla cessazione assoluta, come metodo, è un sistema che può funzionare o no, certo se funziona è più breve e liberatorio; ma se qualcuno si trova meglio col sistema graduale, lo faccia, può darsi che si trovi meglio, o che si stanchi, queste sono le variabili contingenti e fattuali, non solo individuali.
Avatar utente
By davide32
#33333
io sono dell'idea che come con la sigaretta nn si devono diminuire gradualmente ma bensi smettere subito i fumare!!!!idem per quanto riguarda la dipendenza da dolci o altro ...ma il piu' e' farselo entrare nel cervello :?
Avatar utente
By glc69
#33335
Non credo proprio che il problema delle compulsioni possa essere affrontato ed esaurito in poche battute; né tantomeno credo possibile definire aprioristicamente una via ottimale per superare l'impulso incontrollabile, la coazione compulsiva ad agire.

Io stesso ho smesso alcune compulsioni dall'oggi al domani, è la via che preferisco, radicale ed univoca, ma proprio adesso che sono in transizione ho scoperto di dover affrontare in modo più soft alcune altre "rinuncie". Ad esempio ho impiegato oltre un anno per eliminare il caffè e trovo anch'io difficoltà ad eliminare quei pochi dolci che ancora assumo occasionalmente.

Il primo passo è sicuramente, come del resto avete già detto, rendersi conto di essere impotenti di fronte a quella determinata cosa (sigaretta, bevanda, gioco, sesso, alimento...) e che essa ci sta arrecando danno o rendendo impossibile la vita. Già questo è un passo fondamentale perchè ci consente di "vedere" la compulsione, di dargli una forma e quindi di renderci conto immediatamente ogni volta che stiamo cedendo alle "sirene". Vedrai mirialu che già sei un bel pezzo avanti. Tra poco ti apparirà chiaro anche il "meccanismo" che si innesca e che ti "costringe" a cedere alla tentazione; per questo dico che spesso è utile anche cedere allo sgarro perchè svela il meccanismo subdolo della compulsione. Dopo che lo hai visto chiaramente allora sarà facile superarlo; in quel momento potrai decidere liberamente se cedere o meno e sicuramente ti dirai di no, non cedere, e supererai la crisi (che durerà pochi minuti).

Tienici informati, è un tema importante.
Grazie per la tua testimonianza
Gianluca
Avatar utente
By Antishred
#33336
Quello che intendevo dire era che secondo me non esiste dipendenza da dolci, è solo una reazione del nostro corpo che ci obbliga quasi a mangiare fonti di dolce per sopravvivere! Basta mangiare le fonti giuste di dolcezza, e la dipendenza scompare.
Costina, se parlavi di rinunciare ai dolci intesi come quelli di pasticceria eccetera, allora sono io che ho capito male, perchè in effetti è vero, bisogna dire un no secco o si viene risucchiati nel baratro.
Pensavo la invitassi a trovare piacere nella rinuncia al cibo in generale, e secondo me quello è un comportamento da malati, ma rileggendo mi rendo conto che forse ci siamo capiti male.

In ogni caso, Mirialu, sappi che per metà puoi essere tu ancora legata "sentimentalmente" ai dolciumi vari, ma per l'altra metà è il tuo corpo che ti chiede disperatamente frutta, l'unico dolce che si dovrebbe mangiare, e ci sono dei frutti che sono dolcissimi, prova a scoprire quali sono i tuoi preferiti e mangiatene a tonnellate!

Ciaoo
Avatar utente
By Antishred
#33337
davide32 ha scritto:ma dove le trovi quelle banane?dove le compro io sono acerbe


Ciao Davide, è facile: le compro acerbe e le lascio maturare in casa vicino ad altra frutta, in genere mele. Quando sono mature al punto giusto, ne compro altre di acerbe e faccio il ricambio.
Se compri le cassette in genere sono da 18-20kg, e costano dai 15 ai 20€. Se le trovi già mature nei negozi te le tirano letteralmente nella schiena, quindi puoi cercare dei negozi che ne hanno in quantità e farti un giro ogni tanto.

Ciaoo
Avatar utente
By davide32
#33340
io per dire so che molti cibi mi sconvolgono la giornata nel senso mi fanno sentire strano ,emarginato la vista imperfetta !!eppure continuo a mangiarli questi dannati alimenti mi sento un po sadomaso e se per dire stessi un giorno senza mangiare avrei una carica e sarei potentissimo ma eppure devo sempre rompere la carica finendo per stare peggio pur essendo consapevole maledetto cibo ciao ANTIS!!
By mirialu
#33341
Ho deciso da ieri l'astinenza completa da dolci .Ho provato gradualmente ha diminuire biscotti e brioss ma ogni volta invece di un biscotto ne mangio un pacchetto. Per il resto non ho avuto grosse difficoltà.ho eliminato parecchi cibi senza nessun problema.Sono in sfida con me stessa VOGLIO RIUSCIRE e sabato prossimo VOGLIO FARE il mio primo digiuno di 36 ore. Vi farò sapere domenica prossima se riuscirò nella prima tappa del mio percorso.
Avatar utente
By Antishred
#33343
Grande Mirialu!
I dolci sono una fregatura! Diecimila ingredienti per costruire ad arte un "cibo" che senza zucchero a tonnellate sarebbe quantomeno assurdo...
Così è stato finora, ma con il tempo ti sembrerà davvero una cosa assurda "coccolarti" con quei cosi, perchè il piacere momentaneo alla lunga costa caro!
Dai, dai, dai, puoi farcela!
E riguardo ai VOGLIO, non stressarti troppo, sostituiscili con dei "sarebbe bello se..." :wink:

Ciaoo

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret