Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Fabri67
#2700
Ho iniziato, come già scritto in un mio post precedente, la dieta di transizione consigliata da Ehret il 6 gennaio 2007 e da circa tre giorni mi sono apparse all'interno della bocca due piccole afte.
Ho pensato che siano dovute ad un inizio di disintossicazione o all'allergia alla frutta secca, per altro consigliata da Ehret nel periodo invernale,noci,mandorle,prugne secche,albicocche secche, assunte sia crude che cotte.
Sono stato in erboristeria e mi sono stati consigliati dei fermenti lattici in pastiglie, comode per chi come me è sempre in giro, vi sono per i più esperti del forum delle controindicazioni all'assunzione di questi ultimi. Eseguo anche dei risciacqui del cavo orale con acqua e aggiunta di albero del te idrosolubile.
Grazie Fabri 67
Avatar utente
By blueyesvegan
#2701
Fabri67 ha scritto:Sono stato in erboristeria e mi sono stati consigliati dei fermenti lattici in pastiglie, comode per chi come me è sempre in giro, vi sono per i più esperti del forum delle controindicazioni all'assunzione di questi ultimi.


Sicuramente non è associato nessun rischio all'assunzione di fermenti lattici, e probabilmente possono derivare dei benefici dal loro uso: il dubbio sulla loro reale efficacia deriva dall'incertezza sull'effettiva possibilià che i batteri non muoiano lungo il percorso attraverso il tratto superiore dell'apparato digerente.
Avatar utente
By Fabri67
#2715
Visto che gli esperti del forum non rispondono e dopo una personale riflessione, mi rispondo da solo:
sono giunto alla conclusione che l'aver assunto frutta secca come i fichi, le albicocche e le prugne che contengono zuccheri e consumati senza cottura abbiano ,quest'ultimi, instaurato un processo di candidosi manifestatosi con due piccole afte nel cavo orale. Sospenderò l'assunzione di questi alimenti e inizierò a prendere i fermenti lattici consigliati dall'erborista.
Saluti Fabri 67
Avatar utente
By arca
#2716
Ciao FABRI67
è possibile che le afte alla bocca siano state causate da un eccesso di intossicazione della dieta come anche da qualcosa che ha inavvertitamente graffiato il cavo orale.
Comunque in entrambi i casi i fermenti sono sempre un toccasana poiché riabilitano il sistema immunitario.
Circa ciò che diceva blueyesvegan, devo convenire che l'unico problema è che i batteri muoiano nel percorso attraverso lo stomaco.
Allora abbiamo questo trucchetto: quelli più resistenti sono gli acidophilus; inoltre altre due cose: prenderli a stomaco vuoto quando non c'è fame (così non ci sono molti acidi nello stomaco che li possano distruggere) ed inoltre bere molto, così gli eventuali pochi acidi vengono diluiti e li freghiamo.
Gli acidophilus sono tra quei pochi fermenti lattici capaci di vivere a pH molto acidi. Ce n'è di pochissimi altri e questo dovrebbe anche darti una indicazione della inutilità di quegli yogurt che pubblicizzano di avere dentro un mare di batteri che poi, giunti allo stomaco ... puff ... spariscono morti stecchiti.

Sono spiacente del ritardo della risposta, ma è inutile che ti lamenti ogni volta che scrivi un post come quello dello spostamento dell'olio essenziale di origano.
Le persone possono avere dei brevi impedimenti che portano a ritardare un po' la risposta, ma ciò non significa che non ti si voglia bene o che non ti si tenga in considerazione.
Un abbraccio
Arca :)
Avatar utente
By Fabri67
#2735
Ti ringrazio Arca per la risposta ,metto senz’altro in atto i tuoi consigli e ti chiedo scusa per la mia impazienza.
Tento comunque, se mi è permesso in questo forum di giustificare la mia impazienza:
Il dott. Panfili, che tra l’altro tu hai citato in un tuo post,scrive nel capitolo 1 di un suo libro:” il corpo plasma la mente e viceversa”,per cui ritengo e ne sono consapevole che in questa fase di transizione, , il corpo ti richiede quello a cui prima l’avevi abituato ed è il famoso “desiderio quasi irresistibile per gli alimenti errati” di cui scrive Ehret a pag. 95, oggi la chiamiamo “memoria cellulare”, ma, come si dice dalle nostre parti:”se non è zuppa è pan bagnato”.

L’aver tolto dalla mia alimentazione i derivati del latte, la pasta, i cereali,i legumi, le uova, è chiaro che influisce anche sulla mente con manifestazioni di nervosismo, umore, ecc., se non altro esprimendosi e reagendo per scritto con le cosiddette “lagnanze”. Se a questo aggiungiamo lo stress del lavoro ,nel mio caso un po’ troppo eccessivo, o l’associazione inconscia di oggettivi problemi di lavoro a precedenti stress accumulati che ti portano ad un ansia esagerata, e se consideri che il tutto dura da 40 anni di lavoro dopo il diploma, lavoro pieno di responsabilità e di preoccupazioni, comprenderai a quale tensione sono e sono stato sottoposto.
Un po’ per inclinazione, un po’ per ovviare allo stress di cui ho fatto cenno,come già detto, ho eseguito varie pratiche psico fisiche : Yoga, “Cinque tibetani”, “Taoismo”, “Rebirthing”, “Studio sistematico dei test di Teosofia , dell’Antroposofia dello Steiner”,”Opera Omnia del Kremmerz”,gli scritti di “Osho” , ecc., ma evidentemente pur dando i benefici di una serenità e una pace interiore, la ricaduta nei problemi della vita diventa ogni volta sempre più forte, come se l’essermi privato di alcuni cibi abbia innescato un processo ancora maggiore, vedi a pag. 74 del libro di Ehret il punto relativo ai tempi, dove si evince che evidentemente , per le condizioni su espresse,non era il giusto tempo per me di cambiar dieta.
Per poi seguire i principi di Ehret nel miglior modo, sarebbe necessario essere liberi da impegni difatti chi di noi può, lavorando, effettuare ciò che Lui dice a pag. 93: “ Se possibile, si dovrebbe fare un primo pasto fra le dieci e le undici di mattino mentre la cena non prima delle cinque o delle sei del pomeriggio”, cosa che tra l’altro Tu hai sperimentato, ma nel mio caso non mi ci vedo nel bel mezzo di una riunione di lavoro, farmi portare il cibo alla dieci di mattino o alle sei del pomeriggio, anche perché non me lo porterebbe nessuno.
Un’altra cosa Ti devo dire, tu hai citato i “Cinque tibetani” , ma se hai letto il libro di Peter Kelder,a proposito della dieta consigliata dal colonnello Bradford ,avrai anche letto l’errore dietetico in cui tutti noi siamo caduti, a proposito dell’assunzione del tuorlo d’uovo da parte dei Lama tibetani del monastero dove il colonnello aveva appreso la pratica e la dietetica tanto consigliato pag. 78 prima edizione Mediterranee: “Avevo sempre saputo che il torlo d’uovo possedeva un alto valore nutritivo, ma imparai quale fosse davvero questo valore solo dopo aver parlato con un altro occidentale che viveva nel monastero, un uomo che aveva studiato biochimica, Mi disse che le comuni uova di gallina contengono una buona metà degli elementi utili al cervello, ai nervi e agli organi. E’ vero che tali elementi sono necessari solo in piccole quantità, ma se volete essere eccezionalmente vigorosi e sani, sia mentalmente che fisicamente, è necessario includerli nella dieta”.
Nella seconda edizione viene ripetuto il concetto con un accorgimento, vedi pag. 177:
“ Il colonnello Bradford apprezza le uova crude e noi consideriamo il torlo d’uovo la migliore proteina disponibile. Ma nelle attuali uova da supermarket troppo spesso si annida il batterio della salmonella, e quindi non possiamo consigliare di consumare tuorli d’uovo crudo. Per avere delle uova alla coque, portate l’acqua a bollore e quindi spegnete il gas. Tenete l’uovo intero nell’acqua per tre minuti, quindi toglietelo, e consumatene soltanto il tuorlo. Scartate l’albume a meno che non siate degli atleti o siate impegnati in lavori fisici pesanti”.
A pag. 123 del suo libro il prof. Ehret scrive: “ Le uova sono ancora peggiori della carne, non soltanto perché la loro percentuale di proteine è troppo elevata ma perché contengono una sostanza collosa molto peggiore….. Con l’albume delle uova si può fare una colla perfetta”.
Immaginati la delusione che ho avuto, io che avevo seguito i principi del colonnello Bradford, ho anche pensato che forse Ehret considerasse l’uovo intero e che solo l’albume contenesse muco, ma consultando le tabelle di Ragnar Berg a pag. 87 trovo che l’albume d’uovo da acidità con un valore di 8.27 e il tuorlo d’uovo da acidità con un valore nientemeno che di 51.83 il più alto di tutti i valori riportati nelle tabelle. Quindi che fare? Ho eliminato per ora le uova.
Hai capito bene ho scritto per ora e sai perché?
Per darti questa risposta devo ricollegarmi a una risposta che ho tenuto in sospeso per Luciano relativa alla domanda fondamentale di Merlo: “Quanto vive un Eheretista”.
Premetto che ammiro il notevole “sforzo” che Luciano disinteressatamente ha effettuato nella divulgazione del libro “ Il sistema di guarigione della dieta senza muco”, ma ritengo riduttiva la partecipazione di tutti noi se si perde di mira il vero scopo della dieta, pertanto ecco la risposta a Luciano che potrà far meglio comprendere le mie conclusioni:
“ Se leggi bene il mio primo post avevo solo risposto a Merlo quello che sapevo sulla via della longevità e della spiritualità.
Nel secondo post, ho risposto cercando di portare in campo la mia poca esperienza di vita,molti sulla carta anagrafica, nulla di fronte all’eternità , cercando di farti comprendere che i “ mi pare” erano stimolativi per una discussione più approfondita in particolare sull’esperienza fisica, mentale e spirituale che Tu (scusami se ti do del tu, ma in Internet il Lei si usa poco) , persona più avanti di noi sul cammino meraviglioso di Ehret ,potevi se volevi metterci a conoscenza.
Io credo che il pensiero di Ehret, che a mio avviso aveva raggiunto un alto grado di consapevolezza, va molto al di là di quanto viene scritto sul libro “ Il sistema di guarigione della dieta senza muco”.
Ricordati che per me è un onore e un piacere ricevere le tue risposte ,anche perchè apprezzo molto i tuoi due siti e vedo che sei in sintonia con il principio descritto a pag. 24 dal prof. B.W. Child a proposito del Prof. Arnol Ehret :“ Questo travolgente desiderio di aiutare i propri simili ad apprendere la verità, unito alla volontà di ammettere che non sapeva tutto, era la forza che lo motivava”.
Traspare in Arnold Ehret una elevata spiritualità raggiunta con le sue esperienze, vedi ad esempio a pag. 18 “ Digiunare (semplicemente mangiar di meno) era il metodo della Natura Onnipotente di liberare il corpo dagli effetti di cibo eccessivo o sbagliato, ho anche scoperto che è il Passepartout per aprire le porte del mondo spirituale e dell’evoluzione “, a pag. 19-20 “Completamente trasformato come uomo, desideravo esperienze più elevate, non meramente fisiche,ma anche mentali e spirituali”, a pag. 21 “ Imparai che la vita di Cristo e gli insegnamenti erano in completa attinenza con le leggi naturali..ecc.” e più avanti sempre a pag. 21 “ Il mio libro confermerà, con prove convincenti che i doni di Cristo, i cosiddetti miracoli di guarigione, gli apparenti cambiamenti delle leggi naturali, la sua resurrezione e ascensione la Paradiso erano in accordo con le leggi naturali…ecc.” e poi ancora sempre a pag. 21 “ Mostrare la vita di Cristo alla luce del sole secondo le vere leggi naturali, quindi eterne e divine, identiche a quelle della nostra propria natura, è un’ispirazione ed un’aspirazione di cui ora molti gioiscono e nessuno dovrebbe privarsene”.
Leggo poi a pag. 24 quanto scrive per terminare la sua presentazione di Arnold Ehret il Prof. B.W. Child “ Arnold Ehret lascia un’eredità di enorme valore per l’umanità …….Vivere con gioiosa felicità accompagnata da un completo risveglio spirituale”, per ultimo a pag. 145 “ Mangia nel modo che è appropriato sulla via del Paradiso, qui sulla Terra…..abbiamo imparato questa grande verità ……….la luce di una rigenerazione come la Fondazione della Rivelazione Mentale e Spirituale: il progresso verso un mondo superiore, un mondo spirituale”.
Ecco perché avendo compreso l’alto messaggio che Ehret ha comunicato nel suo libro, mi sono permesso di portare le mie conoscenze e modeste esperienze nel campo spirituale sempre però con una visione olistica , difatti ti ho anticipato nel secondo post che “vale più la pratica che la grammatica”, pertanto come avrai notato ho intrapreso la dieta di transizione, lato pratico sul corpo fisico e mentale e sull’adattamento emozionale che ci lega tutti alle nostre abitudini alimentari.
Ritengo, tra l’altro lo scrivi Tu stesso:” Questo è il forum di Arnold Ehret e della dieta senza muco”, che prima o poi dovrai aprire nel sito un argomento relativo alle esperienze che i vari futuri erhetisti italiani avranno, e intendo anche le esperienze mentali, e spirituali a cui Il prof. Ehret si riferisce, presenti nei “contenuti del libro” ai quali se mi permetti mi sono collegato.
Si tratta in definitiva di un confronto di esperienze, non solo sui vari tipi di verdure e frutta,
ma anche su esperienze relative al Vero messaggio che il prof. Ehret intendeva trasmettere all’umanità con il suo libro”.
Conclusioni:
Sia nel caso dei “Cinque tibetani” che nel caso “Il sistema di guarigione della dieta senza muco”,
viene assicurata una qualità di vita migliore, longevità e possibile assenza di malattie,più consapevolezza , presenza, risveglio spirituale, ecc., ma il sottoscritto non ha mai visto per ora, nessuno che avendo intrapreso tali pratiche e diete, dimostri molti anni di meno di quelli indicati su una vera propria carta d’identità o che non abbia mai avuto nemmeno un raffreddore. Se qualcuno di Voi lo conosce, me lo presenti.
Lo stesso Luciano, riguardo alla domanda di Merlo su quanto vive un ehretista, riferisce che:
“Come dice Ehret il limite è sconosciuto. Ad ogni modo è riferito a un Ehretista che ha completato il cammino dell'Ehretismo, ossia ha ottenuto un sangue assolutamente puro. Ad esso occorre aggiungere il proprio karma personale” e questo invoglia chiunque ad intraprendere la dieta,pur non assumendo da tempo, per propri principi personali come il sottoscritto sia la carne che il pesce.
Ora mi chiedo questo, con tutte le persone che sono state guarite nella clinica in Svizzera di Ehret, è possibile che non ce ne sia una o più di una che una volta guarita, compresa l’importanza dell’insegnamento di Ehret, abbia continuata la dieta portandoci testimonianza del suo buon stato di salute e di longevità tramite i giornali di quei tempi o addirittura con la propria presenza vivente ancora oggi?
Riguardo alla longevità e all’assenza di malattie,la stessa cosa succede nei “Cinque tibetani” dove con l’esecuzione del sesto rito il colonnello Bradford assicura di essere ritornato addirittura più giovane.
Quindi la domanda che un comune mortale deve chiedersi per i due casi, è se è tutto vero, se è vero solo una parte, se invece nel primo caso,quello “dei cinque tibetani” è il solito businnes o se in entrambi i casi ne dobbiamo oltre che sperimentare sulla propria pelle, farne un atto di convinzione se non di fede?
Per tanto, avendo come si suol dire “sputato il rospo”e ritornando al mio “per ora ho eliminato le uova” attendo una Vostra gradita risposta che mi incoraggi sulla strada intrapresa.

Con molta stima Fabri67
Avatar utente
By luciano
#2739
Ciao Fabri67,
... lungo post eh! :D
Riguardo alle tue difficoltà nel fare la dieta come vorresti a causa degli impegni di lavoro, fai quello che puoi, tutto dipende dalle priorità, che sono diverse da persona a persona.
Per fare un esempio, una persona che si trovasse a letto immobilizzato per una malattia degenerativa, se conoscesse e considerasse valida per lui la dieta per riconquistare la salute, quest'ultima sarebbe per lui una priorità.

Ovviamente non intendo dire che uno dovrebbe trascurare la sua attività per la dieta, ma se uno vuole può trovare il modo di conciliare entrambe le cose, se la salute è per lui importante e pensa che la dieta gli permetterà di conseguirla (sto parlando della salute perfetta così come Ehret la definisce).

Non è che Ehret dice che si deve pranzare alle ore 17:35:48, si può farlo dopo la riunione di lavoro o quando si ritiene che esistano le condizioni adatte alla situazione del momento. Dipende da quanto si vuole fare una cosa e se si vuole concedere la possibilità che darà quello che promette.

Quando ero adolescente, trovavo sempre il tempo per frequentare una piacevolissima ragazza al pomeriggio, andando al lavoro alle 04:30 del mattino invece che alle 08:00. Allora era lei la mia priorità, ma dovevo anche lavorare ovviamente e ho trovato la soluzione.
Conosco persone che hanno attività imprenditoriali e praticano l'aikido e dopo vario rimuginare come fare insieme la pratica hanno deciso di fare un'ora alle sei del mattino. Le soluzioni se uno vuole le trova.

Tralascio le mie considerazioni su tutto il resto del tuo lungo post e concludo che posso solo dirti che:

1. c'è un libro sulla dieta senza muco che presenta un sistema di guarigione
2. c'è questo forum che <b>non è</b> un forum di discussione, ma di aiuto pratico nel seguirla, empirico e richiesto e offerto dagli utenti, a seconda delle proprie possibilità di farlo o meno, del tipo delle sezioni "supporto" e "apporto" per l'uso di programmi specifici nelle quali non chiedi o offri informazioni su linux se il forum è di windows, va vai sul sito di linux e non discuti, non essendo un forum di discussione.

Se poi uno vuole anche esporre i suoi successi è ben accetto.

3. l'unico modo per sapere se la dieta funziona è farla, secondo le istruzioni di Ehret. Non c'è altro oltre a quanto contenuto nel libro.
Se si inizia a fare confronti o paragoni con altre dottrine, discipline, autori, ecc. si esula dallo scopo di questo forum.

4. le tavole di Berg non sono state inserite per seguirle, come dice lo stesso Ehret.

5: L'aspetto spirituale della dieta è riassunto in quanto Ehret dice e si riferisce non durante la dieta ma quando si ha ottenuto un sangue completamente puro.
E' una cosa che deve prima essere ottenuta e quindi chi avrà avuto successo in questo ne avrà l'esperienza.
La conoscenza concettuale di qualcosa si differisce dall'esperienza diretta e quando ci sarà qualcuno con tale conseguimento potrà (se ne ancora avrà interesse a farlo) postarlo qui.
Per il momento ci limitiamo agli aspetti meramente fisici della dieta.

Vorrei chiarire una volta per tutte che non voglio limitare l'espressione del pensiero altrui, ognuno è libero di discutere su tutto e su qualunque cosa altrove ma non qui, non ho fatto questo forum per discutere e vorrei non esalare degli "uffah, ancora.." ogni volta che apro il forum.

Quindi riassumo:
!. leggere e studiare il libro.
2. iniziare (specchio magico, diete di transizione, diete di transizione, digiuni, ancora diete di transizione, e qui ce n'è già per molto tempo..)
3. chiedere aiuto o consigli sulla dieta nel caso che se ne abbia bisogno e dare aiuto se lo si desideri.
4. correggere dove necessario e continuare.
5. fare la dieta senza muco quando si ritiene che vi siano i presupposti, tenendo come riferimento il libro, (tornare indietro se necessario, digiuni, clisteri, ecc.)

Forse c'è, o qualcuno inventerà, qualcosa che in quattro e quattotto rimetterà le persone in perfetta salute.
Iio solo propongo questa dieta che conosco, che so che funziona, se seguita facendo le azioni descritte nel libro.

Se ancora non sono stato chiaro riguardo allo scopo del forum, non so più cosa dire. :roll:
Avatar utente
By winblus
#2740
Ciao Fabri!
Riguardo all'afte, fatti delle spremute di limone la sera prima di andare a dormire e durante la giornata degli sciacqui, sempre con limone.
Avrai un leggero peggioramento, insisti, continua ugualmente è solo il segnale che sta uscendo l'infiammazione, vedrai che passa definitivamente dopo qualche giorno.

Un abbraccio.
(abbi pazienza, abbiamo tutti i nostri impegni! :wink: 8))

win
Avatar utente
By Fabri67
#2741
Mi ero dimenticato di ringraziare blueyesvegan per i suoi consigli elargiti sull’effettiva possibilità che i fermenti arrivino nel tratto intestinale, con l’occasione ringrazio Luciano per la sua esauriente risposta di cui terrò conto e per la pazienza avuta nel leggere il mio lungo post e infine Winblus per i suoi consigli sulle spremute e gli sciacqui col limone.
Salute a tutti Fabri67
Avatar utente
By Fabri67
#2760
La mattina di lunedì 26 febbraio 2007 sono inspiegabilmente sparite le afte, avendo preso solamente tre pastiglie di fermenti lattici e avendo sospeso l'assunzione di fichi secchi e di albicocche secche crude, non bollite, a questo punto non saprei a cosa è dovuto la piccola guarigione del cavo orale.
Comunque provo da giorni strane sensazioni, come di brividi energetici che corrono lungo la spina dorsale e lungo gli arti inferiori e superiori e dalle mani è come se partissero vibrazioni. Non sto scherzando, è tutto vero, queste cose mi succedevano già nell'adolescenza.
Bene le terrò d'occhio, può essere un fenomeno passeggero.
Saluti a tutti Fabri67
Avatar utente
By arca
#2761
Carissimo,
i fermenti lattici sono di una potenza di cui è difficile averne idea; io crederei che siano stati proprio loro a portare a buon fine la guarigione.

Personalmente ritengo (e sto preparando una relazione in merito), che se tutti i nostri fermenti (batteri intestinali) stessero a posto al 100%, avremmo raggiunto la stato di salute perfetta.

Quindi complimenti per questa esperienza. Ricorda sempre di fare il tifo principalmente per il tuo intestino.
Avatar utente
By Fabri67
#2763
Bene allora sono loro. Grazie Arca.
Salute a tutti Fabri67
Avatar utente
By Tenzin
#6854
Ciao a tutti.
Ho comprato i fitofermenti C della OTI, consigliati da Arca o Luciano, non mi ricordo.
Sulla confezione c'è scritto di prenderne da 1 a 6. Mi sembra una differenza sostanziale da 1 a 6. Come facciamo a regolarci: Qualcuno saprebbe rispondermi? Grazie.
Ciao.
Avatar utente
By arca
#6857
Io ne prendo 2 a sera prima di mettermi a letto e comunque 2 ore dopo il pasto e 2 al mattino appena sveglio e mi trovo benissimo.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret