Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

By cavalletta
#34190
ciao a tutti,

qualcuno sa dirmi se questo tipo di grano è acido-formante o acido-legante??
Avatar utente
By celestia
#34193
Ciao Cavalletta
Sò che non fà colla, anche in cottura tende un pò a sfaldarsi proprio perchè è un tipo di grano che non incista nell'intestino, come sapore è buona, abbastanza gradevole, ma a me non ha mai dato problemi, lega bene con le verdure, zucchine e melanzane sono le migliori, ma è buona anche con il pomodoro fresco
Per la Transizione dovrebbe andar bene
Buon Proseguimento
Avatar utente
By Antishred
#34195
E' proteico come tutti i cereali, quindi sì. Ma non contiene glutine e se messo in ammollo almeno una notte si riduce l'amido (noterai un'acqua torbida e collosa 8O ).
E' acido-formante in quanto necessita di cottura a meno che non si faccia germogliare. Ma è meglio del riso bianco a parità di mucogenicità.
Secondo molti è uno dei migliori tra i cereali, se non ricordo male non è neanche propriamente definibile cereale (dal p.d.v. botanico).

Dovrei aver detto tutto...

Ciaoo ps come va la transizione? E' da un po'che non si leggeva di te!
By Maryza
#34196
Considerato solitamente un cereale, (ma non lo è) il grano saraceno non appartiene alla famiglia delle graminacee bensì a quelle delle poligonacee.

Comunque si può dire che è un cereale ad honorem visto che per gli usi alimentari a cui è destinato e per le proprietà nutrizionali non ha niente da invidiare ai cereali veri e propri.

Ha un odore molto forte ed aromatico e nella forma integrale il chicco è protetto da una cuticola nera non commestibile. Per essere utilizzati nell'alimentazione umana i chicchi devono essere decorticati.

Il grano saraceno risulta essere un alimento con caratteristiche nutrizionali ben equilibrate infatti è ricco di ferro e sali minerali (soprattutto magnesio) di vitamina B ma soprattutto E. Contiene una buona quantità di amminoacidi essenziali soprattutto lisina e triptofano ed il valore biologico delle sue proteine è paragonabile a quello delle proteine della carne e della soia.

Indicato nei casi di deperimento fisico, facilita la conservazione dell'elasticità dei tessuti dei vasi sanguigni ed è quindi un buon alleato del cuore. E' molto diffuso anche l'uso della farina di grano saraceno che non contiene glutine ed è adatta alla produzione di pasta, alla preparazione di polente e creme ed anche alla produzione di pane.

Anche il grano saraceno in chicchi , come gli altri cereali necessita di un accurato lavaggio prima di essere cucinato. E' consigliabile un lavaggio in acqua fredda più volte fino a che l'acqua non risulti limpida e priva delle scorie che di solito vengono a galla. Si devono poi scolare accuratamente i chicchi e farli tostare (come consiglia Ehret) nella pentola di cottura per uno o due minuti. Dopo questa operazione si può aggiungere acqua calda salata nella quantità di circa il doppio del volume del cereale. Occorre far cuocere per circa 20 minuti dopo di che potranno essere sia una base per insalate fredde che mescolate a verdure e legumi.

Naturalmente va consumato solo in dieta di transizione poichè nella dieta vera e propria SENZA MUCO, TUTTE le farine devono essere eliminate!!!

Un abbraccio :wink:
Maryza
By cavalletta
#34197
Direi alla grande, ma per davvero!!

Eh si, mi sono allontanato un po' dal forum per concentrarmi meglio sulla mia dieta e sul mio stile di vita.

Ora sono ad un pasto al giorno (verso le 15 del pomeriggio), mangio solo frutta e verdura e bevo anche succhi. Praticamente tutto senza muco a parte appunto il grano che mangio un paio di volte a settimana nell'insalata o assieme a delle verdure.

Nell'ultimo anno ho fatto diversi digiuni prolungati di una settimana e ora tengo un giorno fisso settimanalmente. Ho capito inoltre quanto sia meglio per me riprendere da un digiuno con la verdura e non con la frutta perchè i periodi che seguivano la ripresa erano molto più facili da gestire. Per la primavera mi sto preparando psicologicamente ad affrontare un digiuno di due settimane.

Niente più alcol da 2 mesi. Ho purtroppo ripreso a fumare, ma non sigarette tradizionali acquistate, uso un tabacco senza additivi e le faccio su da me (2-3 al giorno). Sono molto soddisfatto di questo perchè sono riuscito ad abbandonare le sigarette ed ho diminuito notevolmente la quantità di fumo che inalo quotidianamente.

Vado a correre tutte le mattine (ca. 30 min) per mettermi in moto e quasi tutte le sere sono in palestra ad allenarmi con la squadra o ad allenare una squadra di ragazzi 13-14enni (lo sport è l'unihockey, non so se sapete cos'è, si tratta di una forma di hockey ma giocato nelle classiche palestre scolastiche).

Ho fatto clisteri quotidianamente per un periodo di 6 mesi, ho guadagnato parecchia salute in questo periodo, però vi dirò che ho fatto anche molta fatica a riprendere a defecare normalmente, forse perchè la muscolatura non era più abituata. Le prime 2 settimane dove mi sono preposto di defecare in modo naturale stavo in bagno anche delle mezz'ore a puntare come un dannato. Ora, nonostante un singolo pasto al giorno e neanche troppo abbondante vado almeno 3 volte e con tantissima facilità.

Grazie 1000 per l'aiuto sul grano.
Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret