Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By lalita
#34371
Buongiorno a tutti, volevo mettervi al corrente del mio cammino e soprattutto conoscere il vostro parere su come mi sento.
Ormai sono tre settimane che ho iniziato la mia transizione, al mattino bevo una spremuta di due limone con aggiunta di acqua e una o due volte la settimana aggiungo anche la buccia grattuggiata, durante la mattinata non mangio nulla e per pranzo mi preparo sempre una bella insalatona con verdura cruda e cotta. La sera uguale. Al pomeriggio qualche volta mangio due aranci e in quei momenti, in cui sento bisogno di qualcosa di dolce, mangio qualche dattero israeliano. Bevo poca acqua, non ho molta sete, cosa dite, forse in transizione dovrei berne di più per aiutare il corpo ad eliminare le scorie?
Mangio poca frutta perchè prima di iniziare la dieta di transizione avevo fatto 13 giorni di digiuno completo e Erhet dice che bisogna riprendere a mangiare tralasciando per un pò di tempo la frutta.
Ora penso che piano piano la introdurrò nei miei pasti.
il succo di cinque limoni e qualche volta prendo un pò di erbe svizzere per aiutare l'intestino a svuotarsi, ovvio che non lo faccio ogni sera ma solo quando sento la necessità di un aiutino.
Bene, raccontato questo, vengo al punto.
I primi giorni dopo il digiuno mi sentivo meravigliosamente, più leggera, avevo la sensazione di essere più pulita, ho perso anche 5 kg, pelle più luminosa insomma veramente in forma fino all'altro ieri quando ho iniziato a sentire disturbi strani in tutto il corpo, dolori vagabondi perchè non avevano dimora fissa. Il braccio, poi la gamba, il collo, la schiena, il petto, la gola... insomma sembrava qualcuno si divertisse a passeggiare per il mio corpo e ogni tanto darmi un morso.
Insieme a questi disturbi, ho iniziato ad avere nausea ed un continuo giramento di testa, in più sento di avere molto muco in gola e nel naso. Mia sorella allarmata (è un pò esagerata a volte) mi dice che sarebbe meglio che mi mangiassi una bella bistecca o un uovo, ma io non ho nessuna voglia, nemmeno un pizzico mi disturbo solo al pensare di masticare qualcosa che non sia verdura o frutta. Quindi chiedo anche a voi, più esperti di me, cosa potrei fare per rendere un pò più "tranquilli" questi sintomi? Avete qualche consiglio per poterli affrontare senza farmi prendere dal "panico" perchè i dolori non mi preoccupano ma il giramento di testa un pò si. Tempo fa avevo raccontato di aver avuto una sincope iniziata proprio con un forte giramento di testa e quindi riprovare la stessa sensazione mi riporta a quel brutto momento. Mi piacerebbe sapere se anche a voi è successo di sentirsi così come mi sento io. E' normale?
Grazie fin d'ora per il vostro aiuto.
Avatar utente
By lalita
#34372
mi sono resa conto che devo avere cancellato senza volere delle parole, le riaggiungo....

Ora penso che piano piano la introdurrò nei miei pasti.
Due o tre volte la settimana faccio i clisteri con il succo cinque limoni e qualche volta prendo un pò di erbe svizzere per aiutare l'intestino a svuotarsi, ovvio che non lo faccio ogni sera ma solo quando sento la necessità di un aiutino.
By ikxikx
#34374
Ciao lalita!

Beh stai andando alla grande MA non correre....
hai tutto il tempo che vuoi e quando senti che i sintomi sono
troppo accentuati reintroduci cibo poco mucoso.....
pane di segale tostato, patate arrostite, verdura cotta ecc....
per rallentare la disintossicazione e proseguire più serenamente
con la dieta....


Ti volevo chiedere usi il:
il succo di cinque limoni per aiutare l'intestino a svuotarsi?

Perchè a me il succo mattutino di agrumi mi provoca sintomi di svuotamento, magari aumento la dose di limoni......

Ciao!
Avatar utente
By lalita
#34375
Quando faccio i clisteri nei due litri d'acqua aggiungo il succo di cinque limoni, se non ho capito male, aiuta a pulire l'intestino...
By Maryza
#34377
lalita ha scritto:...Ormai sono tre settimane che ho iniziato la mia transizione, al mattino bevo una spremuta di due limone con aggiunta di acqua e una o due volte la settimana aggiungo anche la buccia grattuggiata, durante la mattinata non mangio nulla e per pranzo mi preparo sempre una bella insalatona con verdura cruda e cotta. La sera uguale. Al pomeriggio qualche volta mangio due aranci e in quei momenti, in cui sento bisogno di qualcosa di dolce, mangio qualche dattero israeliano. Bevo poca acqua, non ho molta sete, cosa dite, forse in transizione dovrei berne di più per aiutare il corpo ad eliminare le scorie? ...) (... Mangio poca frutta perchè prima di iniziare la dieta di transizione avevo fatto 13 giorni di digiuno completo e Erhet dice che bisogna riprendere a mangiare tralasciando per un pò di tempo la frutta...


Secondo me non stai facendo la dieta di transizione, ma sei più sulla dieta senza muco.

Transizione significa cambiamento lento da alimenti che producono stati di malattia verso alimenti che promuovono la salute. (Pag 92 del libro il sistema di guarigione senza muco di Ehret).

E sempre secondo me 13 giorni di digiuno sono troppi, (se sei all'inizio della dieta di transizione come dici).

(... Se si deve fare un digiuno inizia allora con il programma della "non-prima-colazione" continuando per un pò con il digiuno di 24 ore. Continua poi con dei piccoli digiuni da 1,2,3 4 o 5 giorni, rompendo ognuno di questi digiuni con la dieta senza muco, per regolare l'eliminazione ed allo stesso tempo rifornire e ricostruire il corpo con i migliori elementi, che si trovano soltanto in quei cibi che non formano muco...) Pag 119 del libro il sistema di guarigione senza muco di Ehret.

Fai un passo indietro e rileggiti il libro di Erhet, nella dieta di transizione puoi consumare alcuni alimenti che producono poco muco tipo patate, pane integrale e pasta di segale.

E' chiaro che se elimini di colpo alimenti amidacei e digiuni così a lungo poi, i sintomi di disintossicazione sono più forti e forse più intolleranti.

Devi dare al tuo corpo il tempo giusto per l'eliminazione...

Ti consiglio di rivedere il programma alimentare della dieta di transizione come consiglia Ehret!

Un abbraccio :wink:
Maryza
Avatar utente
By lalita
#34378
Ciao Maryza e grazie per la risposta.
E' da 3/4 che ogni estate faccio dei lunghi digiuni perchè ne sento un'esigenza fortissima. In un'altro mio post avevo spiegato che da alcuni anni il mio corpo "non funzionava più". A scuola di Naturopatia i miei professori, medici naturopati, mi avevano consigliato un digiuno liquido con acqua, succo d'acero, limoni e peperoncino e così ogni estate, quando sentivo il mio corpo saturo di sporcizia (questa era la mia impressione) iniziavo il mio digiuno e lo interrompevo solo quando sentivo lo stimolo della fame. Al massimo sono arrivata a 21 giorni.
Oggi, dopo aver chiesto degli esami approfonditi, ho scoperto che sono celiaca, intollerante al glutine. Lo siamo tutti vero? Bè, io ne ho avuto il sospetto quando mi sono fatta un'esame di coscenza, è solo negli ultimi tre anni che io ho iniziato a mangiare pasta, pane, e tutto ciò che contiene glutine... prima la mia alimentazione era molto diversa, mangiavo pochissimo e devo dire che ero più vicina ad Ehret senza saperlo.
Dopo Natale mi sono sentita proprio ingolfata ed ho deciso di fare il mio digiuno, ne sentivo un'assoluta necessità. E' proprio in questi 13 giorni che ho ripreso in mano il libro di Ehret già letto a scuola e l'ho riletto e tutt'ora lo faccio ogni giorno.
Si hai ragione sono nella dieta senza muco, ma come ho già detto non riesco a mangiare nulla che non sia verdura o frutta, proverò però a mangiare qualche patata anche se non le ho mai digerite bene e mi hanno sempre provocato gonfiori, proverò anche a farmi quel pane consigliato nel sito ma altro non credo.
Pensa che i medici che mi hanno seguito in ospedale mi hanno detto che il mio digiuno è stata la mia salvezza, ero talmente avvelenata che interrompere l'assunzione di cibo e dare al corpo la maniera di svuotarsi un pò è stata l'unica cosa che avrei potuto fare. Non riuscivo nemmeno più a mangiare nulla da un bel pò di tempo perchè qualsiasi cosa ingerivo mi provocava dolori, gonfiori (tipo donna incinta di 8 mesi) e soprattutto sbandamento mentale e fisico. Ero intossicata, ero completamente sballata, 10 kg in più, gonfia come un palloncino e stitica da morire. Ho iniziato ad andare in bagno al 10° giorno di digiuno. Peccato che non facevo ancora i clisteri.
Ora sto molto meglio, direi che mi sento al settimo cielo anche se questi problemi che ho durante questi giorni mi stanno facendo stare sull'attenti. So benissimo che possono anzi doveno comparire prima o poi, ma sentirlo dire è una cosa quando capita è tutt'altro fatto.
Comunque seguirò il tuo consiglio e anche se non ne ho nessuna voglia proverò a mangiare qualcosa di diverso tipo un pò di pasta per celiaci, del pane fatto da me e qualche patata.
Grazie
By Maryza
#34380
E' indicatissima la pasta di segale che non contiene muco ed è molto assimilabile e leggera, e anche le patate al forno vanno bene magari puoi aggiungere qualche fetta di pane di segale in bruschetta di pomodoro anche per variare un pò la dieta. Per il gonfiore prova a masticare lentamente e più a lungo.

Comunque ho letto attentamente la tua storia e ti faccio i complimenti per la tua determinazione. Fai quello che ti senti il corpo è una macchina intelligente e se non ti va di mangiare non farlo... Segui il tuo intuito che non sbaglia mai...

I nostri (miei) sono solo consigli, ognuno deve vivere questo percorso sulla propria pelle e quello che consigliamo, (consiglio) lo facciamo (faccio) sulle basi della nostra (mia) eperienza e sulla conoscenza di quello che Ehret ci ha trasmesso attraverso i suoi studi scientifici.

Anche Ehret del resto dice che quello che va bene per una persona non va bene per un'altra, soprattutto quando parla del digiuno.

Un abbraccio :wink:
Maryza
Avatar utente
By lalita
#34381
grazie Maryza sei stata molto gentile, seguirò i tuoi consigli ed ascolterò la risposta del mio corpo così posso avere la possibilità di scoprire nei tuoi suggerimenti un nuovo imput oppure rendermi conto che per ora non fanno per me. grazie.
Avatar utente
By erre
#34391
Giao lalita

Io proverei anche qualche integratore come le alghe di klamath.
Avatar utente
By lalita
#34392
Ciao Erre, prendo le alghe Klamath da una settimana.
Grazie comunque....
Avatar utente
By erre
#34398
lalita ha scritto:Ciao Erre, prendo le alghe Klamath da una settimana.
Grazie comunque....


Non hai ottenuto nessun risultato?
Avatar utente
By lalita
#34400
Per ora no, ma cosa dovrei ottenere?
By Utente cancellato
#34405
secondo me se non 6 piu tentata dal cibo con muco non ti conviene introdurlo... anche perchè mica puoi sapere quanto ci vuole per buttare fuori del pane, magari ci vogliono mesi. se hai gia superato l'inferno delle tentazioni, resta nel purgatorio, potresti rallentare con le verdure ma non fare lunghi digiuni solo per paura di quel che hai letto, ma quando ti sentirai pronta con la ragione. potresti avere questi sintomi anche perchè stai mangiando troppo cibo senza muco, prova a mangiare una volta ogni 24 ore. se poi continuano i disturbi prova a mangiarti un po di muco :P
Avatar utente
By erre
#34447
lalita ha scritto:Per ora no, ma cosa dovrei ottenere?


Uno dei motivi che hanno scatenato i capogiri e palpitazioni per me e' stata la eccessiva diluizione dei sali minerali del corpo quando in modo inopportuno bevevo moltri litri di acqua al giorno in transizione con la verdura e frutta al 80/90%. i minerali se reintegrati a sufficienza annullano questa causa. Per me e' stato cosi'.

Se stai assumendo le alghe e/o altri integratori e non ottieni risultati, devi cercare altrove le cause. Puo' essere la cervicale o sono fasi di disintossicazione.
Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

Molto bella la tua esperienza grazie!

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret