Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

By Maryza
#34444
Una nuova splendida pandemia mondiale si sta diffondendo a velocità vertiginosa.
L'OMB (Organizzazione Mondiale del Benessere) prevede che ci saranno milioni di casi nei prossimi anni.

Ecco i sintomi di questa incalzante pandemia:

1) Tendenza a lasciarsi guidare dalla propria intuizione anziché dalle paure, dalle idee ricevute e dai condizionamenti del passato.
2) Mancanza totale d'interesse a giudicare gli altri e/o se stessi e a interessarsi a tutto ciò che genera conflitti.
3) Perdita completa della capacità di «stare in ansia» (questo rappresenta uno dei sintomi più preoccupanti).
4) Piacere costante nell'apprezzare le cose e gli esseri viventi così come sono. Scomparsa dell'abitudine di voler cambiare le persone.
5) Desiderio intenso di trasformare se stessi per gestire positivamente i propri pensieri, le emozioni, il corpo fisico, la vita materiale e il proprio ambiente in modo da sviluppare incessantemente il proprio potenziale di salute, di creatività e di amore.
6) Attacchi continui di voglia dì sorridere e di dire grazie. Questi attacchi provocano una sensazione di unità e di armonia con tutto ciò che vive.
7) Apertura progressiva ed inarrestabile verso lo spirito dell'infanzia, la semplicità, il ridere e l'allegria.
8)Episodi sempre più frequenti di comunicazione con l'Anima o lo Spirito, la non dualità e l'Essere, con effetti collaterali di sentimenti di plenitudine e di felicità.
9) Piacere a far la parte del «guaritore portatore di gioia e di luce» piuttosto che quella del «critico» o dell'«indifferente».
10) Capacità di vivere da solo, in coppia, in famiglia e in comunità nella fluidità e nell'uguaglianza, senza essere dominati, voler dominare o essere salvatori di nessuno.
11) Sentimento di responsabilità e di felicità nel poter offrire al mondo i propri sogni di un futuro abbondante, armonioso e pacifico.
12) Accettazione assoluta della propria presenza sulla terra e della volontà di scegliere, ad ogni istante, il bello, il buono, il vero e il vivo.

Se volete poter continuare a vivere nella paura, la dipendenza, i conflitti, la malattia e il conformismo, evitate ogni contatto con persone che presentano questi sintomi!

Questa pandemia è estremamente contagiosa. Se pre­sentate alcuni di questi sintomi sappiate che la prognosi è molto pessimista giacché il processo del male è quasi sempre irreversibile.

I diversi trattamenti medici possono far sparire temporaneamente alcuni dei sintomi ma non possono opporsi alla progressione ineluttabile del male.
Non esiste a quest'ora nessun vaccino anti-felicità.

Visto che questa terribile pandemia provoca anche una sostanziale diminuzione della paura di morire, che è una delle credenze fondamentali sulle quali poggia la società materialista moderna, sono previsti i seguenti seri disturbi sociali:

1) Sciopero dello spirito bellicoso e del bisogno di aver ragione.
2) Raggruppamenti di persone felici che cantano e ballano e celebrano
la vita.
3) Cerchi di condivisione e di guarigione.
4).Attacchi di riso incontenibile.
5) Sedute di sfogo emotivo collettivo.

(Pubblicato nel numero di gennaio 2010 del magazine AAM Terra Nuova)

Io aggiungo, che sempre più persone possano avere la fortuna di scoprire il Sistema di guarigione della dieta senza muco di Arnold Ehret!

Un abbraccio :wink:
Maryza
Avatar utente
By erre
#34472
Ciao Maryza

Articolo molto bello . Queste newsletter arrivano anche a me. sono iscritto da tempo.
Avatar utente
By zucchina
#34477
Ciao Maryza,
i tuoi post mi comunicano sempre serenità, armonia, sicurezza, e tanta luminosità.

Sei sempre così armoniosa quando ti esprimi e questo denota la tua armonia interiore.

Grazie d'esistere. :D :D :D

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret