Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Priscilla
#2810
Desidererei conoscere le spiegazioni che saprete darmi per questo fenomeno. Precipuamente mi farebbe piacere la risposta del moderatore di questa sezione, che stimo tantissimo per le sue profonde conoscenze.
Sono in regime di transizione da tre mesi emmezzo circa e mangio solo verdura cruda e cotta, e frutta. Non mangio mai cereali o legumi, neanche le fettine di pane tostate concesse da Ehret nel periodo transitorio, perché sinceramente non ne sento la necessità.
Consumo prevalentemente cibi preparati da me, ogni tanto qualche salsina acquistata, come il patè di olive o di ortaggi misti (biologici).
Uso solo olio a crudo, d'oliva extravergine e spremuto a freddo.
Mi concedo ogni tanto qualche cibo cucinato con patate, consapevole che creano un po' di muco.
Ebbene: con tutto questo, io continuo ad essere stitica in modo abnorme.
Se non faccio tutti i giorni o quasi un clistere, il mio intestino si intasa paurosamente ed io avverto sensazioni di disagio, mi vengono foruncoli e la mia pelle diventa brutta e squamosa.
Sono schiava del clistere...
Inoltre: non perdo peso!!!!
Non sono grassa, ma neanche magrissima (altezza 1,60, peso 52).
Prima di iniziare la dieta di Ehret pesavo 55 chili, ed ora mi sono stabilizzata su questo peso, che non è quello ideale per me.
Mio marito invece, che anche lui è in transizione, è molto meno diligente di me: mangia un sacco di pane a cui non riesce a rinunciare, eppure perde peso e si preoccupa del dimagrimento, ed evacua in modo regolare.
Ma perchéééééé???????
Cosa devo fareeeeeee????????
Avatar utente
By corvino72
#2811
Priscilla ha scritto:Mio marito invece, che anche lui è in transizione, è molto meno diligente di me: mangia un sacco di pane a cui non riesce a rinunciare, eppure perde peso e si preoccupa del dimagrimento, ed evacua in modo regolare.


Pochissime righe anche se off topic rispetto al thread aperto da mia moglie. Non ho smesso di mangiare pane ma ho eliminato completamente tutto il resto dei carboidrati (pasta ecc.) e non faccio più colazione. La considero una "transizione della transizione" come ho già scritto altrove. Non mi preoccupo più eccessivamente del dimagrimento. Ho perso una decina di chili e ora non ne perdo più.
Avatar utente
By luciano
#2815
Priscilla ha scritto:Ebbene: con tutto questo, io continuo ad essere stitica in modo abnorme.
Se non faccio tutti i giorni o quasi un clistere, il mio intestino si intasa paurosamente ed io avverto sensazioni di disagio, mi vengono foruncoli e la mia pelle diventa brutta e squamosa.


Osserva: "mi vengono foruncoli e la mia pelle diventa brutta e squamosa"
I foruncoli sono sintomi di eliminazione, significa che si stanno eliminando tossine dalla pelle, il canale di emergenza che il corpo usa quando gli organi preposti alla disintossicazione non fanno tutto il lavoro.

"Se non faccio tutti i giorni o quasi un clistere". In questo caso si aiuta l'intestino a svuotarsi delle tossine e i foruncoli spariscono.

Io proverei a diminuire la verdura cotta, e quella solo al vapore, e aumenterei quella cruda.

Sebbene vada regolarmente di corpo, il mio stomaco non è "piatto", di sicuro ho del materiale incollato perfino nell'intestino tenue, ma questo dipende dal mio passato, non solo alimentare, sconsiderato.

Ci vuole tempo.
Per comprendere quanto, rileggi l'articolo di Teresa Mitchell in cui dice:
"Erano passati due anni (enfasi aggiunta) dal primo momento in cui ho cominciato la dieta di transizione e ormai gustavo davvero tutti gli alimenti che erano permessi".

Quello è stato il suo tempo, per alcuni sarà di più, per altri di meno, ognuno è differente. :wink:
Avatar utente
By agape
#2821
Ciao Luciano, posso aggiungere la mia esperienza?
Quando ho cominicato col crudismo mi facevo ogni sera centrufugati di spinaci, carote, barbabietole, ecc...soprattutto spinaci e andavo in bagno anche tre volte al giorno. potrebbe essere un'alternativa?
Anche io, da giorni sono un po' stitica malgrado segua la dieta di transizione rigorosamente, forse dei centrifugati potrebbero risolvere il problema...
Proverei ma, la pigrizia...
Ciao
Elena
Avatar utente
By luciano
#2823
I succhi centrifugati potrebbero essere un'alternativa, basta provare e vedere il risultato, che comunque, ripeto, dipende dalle condizioni individuali.

Altrimenti in attesa di arrivare al momento in cui l'intestino ce la farà da solo, i clisteri sono il rimedio.
Avatar utente
By Priscilla
#2897
La frutta non ti farà diventare diabetica! Tranquilla! Scommetto che se ti ingozzassi con bigné e cannoli i tuoi non avrebbero questo timore, invece ce l'hanno con la frutta.... ahahahaha assurdo!!!
Puoi fare due clisteri uno di seguito all'altro, io l'ho fatto.
Però non ne ho tratto molto beneficio: ho sentito un po' di infiammazione alle pareti dell'intestino e la seconda volta ho evacuato pochissimo.
Luciano mi consigliò di provare ad introdurre kefir al posto dell'acqua, ma io non ho ancora provato...
Prova una volta, male che vada non ripeterai l'esperienza!
Comunque con clisteri quotidiani la pulizia è già ottima.
Riguardo alle mestruazioni, non ti preoccupare, non influiscono in alcun modo.
Personalmente ti consiglierei l'idrocolon all'inizio del digiuno e poi un altro alla fine. Quando feci una serie di idrocolon (un anno fa circa, ma non conoscevo ancora Ehret), mi prescrissero una serie di trattamenti, non uno solo.
L'idrocolonterapia è davvero utile, ma non indispensabile ai fini della buona riuscita della dieta di Ehret.
I clisteri già bastano di per sé, uniti alla dieta ed ai digiuni.
Se non stai bene, fatti coraggio.
Anch'io, che sono molto più vecchia di te, da quanto ho capito, ho avuto ed ho ancora in parte i tuoi disturbi.
Guarda per esempio quello che scrissi a proposito dell'acidità (nella sezione disturbi e malattie).
Ora non ho più quel problema, e sono sicura che si sia trattato di un periodo di eliminazione di rifiuti speciali ahahahah
Continuo a rimanere stitica, ma questo è un problema che mi accompagna da sempre.
Pazienza, non posso pretendere che tutto si sistemi in uno sbattito di ciglia.
Vado avanti coi clisteri...
By orso
#2898
Ho sofferto anch'io di forte stitichezza. Come ho detto in un altro post ho rimediato cenando per più sere di seguito con zuppa di cipolle, quella classica, molto facile da fare. Con me ha funzionato benissimo. :wink:
Avatar utente
By luciano
#2904
orso ha scritto:Frei lebt, wer sterben kann.


????? M dici cosa vuol dire? (magari metti una riga sotto con la traduzione nella tua firma....) 8O
Avatar utente
By corvino72
#2906
luciano ha scritto:
orso ha scritto:Frei lebt, wer sterben kann.


????? M dici cosa vuol dire? (magari metti una riga sotto con la traduzione nella tua firma....) 8O


Metto questo messaggio OFF TOPIC poiché, incuriosito come Luciano, ho fatto una ricerca.

L'ho cercato su Google e, in questa pagina, parrebbe essere un proverbio o un motto che più o meno suona come "chi può morire vive libero".
Cito testualmente dal testo di quella pagina contenente la traduzione dal tedesco all'inglese:
"Perhaps it is time to rethink what life is all about and remind ourselves that most people are willing to run substantial risks in their ordinary life to preserve their joy and autonomy. In Out of Africa, Karen Blixen wrote that the European wants to get insured against fate, whereas the African takes it as it comes. She also wrote: "Frei lebt wer sterben kann" [Those who can die live freely]."
By orso
#2912
Ottimo, Corvino72 ha detto tutto.
E' un vecchio proverbio mediovale che riassume la mia visione del mondo: essere pronto a rinunciare a tutto ("a morire") pur di mantenere la mia libertà (di pensiero).
Tra l'altro io, da sempre onnivoro, ignorante di qualsiasi dieta e all'oscuro persino del significato di vegan, ho "sentito" sincerità e libertà di pensiero nello scritto di Ehret e, sentendolo "simile", ho deciso di iniziare questo percorso.
Ciao a tutti. :wink:
Avatar utente
By suffi
#2927
Ciao Priscilla,se ti può essere di aiuto,anch'io ero nelle tue condizioni e dopo aver letto il libro 'intestino libero' di Bernard Jensen prendo 4 pastiglie al giorno di alfalfa, le quali forniscono fibre naturali stimolando cosi l'intestino ad utilizzarle,compensando l'indebolimento e tonificandolo.Durante il giorno bevo circa 1l. di kefir tempo di fermentazione 19 ore,mi scarico abbondantemente tutte le mattine appena alzata,dopo aver preso 3 ,4 prugne con il suo liquido ancora caldo,infatti nel libro si dice che i liquidi freddi si fermano nello stomaco,mentre caldi vanno direttamente nell'intestino.Spero di esserti stata d'aiuto.Ciao tienici informati dei certi cambiamenti positivi. :wink:
Avatar utente
By arca
#2976
Viaggiatrice ha scritto:
io conosco l'alfalfa germogli ma....pastiglie sono efficaci lo stesso?


L'utilizzo di semi in una dieta sana è utile, soprattutto se germogliati; non credo invece molto (ma piuttosto di nulla vanno bene anche loro) nelle pastiglie che vengono ricavate da diversi cibi e poi vendute sul mercato a prezzi elevatissimi, perché molto probabilmente nel corso del processo di trasformazione vengono perduti nutrienti preziosi.

A tal proposito ne ho comprato un sacco di semi alfalfa da 25 chili super certificato biologico e li faccio germogliare nel germogliatore.
Parte di questi semi li ho divisi con un'altra persona di Arezzo che è sta procedendo sul sistema.

Ciao :D

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret