Arnold Ehret Italia

Questa è la sezione dove ci si presenta. Prima di farlo, leggi attentamente la guida che vedrai quando aprirai il primo argomento.

Moderatore: luciano

Regole del forum: 1. Prima di tutto, leggi il Regolamento. In questo modo saprai come ci si comporta in questo Forum, al fine di avere un'esperienza piacevole per tutti gli utenti.

2. INCLUDI il tuo nome o nome utente NEL TITOLO del tuo primo post in questa sezione.
Appena arrivi su questo sito, fai sapere qualcosa di te, perché ti sei iscritto, se hai letto e studiato i libri di Ehret e quali. Leggi altro sui libri qui.

Qui può postare ogni iscritto, solo post pertinenti alla propria presentazione, nelle altre sezioni occorre aver prima letto e soprattutto studiato il libro Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco.

RIPETO: Ricordati di mettere il tuo nome o nick nel titolo del tuo primo post di presentazione. Continuo a vedere "Ciao a tutti!" "Nuovo arrivato!" e nella ricerca diventa poi difficile trovare chi l'ha scritto. Esempi di corretta presentazione: "Ciao a tutti da Mario", "Nuova arrivata - Maria85".
Avatar utente
By annavoig
#35756
Ciao a tutti,
mi chiamo Anna e sono giunta a voi tramite un'amica che mi ha regalato il libro di Ehret.
Sono stata vegetariana per diversi anni ma più che altro non mangiavo carne e basta, stavo abbastanza bene ma non notai sostanziali miglioramenti rispetto a quando ero onnivora e infatti poi tornai sui miei passi.
Poi qualche mese fà ho sentito il bisogno interiore di rivedere completamente la mia dieta, anche perchè dopo un anno a Londra ho maturato tutta una serie di allergie e malesseri, nel giro di un giorno ho deciso di passare da onnivora a vegan.
Via tutto, carne, uova, latte e derivati....il passaggio è stato sereno non ho avuto nessun malessere (se non la terribile voglia di dolci che talvolta mi assale e che talvolta, raramente, soddisfo...) ma di contro i cambiamenti sono stati strabilianti, nel giro di soli tre mesi mi sono sparite le allergie, capelli e pelle splendidi, niente più stitichezza, non una febbre o un raffreddore, insomma per come stavo prima devo dire un gran bel passo.
A poco a poco mi è nata l'esigenza di capire e organizzare meglio la mia dieta, così ho iniziato a fare ricerche, ma niente di ciò che trovavo mi ha convinta veramente, poi inaspettato è arrivato il libro di Ehret.
Io non so se quell'uomo fosse un genio o un pazzo, so solo che quando l'ho letto tutto il mio essere ha urlato di gioia e ho "sentito" che quella era la verità che cercavo...
Diciamo che come vegan ho meno difficoltà a seguire questa dieta rispetto a chi è onnivoro, tuttavia eliminare metà della mia alimentazione composta da legumi, pane, pasta, noci e "muco" vario senza considerare l'idea del digiuno e il salto di colazione, non è proprio semplicissimo :D
Comunque questa è la strada che sento di seguire e spero di poter condividere con voi tutti questa bellissima esperienza.
un saluto
Anna
By mirialu
#35761
Brava Anna che dire ti sei già portata avanti bene e quindi complimenti e benvenuta tra noi.
Avatar utente
By danielsaam
#35763
Ciao Anna e benvenuta!!! :D

annavoig ha scritto:Diciamo che come vegan ho meno difficoltà a seguire questa dieta rispetto a chi è onnivoro, tuttavia eliminare metà della mia alimentazione composta da legumi, pane, pasta, noci e "muco" vario senza considerare l'idea del digiuno e il salto di colazione, non è proprio semplicissimo :D

Cerca di usare bene le tue carte a favore, parti gia' avvantaggiata rispetto ad altri, va avanti sempre a passi che senti confortevoli a te stessa, il prossimo potrebbe essere sostituire le varie farine con farine di segale, grano saraceno, integrali, ecc, mangia la quinoa invece del riso e naturalmente molte verdure crude o cotte al vapore; puoi anche iniziare i pasti mangiando della frutta mezz'ora prima!

Ricordarti che la transizione deve essere lenta e graduale!

Buon cammino.
:D
Avatar utente
By Antishred
#35799
Benvenuta Anna!

Giusto, parti avvantaggiata: ancora meglio!
Se poi parti anche rilassata è perfetto :D

Rimpinzati di frutta fresca e vedrai che la voglia di dolce passerà. Io sponsorizzo sempre le banane: lasciale maturare per bene (buccia con molte macchie, morbida da fuori, il frutto si stacca bene dal casco e si apre con facilità) e mangiane a quintali! Ne ho appena comprati 20 kg, non vedo l'ora che maturino, poi in qualche giorno saranno sparite :D

Ciaoo
Avatar utente
By giove
#35802
Antishred ha scritto:
Rimpinzati di frutta fresca e vedrai che la voglia di dolce passerà. Io sponsorizzo sempre le banane: lasciale maturare per bene (buccia con molte macchie, morbida da fuori, il frutto si stacca bene dal casco e si apre con facilità) e mangiane a quintali! Ne ho appena comprati 20 kg, non vedo l'ora che maturino, poi in qualche giorno saranno sparite
Ciao Antshred, volevevo sapere visto che anch'io ne consumo parecchie di banane, dove le comperi e quanto le paghi.Grazie.
Giovanni.
Avatar utente
By Antishred
#35804
giove ha scritto:Antishred ha scritto:
Rimpinzati di frutta fresca e vedrai che la voglia di dolce passerà. Io sponsorizzo sempre le banane: lasciale maturare per bene (buccia con molte macchie, morbida da fuori, il frutto si stacca bene dal casco e si apre con facilità) e mangiane a quintali! Ne ho appena comprati 20 kg, non vedo l'ora che maturino, poi in qualche giorno saranno sparite
Ciao Antshred, volevevo sapere visto che anch'io ne consumo parecchie di banane, dove le comperi e quanto le paghi.Grazie.
Giovanni.


Ciao Giovanni, le compro al mercato del centro città (è molto grande) e le pago mediamente 70 cent/kg (a volte la cassa costa 10-12€, a volte 15, a volte 20-22). Le casse sono tutte da 18 kg + tara.
Le carico in macchina e finiscono nei miei ripiani a maturare :D

Se non le trovi al mercato, puoi cercare nella tua città un ingrosso di frutta e verdura e chiedere se puoi ordinarle.

Io spesse volte le trovo biologiche, della Dole-Organic o Altromercato o Ekokè, e costano uguali, dato che i mercatari non se ne intendono. A volte però va male e sono costretto a comprare quelle convenzionali, della Comieban o Dole. Secondo me queste sono le migliori, anche se non ho mai provato le Chiquita. Invece ho provato le Del Monte e non mi piacciono, anche se dicono che sono tra le meno trattate (me l'ha detto il tipo del mercato in un momento in cui aveva un'altra marca, quindi non era troppo interessato a vendermele).

Ciaoo
Avatar utente
By giove
#35805
Ciao Antishrd, grazie per avermi risposto, e visto che siamo entrati in argomento volevo sapere che tipo di trattamenti fanno alle banane non biologiche, il mio pensiero è che siano meno trattate rispetto ad altri tipi di frutta o sbaglio!?.
Io le compero al supermercato e ogni volta anno una marca diversa, comunque hanno spesso la dole e le pago 95 cent.
Ciao. giovanni
Avatar utente
By Antishred
#35816
Non so dirti bene, per esempio le Comieban vengono trattate con il Tiabendazolo, "per preservarne la qualità", ma non credo sia esattamente il massimo della salute.
Il problema è che la buccia delle banane è molto traspirante, quindi le poverette assorbono tutto e se lo trattengono.
Per questo se posso le compro sempre biologiche.
Comunque siamo OT, se hai altre domande, magari apri un nuovo topic.

Ciaoo
Avatar utente
By annavoig
#35890
ciao a tutti e grazie per il benvenuto!!! :D
Visto che siamo in argomento volevo chiedervi se qualcuno di voi fa parte dei GAS (gruppi di acquisto solidale), sto cercando uno di questi gruppi nella mia città o nelle vicinanze ma non so se comprano anche frutta.
Se qualcuno usasse già questi gruppi potrebbe postare la sua esperienza...

ps comunque le banane vengono quasi tutte dall'america latina, credo, quindi vengono colte acerbe e tenute in frigo fino a che non vengono vendute, quanto ai trattamenti che subiscono strada facendo temo che non ne siano del tutto esenti anche quelle biologiche.... :cry:

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret