Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

By mirialu
#35758
Tra tutti i cereali il miglio conosciuto sin dal medioevo è quello più ricco di minerali.La forma è selvatica,il miglio bruno contiene una grande quantità di oligoelementi e di sali minerali essenziali per i processi vitali.L'elemento più rilevante per la nostra salute è l'acido silicico che serve per rinforzare il sistema immunitario,attivare il rinnovo di cellule e cartilaggini,nutrire il sistema emopoietico e rigenerare l'organismo sotto molteplici aspetti. Si consuma la farina.2 o 3 cucchiaini al mattino con acqua tiepida. I minerali, i microelementi e i principi attivi sono presenti in forma pura e omeopatica,proprio questa purezza fa si' che l'organismo assimili le varie sostanze.
PROPRIETA':
Privo di glutine.
CONTIENE :
Acido silicico,zolfo,ferro,fosforo,magnesio,potassio,zinco ecc.
Vitamine del gruppo B (B1,B2,B6,B17)
Contiene inoltre acido pantotenico e ammine di acido nicotinico.
Consigliato come integratore naturale a tutti ma sopratutto a chi soffre di dolori ossei,artrite e artrosi.
By mirialu
#35785
Mi è arrivata da una amica la mail che mi consiglia di prendere il miglio bruno io l'ho riscritta uguale ,comunque sono d'accordo su copiare ricette e passarle per proprie ma se un'alimento serve o contiene determinate proprietà è scritto dappertutto in internet non credo sia copiare ma è ricevere e dare informazioni,comunque ho capito anzi me lo aspettavo e d'ora in poi presterò più attenzione e terrò per me le informazioni che ricevo.
Avatar utente
By danielsaam
#35790
mirialu ha scritto:terrò per me le informazioni che ricevo.

Non e' questo il punto.
Da come e' impostato il testo si capisce che e' stato estrapolato da qualche parte. A volte basta chiedere alla persona che ha mandato l'e-mail da dove l'ha reperita; se non lo sa, perche' l'ha ricevuta a sua volta, si puo' cercare da soli il testo su internet con un motore di ricerca e molte volte si trova la risposta in meno di un secondo. :wink:
By mirialu
#35794
ho capito spero che Luciano cancelli tutto.
Avatar utente
By luciano
#35838
La questione è solo tecnica:


  • Cosa accade quando Google scopre un contenuto duplicato?

    Google ha un filtro che è in grado di individuare contenuti duplicati; nelle sue linee guida viene indicato chiaramente come il motore non accetti questa pratica.
    Quando Google incappa in contenuti duplicati reagisce penalizzando quelli che lui ritiene i contenuti-copia, mettendoli solitamente nei risultati supplementari o addirittura eliminando del tutto la risorsa dai risultati.
  • Come possiamo evitare penalizzazioni?

    Dobbiamo innanzitutto individuare i contenuti duplicati.
    Se la duplicazione è nostra (lo stesso testo appare più volte nel nostro sito) possiamo indicare al motore, tramite il file robots.txt, quale sia il contenuto originale da indicizzare, e quali invece quelli da non prendere in considerazione.

    Se invece qualcuno ci ha "copiato" e pubblica sul suo sito blocchi di testo scritti da noi, possiamo effettuare una notifica a Google di presunta violazione del copyright http://www.google.com/dmca.html
  • Come individuare i contenuti duplicati?

    Per capire se i testi pubblicati sul nostro sito appaiono identici in altri siti ci si può avvalere di tool disponibili sul web.

    Tra questi segnaliamo il servizio disponibile sul sito http://www.copyscape.com. E' sufficiente scrivere l'indirizzo web del nostro sito per vedere elencati eventuali contenuti duplicati.


Fonte:
http://www.infotel.it/it/articoli/conte ... oogle.html

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret