Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By luciano
#2889
Ho ricevuto un'email che mi informa di una nuova iniziativa commerciale.
La riporto al fine di contribuire alla diffusione del messaggio che contiene. Copialo, se la cosa ti interessa, e ne hai voglia, e diffondilo per scoraggiare tali "collezioni".
In una email Alex ha scritto:E' in edicola il primo numero di una collezione di insetti della Peruzzo editore (autentici ed imbalsamati) provenienti da varie parti del mondo, non so quanto rari, probabilmente si tratta di specie diffuse provenienti dall'Africa, dal Brasile e altri luoghi esotici, ma non è una buona ragione per strumentalizzarli a fini di lucro; d'accordo sono solo insetti, ma pur sempre esseri viventi uccisi e confezionati come oggetti, come se fossero braccialetti, orologi, soldatini, piatti o macchinine, una cosa di pessimo gusto che potrà far felice qualche appassionato o studiosi di entomologia, ma di certo credo che loro vorrebbero essere ancora vivi e liberi nelle foreste dove sono stati presi, a cominciare dallo scorpioncino del primo numero. Sinceramente è deplorevole, l'uomo sta distruggendo la natura in tutti i modi possibili, questo è soltanto l'ultima trovata commerciale.
Vi prego di fare girare questo messaggio affinché tanti desistano dall'acquistare questa raccolta. Grazie
Alex
Avatar utente
By Merlo
#2892
luciano ha scritto:Ho ricevuto un'email che mi informa di una nuova iniziativa commerciale.
La riporto al fine di contribuire alla diffusione del messaggio che contiene. Copialo, se la cosa ti interessa, e ne hai voglia, e diffondilo per scoraggiare tali "collezioni".
In una email Alex ha scritto:E' in edicola il primo numero di una collezione di insetti della Peruzzo editore (autentici ed imbalsamati) provenienti da varie parti del mondo, non so quanto rari, probabilmente si tratta di specie diffuse provenienti dall'Africa, dal Brasile e altri luoghi esotici, ma non è una buona ragione per strumentalizzarli a fini di lucro; d'accordo sono solo insetti, ma pur sempre esseri viventi uccisi e confezionati come oggetti, come se fossero braccialetti, orologi, soldatini, piatti o macchinine, una cosa di pessimo gusto che potrà far felice qualche appassionato o studiosi di entomologia, ma di certo credo che loro vorrebbero essere ancora vivi e liberi nelle foreste dove sono stati presi, a cominciare dallo scorpioncino del primo numero. Sinceramente è deplorevole, l'uomo sta distruggendo la natura in tutti i modi possibili, questo è soltanto l'ultima trovata commerciale.
Vi prego di fare girare questo messaggio affinché tanti desistano dall'acquistare questa raccolta. Grazie
Alex


Grazie Luciano, sono molto sensibile a questi temi.
Tra l'altro su quel 'd'accordo sono solo insetti' si potrebbe discutere parecchio.
Avatar utente
By luciano
#2893
Merlo ha scritto:Tra l'altro su quel 'd'accordo sono solo insetti' si potrebbe discutere parecchio.

E' vero, quell'email proviene da un animalista, ma dipende dalla consapevolezza del singolo. Molti prendono nella loro fascia di protezione solo gli animali più grossi e che attirano la loro attenzione con gemiti e guaiti, e trascurano quegli esseri con un corpo piccolo e che hanno una spanna di vita piuttosto corta e non emettono urla di dolore udibile dall'orecchio umano mentre vengono infilzati con gli spilli.

Ma il piccolo e fragile corpo e la relativamente breve vita di un insetto sono, per l'insetto stesso, dello stesso valore che la vita umana ha per l'umano.

Viviamo in un mondo in cui "quanto vale qualcosa" viene stabilito dalla cultura del momento, e in un'era dove i bambini credono che lo yogurt fruttolo cresca sugli alberi cosa ti aspetti?

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret