Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

By Kiefer
#39480
Sono felice del tuo stato di forma. Riguardo gli esami servono solo per vedere se lo stato di forma di una persona rientra nella normalità. Purtroppo però per normalità non si intende quella che dovrebbe essere, cioè lo stato di forma che possiamo conseguire con la dieta insegnataci da Ehret, ma si intende lo stato di forma precario dell'uomo medio della società. Quindi, se i parametri di confronto sono sbagliati perché ci dobbiamo rapportare ad essi?
Questo è il mio punto di vista. Ciao Marialu
Avatar utente
By luciano
#39483
Concordo appieno con Kiefer.:D

Arnold Ehret ha scritto:La persona media "normale", considerata in buona salute, ha un cronico accumulo di prodotti di rifiuto di cibo e di farmaci. Questa È La Sua Malattia Latente


Quindi essendo i valori rilevati su questa cosiddetta persona normale che vengono usati come riferimento per confrontare le nostre analisi, quando i valori sono tutti nella norma vuol dire che siamo una "persona media "normale", considerata in buona salute che ha un cronico accumulo di prodotti di rifiuto di cibo e di farmaci".

Se fatte il giorno dopo gli esami potrebbero essere terribili pur essendo in salute migliore del giorno prima, perché stiamo eliminando delle tossine.

In ogni caso i valori presi in considerazione sono abbastanza ampi e ho notato che gli ehretisti difficilmente hanno valori allarmanti tipici di chi sfora il tetto massimo a causa di gravi patologie.
Avatar utente
By canarino
#82189
luciano ha scritto:
pakens69 ha scritto: Ogni tanto del parmigiano per rimpiazzare il calcio e qualche latticino (mozzarella, formaggi).
L'unico modo di "rimpiazzare" il calcio è mangiare frutta e verdura cruda.

Il calcio da fonti anomali non è assimilabile e quindi il corpo per alcalinizzare il sangue prende il calcio dalle ossa.

Le donne che mangiano latticini e bevono latte per l'osteoporosi la peggiorano.

Fatti succhi di frutti dolci, non agrumi e barbabietola (rapa rossa) per alcalinizzare il corpo.


Salve Luciano, come mai sconsigli agrumi e barbabietola?
l'altro giorno ho un centrifugato con bietola,arancio e mela fatto completamente a caso (mattina), giusto per caso non lo faccio quasi mai ho misurato il ph delle urine a mezzanotte prima di dormire ed era di 5,5. di solito era sempre 7,5-8.
La mattina del giorno dopo ancora urine rossicce, poi durante tutta la giornata molto chiare e tutto nella normalità, a mezzanotte di nuovo rossicce e ph 5. Possibile che siano una sorta di residuo della bietola del giorno prima nonostante le urine chiare del pomeriggio?
Ogni mattina in questo periodo bevo circa mezzo litro di spremuta d'arancio con un limone. Dieta tendenzialmente crudusta, poco cotto- senza pane- semi oleosi quanto basta e merende fruttose.
Avatar utente
By luciano
#82190
Benvenuto! :D

canarino ha scritto:Salve Luciano, come mai sconsigli agrumi e barbabietola?

Non sconsiglio le barbabietole In effetti manca una virgola:
Fatti succhi di frutti dolci, non agrumi, e barbabietola (rapa rossa) per alcalinizzare il corpo.
Intendendo frutti dolci e barbabietola, non agrumi. Gli agrumi alcalinizzano se presi in piccola quantità. Se non si ha un intestino completamente a posto irritano.

canarino ha scritto:l'altro giorno ho un centrifugato con bietola,arancio e mela fatto completamente a caso (mattina), giusto per caso non lo faccio quasi mai ho misurato il ph delle urine a mezzanotte prima di dormire ed era di 5,5. di solito era sempre 7,5-8.
La mattina del giorno dopo ancora urine rossicce, poi durante tutta la giornata molto chiare e tutto nella normalità, a mezzanotte di nuovo rossicce e ph 5. Possibile che siano una sorta di residuo della bietola del giorno prima nonostante le urine chiare del pomeriggio?
Ogni mattina in questo periodo bevo circa mezzo litro di spremuta d'arancio con un limone. Dieta tendenzialmente crudista, poco cotto- senza pane- semi oleosi quanto basta e merende fruttose.

Cosa intendi per "cotto"?
Avatar utente
By canarino
#82192
luciano ha scritto:
canarino ha scritto:Salve Luciano, come mai sconsigli agrumi e barbabietola?

Non sconsiglio le barbabietole In effetti manca una virgola:
Fatti succhi di frutti dolci, non agrumi, e barbabietola (rapa rossa) per alcalinizzare il corpo.
Intendendo frutti dolci e barbabietola, non agrumi. Gli agrumi alcalinizzano se presi in piccola quantità. Se non si ha un intestino completamente a posto irritano.

canarino ha scritto:l'altro giorno ho un centrifugato con bietola,arancio e mela fatto completamente a caso (mattina), giusto per caso non lo faccio quasi mai ho misurato il ph delle urine a mezzanotte prima di dormire ed era di 5,5. di solito era sempre 7,5-8.
La mattina del giorno dopo ancora urine rossicce, poi durante tutta la giornata molto chiare e tutto nella normalità, a mezzanotte di nuovo rossicce e ph 5. Possibile che siano una sorta di residuo della bietola del giorno prima nonostante le urine chiare del pomeriggio?
Ogni mattina in questo periodo bevo circa mezzo litro di spremuta d'arancio con un limone. Dieta tendenzialmente crudista, poco cotto- senza pane- semi oleosi quanto basta e merende fruttose.

Cosa intendi per "cotto"?


Grazie della risposta : )
Ah capisco riguardo agli agrumi. I sintomi di un intestino irritato da agrumi sono dolorosi? io sono stato bene finora, credi che dovrei andarci più cauto(7 arance+1limone=500ml succo circa)? sempre urina abbondante normale e sensazione di grande benessere e allegria dopo la spremuta

Eheh cosa intendo per cotto ottima domanda intendo cottura di verdure blanda al vapore e qualche pasta di rado. Qualche couscous di grano integrale e cose così.
Ora però sto puntando ad aggiungere più insalate di radicchio condite con olio aceto di mele gomasio e qualche noce...
Avatar utente
By canarino
#82194
Grazie mille della dritta.
luciano ha scritto:I farinacei meno ne mangi meglio è.

Sostituiscili con grano saraceno, quinoa e miglio.
Avatar utente
By sibillina
#82207
Io la mattina ho sempre il ph a 5. Anche se trattasi di seconda urina.
Poi nel pomeriggio verso le 16 ce l'ho a 7.4.

Quindi qual'è quello valido?

Ho sempre un po' di confusione per quanto riguarda il ph...
Avatar utente
By Markuseye
#82209
[font=Georgia][align=justify]Credo che il motivo per cui Ehret amasse poco le tabelle, risale al fatto che conoscesse bene la scienza e come questa venisse "addomesticata" dagli scienziati per farla rientrare in formule più o meno funzionali.

Nulla da togliere alle grandi menti che si applicano per trovare funzioni che descrivano ciò che ci circonda; qualche volta (spesso), però, per far rientrare i parametri sperimentali in formule matematiche si bara.

Ve ne parlo perchè ho lavorato in laboratori di ricerca e quando i dati sperimentali non tornavano, i colpi di mano erano all'ordine del giorno.

Venendo al pH (questo è il modo di scriverlo correttamente), non si sa nemmeno che cavolo significhi la "p". Sorensen, colui che pubblicò per primo gli studi sul pH amava poco i numeri negativi così utilizzo questo artificio matematico per darci una misura della acidità o alcalinità di una soluzione compresa tra 0 e 14.

Qui casca il primo asino, le soluzioni, in realtà, possono avere valori inferiori a zero (anche -13) e ben superiori a 14.

Ma perchè non vengono contemplate? Perchè non si comportano idealmente! Cioè non seguono il modello matematico e siccome fanno un po come cavolo gli pare, gli scienziati le ignorano. Bello vero?

Poco tempo fa ho partecipato ad un seminario dove tra i relatori parlava un esperto di nanomicroscopia. Ottima relazione e la stessa relatrice ha ammesso di essere diventata vegetariana dopo uno studio, in cui i risultati evidenziavano come le forme delle cellule di un onnivoro tendevano ad assomigliare a quelle dii un malato grave di cancro.

Nonostante la preparazione della persona le sbavature non sono mancate, soprattutto quando ha accennato che minime variazioni di pH nel sangue potevano portare un individuo alla morte. Caro il mio medico, il pH è un calcolo logaritmico su base 10, significa che le variazioni sono sull'esponente: cioè dire 5 o 4 è come dire 100.000 o 10.000.

Non direi che sono piccole variazioni, c'è differenza tra avere €100.000 in banca o €10.000, non vi pare?

L'altra chicca (qui casca il secondo asino!) è che il pH è ritenuto neutro al valore 7 ad una temperatura di 25°C. Quindi variazioni di temperatura coincidono a variazioni di pH. Se nel gabinetto in cui fate la misura c'è freddo o caldo dovreste riparametrarvi a 25°C.

Insomma impazzire dietro ad un valore materiale, inventato per misurare l'acidità di soluzioni ideali, di per se può dire tutto o nulla. Ci sono persone che sono morte con gli stessi sintomi dei malati di tumore, per via di una diagnosi sbagliata. All'autopsia hanno scoperto che nessun cancro era in atto.
Personalmente conosco una persona che mentre la portavano in ospedale gli si è arrestato il cuore sette volte. Per i medici non sarebbe arrivato al giorno dopo. Era sfracellato dopo un incidente automobilistico. Oggi cammina ed è un esperto di riflessologia, dato che con quella tecnica lo hanno tolto dalla seggiola a rotelle e poi dall'uso delle stampelle.

Noi siamo tanto di più ed il nostro spirito aspetta pazientemente che noi ci si ricolleghi a lui per darci poteri smisurati, altro che pH nelle urine!

Ma se vi tranquillizza controllarlo fatelo (ammetto che anch'io mi ci diverto ogni tanto), la mia convinzione rimane che "ascoltandomi" e sperimentando (Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco è un ottimo metodo sperimentale) troverò la mia salute perfetta (fisico, mente e spirito).

Adesso vado a misurarmi il pH delle urine :D ...

...quasi 8! Mi sembra un voto in chimica, ah, ah, ah!

Buona salute a tutti[/align]
[/font]
Avatar utente
By Vega70
#82213
luciano ha scritto:I farinacei meno ne mangi meglio è.

Sostituiscili con grano saraceno, quinoa e miglio.


Ecco, Luciano mi ha preceduto... volevo appunto consigliarti pakens69 per la tua transizione, di togliere la pizza e la pasta (anche se integrale) e di sostituirli con saraceno e quinoa (io scarterei anche il miglio), vedrai che starai molto meglio da subito :D buona transizione!
Avatar utente
By canarino
#82215
Markuseye ha scritto:[align=justify]Credo che il motivo per cui Ehret amasse poco le tabelle, risale al fatto che conoscesse bene la scienza e come questa venisse "addomesticata" dagli scienziati per farla rientrare in formule più o meno funzionali.

Nulla da togliere alle grandi menti che si applicano per trovare funzioni che descrivano ciò che ci circonda; qualche volta (spesso), però, per far rientrare i parametri sperimentali in formule matematiche si bara.

Ve ne parlo perchè ho lavorato in laboratori di ricerca e quando i dati sperimentali non tornavano, i colpi di mano erano all'ordine del giorno.

Venendo al pH (questo è il modo di scriverlo correttamente), non si sa nemmeno che cavolo significhi la "p". Sorensen, colui che pubblicò per primo gli studi sul pH amava poco i numeri negativi così utilizzo questo artificio matematico per darci una misura della acidità o alcalinità di una soluzione compresa tra 0 e 14.

Qui casca il primo asino, le soluzioni, in realtà, possono avere valori inferiori a zero (anche -13) e ben superiori a 14.

Ma perchè non vengono contemplate? Perchè non si comportano idealmente! Cioè non seguono il modello matematico e siccome fanno un po come cavolo gli pare, gli scienziati le ignorano. Bello vero?

Poco tempo fa ho partecipato ad un seminario dove tra i relatori parlava un esperto di nanomicroscopia. Ottima relazione e la stessa relatrice ha ammesso di essere diventata vegetariana dopo uno studio, in cui i risultati evidenziavano come le forme delle cellule di un onnivoro tendevano ad assomigliare a quelle dii un malato grave di cancro.

Nonostante la preparazione della persona le sbavature non sono mancate, soprattutto quando ha accennato che minime variazioni di pH nel sangue potevano portare un individuo alla morte. Caro il mio medico, il pH è un calcolo logaritmico su base 10, significa che le variazioni sono sull'esponente: cioè dire 5 o 4 è come dire 100.000 o 10.000.

Non direi che sono piccole variazioni, c'è differenza tra avere €100.000 in banca o €10.000, non vi pare?

L'altra chicca (qui casca il secondo asino!) è che il pH è ritenuto neutro al valore 7 ad una temperatura di 25°C. Quindi variazioni di temperatura coincidono a variazioni di pH. Se nel gabinetto in cui fate la misura c'è freddo o caldo dovreste riparametrarvi a 25°C.

Insomma impazzire dietro ad un valore materiale, inventato per misurare l'acidità di soluzioni ideali, di per se può dire tutto o nulla. Ci sono persone che sono morte con gli stessi sintomi dei malati di tumore, per via di una diagnosi sbagliata. All'autopsia hanno scoperto che nessun cancro era in atto.
Personalmente conosco una persona che mentre la portavano in ospedale gli si è arrestato il cuore sette volte. Per i medici non sarebbe arrivato al giorno dopo. Era sfracellato dopo un incidente automobilistico. Oggi cammina ed è un esperto di riflessologia, dato che con quella tecnica lo hanno tolto dalla seggiola a rotelle e poi dall'uso delle stampelle.

Noi siamo tanto di più ed il nostro spirito aspetta pazientemente che noi ci si ricolleghi a lui per darci poteri smisurati, altro che pH nelle urine!

Ma se vi tranquillizza controllarlo fatelo (ammetto che anch'io mi ci diverto ogni tanto), la mia convinzione rimane che "ascoltandomi" e sperimentando (Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco è un ottimo metodo sperimentale) troverò la mia salute perfetta (fisico, mente e spirito).

Adesso vado a misurarmi il pH delle urine :D ...

...quasi 8! Mi sembra un voto in chimica, ah, ah, ah!
Interessante! Sono molto d'accordo sul non dare TROPPO peso a valori come il pH, è che sono ai miei primi mesi di dieta vegan di transizione e mi faccio molte domande
Grazie

Buona salute a tutti[/align]

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret