Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By bialuc
#37444
Avrei un dubbio: sto cercando di preparare la soluzione di acqua salata satura al 26% come spiegato sul sito. Lì c'è scritto che quando i grani di sale (ovviamente ho usato quello dell'himalaya) non si sciolgono più allora la soluzione è satura.
Il problema è che io continuo a metterne e dopo qualche ora comunque si sciolgono. L'unica cosa che rimane è un deposito di fondo, una polvere rossastra.
Ora mi chiedo se non sia questo residuo da considerarsi l'indicatore che la soluzione è satura.

Voi che dite?
grazie :)
Avatar utente
By vivo
#37484
Ciao Bialuc, la soluzione è satura quando rimane il pezzo e non la polvere, aggiungine uno alla volta finchè non si scioglie più.
Avatar utente
By bialuc
#37489
Ti ringrazio. Sono "preoccupato" perché in un quartino di acqua ho versato complessivamente quasi due pugni abbondanti di sale e continua a non essere satura, secondo le istruzioni.
Grazie e buona giornata.
Avatar utente
By vivo
#37559
Adesso ho capito, il problema è che per fare la soluzione satura non bisogna usare il sale in polvere ma i cristalli (che sono come delle pietre).
Avatar utente
By bialuc
#37566
Uso il sale cosiddetto "grosso", quello in piccoli grani. E' quello giusto?
Nel frattempo ho continuato ad aggiungere sale, ma i cristalli si sciolgono e rimane sempre solo uno strato di polverina sul fondo. Magari qualcuno del forum che lo ha già fatto è in grado di dirmi che quantità di sale ha messo approssimativamente per avere la saturazione, giusto per capire se sto sbagliando qualcosa.
Buona giornata.
Avatar utente
By vivo
#37612
Io la soluzione satura la faccio con i cristalli.
Avatar utente
By bactabeven
#37639
Ciao a tutti
la soluzione è satura quando c'è il precipitato in fondo al contenitore, è successo cioè che tutte le molecole dell'acqua hanno controbilanciato (in presenza fisica per ragioni elettriche o elettrolitiche) i sali minerali presenti nei cristalli disciolti. Questo sciogliersi è arrivato quindi al capolinea e non si può sciogliere più nulla, e i cristalli non sciogliendosi precipitano in fondo e rimangono in forma cristallina.

I cristalli grandi sono uguali a quelli piccoli, cambiano solo in dimensione e quindi sono + facilmente visibili.

Per accellerare lo scioglimento si può riscaldare l'acqua e verificare che al raffreddamento del'acqua, diminuendo lo stato d'eccitazione delle molecole (diminuendo il calore) avviene la precipitazione dei cristalli sul fondo.

Volendo essere creativi, si possono creare dei cristalli tipo gioielli con tutti i sali minerali capaci di disciogliersi in acqua... ma questa è un'altra storia :D
Avatar utente
By bialuc
#37643
Ho capito il principio. Purtroppo non ho avuto l'accortezza di quantificare il totale del sale che ho messo a più riprese nell'acqua, ma credo di essere arrivato a 250/300 grammi in mezzo litro ed i cristalli (sale grosso) continuano a sciogliersi.
Sul fondo rimane solo uno straterello polveroso.
Buon fine settimana a tutti.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret