Arnold Ehret Italia

Discussioni su Arnold Ehret e l'Ehretismo. Possono partecipare tutti gli utenti iscritti che hanno letto il libro sulla "Dieta Senza Muco".
Non c'è posto per commenti su ideologie politiche, disinformazione, ecc, che possono trovare posto su altri siti pertinenti. Questo è il forum della dieta di Ehret.

Moderatori: luciano, Moderators

By kaekko
#37682
Quando andavo alle elementari ci hanno raccontato la storia di un ragazzo che fu rinchiuso in una stanza buia fin da piccolo per impedirgli di portare a termine la missione della sua vita.
Sia in nel periodo di prigionia che dopo essere stato liberato, venne nutrito con una dieta vegetariana o vegana.
Fintanto che seguì questa dieta, gli animali non avevano nessuna paura di lui ed era l'unico a potersi avvicinare.
Quando alcuni anni dopo gli diedero da mangiare della carne, qualcosa in lui cambio e gli animali che prima gli si avvicinavano senza timore, iniziarono a stargli alla larga.
Mi sono sempre chiesto che cosa fosse cambiato in lui...

Tempo fa ho sentito che una famiglia (figli e padre vegetariano, madre onnivora) sono andati in uno zoo dove c'erano dei lama e guarda caso i lama si sono fatti accarezzare soltanto dai bambini e dal padre, mentre stavano alla larga dalla madre. Possibile che gli animali riconoscano chi si nutre di carne da chi invece non lo fa?

Tra settembre e dicembre 2009 per ca. 4 mesi ho mangiato soltanto frutta e verdura.
Dopo alcune settimane ho iniziato a sentire che la gente che mi circondava emanava un fetore che non avevo mai sentito prima. Un fetore che era sempre presente in alcuni individui, mentre andava e veniva in altri.
Fin'ora sono riuscito ad individuare due tipi di fetore: un primo presente in quasi tutte le persone e un secondo che ho sentito soltanto con due done.
Tra gennaio e marzo ho introdotto nella mia dieta cereali integrali, qualche latticino e pesce e ho subito smesso di sentire questo fetore.

La cosa interessante, è che questo fetore era talmente intenso, che in alcune occasioni non riuscivo quasi a stare vicino (entro un metro) da alcuni onnivori.
Sentivo il fetore se camminavo qualche metro dopo un onnivoro, se entravo in un ufficio chiuso dove lavorava un onnivoro o nel giro scale di casa mia. Alcune volte camminando in una strada, dove erano passate alcune persone pochi minuti prima.

Ho letto di alcune persone che dopo aver seguito una dieta tendenzialmente vegetariana/vegana hanno iniziato a sentire che anche la migliore fettina di carne cruda, emana una tale puzza da putrefazione, da non potersi neppure avvicinare, nonostante tutti gli altri onnivori non se ne accorgano.

Vorrei chiedere se siete riusciti a capire che cosa causa questo fetore e soprattutto quali alimenti ci impediscono di sentirlo (se sono i latticini, la carne, il pesce, i cereali o la putrefazione interna in genere).
Purtroppo non sono riuscito a capire se ho smesso di sentire questo fetore perché ho ripreso a mangiare alcuni alimenti di origine animale, oppure se mi sono "ostruito" le vie respiratorie mangiando dei cereali.

Vorrei anche sapere se conoscete delle storie simili.
Avatar utente
By Sephirosu
#37685
Non sono i cereali, ho vissuto da vegano e sentivo ugualmente la puzza marcia della carne, mi dava e mi dà ancora il voltastomaco, specialmente il ragù, mio dio che schifo. Comunque è vero che la gente puzza, odio stare in mezzo alla folla, a parte la puzza loro, mi da fastidio anche il profumo che si mettono per mascherare, sento troppi odori.
Mi si avvicinano spesso i cani, anzi, sempre, e penso che il discorso valga anche per i bambini piccoli non ancora iper-civilizzati, perchè si comportano allo stesso modo.
Illuminante l'articolo, mi ha fatto ricordare tempo fà, un episodio in cui mia madre fece un brodo a pranzo preparato facendo bollire "manzo" patate e carote, mi preparò il piatto e io le dissi: "Sicuro che non c'è qualche oggetto non identificato?" (erano i miei primi giorni da vegano, ed era davvero scazzata), mi rispose con un deciso: "No! Mangia!".
Sentivo un odore schifoso mischiato a zolfo e qualcosa di bruciato, e realizzai che c'era la carne.
Rimasi così estrefatto che decisi di non mangiarla più per il resto della mia vita, pensai queste parole: "Mai più carne e uova... Latte se capita, una volta ogni tanto"
Ultima modifica di Sephirosu il 11 aprile 2010, 13:42, modificato 1 volta in totale.
By kaekko
#37686
Sephirosu ha scritto:Non sono i cereali, ho vissuto da vegano e sentivo ugualmente la puzza marcia della carne, mi dava e mi dà ancora il voltastomaco, specialmente il ragù, mio dio che schifo. Comunque è vero che la gente puzza, odio stare in mezzo alla folla, a parte la puzza loro, mi da fastidio anche il profumo che si mettono per mascherare, sento troppi odori.

Avevi lo stesso problema anche con i latticini?
Avatar utente
By Sephirosu
#37687
Non so risponderti sinceramente, evitavo carne, uova e latte, quest'ultimo una volta ogni tanto, capitava spesso nel purè e cioccolato, ma poi cominciai a preferire quello fondente.
Avatar utente
By luciano
#37723
Il corpo emana gli odori prodotti dalle sostanze che sono depositate fra i suoi tessuti. Il grasso è rancido e il sudore di chi si nutre di carne è sgradevole.

Ho un'amica Creola delle Seychelles e quando avevamo 20 anni ci frequentavamo spesso e una volta le chiesi perché la sua pelle aveva "quell'odore acre". Lei mi rispose: "Sapessi che fatica faccio io a sopportare e a fare finta di niente quando mi arriva l'odore rancido del corpo di voi bianchi....".

Sono rimasto male sentendomi dire che puzzavo nonostante le frequenti docce, ecc.

Adesso non uso deodoranti e il mio corpo non puzza e sento gli odori di chi mangia costantemente da onnivoro.

Una volta passando di fianco a una rosticceria sono stato colto da conati di vomito quando l'odore mi è arrivato alle narici.

Ma quando si è onnivori non succede.
Avatar utente
By curiosoboy
#37735
La cosa è strana... io non mangio più animali e prodotti derivati, ma gli animali (uccelli, lucertole) alla fine scappano sempre... forse hanno meno paura, chissà, ma scappano..
Cmq io non sento alcuna puzza sugli onnivori, forse perché la maggior parte si profuma e si lava ogni giorno e quindi l'odore del corpo viene nascosto da eau de toilette e deodoranti chimici...
Una domanda: Ma gli onnivori che vi stanno intorno dicono che sentono che tu puzzi? Perché io anchq quando ero onnivoro mi dicevano che la mia pelle puzzava, ma anche adesso (probabilmente di meno)... io non uso prodotti per profumarmi, quindi credo che la puzza che sentono altro non è che l'odore naturale del corpo... Un'ultima cosa che ho notato è che durante le due settimane senza muco ... ero meno sporco e profumavo di frutta
By kaekko
#37738
curiosoboy ha scritto:Cmq io non sento alcuna puzza sugli onnivori, forse perché la maggior parte si profuma e si lava ogni giorno e quindi l'odore del corpo viene nascosto da eau de toilette e deodoranti chimici...

Il tanfo che sentivo io proveniva dalla gola e non veniva coperto da deodoranti o profumi. Era particolarmente intenso da persone con allergie o comunque con problemi di salute.
Avatar utente
By luciano
#37739
curiosoboy ha scritto:La cosa è strana... io non mangio più animali e prodotti derivati, ma gli animali (uccelli, lucertole) alla fine scappano sempre... forse hanno meno paura, chissà, ma scappano..
Cmq io non sento alcuna puzza sugli onnivori, forse perché la maggior parte si profuma e si lava ogni giorno e quindi l'odore del corpo viene nascosto da eau de toilette e deodoranti chimici...
Una domanda: Ma gli onnivori che vi stanno intorno dicono che sentono che tu puzzi? Perché io anchq quando ero onnivoro mi dicevano che la mia pelle puzzava, ma anche adesso (probabilmente di meno)... io non uso prodotti per profumarmi, quindi credo che la puzza che sentono altro non è che l'odore naturale del corpo... Un'ultima cosa che ho notato è che durante le due settimane senza muco ... ero meno sporco e profumavo di frutta
Si quella degli animali che scappano è un po' forzata. Uccelli e lucertole comunque basano il loro comportamento in base a diversi parametri, non solo sugli odori ma anche sulle dimensioni.

Il corpo odora diversamente a seconda di cosa ci si nutre, quando è libero da muco e si segue un regime di vegetali crudi, frutta e verdura, anche il sudore è profumato.

E' importante comunque ricordarsi che le emozioni negative come paura, odio e risentimento alterano le funzioni delle ghiandole endocrine e di conseguenza il corpo può emettere odori sgradevoli indipendentemente dalla dieta.
Avatar utente
By bactabeven
#37743
Anche io ho avuto queste esperienze, anche se non è da molto che mi nutro in maniera consapevole.

Prima di conoscerci qui sul Forum, ho avuto comunque altri segnali dalle altre persone circostanti, e questo lo dico perché mi ritengo sensibile all'ambiente circostante, dove per ambiente intendo le persone che coabitano lo spazio insieme a noi. (concedetemi ancora qualche riga che esco da ogni tipo di autocelebrazione e falsa modestia ok' :wink: )

Il percorso che facciamo con questa alimentazione, non è puarmente fisico, e l'odore che sentiamo non riflette solo la fisicità delle sostanze sperse fra le cellule, che caratterizzano l'odore dell'aria circostante, ma è un percorso di elevazione spirituale, di sintonizzazione con un benessere che deve portarci ad elevare i nostri pensieri come cerchiamo di elevare i nostri cibi.

In quersto contesto, è probabile che il fetore che si sente, non è solo il puzzo delle cellule, ma anche il puzzo dei cattivi pensieri, e allo stesso modo il profumo dei pensieri più belli e positivi, che con un po' di fortuna riusciamo a cogliere nella nostra giornata.

Pensate che ho conosciuto una persona che era costretto a fumare, perché dall'odore delle persone gli arrivavano tanti di quei messaggi che non poteva sopportarlo tanto lui era sensibile, e la sigaretta gli arginava questa sua capacità. Di recente poi ho conosciuto un'altra persona che nasconde la sua sensibilità dietro il forte odore (troppo forte) delle sue ascelle 8O

Ciao a tutti :D

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret