Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By swami863
#38091
Secondo voi quali controindicazioni ci sono a mangiare molte olive?

A cena ne sto mangiando davvero tante, le spilucco mentre cucino, le aggingo all'insalatona, mi piacciono davvero moltissimo, ma mi chiedo: non è che contengono troppo sale e mi stanno facendo più male che bene?

E' che mi fanno sentire nutrita. mi saziano e poi si vede che non sono ancora pronta a verdure e basta a cena, mi piace ancora pasticciare un pochino... :oops:

Intanto m'impegno a ridurle, comunque il troppo è troppo, dai Ale ce la possiamo fare... :wink:

Notte ragazzi!

Alessandra
Avatar utente
By curiosoboy
#38102
Di certo tante olive, essendo grasse, possono portare problemi... ma se le desideri potresti preparare un patè con le olive, da spalmare su pane tostato.

http://semplicementeinsieme.blogspot.co ... -nere.html

http://semplicementeinsieme.blogspot.co ... verdi.html

Puoi usarlo anche per condire le insalate... magari allungandolo con acqua.

Un altro consiglio è di aumentare la quantità di frutta e vedere che effetti ti dà.
Avatar utente
By swami863
#38103
Grazie per i consigli!

Il mio dubbio è che forse attraverso le olive cerco...il sale!

E questo da un lato mi fa pensare che ho da aggiungere cibi che contengano forse più sodio (come mi è già stato suggerito), forse è anche questa dal sale, una sorta di dipendenza...l'unica è fare comunque la mia parte e non continuare se davvero è un alimento che in certi quantità può causare danni.

Ale
By rita
#38118
swami863 ha scritto:Il mio dubbio è che forse attraverso le olive cerco...il sale!

E questo da un lato mi fa pensare che ho da aggiungere cibi che contengano forse più sodio forse è anche questa dal sale, una sorta di dipendenza...


ciao non credo che possa causarti danni , ti spiego il perchè parlandoti di me:
comunque mi piacerebbe sapere da quanto tu stai seguendo Ehret?

io da piu' di un anno e mezzo, ora sto a meraviglia ma la strada della disintossicazione è ancora lunga ( nel senso che non ho malattie particolari mai preso medicinali, ma se penso a tutte le schifezze che ho mangiato, c'è parecchio lavoro da fare... :wink: )

quindi posso dirti che anch io ho comniciato a mangiare olive in insalata, quando avevo fame.

è proprio come dici tu sai? è una dipendenza da sale, da quei alimenti salati. io mangiavo patatine chips (3, 4 sacchetti per volta) tutti i giorni e l ho fatto per decenni ... :cry:
finche non espelli quelle tossine che hai in circolo...i clisteri aiutano

quando ho iniziato la dieta di Ehret smisi finalmente con quella droga salata e sentivo che la gola mi ardeva sentivo di aver tanto bisogno di bere acqua fresca , dopo una decina di giorni dal gusto salato in gola sentiii gusto amaro e lì forse era il fegato che si stava disintossicando..

dopodiche ebbi sempre meno bisogno di assumere cibi salati e anche con le olive cominciai a "cercarle" sempre meno.
per esempio ora le ho in frigo..ma.. me le dimentico..!

oggi ho voglia ho bisogno di frutta fresca!!
non faccio colazione, faccio un pasto di frutta , uno di insalatona+una verdura cotta +un alimento poco mucoso come la quinoa , il boulgur
poi vado giu' con nocciole, mandorle, pinoli.
ti potrei consigliare di usare le alghe come la spirulina da condire nelle insalate.. sanno di sale così ti togli la voglia e assumi sali minerali..
basta che non eccedi, eh? :wink:
Avatar utente
By swami863
#38126
Grazie Rita per l'esperienza che ci passi! :P

Io sono in transizione da 5 mesi, non me lo devo dimenticare, hai ragione, è normale che certi sapori abbiano ancora su di me un richiamo! Tieni conto che io non mangiavo carne rossa, ma vivevo a tonno in scatola, cose affumicate, comunque ho memoria di molto sale di sicuro!

L'alga spirulina dove la trovo? non ne so nulla...non è un cibo mucoso? :oops:

A proposito invece del "gusto amaro": in tarda mattinata, quando cominciano a esserci un pò di ore di digiuno, sai che mi viene sempre un inizio di gusto amaro? Fegato? Forse dovrei proseguire nel non mangiare e vedere cosa succede...mangiando passa subito... :wink:

Ale
By rita
#38146
cinque mesi non sono pochi, è importante
vedi che le risposte ce le diamo da soli, istintivamente le conosciamo già..
sicuro che devi continuare!! coraggio!!
cerca di allungare le ore del tuo digiuno della colazione, è importante.
magari prova a finire di cenare la sera prima , almeno di un ora prima del solito.. non ce la fai a rimandare l'appuntamento con il pasto almeno un paio di ore dopo..?
quante ore stai a digiuno?
assumi liquidi durante il digiuno della non colazione? io spremuta di limone per quasi un anno, da qualche mese arance e un caffè d'orzo. ma ora sento che è giunto il momento di abbandonare anche questa abitudine perchè comincia a darmi fastidio..
anzi, "sento" proprio che dovrei non assumere nulla se nonche' la sola acqua.. voglio provare
è importante ascoltare cio' che il corpo ci comunica..

l'alga spirulina io la trovo in erboristeria, in questo forum parecchi utenti assumono la klamat.
quando finiro' quelle che ho provero' anche la klamat.
l'alga è un vegetale non credo possa trattarsi di cibo mucoso.

non dirlo a me, tonno in scatola, salmone affumicato a quintali, speak, mortadella, salame, ecc ecc
:twisted: :twisted:
se ci penso..
Avatar utente
By swami863
#38154
In questo periodo in cui non sto lavorando mi è più difficile allungare gli orari dei pasti, perchè stando a casa mi sembra di avere fame...quando fino a qualche mese fa resistevo benissimo anche fino alle 14... :wink:

E' che sarebbe un ulteriore motivo di stress per ora, in questo periodo non posso tanto permettermelo... :P

Anch'io spesso sento che al mattino il mio corpo lavora meglio se non bevo nulla, a parte la spremuta di limone tiepida: all'inizio bevevo anche una tisana e un paio di caffè d'orzo, ma dopo poche settimane il mio corpo mi ha detto da solo BASTA!

Allo stesso modo alla sera bere la camomilla era un rito, a volte anche più di una tazza: ma sai che non riesco neanche più a sentirne l'odore? la percepisco in modo tutto diverso da prima...che bella avventura questo percorso!

Un'ultima cosa voglio condividere con voi: domenica ho rimangiato cibi mucosissimi, dopo tante settimane di pulizia, una bella ricaduta dopo giorni e giorni di "tener duro e di ossessione": AAAHHHHHH!!! che male mi sono fatta!!!!

In questa settimana mi è tornato il mal di testa, il raffreddore, lo stomaco gonfio e....soprattutto la PAURAAA!! si si una bella ricaduta emotiva, fino a sabato pur senza lavoro vedevo tutto con fiducia e speranza, da domenica mi ha ripreso l'ansia e lo scoraggiamento, non posso non mettere le due cose in relazione!!!

Vabbè me la sono voluta, che possa imprimermelo bene in mente e che la condivisione possa servire a qualcuno che rimpiange qualche vecchio cibo... :P

Un abbraccio!

Ale
By rita
#38206
ciao Ale
beh se la metti così allora ti capisco, senza lavoro , hai bisogno di qualcosa a cui attaccarti e il cibo è il primo sfogo a portata di mano..
pero'...non farti fregare!!!

io quando ho quei giorni lì, insomma.. un po' così'... che per giunta non ho voglia di far nulla e mi viene la fame nervosa..
mi butto sul cibo sì .. pero' con alimenti non mucosi

se proprio non mi bastano quintali di frutta allora mi butto su quella secca
quindi vado coi pinoli, mandorle, noccioline e per fare una sgarrata di quelle che mi riempiano la pansa e la mente allora mi faccio una frullata!
sapessi com è buona la frullata con nocciole..!!! sembra nutella e dà un senso di sazietà. poi mi piace sperimentare.

ma ieri sera ad esempio dopo un pasto di sola frutta , avevo voglia di quel certo non so che e allora per sgarrare al massimo mi sono riempita una ciotolina di frutta essicata( ciliegie) con un cucchiaio di miele e una manciata di fiocchi di avena..,
:oops:

è vero è proprio una bella avventura questo percorso che stiamo seguendo, e trovo che sia bello anche ascoltare il nostro corpo.
io non posso piu' sentire l'odore delle uova che mi viene il voltastomaco
non posso piu' neanche guardare in fotografia la carne..
anche il pesce l'odore mi dà fastidio.
se c'è una cosa che mi fa paicere è uscire con gli amici per una pizza e di solito ordino una semplice marinara ma ho notato già da due volte che mi cominciano a venire dei crampi allo stomaco..
:?
mi ha fatta pensare la tua frase:
giorni a tener duro e ossessione

non dovrebbe essere così, deve essere naturale e sponatneo seguire la dieta non mucosa , altrimenti ti risulterà tutto piu' pesante..
:cry:
Avatar utente
By swami863
#38209
Car Rita,

a proposito del "tener duro" di fronte alle ondate di ossessione, per me è un pò più importante che per altri credo, perchè ne vengo da un passato di anoressia/bulimia: sfogare queste onde col cibo significa comunque alimentare vecchi meccanismi conosciuti, se s'injsinuano è sempre difficile poi allontanarli.... :(

Anche senza lavoro, cerco di lavorare su me stessa cara Rita, conscia dei miei limiti, ma anche col desiderio di non compensare col cibo altri vuoti, anche perchè "dopo" ho un problema in più: perdo anche il buonumore, la lucidità, il piacere di stare in un corpo sano... :P

Leggo leccandomi i baffi del tuo frullato: a me la frutta secca dà qualche problema di stitichezza, forse nel tempo mi abituerò...però grazie per i tuoi suggerimenti, è sempre bello leggere la tua esperienza!!

Ale
By rita
#38239
grazie a te Swami sei così gentile

mi spiace che hai sofferto di anoressia\bulimia..
penso che per queste cose bispgna innanzi tutto mettersi d'accordo con la nostra testa...
non sono la persona piu' adatta a consigliarti ma penso che potrebbe farti bene un po' di yoga, un po' di medirazione.
rilassamento mentale, ecco!

ti ripeto che
mi avevi fatto pensare quando avevo letto la tua frase
<giorni a tener duro e ossessione>
bisognerebbe che lavorassi sulla tua mente, per calmarla fino ad arrivare a volersi bene, ad amare il proprio corpo
la dieta di Ehret non puo' farti che bene perchè eliminando tossine in circolo sicuramente calma la mente.

l'importante è secondo me che tu possa seguire questa dieta senza sentirti "costretta"
e quando ti capiterà di sgarrare è importante che non ti si instilli nella mente il senso di colpa.

se ti capiterà di sgarrare , sgarra. ma poi saprai da che parte ricomniciare, non ti corre dietro nessuno abbiamo una strada lunga quanto la vita da percorrere secondo le teorie di Ehret.
vedrai che piano piano sarà il tuo corpo a dirti:<non mi piace piu'>
magari proprio qualcosa che fino a ieri ne andavi matta..
se comincerai a libererarti dalle tossine
guarda io non l avrei mai detto che non mi sarebbe piu' piaciuto il mio primo piatto preferito; i ravioli..
chi l avrebbe mai detto, anche se me li offrono io li rifiuto..
i primi tempi un assaggino ce lo davo quando li magiavano i miei.
vedi, credo che la mia arma vincente sia stata questa, non mi sono tolta nulla, ero io che piano piano li escludevo.

riguardo la tua stitichezza posso solo rassicurarti non solo dopo che ho letto cio' che accadeva aglia ltri utenti del forum , ma dopo un po' di tempo è successo anche a me e cioè che dopo i primi tempi l'intestino si regolarizza (io ad esempio mi bloccavo con la spremuta di limone al mattino) dopo un po' si è tutto regolarizzato , anzi
sono regolare e le feci sono piu' voluminose questo credo che sia dovuto per l assunzione di cibi non amidacei e quindi -tutto- quello che entra.. esce
:D :D :D
bacione, rita
By ikxikx
#41585
A proposito di olive.
Oggi su Sky ho visto un programma( made in USA) che trattava della pizza e dei suoi ingredienti, tra cui le olive.

Bhe le olive della California vengono raccolte verdi e poi mantenute in pozzi
pieni di SODA CAUSTICA PER 10 GIORNI!

Diventano NERE e mangiabili!!

Mi chiedevo ma le olive che mangiamo noi in Europa e Italia subiscono
lo stesso trattamento??

Io pensavo che le olive venissero raccolte nere perchè mature e poi vendute, non che diventassero nere perchè imbottite di soda caustica.

Se fosse così bye bye olive!!

Grazie a che cortesemente mi chiarisce questa cosa...
Avatar utente
By adda
#42271
ikxikx ha scritto:A proposito di olive.

Bhe le olive della California vengono raccolte verdi e poi mantenute in pozzi
pieni di SODA CAUSTICA PER 10 GIORNI!

Diventano NERE e mangiabili!!

Mi chiedevo ma le olive che mangiamo noi in Europa e Italia subiscono
lo stesso trattamento??



Se fosse così bye bye olive!!

Grazie a che cortesemente mi chiarisce questa cosa...


Suggerimento: per inserire le citazioni, clicca il tasto "riporta" in alto a destra dei post che vuoi citare - Luciano. :wink:

Ciao ikxikx

i miei genitori venivano da famiglie contadine e povere e conoscevano tanto le piante selvatiche e diversi rimedi.
vivevano in Puglia e delle olive conoscevano anima e cuore. ti dico quello che so:
Intanto non tutte le qualità di olive risultano adatte a subire trattamenti.
Babbo distingueva le olive da olio da quelle da cuocere che chiamava olive dolci(si stufano con olio, letto di cipolla e pomodorini)e olive adatte ad essere conservate.
praticamente quelle da olio sono più delicate.
per la conservazione delle olive la salamoia è uguale per quasi tutte le olive:sale alloro finocchio selvatico.
mentre per la preparazione:

olive all'acqua:
si mettono le olive in acqua e si cambia l'acqua due volte al giorno due finchè le olive hanno perso il sapore amaro.

olive alla cenere:
si prepara acqua e cenere(di mandorlo e quercia possibilmente)le olive cambieranno colore e via via l'acqua cambia colore va ripreparata.

olive alla calce:
(qui ci vogliono olive verdi grossissime,che di solito trovi come olive di Cerignola o spagnole)come per la cenere si prepara acqua e calce viva e si lasciano le olive dentro per un bel po'.

e lo stesso si fa con olivealla soda.

olive sotto sale:
prima si fa perdere loro il sapore amaro ,anche con l'acqua e poi si passa al sale grosso.

olive sott'olio :
devono fare anche il passaggio di stare sott'aceto e poi vengono condite con olio pepe in grani aglio menta e peperoncino.


questi sono i miei ricordi di infanzia
non sono in grado di darti ricette perchè non so i dosaggi precisi ed i tempi giusti..però spero di aver risposto alla tua domanda.
invece il mio dubbio è
chissà quali olive ha conosciuto Ehret e di quali si sia nutrito.
Sono certa non quelle dell'albero.

penso quelle sotto sale fatte prima dissalare come il baccalà perchè mi risulerebbero le meno maneggiate.


saluti e salute
By ikxikx
#42274
grazie Adda!! :)
By mirialu
#42282
Grazie Adda della descrizione accurata che hai fatto delle usanze contadine di come venivano preparate le olive, ma è il processo industriale che dovremo sapere.Nelle olive che trovi nei supermercati e negozi alimentari la differenza di prezzo è davvero notevole inoltre ,non sempre è scritto il paese originale di provenienza di tali olive, io per istinto compero le olive a prezzo più alto, nella speranza di consumare un prodotto se non genuino almeno che non mi faccia male.Ciao
Avatar utente
By braveheart
#42309
A volte compro le olive nere al mercato.
Prendo quelle denocciolate, dato che le uso per condire le insalatone al posto dell'olio EVO, le gusto molto di piu' che non quelle col nocciolo che vanno "rosicchiate".

Purtroppo sono di provenienza Spagna, ma comunque le meno trattate; sul barattolo che le contiene c'è scritto "acqua-sale-glutinato ferroso".
E' quest'ultimo stabilizzante che non mi convince..ho ricercato un po' in rete, senza trovare notizie chiare e rassicuranti riguardo la sua possibile tossicita'.

Qualcuno ne sa di piu' :?:

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret