Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Tyler
#3434
Salve a tutti...

ci tenevo ad aprire un post sulla frutta e i pesticidi perchè è da un po' di tempo che frequento il forum e mi sono accorto di una cosa che mi suonava un po' come un controsenso...e cioè il fatto che si parla di tante cose splendide ma si sottovaluta (parecchio direi) la pericolosità e l'altissima nocività di tutti i prodotti chimici che si trovano nella frutta e nelle verdure non biologiche(nitrati, pesticidi vari, erbicidi sul terreno, solo per citarne alcuni).

Dico questo perchè leggendo diversi post mi sono accorto che c'è tanta gente che dice di comprare la frutta al supermercato o da questo o quel fruttivendolo, ma cosa che io reputo ancora più grave è leggere di persone che mangiano tranquillamente diversi tipi di frutta (soprattutto) e verdura che non sono di stagione...mi permetto di dire che questo è DELETERIO!

Ragazzi, ci tengo a dirvelo (e lo so perchè io ho sei ettari di terreno in cui coltivo di tutto) perchè quella frutta che trovate sui banconi fuori stagione viene coltivata in maniera a dir poco agghiacciante...io ho visto coltivare i pomodori in delle serre dove sti poveri pomodori anzichè crescere sulla terra crescevano sul cotone, pompate con prodotti chimici in maniera assurda, ho visto (sempre nelle serre) zucchine lunghe 10 cm che dopo due giorni (giuro 2 SOLI GIORNI) erano lunghe mezzo metro...
In trentino ho visto coltivazioni di pere e mele che lasciano letteralmente senza parole...
Ragazzi occhio, state attenti...non si può seguire la dieta di Ehret ed infischiarsene della provenienza di questa frutta e verdura...io vi assicuro che coltivando tutto senza nemmeno l'ombra di un prodotto chimico, ma con solo letame di vacca del mio vicino come fertilizzante, le mie lattughe non crescono oltre i 20-30 cm di lunghezza...diffidate sempre delle frutte e verdure belle grosse, lucenti, ben rotonde e piuttosto comprate quelle dove c'è il vermicello...
E poi vi do un consiglio, diffitate dei fruttivendoli che dicono di non usare nulla e metteteli alla prova...(quando andate da loro intanto chiedegli se usa nitrati e pesticidi o simili e se vi dice di no mettetelo ulteriormente alle strette dicendogli che vostro figlio o vostra moglie sono intolleranti ai prodotti chimici e che rischiano l'avvelenamento o addirittura la morte, e che in tal caso loro rischierebbero una denuncia. Io l'ho fatto mille volte e ne ho viste di cotte e di crude...TUTTI E DICO TUTTI SI SPAVENTANO E AMMETTONO...mah si, sa a volte li uso, magari solo all'inizio per dare una spinta al frutto ecc. ecc....vi assicuro scene ridicole...PROVATE).

Diffidate soprattutto dei grossi fruttivendoli e dei supermarcati...ma vi esorto a fare mille domande fatelo e vi accorgerete che il 99% di loro sono in malafede...

Vi do una chicca, vicino al mio paese c'è un paesino di grande tradizione agricola che è stato ahimè uno dei primi paesi del mio hinterland a fare largo uso di prodotti chimici e di serre...il paese si chiama Grammichele, oggi c'è un numero talmente alto di incidenza di tumori allo stomaco (soprattutto) che addirittura si organizzano conferenze sull'argomento...

Un ultima cosa...spesso ho anche visto che molti fra voi consumano molte banane (era ed è il mio frutto preferito, ma non mangio più quelle comprate da tre anni).
Le banane vengono coltivate intensivamente con i DDT in Africa (io sono stato in Africa ed ho visto piantagioni che si estendono per decine e decine di CHILOMETRI, ovviamente tali piantagioni sono in mano alle multinazionali) vengono raccolte piccole e verdissime e (udite udite) vengono impregnate di prodotti che le fanno crescere e mantenere di buon aspetto durante i lunghissimi viaggi che poi le portano sulle nostre tavole...ma vi rendete conto? Chi vende frutta e verdura questo lo sa...sulle banane lo ammettono tranquillamente...
Io per contro le banane me le sono piantate nel mio terreno, crescono piccolissime (max 10 cm.) ma di un sapore che non ha niente a che vedere con quelle ciquita o simili...

Potrei stare qui a fare altri esempi ma penso di essere stato già abbastanza chiaro.

Quindi per concludere vi consiglio di non sottovalutare questo problema e fate domande a non finire, indagate su ciò che mettete in bocca, i pesticidi non si lavano via con l'acqua ricordatelo...

Saluti a tutti...e se avete domande da pormi non esitate a farle...
Avatar utente
By luciano
#3436
Grazie Fabio,
In effetti siamo così abituati che anche se lo sappiamo speriamo sempre di ...passarla liscia. Ho comunque sperimentato mal di testa dopo aver mangiato della verdura e non avevo motivo di attribuirlo ad altro.
Però pare che alcune aziende del bio sono in malafede, delle analisi hanno mostrato che dei loro prodotti contenevano componenti dei diserbanti.
Cosa può fare chi non ha un terreno, non conosce un contadino in buona fede e non sa se va in un negozio bio se è veramente bio? :?:
Avatar utente
By winblus
#3437
Grazie Fabio per averci dato ulteriori informazioni.

Il mio trascorso "contadino" ti da pienamente ragione su tutto ciò che hai scritto e in molti contesti è solo veleno puro con la buccia.
In effetti lo dice anche Ehret di mangiare solo frutta di stagione e oltre tutto a quei tempi non esistevano tutti i pesticidi e riserbanti che ci sono oggi sul mercato e sulle nostre tavole.

Un abbraccio, win
Avatar utente
By bernarasta
#3446
pubblicate una tabella con la "stagione" di frutta e verdura? tipo, settembre fichi, giugno ciliege(mi sento in imbarazzo, ho vissuto in un orto fino a 10 anni fa e non conosco il periodo di quasi nessun prodotto..) penso che potrebbe essre utile. ciao a tutti..
Avatar utente
By stepha
#3447
bernarasta ha scritto:pubblicate una tabella con la "stagione" di frutta e verdura? tipo, settembre fichi, giugno ciliege(mi sento in imbarazzo, ho vissuto in un orto fino a 10 anni fa e non conosco il periodo di quasi nessun prodotto..) penso che potrebbe essre utile. ciao a tutti..



Su questi siti : www.marchenet.it www.donnamoderna.com puoi trovare frutta e verdura di stagione .

Comunque cercando su google "frutta di stagione" puoi ricavare diverse tabelle.
Ciao

Stefano
Avatar utente
By agape
#3449
Ciao fabiocarusox,
visto che sei espertissimo aprofitto per farti delle domande e riferirti le risposte che sono state date a me.
mangio solo bio da anni, tranne in rare occasioni perchè mia madre fa spesa anche ai market comuni o quando mangio fuori. però frutta e verdura da me sono solitamente bio. ho deciso di fidarmi altrimenti smetterei di mangiare.
sulle banane, sono anche io una fanatica e anche se so che non sono locali non me la sento di rinunciare, sarebbe troppo, ora. siccome arrivano sul banco che sono verdissime ho chiesto da dove arrivano.
mi è stato detto che arrivano dall'america latina, che costano di più perchè a differenza delle altre viaggiano in aereo invece che in nave e quindi si guadagna un po' di tempo per farle stare sull'albero un pochino di più.
ho smesso di mangiare le banane chimiche quando ne ho mangiata una che sapeva di melone? o ammoniaca? bo! tutto tranne che di banana.
i pomodori arrivano verdi uguale e loro li fanno arrivare dalla sicilia perchè dicono che sono più buoni; è vero ma arrivano verdi.
devo cercare dei coltivatori locali e andare direttamente da loro, probabilmente è la cosa migliore da fare.
ps: il mio sogno più grande è fare quello che fai tu, prendere un grande terreno in montagna e coltivarmelo. i miei gatti finalmente sarebbero liberi e io pure.
se mai ci riuscirò ti chiederò consigli! :D
sarei molto felice di assaggiare le banane che coltivi. e se proponessi al mio fruttivendolo di rifornirsi da te? :D
ciao
Elena
Avatar utente
By Tyler
#3450
luciano ha scritto:Però pare che alcune aziende del bio sono in malafede, delle analisi hanno mostrato che dei loro prodotti contenevano componenti dei diserbanti.


Il problema di fondo è che il biologico prevede (o meglio consente) un quantitativo minimo di prodotti chimici.

luciano ha scritto:Cosa può fare chi non ha un terreno, non conosce un contadino in buona fede e non sa se va in un negozio bio se è veramente bio?


Bisogna (nei limiti del possibile ovviamente) cercare il contadino, che ti assicura che non utilizza nulla...A tal proposito io spesso sono anche andato a vedere i terreni di qualche contadino, perchè io nel mio terreno ho molte cose ma alcune altre le compro e comunque bisogna metterli alla prova.
Un'altra cosa che ho dimenticato di aggiungere precedentemente è che bisogna diffidare di chi nel proprio negozio ha delle celle frigofere, il fruttivendolo che tiene solo frutta fresca non ne ha bisogno. (tenete presente che le celle frigorifere non sono i normali frigoriferi, ma emettono gas (chimici) che permettono alla frutta di mantenere il colorito).

winblus ha scritto:In effetti lo dice anche Ehret di mangiare solo frutta di stagione e oltre tutto a quei tempi non esistevano tutti i pesticidi e riserbanti che ci sono oggi sul mercato e sulle nostre tavole.


Si infatti, ma c'è di più, con la frutta di stagione corri meno rischi (non è sempre così ed è comunque bene fare le domande ai fruttivendoli) perchè potrebbe anche non essere trattata, ma con le primizie o peggio ancora con la frutta fuori stagione sei sicuro al 100% di mangiare veleno.
Io dico sempre una cosa, gli agricoltori sono stupidi perchè si sono fatti fregare con l'utilizzo dei pesticidi, ma ricordate che noi siamo sempre più colpevoli di loro perchè siamo noi consumatori che richiediamo (e godiamo) il frutto bello grande, bello, colorato, perfetto, altrimenti non lo compriamo.
Se il venditore tenesse solo cose naturali, quindi non di bell'aspetto, il frutto piccolini a volte anche col vermetto, quanto pensate che venderebbe??? Farebbe la fame, perchè il cliente le schifa quelle cose...io invece cerco sempre quelle col verme, tolgo la parte marcia e mangio il restante frutto.

agape ha scritto:sulle banane, sono anche io una fanatica e anche se so che non sono locali non me la sento di rinunciare, sarebbe troppo, ora. siccome arrivano sul banco che sono verdissime ho chiesto da dove arrivano.
mi è stato detto che arrivano dall'america latina, che costano di più perchè a differenza delle altre viaggiano in aereo invece che in nave e quindi si guadagna un po' di tempo per farle stare sull'albero un pochino di più.


Per quanto riguarda le banane ti dico che andrebbero mangiate quando sono nere, molto mature (invece ci hanno insegnato il contrario) perchè significa che hanno trasformato l'amido in zuccheri.
La banana dovrebbe maturare sull'albero, altrimenti non ha valore nutrizionale, una banana verde equivale a zero e non è neanche digeribile. Ma visto che tu non vuoi rinunciarci ti consiglio almeno di aprirla e schiaacciarla moltissimo con una forchetta, così che rammollisca e si ossidi un po' in modo da espellere amidi e renderla più digeribile.

agape ha scritto:i pomodori arrivano verdi uguale e loro li fanno arrivare dalla sicilia perchè dicono che sono più buoni; è vero ma arrivano verdi.


Cara Elena i pomodori sono di stagione solo da giugno a metà settembre per il resto ti consiglierei di evitarli. Credimi! Il pomodoro è il prodotto più deleterio perchè se fai caso nessun italiano rinuncia mai al pomodoro, quindi ce lo fanno avere tutto l'anno. Io come dicevo sopra ho visto crescere i pomodori sul cotone e sulla plastica.

Un altro consiglio che mi permetto di darvi (è quello che faccio sempre io) è quello di comprare solo roba locale. Fate campare e lavorare solo i contadini vostri conterranei, sono loro la nostra unica salvezza. Scomparendo loro non esisterà più il prodotto sano e genuino sarà tutto in mano alle multinazionali, che ormai hanno fiutato l'affare sul biologico e ci si sono buttati dentro. Incentiviamo i coltivatori locali a non usare pesticidi, diciamogli che siamo disposti a comprare grossi quantitativi di merce se la coltivano al naturale (tanto noi mangiamo solo frutta e verdura e ne consumiamo tanta), dobbiamo incentivarli e aiutarli sennò non c'è speranza. Loro hanno bisogno di noi consumatori consapevoli e noi abbiamo bisogno di loro. Ragazzi io conosco contadini che fanno marcire i frutti sugli alberi perchè non gli conviene raccorglierli perchè la gente non le comprerebbe perchè macchiate (roba naturale) e ci perderebbero a raccoglierle...MA VI RENDETE CONTO???
Io cara Elena te lo auguro di comprare un terreno, a me ha cambiato la vita, quando sono li mi sembra di vivere in un altro mondo (forse il vero mondo)...in fondo sono sicuro che il tanto famigerato eden esista davvero ed è qui sulla terra, o meglio era qui prima che l'uomo distruggesse tutto... per quanto riguarda la mia produzione, ho solo il necessario per la mia famiglia, non faccio una produzione tale da poter vendere.

Un ultima cosa...vogliamo cambiare le cose? Vogliamo cambiare il mondo? Se la risposta è si, dobbiamo noi gente consapevole fare in modo nel nostro piccolo che le cose cambino. Cambiamo intanto noi nelle nostre piccole scelte quotidiane (che poi influenzano la vita di tanta altra gente) e le cose verranno da sole...nulla succede per caso.

Baci a tutti...
Avatar utente
By agape
#3454
tantissime grazie!
le banane le mangio sempre molto mature ma prometto che tenterò di diminuirne il consumo d'ora in poi. prutroppo il valore nutrizionale è minimo in tutta la frutta e verdura che viene tolta ancora cruda.
vivendo in città e non avendo mai avuto un giardino, figuriamoci un orto, purtroppo non si sanno i mesi esatti di frutta e verdura. ho appeso un elenco con riportati dettagliatamente tutti i mesi, che regalavano nel bio dove vado. è comunque un po' diffice da seguire ma sei stato così chiaro e convincente che mi metterò d'impegno. inoltre qui in friuli una volta all'anno fanno un iniziativa "aziende aperte" in cui il consumatore può andare direttamente nell'azienda agricola a visitarla. quest'anno cercherò di andarci!
grazie ancora
ps: mi sono permessa di stampare i tuoi post per farli leggere a mia mamma!
Elena
By susi
#3484
stepha ha scritto:
bernarasta ha scritto:pubblicate una tabella con la "stagione" di frutta e verdura? tipo, settembre fichi, giugno ciliege(mi sento in imbarazzo, ho vissuto in un orto fino a 10 anni fa e non conosco il periodo di quasi nessun prodotto..) penso che potrebbe essre utile. ciao a tutti..



Su questi siti : www.marchenet.it www.donnamoderna.com puoi trovare frutta e verdura di stagione .

Comunque cercando su google "frutta di stagione" puoi ricavare diverse tabelle.
Ciao

Stefano



Non sono riuscita a visualizzare alcuna tabella sui siti sopra citati.
Poi ho trovato questo:
http://www.mercatinobiologico-ostia.it/
poi clicca sulle "stagioni"
Susi
Avatar utente
By agape
#3491
allora, oggi sono andata a fare spesa al solito bio e ho spiegato che vorrei solo cose di stagione e possibilmente locali.
la signora mi ha detta che qui da noi, ora non si trova quasi più nulla; le verze che ho comprato fin'ora erano le sue (quindi locali) ma sono finite anche quelle. arriveranno da giugno zucchine, pomodori, ecc.
le arancie che ho preso sono siciliane. il radicchio e la lattuga sono veneti. ho preso un avocado spagnolo.
per quanto riguarda la frutta esotica tipo mango cocco ecc. mi è stato detto che il clima è differente la, quindi da noi che è inverno da loro è estate e non sono coltivate in serra. visto che sono quasi di casa ho chiesto di essere avvista quando arrivano le verdure di produzione locale così non posso sbagliare.
tutto qui.
Elena
By orso
#3492
Io mangio solo frutta e verdura locale, quella del mio piccolo orto, dell'orto dei vicini e dei conoscenti. Penso di essere fortunato in questo senso.
Non mangio mai frutta esotica tipo banane, manghi, papaye ecc., che mangio invece a sazietà quando il lavoro mi porta appunto nei paesi di produzione. La frutta esotica che troviamo nei nostri supermercati fa semplicemente schifo, come sa chiunque abbia viaggiato un po'.
Avatar utente
By agape
#3494
Non mangio mai frutta esotica tipo banane, manghi, papaye ecc., che mangio invece a sazietà quando il lavoro mi porta appunto nei paesi di produzione. La frutta esotica che troviamo nei nostri supermercati fa semplicemente schifo, come sa chiunque abbia viaggiato un po'.


mi sono ripromessa di farlo anch'io, cioè di moderarmi. oggi a pranzo no mangiato arance (siciliane), kiwi (dell'oro di mia zia) e mele (locali).
il problema mio è che ho cominciato a mangiare frutta da quando ho cominciato questa dieta (pochi mesi) perchè prima la abborrivo. tranne qualche pesca d'estate per il resto niente frutta. vivevo per lo più di cereali (pasta, pane) e qualche verdura cotta. lo credo che mi sono debilitata!
è una gran fortuna avere l'orto...e anche viaggiare, chissà com'è buono il vero mango!
comunque vorrei spezzare una lancia in favore del bio, anche per quanto riguarda la frutta esotica: ho provato quella del supermercato e fa davvero schifo anche rispetto a quella bio che non è locale ma è un po' meglio di quella chimica.
ciaociao
Elena
Avatar utente
By Priula59
#3574
Concordo sul fatto che la frutta esotica bio ha tutt'altro sapore rispetto a quella del supermercato. Ho provato con l'ananas e quello comprato nel negozio bio mi è piaciuto molto di più dell'altro.
Ho un piccolo orto, ho messo qualche pianta da frutto e sto seminando qualcosa. Non vedo l'ora di mangiare la mia frutta e verdura!
Ciao a tutti
Giampaolo
By cieliazzurri
#3579
Leggendo questi messaggi mi sono venute alla mente alcune cose.
Qualche tempo fa al lavoro, un collega aveva mangiato mezza mela lasciando l'altra metà all'aria e come sappiamo, per effetto dell'ossidazione sarebbe dovuta divenire scura, sarebbe, perchè non è accaduto nulla, dopo 8 ore era linda, solo un leggerissimo colore un po' scuro in una zona. 8O
Mio papà si era dimenticato delle fragole, comprare al supermarket, nel frigo e dopo 20 giorni non vi era traccia di muffa ma qanzi erano sode come appena raccolte mentre quelle che raccoglie nell'orto mature, in 1 ora hanno i moscerini che ronzano intorno. Ho visto arance avvizzirsi, diventare la metà per la perdita di acqua ma non marcire. Quando compro una cassa di arancie bio o non trattare e vedo che alcune sono marcite, bene, penso, non sono state cerate e rese lucide, almeno così dovrebbe essere.

Per quello che mi riguarda prendo delle cose bio tipo il cavolfiore, l'insalata e altre erbe a foglia verde. Quando prendo la zucca mi accerto che sia di provenienza italiana tutto qui. Se prendo insalata o altro non biologico metto tutto in ammollo con il bicarbonato che scioglie nell'acqua alcuni pesticidi.

Secondo me bastano degli accorgimenti: tipo mangiare frutta e verdura di stagione e principalmente di provenienza locale. Ammollo con bicarbonato o altre sostanze che so che esistono ma ora non ricordo il nome, che servono per togliere maggior quantità di pesticidi che non con la sola acqua. Non prendo niente di provenienza Francese o da altri paesi di cui si conoscono o non si conoscono l'uso che fanno di prodotti chimici e coltivazione.
Cerco di fare tutto in tranquillità, forse perchè in stagione, avendo campagna, posso servirmi di cose fresche, dove abito è facile trovare ad esempio vicini di casa che ti regalano albicocche o in autunno i cachi. Ho saputo che nella mia zona a circa 20 km, il sabato c'è un mercato del biologico, ho intenzione di dare un'occhiata e poi vedrò.
Alcune amiche coltivano pomodori sul balcone di casa senza nessun problema. :wink:
Avatar utente
By luciano
#3580
Mi fai invidia! Qui a Milano se coltivi pomodori sul balcone li trovi poi ricoperti di uno strato di grasso unto, sembra l'olio delle auto.
Riguardo a lasciare la verdura in qualche posto, ho lasciato su una mensola per <u>due mesi</u> un "pomodoro grappolo". Era un po' molle, ma intatto!

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret