Arnold Ehret Italia

Qui si possono proporre ricette della Dieta Senza Muco e di Transizione

Moderatore: luciano

Avatar utente
By luciano
#3769
still ha scritto:E chi lo tocca Erhet!! Ci mancherebbe!
Possono però esserci delle nuove scoperte che anche Erhet ,se fosse vivo, potrebbe avvalorare perchè "reali" e "consistenti" alla luce della sua dottrina e non in contrasto con essa, anzi....

Ascolta still, vedo che ami discutere, ma vai spesso oltre l'utilità della discussione. Io chiamo questo "macinare a vuoto". E non voglio lasciare spazio a questo genere di discussioni.

Ti ho detto che io ho sperimentato che melanzane, patate, e pomodori non mi hanno creato alcun danno. I pomodori li mangio quasi tutti i giorni, mai avuto un disturbo.
E me ne accorgo subito quando qualche alimento non quadra, anche solo l'insalata trattata con conservanti, nel mio corpo produce leggeri sintomi di avvelenamento.

Ognuno può fare la prova. Per chi è pieno di veleni, mi spiace, dovrà attendere quando avrà ripulito abbastanza il suo corpo.

Poi ti ho chiesto di presentare chiare prove che le solanacee facciano danno. Se non le hai, basta, fine del discorso. Non ha senso ritenere che qualcosa faccia danno solo perché qualcuno lo ha asserito, senza supportare quello che dice con prove.
Ma comunque la prova migliore è quella che si fa su se stessi e quando hai verificato su di te, non c'è più alcuna necessità di sterili discussioni.
Avatar utente
By luciano
#3772
still ha scritto:Il criterio è che se un alimento è considerato (da chi studia seriamente, coscientemente e validamente al di fuori appunto del "sistema") tossico, non c'è ragione che tenga: Va eliminato! Non ci si può girare intorno dicendo:"ma è tossico se crudo, no..è tossico solo nella buccia, no..è tossico se è verde"..e via di seguito. E' tossico e basta!
Un esempio, anche se diverso è nei celiaci. Tutti si alimentano con farinacei, e noi sappiamo che fanno male, eppure non tutti se ne accorgono!

Questo modo di ragionare: "E' tossico e basta" indica una mancanza di conoscenza o comprensione dei processi biochimici, in questi casi delle piante. che avvengono in natura.
In un frutto, vi sono alcune parti che sono tossiche e altre che invece sono assolutamente commestibili.
La natura si difende dalla predazione rendendo tossici o indigeribili i suoi frutti fino a quando non sono maturi e i suoi semi fertili.
Altre parti sono tossiche solo a seconda della condizione generale di un organismo.
Sarebbe assurdo buttare via tutto solo perché alcune parti sono tossiche.
Per esempio nell'albicocca, pesca, prugne, il nocciolo all'interno racchiude il seme che contiene acido cianidrico. L'ingestione di 2 o 3 semi di albicocca o 5 di pesca o prugna <b>masticati</b> può uccidere un bambino. Il nocciolo ingoiato intero non è tossico.
Se ragionassimo come proponi dovremmo buttar via della buona frutta.
Semplicemente si mangiano le parti che non sono tossiche.
Avatar utente
By luciano
#3777
still ha scritto:di più non può esserci!!!
C'è molto ancora, ma questo si realizza quando si ottiene un sangue perfettamente puro, ma anche quando si è vicini ad ottenerlo si intravvedono altre porte che vanno oltre alla mera salute fisica del corpo.
Avatar utente
By arca
#3778
Luciano ha scritto:C'è molto ancora, ma questo si realizza quando si ottiene un sangue perfettamente puro, ma anche quando si è vicini ad ottenerlo si intravvedono altre porte che vanno oltre alla mera salute fisica del corpo.

Ciò è assolutamente vero, al 100%
Avatar utente
By luciano
#3779
still ha scritto:solo tu puoi valutare quello che non è fuorviante.

E' sbagliato, non sono l'unico fra quelli che possono valutare quello che non è fuorviante. Ci sono molti altri utenti che possono valutare accuratamente in tal senso. Risparmiami per favore valutazioni gratuite.
Avatar utente
By agape
#3781
Priscilla ha scritto:Per un ottimo pasto in perfetta sintonia con la Dieta Senza Muco, preparatevi questa squisitezza:
- una melanzana
- 5 o 6 ramoscelli di menta freschi
- due limoni
- olio e sale (solo se siete in transizione, se no fatene a meno)

La cosa più difficile consiste nel tagliare la melanzana a fettine sottilissime.
Più sono sottili le fette e più buona sarà la preparazione.
Disponete le fette su 3 o 4 piatti e poi cospargetele col succo dei limoni.
Per la dieta di transizione, potete aggiungere un po' di sale ed olio.
Preparate un trito delle foglioline di menta e cospargetelo sulle melanzane.

Ecco pronto un semplice e gustoso piatto crudista.
Buon appetito


ciao,
Priscilla la tua ricetta arriva proprio a fagiuolo, infatti ho una pianta di menta in terrazzo ma non so proprio come usarla. ora sperimenterò la tua ricetta con la melanzana.
ci sono altri suggerimenti per usare le foglie di menta (non solo sulla frutta)?
per quanto riguarda la tossicità delle solanacee, non voglio alimentare ancora l'argomento, ma pensavo: secondo voi nelle melanzane è utile eliminare la buccia come si dice di fare per i pomodori? io ultimamente lo faccio perchè le trovo più buone senza ma se c'è anche un utile tanto meglio.
ciao...
consigli per la menta please!
Elena
Avatar utente
By Agostina
#5273
Priscilla ha scritto:Sì si possono tagliare fini e mettere nell'insalata.
L'insalata mista d'inverno dovrebbe contenere molte crucifere, mentre quella estiva molte solanacee.
Arca mi corregga se sbaglio....
Aggiungo qui la risposta di una persona che reputo davvero in gamba in fatto di alimentazione (di cui non faccio il nome, non essendo la sede), da me poco fa interpellata in fatto di melanzane crude.
------------------------------

E' vero le melanzane fanno parte delle solanacee e quindi contengono solanina come i pomodori, le patate ed i peperoni.
Per questa ragione non si dovrebbero mangiare più pomodori crudi e peperoni crudi? No.
Le solanacee vanno mangiate solo se sono ben mature sia crude che cotte. Pertanto se le melanzane sono "acerbe", e lo si ricava dal colore verdastro della polpa, è meglio non mangiarle crude, ma nemmeno cotte. Così vale per i pomodori che devono essere "da sugo" cioè maturi e non da insalata, cioè acerbi. Così pure per i peperoni che si mangiano solo se gialli o rossi e mai verdi, che significa che sono acerbi e con maggiore solanina. Le patate lo stesso. Il colore verde tradisce la presenza di solanina in eccesso.
Tutti i frutti sono tossici se sono acerbi, anche le mele. La solanina è presente nelle piante delle solanacee e viene trasformata nel frutto maturo.
Questo è quello che so e che posso dirti, fino a prova contraria
-------------------------------------------

Avrei una domanda....mi hanno detto che solo i peperoni verdi sono naturali e invece i gialli e i rossi no. C'è del vero? Grazie!
Avatar utente
By arca
#5275
agostina ha scritto:Avrei una domanda....mi hanno detto che solo i peperoni verdi sono naturali e invece i gialli e i rossi no. C'è del vero? Grazie!

I peperoni verdi sono acerbi, gli altri no.
Avatar utente
By Carlo
#7722
luciano ha scritto:
still ha scritto:Hai qualche altro metro di misura che evidenzia danni causati dall'aver mangiato pomodori? Che non sia la solita propaganda scientifica, per favore...

Io ho una forma di eczema alle dita e tutte le volte che mangio il pomodoro queste diventano rossissime e irritate; non sono esperto e so poco niente dell'argomento ma credo che la risposta di un organismo sia soggettiva in base anche a fattori ereditari.

Ciao
Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

Molto bella la tua esperienza grazie!

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret