Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

By mira28
#50626
Secondo me, il tuo Annalisa, è la gogna sotto cui ci costringono i non ehretisti appena si viene a sapere del nostro cambiamento.
Non demoralizzarti, dà tempo ai tuoi di vedere che nonostante tutto non muori, anzi non ti ammali e sei più in forma di prima.
Scusate, ma io non sono d'accordo sul non tornare più a casa. Oggi sono i suoi genitori, domani un marito e che fa? lo lascia?
La mia esperienza è quasi simile, solo che io ho 56 anni e in teoria dovrei essere padrona di decidere cosa ingerire e come vivere. E invece NO!
Mio marito mi ha accusata di star rovinando una famiglia (cercavo di spiegare anche ai miei figli il mondo secondo Ehret), molte volte a tavola si alzava e andava via vedendomi la mia ricchissima e felice insalata contro il suo agnellino al forno e patate. Sono passati 3 anni e ogni volta, anche se dico che ho male alla caviglia la colpa è ...non mangi "giusta", "se trovo chi ti ha fatto il lavaggio del cervello....".
Non parlo poi dei miei genitori...come se avessero perso quella figlia giudiziosa che avevano prima.
E gli amici, quando si va fuori? Un altro capitolo dello stesso libro.
Adesso sono arrivata al punto che quando cominciano il sermone che tu ben conosci faccio un bel sorriso e chiedo se vogliono un buon tè.
Se provi a leggere i vecchi post troverai tante persone che hanno vissuto la tua stessa esperienza. Noi sappiamo quanto giusto sia il nostro modo di vivere, se sei veramente convinta non prendertela. Io non do loro molto torto nè li critico: la loro conoscenza li ha portati fino lì, non hanno curiosità di sapere cosa siamo e a loro sta bene così e purtroppo questo non dipende dall'età.
Scusa, mi sono lasciata prendere la mano. Ciao e auguri di un buon proseguimento.
By acquariano
#50846
La mia esperienza mi insegna che le madri devono vedere con i loro occhi che ti prendi cura di te stesso e delle cose che ti servono per vivere (casa, cibo, vestiario, relazioni...), non importa se sono diverse dalle loro. Questo lo scrivo perchè ci sto passando tra molte difficoltà, avanzamenti e "regressioni socialmente convenienti". Sono partito in quinta arrivando a digiunare quando ero ancora in casa dei miei ma ero troppo "debole", solo e inconsapevole da saper difendere e argomentare le mie scelte diverse. Sono dovuto tornare indietro e ricominciare in maniera più soft e costruire una nuova e migliore comunicazione. Da "malato" passi a "strano" e poi magari a "interessante" se da un certo punto di vista non tagli in maniera netta i legami culturali ma ci vivi dentro. Iniziando quest'avventura pensavo di avere ragione io e mi attiravo situazioni spiacevoli nel tentativo di convincere gli altri senza pensare prima a convincere me stesso.
Avatar utente
By annalisa82
#50955
mira28 ha scritto:Secondo me, il tuo Annalisa, è la gogna sotto cui ci costringono i non ehretisti appena si viene a sapere del nostro cambiamento.
Scusate, ma io non sono d'accordo sul non tornare più a casa. Oggi sono i suoi genitori, domani un marito e che fa? lo lascia?


Cara Mira28, a me piacerebbe tornare per andare a trovare la famiglia ma ogni domenica è una tragedia greca. Non c'è rispetto a casa mia per chi non la pensa come loro. E' mia madre quella che strepita, come ha fatto fino a ieri. :cry:
Per quanto riguarda i miei legami sentimentali futuri, io mi auguro di incontrare una persona che sia complice e che condivida le mie stesse idee, in modo da trasmettere ai figli lo stesso stile di vita e alimentare.

annalisa82
By alkampfer
#50959
a me han dato piu volte dell'anoressico psicopatico,
ad ogni "crisi disintossicante" mi ritrovo scatole medicinali in ogni dove.....purtroppo dopo quel paio d'ore che li sento sbraitare e urlare non resisto e mi incazzo, ma cercherò di migliorarmi anche in questo.
Avatar utente
By davide32
#50962
alkampfer ha scritto:a me han dato piu volte dell'anoressico psicopatico,
:D :D :D :D :D

che figata :D :D
By alkampfer
#50967
nsomma...e dimenticavo "estremista malato di mente" (per via dei digiuni) ...
Avatar utente
By davide32
#50970
alkampfer ha scritto:nsomma...e dimenticavo "estremista malato di mente" (per via dei digiuni) ...
certo che la gente che usa quei termini per me e' piu' malata di te scherzo ovviamente.
By alkampfer
#50972
la gente che usa quei termini purtroppo sono i miei genitori, altrimenti non mi arrabbierei cosi,
in ogni caso invece di "più malati di me" direi "diversamente malati"...visto che handicappati non si usa più :D
scherzo!!!
Avatar utente
By annalisa82
#50974
Anche a casa mia sono "diversamente malati" :lol:
Ormai la mia sembra una famiglia americana: sono tutti e quattro enormi. Quando mi ritrovo vicino a loro sembro veramente sottopeso :)
Chiunque si trovi a passare da casa mia può trovare a tutte le ore:
- biscotti fatti in casa da mia mamma;
- barattolo di nutella sempre pieno;
- fette biscottate del mulino bianco + marmellate in vari gusti;
- varie ed eventuali brioches e merendine confezionate;
- burro;
- mortadella.
Avatar utente
By robyvac
#50980
Senza un pò di difficolta non c'è gusto, no? Scivola fra le tentazioni e segui la tua strada :D
Avatar utente
By mauropud
#50981
annalisa82 ha scritto:Anche a casa mia sono "diversamente malati" :lol:


Siete in buona compagnia: anche i miei sono cosi' e per fortuna sto abbastanza lontano e non possono rompermi le palle! :D

Se chiedi a tutti gli utenti del forum penso che sara' difficile trovare qualcuno che viene ascoltato dai genitori, ormai incapaci di rendersi conto di cosa sia il VERO mondo.

Qualcuno, credo Pirandello diceva qualcosa tipo:
"Voi ridete di me perche' sono diverso: io rido di voi perche' siete tutti uguali!"

annalisa82 ha scritto:Chiunque si trovi a passare da casa mia può trovare a tutte le ore:
- barattolo di nutella sempre pieno;


Ah, allora non e' molto grave: pensa se il barattolo fosse sempre vuoto! :D
Avatar utente
By Narayani
#51025
Ciao! Anch'io ho il tuo stesso problema e ti capisco benissimo.
Inoltre vivo con i miei genitori (per economia e praticità) ed è dura talvolta sopportare, soprattutto quando magari diventi troppo magra.

Luciano le tue parole mi sono di conforto!
Avatar utente
By annalisa82
#51042
robyvac ha scritto:Senza un pò di difficolta non c'è gusto, no? Scivola fra le tentazioni e segui la tua strada :D



Ma io non soffro per la rinuncia a questi alimenti dannosi! Il problema è per i miei familiari che non riescono a farne a meno :wink: !
Sono pieni di problemi di salute che non attribuiscono al loro modo di mangiare.

Il fatto che il barattolo della nutella sia sempre pieno non è per niente consolante, poichè significa che non c'è neanche il tempo di finirlo che già ve ne è pronto un altro :!:
Avatar utente
By Narayani
#51053
Nel mio caso fanno il ragionamento: magra=malata
Avatar utente
By annalisa82
#51071
Narayani ha scritto:Nel mio caso fanno il ragionamento: magra=malata


Anche nel mio. :(

Ma il problema grave, che accomuna le persone intorno avverse alla scelta ehretista, è soprattutto l'aggressività con cui difendono le loro idee. E' la cosa che mi infastidisce di più.
Questo loro atteggiamento prepotente però, secondo me, è purtroppo per loro un punto di debolezza e non di forza, perchè nasconde una loro paura inconsapevole di non avere evidentemente poi così tanta ragione :!:

Chi è sicuro che le proprie credenze siano le più giuste, non ha bisogno di difenderle con rabbia e accanimento. Sa che sono giuste e basta.

Bisognerebbe lasciar vivere in pace chi è in grado di pensare a se stesso.
Le mamme invece troppo spesso hanno bisogno di svolgere il ruolo di educatrici e di guide anche quando siamo autonomi.

Io dico W LA LIBERTà :D

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret