Arnold Ehret Italia

La pulizia dell'intestino è uno dei punti cardine per raggiungere la salute perfetta. Quindi chi ritiene di conoscere una pratica valida a questo scopo può presentarla qui. Resta inteso che quanto non menzionato da Ehret nei suoi libri non va considerato come parte della dieta senza muco e l'amministratore e i moderatori non sono responsabili per la riuscita o meno dell'intento delle pratiche qui proposte.

Moderatore: luciano

#84690
Ciao a tutti, ho praticato la pulizia intestinale secondo questa procedura. Tutto è andato bene però vorrei ripeterla, quanto tempo deve trascorrere? Posso ripeterla dopo una settimana? Il motivo è perché mi sento di rifarla e la prima volta non ho pulito completamente fino all'ultima scarica quindi l'acqua non era pulita.
#84697
Personalmente la faccio una volta al mese in media, qualche volte ogni 2.
In qualche periodo in cui avevo vari malesseri l'ho fatta a distanza di una settimana.
Ne ho sempre ricavato dei gran benefici.
Più anni si hanno sulle spalle e più c'è da buttare fuori se sono anni di alimentazione da "main stream".
Non va fatta nel periodo delle mestruazioni ed è preferibile non farla se si ha la febbre. Il giorno stesso che la si pratica potrebbe debilitare un po', specie le prime volte. Il giorno successivo nella maggior parte dei casi si torna in pista con una buona energia.
Una sola volta mi è accaduto di aver impiegato 3 giorni per tornare ai buoni livelli di energia.
Buon lavoro!
#84698
Grazie Luciano e grazie Sama, io sono stata subito bene quando l'ho fatta domenica scorsa ma in questi ultimi due giorni ho avuto un calo di energie e un forte mal di orecchio dovuto al catarro che si è intensificato. Il mal di orecchio mi ricorda un'otite di cui soffrivo da bambina molto fastidiosa. Oggi ho 38 anni e solo da due mesi ho regolato la mia alimentazione passando da onnivora ad igienista quasi completamente e penso di avere bisogno di regolare l'intestino perché sono stata statica per molto tempo. Ho notato che non ho perso peso.
#84702
dimenticavo:
Imagnolia ha scritto:Il mal di orecchio mi ricorda un'otite di cui soffrivo da bambina molto fastidiosa"

Pratiche come il lavaggio intestinale, soprattutto le prime volte, possono risvegliare situazioni "antiche". Sono memorie immagazzinate nel corpo, cioè emotività vissuta che "è andata a scriversi in alcune parti del corpo" coperta poi da successivi strati.

Se vedi un brutto film o vivi una esperienza difficile, o ti innamori, sono fatti che producono delle reazioni emotive con effetti fisici nel corpo. E' un'altra forma di cibo che passa per la mente anziché per la bocca ed ha un suo percorso, un processo digestivo che non sempre si conclude con l'espulsione anzi, quasi mai.

Un azione fisica come la depurazione o un'altra emozione forte, possono rimuovere certi strati interni sia fisici che non, e far venire a galla ciò che era "dimenticato". E' una buona cosa perché consenti alla mente ed al corpo (quindi a te stessa/stesso, alla tua anima) di finire quel processo digestivo e di espellere ciò che non ti serve più perché l'esperienza è stata completata.

Spero di non essere andato troppo sul difficile.
Un caro saluto
Sama
#84703
Sama ha scritto:dimenticavo: imagnolia dice " Il mal di orecchio mi ricorda un'otite di cui soffrivo da bambina molto fastidiosa"
Pratiche come il lavaggio intestinale, soprattutto le prime volte, possono risvegliare situazioni "antiche". Sono memorie immagazzinate nel corpo, cioè emotività vissuta che "è andata a scriversi in alcune parti del corpo" coperta poi da successivi strati.

Se vedi un brutto film o vivi una esperienza difficile, o ti innamori, sono fatti che producono delle reazioni emotive con effetti fisici nel corpo. E' un'altra forma di cibo che passa per la mente anziché per la bocca ed ha un suo percorso, un processo digestivo che non sempre si conclude con l'espulsione anzi, quasi mai.

Un azione fisica come la depurazione o un'altra emozione forte, possono rimuovere certi strati interni sia fisici che non, e far venire a galla ciò che era "dimenticato". E' una buona cosa perché consenti alla mente ed al corpo (quindi a te stessa/stesso, alla tua anima) di finire quel processo digestivo e di espellere ciò che non ti serve più perché l'esperienza è stata completata.

Spero di non essere andato troppo sul difficile.
Un caro saluto
Sama



L'associazione a questa otite che non ricordavo più ormai, l'ho fatta quasi istantaneamente anche se non ho avuto più il mal d'orecchio mai in tutti questi anni da quando ero bambina ad oggi ma l'ho collegata subito e istintivamente.
Ora mi sento stanca ma provo piacere da un lato, sono stanca e rilassata come se avessi fatto una gran fatica a liberarmi di un peso, come se fossi scampata ad una brutta malattia e fossi in pace.
Durante la fase di eliminazione ho sentito un dolore/fastidio e gonfiore al fianco sinistro all'altezza della milza e poi dopo ho provato un senso di liberazione ma sento ancora un pò di questo dolore. Questo è il motivo per cui vorrei ripetere il lavaggio.
Capisco cosa mi vuoi dire, per facilitare il rilascio del dolore e quindi l'emozione legata ho utilizzato alcune tecniche di psicologia energetica che consentono di liberare l'energia intrappolata nel corpo dovuta ad esperienze passate vecchie di molti anni.
Grazie ancora tanto
ciao :o
#84707
luciano ha scritto:Mangi pasta, pizza, dolci, pane, ecc. cioè farinacei di cereali?


Mangio pane integrale, patate e riso privato del muco come scritto nel libro del prof. Ehret, generalmente il pane lo mangio tostato. I dolci li mangio raramente. La pizza integrale e la pasta quando capita di mangiarla solo fatta in casa senza uova e con farina di semola. Questo da due mesi, prima mangiavo di tutto senza nessun accorgimento e tutti i giorni pasta, pane ecc..
#84710
I farinacei sono amidi, producono "colla", che siano integrali o meno la cosa non cambia.

"Raramente" e "quando capita" sono parole che ho sentito spesso, sempre da chi accusa problemi come quelli che descrivi. Il che significa che sono termini molto soggettivi, e se si accusano disturbi vanno eliminati del tutto.

Se vuoi liberarti della stitichezza, usa questa dieta.
#84725
E come faccio con i carboidrati che in questa dieta sono del tutto assenti? Non li mangio? Non vorrei fare un danno.

Ho letto il libro "il sistema di guarigione della dieta senza muco" e non esclude il pane integrale tostato. Poi parla di cereali tostati che definisce una scopa per l'intestino.
Ma è lo stesso libro? Mi sento un pò confusa come se non avessi capito nulla di come mangiare.
#84726
Imagnolia ha scritto:E come faccio con i carboidrati che in questa dieta sono del tutto assenti? Non li mangio? Non vorrei fare un danno.
Qual'è la tua fonte che non mangiando i carboidrati farebbe un danno?
Imagnolia ha scritto:Ho letto il libro "il sistema di guarigione della dieta senza muco" e non esclude il pane integrale tostato. Poi parla di cereali tostati che definisce una scopa per l'intestino.
Sì certo ma occorre considerare il contesto in cui ne parla, oltre che la propria condizione individuale.

Uno è stitico? Se continua a mangiare farinacei non risolverà la sua condizione. Punto.
Imagnolia ha scritto:Ma è lo stesso libro? Mi sento un pò confusa come se non avessi capito nulla di come mangiare.
Lo spero, hai una delle copie cartacee originali tradotte da me?

Questo è quello che so riguardo a cosiddetti "carboidrati"
#84734
Ciao Luciano si la copia che ho io è una tua traduzione e l'ho comprata online su macrolibrarsi.
Quindi per risolvere il problema seguo la dieta che mi consigli ma c'è scritto quello che devo mangiare all'80% e per il restante 20%?
Posso mangiare la frutta cotta o cruda?
Posso mangiare lo yogurt contenente fermenti lattici vivi?
E il caffè?
Grazie per la pazienza :)
#84736
Le domande che hai fatto sono già risposte nell'articolo:

Ogni pasto dovrebbe essere composto per l’80% di verdura cotta al vapore o stufata, pochi legumi, un po’ di frutta a guscio, oltre a un bicchiere di succo di carota fra i pasti. Il succo non deve essere di quelli confezionati che vendono nei negozi e supermercati, in quanto gli enzimi sono morti e le vitamine inattive. Deve essere fatto con un estrattore o con una centrifuga, per quanto quelli ottenuti con una centrifuga siano qualitativamente inferiori.

Niente crudo. Questa è la conclusione che ha stupito anche me dopo aver letto i vari materiali.

Questo vale per chi non ha un intestino perfetto. E credo che in questa era siano pochi.

E assolutamente niente insalate.

Mangiando insalate molti si sentono la pancia gonfia. Dalle verdure crude in generale l’intestino non è in grado di assorbire efficacemente gli elementi nutritivi, i minerali in particolare perché le fibre non vengono “rotte” a sufficienza da permettere l’estrazione dei minerali, cosa che invece avviene con la cottura. In inverno chi mangia principalmente crudo di solito ha freddo. La fornace intestinale non va a pieno ritmo.


Riguardo al caffè è meglio che ti fai l'orzo. E niente zucchero. Se proprio non puoi farne a meno un po' di miele. per il venti percento ti puoi fare grano saraceno, quinoa e miglio, variando.
  • 1
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret