Arnold Ehret Italia

Questo forum è sugli attrezzi da cucina.

Moderatore: luciano

#57678
Ciao a tutti,

devo acquistare un estrattore di succhi a due fasi per effettuare la terapia Gerson per curare il cancro di un mio familiare.

L'istituto Gerson mi consiglia 2 tipi di estrattori:
- Norwalk (automatizzata e costosa..)
- Champion Juicer + pressa idraulica (manuale, ma di costo piu contenuto)

Per una serie di difficoltà, dovute alla mancanza iniziale di fiducia nel metodo della persona interessata, mi trovo all'ultimo minuto a dover scegliere in fretta uno spremitore.

Per la consegna però ci vogliono almeno 2 settimane.

Tuttavia mi piacerebbe saperese qualcuno di voi ha o ha avuto un malato di tumore in famiglia e che marca di estrattore ha scelto.

Inoltre, devo andare in cerca di vegetali biologci (veri biologici, non solo con il marchio "biologico"). Avete dei suggerimenti?

Un cordiale saluto.
Avatar utente
By flib
#57682
Per la mia esperienza e quella di altri utenti del forum ti consiglierei l'acquisto della Angel Juicer.

Angel 8500 Elite

Se poi fai una ricerca sul forum con "Angel" troverai altre informazioni utili.

Concludo dandoti un parere personale: secondo me un apparecchio per fare i succhi deve essere soprattutto pratico, in special modo nel caso tuo dove lo si vorrebbe utilizzare a scopo terapeutico. Prova a dare una occhiata su youtube al funzionamento della Norwalk e probabilmente ti passerà la voglia di usarla se per ogni succo devi perdere ore di tempo.
La champion Juicer invece è più o meno come la Angel Juicers, però la Angel è interamente in acciaio inox, non in plastica come la Champion. Questo garantisce una solidità ed una durata nel tempo specie per utilizzi prolungati.

Qui sul forum scriveva una persona che la sapeva lunga sui succhi, fai una ricerca per autore "jb"
Avatar utente
By sandrod
#57724
luciano ha scritto:Anche questo è da considerare:

Versapers Emotion-2G



8O 8O 8O oh ma è la hurom/coway !!!
Avatar utente
By Lesath72
#58343
Ciao a Tutti...mi sono appena iscritto al forum e volevo subito buttarmi in una discussione.
Ho deciso,di rispondere proprio a questo argomento proposto,perchè anch'io sto cercando un estrattore di succo vivo.
Avendo letto il libro sulla terapia Gerson,so che essa considera fondamentale allontanamento del paziente da qualsiasi fonte di inquinamento ambientale,proprio perchè ed in un certo senso,come la dieta senza muco,sono le tossine metaboliche e le tossine ambientali,che ostruiscono il corpo e portano alla patologia/problema.
Detto questo,vengo subito al dunque...ero intenzionato ad acquistare Angel juicer che viene considerato il top degli estrattori di succo vivo,dopo il Norwalk,ma prendendo informazioni su tale prodotto ho scoperto che esso non viene realizzato con acciaio di tipo chirurgico,che dovrebbe essere assolutamente inerte perchè realizzato con una lega di Titanio ; infatti,il modello 7500 viene realizzato con AISI 304 ed il modello 8500 con AISI 316,che si sono considerati degli ottimi acciai per uso alimentare,ma è altrettanto vero che risentono del'acidità dei cibi rilasciando chiaramente anche cromo e nichel,in qust'ultimi.
Dato il costo,di questo apparecchio forse era meglio realizzare le parti a contatto con gli alimenti,non in acciaio,ma in un materiale plastico o ceramico che comunque si presentasse totalmente inerte al cibo così da poter essere utilizzato in totale tranquillità da qualsiai tipo di utilizzatore con qualsiasi tipo di problematica,grave o importante che sia.
Purtoppo,Anche l'estrattore indicato dal moderatore,cioè quello a coclea verticale,soffre delle stesse problematiche ,anzi è probabilmente peggiore,infatti i filtri,contro cui preme la coclea,sono realizzati in acciao,ma nessun rivenditore,purtroppo non si riesce bene a capire chi li costruisca,cioè se Coway,Hurom,ecc.,da indicazioni sul tipo d'acciaio utilizzato ; è probabile che nessuno lo sappia e che come per Angel-juicer non ci sia sensibilità verso questa problematica,così fondamentale,almeno per la terapia Gerson.
Sono pronto a ricevere critiche ed ad avere ulteriori informazioni riguardo a queste mie considerazioni.
Ciao a Tutti

PS...Mi spiace per il parente di Melindagn…spero che riesca ad uscire il prima possibile da tale problematica
Avatar utente
By SeghiAlex
#58385
per i prodotti biologici
ma tu dove abiti ?
Avatar utente
By Lesath72
#58394
Ciao...
Io abito in un paesino delle Marche vicino a San Benedetto del Tronto,in provincia di Ascoli Piceno,di nome Ripatransone.
Sono originario di Milano ma mi sono trasferito nelle Marche da 6 anni.
Ho una piccola azienda agricola Biologica,da cui ricavo alcuni prodotti ma,per ora,solo per consumo famigliare,per il resto mi appoggio ad altri agricoltori,sempre Bio,della mia zona,ma anche alla mia erboristria di fiducia.
Lavorando in questo campo,ho un riscontro reale dei prodotti Biologici ed effettivamente è abbastanza reale che sia molto difficile acquistare prodotti veramente Bio.
In primo luogo bisogna chiarire,che quando un prodotto è Biologico,non significa che non abbia subito dei trattamenti,ma che i prodotti utilizzati,per quest'ultimi,sono all'interno di un preciso disciplinare ; purtroppo i prodotti che vengono inseriti in tale disciplinare,spesso,non vengono testati con serietà,ma vi si trovano in esso a causa dei molti interessi economici,infatti i prodotti utilizzati nell'agricoltura biologica hanno costi nettamente superiori rispetto al tradizionale.
Altro punto fondamentale,sono i controlli degli "organi di controllo",che dovrebbero darti la certificazione,i quali spesso risultano essere blandi e facilmente superabili,ed purtroppo,in questo caso,ci si deve fidare degli agricoltori,che a volte non seguono il Bio come Idea di Vita ma come possibilità di guadagno,seguendo appunto un filone che in questo momento sembra essere di moda ; bisogna però dire,a difesa dell'agricoltore,che questo a volte,è costretto ad uscire dai binari del Biologico,in quanto le patologie/parassiti,con cui si scontra,sono diventate sempre più difficili da combattere,in quanto rese ancora più forti dai trattamenti tradizionali...è un pò il discorso degli antibiotici.
Quindi come orientarsi nell'acquisto dei prodotti?
Effettivamente nel mondo degli interessi economici,non sembra esserci scampo.
Secondo me l'unica possibilità è quella di affidarsi,a delle filiere molto corte,quando si può,in cui si può valutare la provenienza del prodotto Bio ; bisogna tenere anche presente, nonostante quello che ho riportato sopra,che acquistare un prodotto identificato come Bio,ci garantisce comunque un controllo superiore rispetto al prodotto tradizionale da Super Market.
Nascono poi nuove frontiere dal libro del Dott. Campbell,the China Study,gran testo,in cui si afferma l'importanza di una dieta povera di proteine,specialmente quelle animali,in quanto queste sarebbero colpevoli di amplificare il lavoro di un enzima che sfolge un ruolo fondamentale nel danno cellulare causato dalle sostanze cancerogene ; non è poi da dimenticare il potere depurativo/antiossidante,del cibo verde e Vivo.
Altra cosa interessante sono rappresentate dall'agricoltura Biodinamica e dall'AgroQuantistica.
Ciao Ciao
#83047
Scrivo qui per non aprire un'altra discussione. Ho appena letto l'ultimo articolo di Luciano sulla terapia gerson e sulle potenzialità della norwalk, davvero interessante. Mi chiedevo se utilizzassi solo una pressa idraulica seria progettata da me utilizzando inox chirurgico a contatto con il succo, otterrei lo stesso risultato grazie alla maggior forza esercitata? O l'estrattore servirebbe comunque?
#83048
Il risultato non sarebbe lo stesso senza rompere le fibre della frutta e della verdura con un estrattore.

Questo secondo il mio ragionamento.

Per poterlo sapere, nella pratica dovresti fare la prova nelle due condizioni:
  • estrarre prima il succo e poi pressare gli scarti
  • pressare direttamente la frutta e la verdura senza prima passarle nell'estrattore.
#83050
Hai perfettamente ragione, la certezza si ha solo con la prova pratica. Certo che se penso alle varie presse con millemila chili di forza forse le fibre si aprono comunque... Era per utilizzare uno strumento unico, veloce, pratico, che lavi in un secondo e quasi senza manutenzione... Anche se estraesse un po' meno succo penso che sceglierei comunque la sola pressa.

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret